God Exists, Her Name Is Petrunija

God Exists, Her Name Is Petrunija

di

In concorso alla Berlinale 2019, God Exists, Her Name Is Petrunija della regista macedone Teona Strugar Mitevska, focalizzandosi sulla fisicità della corpulenta protagonista, denuncia la persistenza di una società retrograda patriarcale, infarcita dalla religione, che ancora permane in Macedonia.

Ma tutto questo Petrunija non lo sa

A Stip, una piccola città in Macedonia, ogni anno a gennaio il sacerdote locale lancia un crocifisso di legno nel fiume e centinaia di uomini si tuffano per cercare di recuperarlo contendendoselo. Buona fortuna e prosperità è garantita all’uomo che riesce nell’impresa. Petrunya, una donna corpulenta, si tuffa in acqua per un capriccio e riesce ad afferrare il crocifisso prima degli uomini che sono furiosi. Come osa partecipare una donna nel loro rituale? Ma Petrunya non si arrenderà… [sinossi]

La venerazione della croce, simbolo cardine dell’iconografia cristiana, viene fatta a risalire all’Imperatore Costantino. Si tratta quindi di una simbologia spuria, che ancora oggi nelle nostre società moderne pone problemi alla concezione laica dello stato. Il dibattito sul crocifisso nelle aule scolastiche è ancora attuale. In altri contesti, come quello che racconta il film God Exists, Her Name Is Petrunija (titolo originale: Gospod postoi, imeto i’ e Petrunija) presentato in concorso alla Berlinale 2019, i problemi sono più atavici e difficili da rimuovere. Il 19 gennaio, giorno dell’Epifania ortodossa, il rito prevede una processione e il lancio di un crocifisso, da parte del sacerdote, in un corso d’acqua; i fedeli fanno a gara tuffandosi per recuperarlo e chi ci riesce riceve una benedizione speciale. Si tratta di una prova di virilità, di un’esibizione di vigore nell’immergersi in acque di paesi dove i climi sono molto freddi, di una cultura fallocratica sancita così dalla religione.

La regista Teona Strugar Mitevska lancia un macigno in questa tradizione consolidata, facendone emergere le contraddizioni. Se il crocifisso viene preso da un maschio, allora è suo di diritto, ma se a prenderlo è una donna, come succede nel film, è come fosse stato rubato. Senza mezzi termini God Exists, Her Name Is Petrunija è un film femminista, a tesi, che non si pone in un contraddittorio, che denuncia la condizione di subalternità femminile tuttora vigente nel suo paese. È un film di donne, di ritratti femminili. Quello di Petrunija ovviamente. Donna che invade l’inquadratura con la sua fisicità, con il suo corpo possente. Donna che vale molto di più degli uomini che la giudicano. Nubile, disoccupata, nonostante una laurea in storia. E la storia serve pure per marcare la sua superiorità e il suo sguardo oltre: a chi ricorda come vetta Alessandro Magno, figura lontana nel tempo e peraltro carica di valori nazionalistici, lei risponde di preferire la rivoluzione cinese, evento lontano nello spazio ma più vicino nel tempo. C’è poi la figura dell’anziana madre, con cui Petrunija vive un legame quasi morboso difficile da recidere, che rappresenta la tradizione, e la giornalista. Quest’ultima, con la sua determinazione a portare alla luce il caso, rappresenta lo sguardo esterno, di chi proviene da una società moderna che sa valutare l’assurdità di quella situazione patriarcale. Rappresenta la regista stessa e anche noi, il pubblico.

Un film, come si diceva, unidirezionale. Che non lesina rappresentazioni grottesche e toni umoristici. Per esempio nel momento della verbalizzazione delle dichiarazioni di Petrunija, c’è la contraddizione di vedere le vecchie macchine da scrivere, ancora in uso nei grigi uffici di quei luoghi, mentre si parla del filmato divenuto virale su youtube. Un mondo a due velocità, una realtà ancorata in una dimensione retrograda, mentre fuori tutto è avanti. «La vita non è un racconto di fiabe»: si dice all’inizio.

Nessun dubbio sulla sincerità dell’operazione, ma poco convincente appare lo stile di regia fatto di preziosismi inutili, ricercato, esibito, come lo è l’uso di facili metafore. Così nella prima scena Petrunya appare dall’alto in quella che sembra una piscina vuota. C’è poi il manichino che la protagonista porta con sé per separarsene poi in acqua, prima del momento cruciale della presa del crocifisso, come a simboleggiare la fine del suo status di asservimento, sociale e familiare. Ci sono riprese da sotto le coperte, soggettive che si scambiano, mdp schiacciate sulle facce, inquadrature antibergmaniane di due volti che si occultano a vicenda. E si arriva pure a un cerbiatto di sirkiana memoria. Era proprio necessario?

Info
La scheda di God Exists, Her Name Is Petrunija sul sito della Berlinale.
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-001.jpg
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-002.jpg
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-003.jpg
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-004.jpg
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-005.jpg
  • God-Exists-Her-Name-Is-Petrunija-2019-Teona-Strugar-Mitevska-006.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Berlinale 2019Berlinale 2019

    Perde qualche pezzo Potsdamer Platz, alcuni storici luoghi di ristoro: non che la cosa sia collegata alla Berlinale 2019, ma a suo modo è la cartina tornasole di una stagione che volge al termine. Nella stessa metaforica direzione sembra muoversi il concorso.
  • Roma 2018

    Il vizio della speranza RecensioneIl vizio della speranza

    di Rinfrancato dal successo di Indivisibili, Edoardo De Angelis propone in Il vizio della speranza, vincitore del premio del pubblico alla Festa del Cinema di Roma, gli stessi ingredienti del suo precedente film. E vi si ritrovano gli stessi difetti di una confezione che prevale sul racconto e sulle reali motivazioni dei personaggi.
  • Pingyao 2018

    Half the Sky RecensioneHalf the Sky

    di , , , , Presentato in apertura del Pingyao International Film Festival, Half the Sky è un film di cinque episodi assegnati ad altrettante registe di paesi emergenti sul tema della condizione femminile nel proprio paese. Un'operazione guidata da Jia Zhangke non del tutto riuscita.
  • I Mille Occhi 2018

    L'harem RecensioneL’harem

    di Con L'harem, proiettato ai Mille Occhi 2018, Marco Ferreri anticipava di un anno le istanze sessantottine di emancipazione femminile mettendo in scena un (doppio) ribaltamento dei ruoli in cui sta tutto il cinismo più retrivo e crudele della società patriarcale.
  • Venezia 2018

    The Nightingale RecensioneThe Nightingale

    di The Nightingale è un’opera programmaticamente priva di equilibrio, a tratti quasi randomica, sotto shock come la sua protagonista. Un revenge movie che si inabissa in una terra ostile, in un contesto storico incivile, brutale, tremendamente maschilista e classista, razzista.
  • Biografilm 2018

    Jane Fonda in Five Acts RecensioneJane Fonda in Five Acts

    di Volto iconico degli anni '60, simbolo, con alcuni suoi colleghi della New Hollywood, dell'America democratica, pacifista. La vita di Jane Fonda, raccontata nel documentario Jane Fonda in Five Acts di Susan Lacy, presentato come evento speciale al Biografilm Festival, è il ritratto di quella parte dell'America risvegliatasi con Trump, che è tornata all'impegno civile degli anni '70.
  • Bellaria 2014

    archi_nature Balkans

    di Francesco Fei ci conduce in un viaggio tra ruderi, complessi moderni e la natura di quattro paesi balcanici. Nella sezione Casa Rossa Art Doc al Festival di Bellaria 2014.
  • In sala

    L'ingrediente segreto RecensioneL’ingrediente segreto

    di Un curioso film macedone, vincitore dell’ultima edizione del Bergamo Film Meeting e distribuito da Lab 80, che mette in scena in maniera sgangherata ma sincera un rapporto padre-figlio e una vicenda gustosamente in bilico tra sferzate di critica sociale e momenti più leggeri e distensivi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento