Alba tragica

Alba tragica

di

Vetta indiscussa del cinema transalpino degli anni ’30, Alba tragica, capolavoro assoluto di Marcel Carné, è un’opera dalla malinconia leggendaria, tra gli apici più struggenti e disperati della settima arte. Precisissima tanto nell’evocazione di una vita in frantumi quanto nella messa a punto della psicologia del protagonista, dei suoi strascichi profondi, dei fantasmi di un’intera epoca. Stasera alle 21 al Palazzo delle Esposizioni di Roma per la rassegna dedicata a Renoir e ai maestri del realismo poetico francese, organizzata da La farfalla sul mirino, insieme ad Azienda Speciale Palaexpo, Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca Nazionale, e Institut Français Italia.

Un occhio lieto e l’altro triste

Mentre la polizia si accinge a catturarlo per l’uccisione di un rivale in amore, l’operaio François si barrica in casa e rivive i suoi ultimi giorni, divisi tra la passione, tradita e disattesa, per una fioraia di nome Françoise e il legame con una donna di mondo. [sinossi]

Alba tragica non è solo l’apice del cinema del regista francese Marcel Carné, ma anche la summa del mondo espressivo di Jacques Prévert. Una storia in cui il poeta e sceneggiatore, legato a Carné da una collaborazione più volta rinnovata e di grande pregio – di appena un anno prima è Il porto delle nebbie, di sensibilità analoga e col medesimo attore protagonista – ha riversato tutto il proprio universo creativo. Attraverso lo studio, umanissimo e di rara sottigliezza, di un individuo arrivato al collasso della propria esistenza dopo essersi macchiato di un tragico assassinio: un’intuizione semplicissima, eppure foriera di una densità impareggiabile. Alba tragica è un film che parla dello scoprirsi soli in una vita che, letteralmente, non è più un romanzo, la raffigurazione plastica di un idillio spezzato, di un amore tradito che spalanca un abisso senza ritorno e gli presta il fianco.

La dura realtà e la sua rielaborazione malinconica coincidono, come facce di una stessa medaglia in tutto e per tutto coincidenti, a tal punto che è perfino difficile distinguerle. Il protagonista François, interpretato da un Jean Gabin sensazionale per adesione mimica ai tormenti del suo personaggio, è accarezzato dalla sceneggiatura di Jacques Viot e dello stesso Prévert con dolcezza impietosa, con una familiarità che non risparmia stoccate crudelissime. Parla da solo con un specchio destinato ad andare in frantumi e la sua voce interiore è uno dei tanti elementi di modernità che la regia di Carné mette a fuoco senza risparmiarne i detriti e le scorie impossibili da smaltire. Tali da aver tramutato la sua vita in punto morto, costringendolo ad asserragliarsi per difendersi dal tiro a segno dei poliziotti che lo tallonano fuori da casa sua per punire quel gesto estremo.

Guarda fuori dalla finestra, François, e innumerevoli dissolvenze incrociate di notevole spessore formale sembrano creare un ponte impossibile tra il dentro e il fuori, tra la sua anima lacerata e lo scorrere ordinario e transitorio del mondo esterno. «Se il sole d’inverno non fa male», come gli dice una delle donne da lui amate in uno dei dialoghi più teneri e lacrimevoli del film, che sono innumerevoli, è indubbio che il rimpianto di quest’uomo colpito da un raptus omicida non possa più conoscere e sperimentare la speranza di una salvezza, di un anestetico per il dramma che lo attanaglia. Non basta e non può essere in alcun modo sufficiente un ossimoro come quello appena citato, per quanto consolatorio, per scagionarlo. Non c’è figura retorica o scorciatoia che possa redimerlo, né un dialogo con la propria anima che sia in grado di accompagnarlo in zone meno remote del suo inconscio.

Ha con sé un orsacchiotto, lascito del suo amor fou per una fioraia che avrebbe potuto rappresentare per lui uno spiraglio attraverso il quale materializzare un finale completamente diverso. Ma il tradimento subito ha portato François a scegliere irrazionalmente un’altra via, la più dura e impervia, lungo il cui tragitto nemmeno l’amore è in grado di restituirgli una tangibilità, un’ipotesi di realtà. La colpa l’ha disincarnato, l’ha sganciato dal suo corpo, l’ha imbrigliato in una dissociazione in cui gioia e dannazione hanno ormai lo stesso sapore, tanto che guardandosi allo specchio la consapevolezza di avere un occhio lieto e l’altro triste non può che essere il solo approdo possibile.

Non gli bastano la rievocazione della Costa Azzurra e delle sue mimose e della proverbiale “passeggiata degli inglesi” del lungomare di Nizza, richiamata alla memoria in alcuni dei tanti flashback di cui Alba tragica è costellato. Non serve nemmeno la consapevolezza di essere vivo e di doversi in qualche modo accontentare, nell’interesse di un’identità proletaria dura a morire e restia a soccombere. Non gli sono sufficienti le numerose sigarette che ha con sé, perché la morte per lui potrebbe essere comunque dietro l’angolo. François non era altro che un onesto e tranquillo operaio, ma ciò non gli ha impedito di piombare nel baratro. Il suo lavoro con la sabbia ha compromesso la sua salute più di qualsiasi altro vizio, la condizione di orfano l’ha segnato per sempre.

«Ci ha sorpreso, come una voce amica nel deserto», disse Ennio Flaiano di questo film del ’39, immortalando con la consueta, fulminante intuitività la natura di un racconto cinematografico rivoluzionario, guidato dalla capacità incommensurabile di fotografare uno spaccato di pessimismo esistenziale e di cupo fatalismo, senza rinunciare a un equilibrio tra realismo urticante e romanticismo irriducibile. Gli echi della Seconda Guerra Mondiale sono inequivocabili, così come i fantasmi duri a morire della Grande Guerra, e il lieto fine al termine di una notte disperata è impossibile da materializzare. Alba tragica, in tal senso, sintetizza il clima di un’intera epoca, un’atmosfera di incertezza in cui i confini tra bene e male, tra il demoni liberatori del libero arbitrio e le catene di un destino segnato sono dannatamente confusi, dei nodi più che mai difficili da sciogliere.

Alba tragica fu proiettato in anteprima il primo giugno 1939 a Parigi. Un’inquadratura che mostra il seno nudo di Clara, compagna di Valentin interpretata dalla diva dell’epoca Arletty, destò scalpore e fu in seguito rimossa per essere reintegrata solo qualche anno fa, in un’edizione francese distribuita in Blu-ray in occasione del suo 75esimo anniversario. Tre mesi e tre giorni dopo, il 3 settembre 1939, la Germania dichiarava guerra alla Francia e il film di Carné andava incontro a un immediato oblio, dato che si provvide a toglierlo dalla circolazione perché ritenuto eccessivamente diseducativo, traumatico, moralizzante. Alba tragica, anche in virtù di questa natura di rottura e non compromissoria rispetto al suo tempo, ci getta a capofitto in quest’epocale momento di transizione, costellato di ansie profonde e radicali scissioni morali. Impossibile non citare, a questo proposito, l’eccellente lavoro dello scenografo Alexandre Traneur, al lavoro già su Albergo Nord dello stesso Carné, che ricostruì gli esterni in un teatro di posa con grande verosimiglianza.

Per non parlare del bianco e nero di Curt Courant, sensazionale per il dosaggio e l’ampiezza di sfumature che riesce a catturare tra questi due opposti poli cromatici, anticipando tante soluzioni del noir americano degli anni Quaranta, oltretutto perfettamente assecondate dai tagli delle inquadrature del regista de Gli amanti perduti. Spaccature che ancora oggi rapiscono e inquietano, rasentando in più punti un espressionismo sempre misurato ma a suo modo perfino vertiginoso. Senza mai rinunciare, allo stesso tempo, alla nebbiosità tanto cara a Carné e a Prévert, alla tentazione del simbolismo eversivo sepolto tra le pieghe delle immagini. Alla compresenza fatale e di amori e diavoli.

Info
La scheda di Alba tragica sul sito del Palazzo delle Esposizioni.
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-001.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-002.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-003.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-004.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-005.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-006.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-007.jpg
  • Alba-tragica-1939-Marcel-Carné-008.jpg

Articoli correlati

  • Renoir

    La Marsigliese RecensioneLa Marsigliese

    di Uscito solo otto mesi dopo La grande illusione, La Marsigliese è il ventunesimo film di Jean Renoir, un altro grande film sulla guerra del cineasta francese, sempre imperniato del suo afflato umanista e pacifista, nel momento in cui rievocava la Rivoluzione come supporto al Fronte Popolare.
  • Renoir

    Il fiume RecensioneIl fiume

    di Il primo film a colori di Jean Renoir, Il fiume, è una calda immersione nei luoghi e nelle atmosfere indiane, magicamente sospesa tra incanto naturalistico e adesione alla purezza dell’infanzia.
  • Renoir

    La grande illusione RecensioneLa grande illusione

    di Immortale film pacifista, La grande illusione di Jean Renoir è uno di quei pochi titoli che hanno fatto e che 'rifanno' continuamente la storia del cinema, che sussumono in sé il senso stesso di questa arte troppo giovane e già troppo vecchia. Imitato e mai eguagliato, umanista e libertario, contro ogni forma di frontiera.
  • Renoir

    l'angelo del male recensioneL’angelo del male

    di L'angelo del male, che Jean Renoir traduce in immagini partendo da La bête humaine di Émile Zola, è ancora oggi un film morboso e inquietante, in grado di perturbare a dispetto dei suoi 81 anni di età. Con un immenso Jean Gabin.
  • Renoir

    French Cancan RecensioneFrench Cancan

    di Opera del ritorno in Francia per Jean Renoir, French Cancan si delinea come una riflessione filosofico-esistenziale intorno al piacere dello spettacolo popolare. Opera totale, omaggio alla fondazione del Moulin Rouge, alla Francia di fine Ottocento e all'universale necessità d'illusione. Con Jean Gabin.
  • Renoir

    la regola del gioco recensioneLa regola del gioco

    di Tocca a La regola del gioco, tra i massimi capolavori della storia del cinema, inaugurare la retrospettiva dedicata a Jean Renoir che La farfalla sul mirino, insieme ad Azienda Speciale Palaexpo, Cineteca Nazionale, e Institut Français Italia organizza al Palazzo delle Esposizioni di Roma.
  • Rassegne

    Jean Renoir rassegnaJean Renoir e i maestri del realismo poetico

    Con La regola del gioco si apre sabato 9 febbraio al Palazzo delle Esposizioni di Roma la rassegna Jean Renoir e i maestri del realismo poetico, che rende omaggio al grande regista francese nel quarantennale della scomparsa.
  • Bergman 100

    Il porto delle nebbie

    di Mettendo in gioco conflitti mitici e archetipici, Il porto delle nebbie di Marcel Carné esula dalle strette definizioni di "realismo poetico" verso una riflessione sulla fragilità dell'essere umano e sulla tormentosa inconsistenza del vivere.
  • Pordenone 2016

    Nana

    di Ritratto femminile di inaudita complessità, tra il marionettistico e il bambinesco, tra la volgarità e la fragilità assolute, Nana del 1926 era appena il secondo film in solitaria di Jean Renoir, capace di lasciare ancora oggi senza fiato. Nella sezione Il canone rivisitato alle Giornate del Cinema Muto.
  • Renoir

    Il diario di una cameriera RecensioneIl diario di una cameriera

    di Nonostante risenta, in parte, dei compromessi fatti dal regista in terra hollywoodiana, Il diario di una cameriera esemplifica l’approccio di Renoir alla materia del realistico e dell’onirico, mettendo in scena un cinico ed esemplare affresco dell’aristocrazia francese di inizio ‘900.
  • Renoir

    Toni RecensioneToni

    di Quindicesimo film di Jean Renoir, Toni eredita l'ambientazione provinciale dal suo produttore, il regista Marcel Pagnol, in un'opera di realismo sociale che racconta la vita degli immigrati italiani, spagnoli nel Sud della Francia. Toni per molti versi anticipa il Neorealismo italiano.
  • Renoir

    Il delitto del signor Lange RecensioneIl delitto del signor Lange

    di Girato nel 1935, Il delitto del signor Lange è uno dei film più libertari e 'collettivisti' di Jean Renoir, dove il concetto di performance attoriale e registica assume il senso di vera e propria gioia della rappresentazione.
  • Renoir

    Picnic alla francese RecensionePicnic alla francese

    di Trentacinquesimo film di Jean Renoir, Picnic alla francese è un'opera che vede i prodromi dei grandi dilemmi etici dell'uomo contemporaneo, anticipando, nel 1959, quei temi bioetici, come la fecondazione artificiale, oggi molto dibattuti.
  • Renoir

    L'uomo del Sud RecensioneL’uomo del Sud

    di Alla quarta esperienza del suo esilio hollywoodiano, Jean Renoir con L'uomo del Sud si dedica con sguardo profondamente umanistico a un racconto classico americano, sospeso tra naturalismo e leggenda, afflato romanzesco e potenza biblica.
  • Renoir

    La cagna RecensioneLa cagna

    di Vita come teatro, ingranaggio prevedibile e schiacciante. L'illusione non ha alcuna dolcezza, ma è solo un tetro e patetico tentativo di fuga votato allo scacco. La cagna di Jean Renoir muove dal film "nero" verso una riflessione universalizzante intorno alla vita come ineluttabile meccanismo predeterminato.
  • Renoir

    Eliana e gli uomini RecensioneEliana e gli uomini

    di Dopo French Cancan, Jean Renoir realizza un’altra “fantasia musicale”: un film leggiadro e ironico, animato da una sensualità e una giocosità al cospetto delle quali è impossibile non capitolare, con protagonista una deliziosa Ingrid Bergman.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento