Eugène Green omaggiato a Roma

Eugène Green omaggiato a Roma

Il mondo vivente, a cura del giovane regista Federico Francioni, è una retrospettiva dedicata al cineasta Eugène Green. Promossa dalle edizioni Artdigiland, la rassegna si terrà a Roma dal 19 al 23 marzo in vari luoghi della città e alla presenza di Green.

Quali film le sono piaciuti negli ultimi anni?
Film che hanno avuto poco successo, ma che resistono.
Indipendenti, come Toutes les Nuits di Eugène Green.
È molto interessante, lo metterei in una top 100.
Jean-Luc Godard

In occasione dell’uscita del volume Il mondo vivente. Conversazione con Eugène Green, a cura di Federico Francioni, edizioni Artdigiland promuove, alla presenza di Eugène Green, una retrospettiva romana sul suo cinema, realizzata in collaborazione con Casa del Cinema, Palazzo delle Esposizioni – Bookshop, Apollo 11, cineclub Detour, Libreria Stendhal.
Dal 19 al 23 marzo, una serie di appuntamenti permetterà al pubblico romano di incontrare Eugène Green e di conoscere i suoi primi film e la sua produzione letteraria. Cineasta e scrittore, inserito idealmente in quella particolare corrente definita “trascendentale” da Paul Schrader, Green approda al cinema alle soglie dei cinquant’anni, dopo essersi impegnato per molti anni nel recupero della tradizione teatrale Barocca in Francia, affermandosi come uno dei suoi maggiori esperti.
Il suo primo film, Toutes les Nuits, vince il Premio Delluc per l’opera prima nel 2001, guadagnando la stima del maestro francese Jean-Luc Godard. In seguito, le sue opere sono state presentate nei maggiori festival cinematografici internazionali (Cannes, Berlino, Locarno, Rotterdam, Torino). Fondamentale per la conoscenza della sua opera in Italia, è stato il Torino Film Festival, che gli ha dedicato una retrospettiva completa nel 2014, curata da Massimo Causo e Roberto Manassero. A Roma, tuttavia, i suoi film sono ancora quasi del tutto inediti.

Oltre al cinema, Green è anche autori di diversi romanzi, alcuni dei quali pubblicati da Gallimard (La bataille de Roncevaux; La communauté universelle; Les atticistes), e importanti saggi sul teatro barocco (Le parole baroque, Desclée de Brouwer) e sulla natura del mezzo cinematografico (Poétique du cinématographe, Actes Sud).
Il volume Il mondo vivente e la retrospettiva saranno presentati il 19 marzo alle ore 16 nella libreria del Palazzo delle Esposizioni, dando il via a una serie di incontri e proiezioni nei giorni successivi, in diversi cinema e realtà culturali della città.

Date, luoghi, orari

19 marzo ore 16.00, Bookshop Palazzo delle Esposizioni
(Via Milano 17, Roma)
Incontro con Eugène Green e presentazione del volume Il mondo vivente – Conversazione con Eugène Green, a cura di Federico Francioni (Artdigiland 2018), e della retrospettiva.

20 marzo ore 18.00, Casa del Cinema
(Largo Marcello Mastroianni 1, Roma)
Incontro con Eugène Green e proiezione de Le Monde Vivant (2003, 75’, in francese con sottotitoli).

21 marzo ore 21.00, Apollo 11
(Via Nino Bixio, 80 /A, Roma)
Incontro con Eugène Green e proiezione di Toutes les Nuits (2001, 110’, in francese con sottotitoli).

22 marzo ore 18.00, Libreria Stendhal
(piazza San Luigi dei Francesi 23, Roma)
Incontro con Eugène Green e presentazione della sua opera letteraria; proiezione del cortometraggio Correspondances (2007, 30’, in francese con sottotitoli).

23 marzo ore 20.30, cineclub Detour
(via Urbana 107, Roma)
Incontro con Eugène Green e proiezione de La religieuse portugaise (2009, 120’, in francese con sottotitoli).

Info
Il sito di Artdigiland, promotrice della rassegna su Eugène Green.

Articoli correlati

  • Pesaro 2017

    The First Shot

    di , A un anno di distanza dall'ottimo Tomba del tuffatore, che fu presentato in Satellite, Federico Francioni e Yan Cheng tornano a Pesaro in concorso con The First Shot, viaggio in una Cina eternamente post-rivoluzionaria, e sperduta. Un'opera magmatica e affascinante.
  • Corti

    Tomba del tuffatore

    di , La rovina del presente e le vestigia di un passato irriconoscibile (e mai conosciuto) sono al centro del viaggio materico e ipnotico in cui vengono condotti gli spettatori dai giovani registi Yan Cheng e Federico Francioni.
  • Torino 2014

    La Sapienza

    di Il cinema di Eugène Green si perpetua, eternamente uguale a se stesso. La conferma viene anche da La Sapienza, il suo ultimo film presentato in concorso a Locarno e selezionato al TFF 2014.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento