Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019

Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019

Le nuove opere di Rita Azevedo Gomes, Lluís Miñarro e François Ozon, con gli omaggi a Jonas Mekas e Bruno Ganz, sono i punti di forza dell’edizione 2019 del Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria, che si tiene nella capitale delle isole Canarie dal 22 al 31 marzo. Un piccolo festival nell’Oceano Atlantico, arrivato alla sua 19esima edizione, che si pone come un ponte culturale tra il cinema del vecchio e del nuovo mondo.

Nella sezione ufficiale del Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, giunto alla sua 19esima edizione, vengono presentati film che si contenderanno i premi Lady Harimaguada, dedicati alla grande scultura che simboleggia l’isola. Freschi dalla Berlinale Grâce à Dieu di François Ozon e A portuguesa di Rita Azevedo Gomes. Da Rotterdam arriva invece Love Me Not di Lluís Miñarro, coproduzione tra Spagna e Messico. Coproduzioni miste sono anche The River di Emir Baigazin (Kazakistan, Polonia, Norvegia e Paesi Bassi) e Stitches di Miroslav Terzić (Serbia, Slovenia, Croazia, Bosnia Herzegovina). Un’unica opera dagli Stati Uniti, The Mountain di Rick Alverson, molte invece dall’America Latina: l’argentino Casa propia di Rosendo Ruiz, il colombiano Pirotecnia di Federico Atehortúa Arteaga e una coproduzione tra Cile e Brasile, Historia de mi nombre di Karin Cuyul. La cinematografia asiatica è rappresentata dal cinese The Fragile House di Lin Zi, mentre il regista del Lesoto, enclave del Sudafrica, Lemohang Jeremiah Mosese porta il film Mother I am Suffocating. This Is my last Film about you.

Altre sezioni sono Panorama, con una selezione di opere dai grandi festival, di autori quali Bi Gan, Olivier Assayas, Hong Sangsoo, Radu Jude, Claude Lanzmann, e Panorama España, vetrina del cinema spagnolo. Una notte horror, La noche más freak, è prevista per il 29 marzo, con i film Lords of chaos di Jonas Ákerlund, Morto nao fala di Dennison Ramalho e Piercing di Nicolas Pesce, provenienti da festival specializzati come Sitges, Nocturna, La Habana o dal Sundance.

Per omaggiare Jonas Mekas verrà proiettato Walden, mentre Il cielo sopra Berlino è il film scelto per commemorare l’angelo Bruno Ganz. Una retrospettiva è dedicata ai filmmaker belgi Hélène Cattet e Bruno Forzani, che, oltre alle loro opere, prevede una loro carta bianca che comprende l’anime Belladonna of Sadness, Meshes of the Afternoon di Maya Deren e Rojo oscuro che poi sarebbe il titolo spagnolo di Profondo rosso. E poi ancora una sezione è dedicata ai film prodotti nelle Isole Canarie, lunghi e corti, e un’altra, Monopol Music Festival, ai film musicali.

Info
Il sito del Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019.

Articoli correlati

  • Las Palmas 2019

    The Fragile House RecensioneThe Fragile House

    di Vincitore della Lady Harimaguada de Plata, il secondo premio al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, The Fragile House di Lin Zi racconta un paese sospeso tra modernità e tradizione.
  • Las Palmas

    historia de mi nombre recensioneHistoria de mi nombre

    di Presentato in concorso al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, dopo l'anteprima all'IFFR, Historia de mi nombre è un viaggio nella memoria della propria vita della giovane filmmaker cilena Karin Cuyul, dove gli eventi famigliari si intrecciano con gli ultimi tragici atti della dittatura di Pinochet.
  • Las Palmas 2019

    Stitches

    di Presentato al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, Stitches del regista serbo Miroslav Terzić è un film di denuncia costruito secondo i canoni del cinema di genere.
  • Las Palmas 2019

    A Portuguesa RecensioneA Portuguesa

    di Trionfatore al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, dopo l'anteprima al Forum della Berlinale, A Portuguesa è la nuova opera dell'affermata regista portoghese Rita Azevedo Gomes, tratta dalla novella di Robert Musil.
  • Las Palmas

    love me not recensioneLove Me Not

    di Presentato al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, dopo l'anteprima a Rotterdam, Love Me Not, secondo lungometraggio di finzione da regista del produttore catalano Lluís Miñarro, adatta la storia biblica di Salomè, rifacendosi anche alla lettura di Oscar Wilde.
  • Las Palmas 2019

    Casa propia RecensioneCasa propia

    di Presentato al Festival de cine de Las Palmas de Gran Canaria 2019, Casa propia del regista argentino Rosendo Ruiz è il ritratto di una crisi esistenziale di un mediocre quarantenne, un film senza un vero e proprio sviluppo narrativo, che si mantiene in una stasi da cui è difficile vedere uno sbocco.
  • Festival

    Ca' Foscari Short 2019Ca’ Foscari Short 2019

    Riparte il Ca’ Foscari Short Film Festival, arrivato alla nona edizione, che si svolge dal 20 al 23 marzo 2019 all’Auditorium Santa Margherita, nel centro della vita studentesca veneziana, tra spritz e dottori del buco...
  • Berlinale 2019

    Grâce à Dieu RecensioneGrâce à Dieu

    di In concorso alla Berlinale, Grâce à Dieu non cavalca un facile sensazionalismo, non cede al liberatorio atto d'accusa, ma cerca di ripercorrere in punta di piedi la genesi del caso Preynat, focalizzandosi piuttosto sul silenzio colpevole della Chiesa e sul dolore celato dalle vittime.
  • Festival

    Berlinale 2019Berlinale 2019

    Perde qualche pezzo Potsdamer Platz, alcuni storici luoghi di ristoro: non che la cosa sia collegata alla Berlinale 2019, ma a suo modo è la cartina tornasole di una stagione che volge al termine. Nella stessa metaforica direzione sembra muoversi il concorso.
  • TFF 2018

    Piercing RecensionePiercing

    di Adattamento del romanzo di Ryū Murakami, Piercing di Nicolas Pesce è un torture movie grondante amore per il cinema e per le migliori colonne sonore del giallo all’italiana. Al TFF 2018.
  • Venezia 2018

    Il gioco delle coppie

    di Olivier Assayas firma con Il gioco delle coppie (in originale Non-Fiction o Doubles vies) una commedia satirica di raffinata intelligenza, che prende in giro la borghesia transalpina e non solo, ma non viene meno mai allo sguardo sistemico che da sempre accompagna la sua filmografia.
  • Torino 2014

    Profondo rosso RecensioneProfondo rosso

    di Al Torino Film Festival è stata presentata la versione restaurata in digitale del capolavoro di Dario Argento. L'occasione per aprire nuovamente gli occhi su uno dei titoli fondamentali del cinema thriller e horror degli ultimi quarant'anni.
  • FID 2019

    Danses macabres, squelettes et autres fantaisies RecensioneDanses macabres, squelettes et autres fantaisies

    di , , Presentato tra gli Écrans parallèles del 30° Fid Marseille, Danses macabres, squelettes et autres fantaisies è il diario di un incontro, e di un viaggio in Portogallo, tra due cineasti, la portoghese Rita Azevedo Gomez e il francese Pierre Léon, e lo studioso d'arte e filosofo Jean-Louis Schefer.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento