L’immagine e la parola 2019

L’immagine e la parola 2019

Esploratori inesausti è il titolo de L’immagine e la parola 2019, ‘spin off’ primaverile del Locarno Festival che si tiene dal 29 al 31 marzo, con Béla Tarr protagonista assoluto di questa edizione.

Dedicata ai maestri e ai discepoli, al loro scambio reciproco, L’immagine e la parola 2019, che si tiene dal 29 al 31 marzo nell’unico spazio rinnovato del GranRex, storica sede delle retrospettive locarnesi, giunge quest’anno alla settima edizione, mantenendo il suo carattere multidisciplinare e cercando dunque ponti tra varie forme d’arte. Curata da Daniela Persico, la manifestazione primaverile del Locarno Festival segna anche con l’occasione il battesimo della nuova direttrice del festival svizzero, Lili Hinstin.
Protagonista assoluto di questa edizione dunque è Béla Tarr, il cui cinema si è fondato su immagini magnetiche, mesmeriche, ma pure con un’importante base letteraria dovuta al suo connubio con lo scrittore László Krasznahorkai. Il regista ungherese che ha ormai appeso la macchina da presa al chiodo, presenterà due sue opere, Le armonie di Werckmeister e l’ultimo film Il cavallo di Torino, e sarà in residenza sul territorio nei giorni successivi alla manifestazione per tenere il workshop Mountains–Loneliness–Desire, dal quale scaturirà un film, girato sulle montagne locarnesi, insieme a una decina di giovani filmmaker svizzeri e internazionali. Il progetto è ideato da Locarno Film Festival e CISA (Conservatorio Internazionale di Scienze Audiovisive) con il supporto della Ticino Film Commission.

La parte del cinema prosegue con un omaggio a Bernardo Bertolucci, che vede la proiezione di Io e te, introdotto da Paolo Mereghetti e dal montatore del film Jacopo Quadri. Quest’ultimo terrà pure una masterclass. Proprio il grande montatore farà da trait d’union tra cinema e teatro, portando il documentario Gli indocili, già presentato in anteprima al Trieste Film Festival, realizzato, sotto la sua egida, da Ana Shametaj. Documentario focalizzato sullo storico gruppo teatrale di ricerca, il Teatro Valdoca di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri, la drammaturga poetessa, pure grande ospite de L’immagine e la parola dove proporrà il rito sonoro Bello mondo.
Infine il festival propone, nello spazio per ragazzi, il bellissimo anime Mirai di Mamoru Hosoda, già passato a Cannes.

Info
Il programma de L’immagine e la parola 2019 sul sito del Locarno Festival.
  • L-immagine-e-la-parola-2019001.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019002.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019005.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019006.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019007.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019008.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019009.jpg
  • L-immagine-e-la-parola-2019010.jpg

Articoli correlati

  • Notizie

    Omaggio a BertolucciOmaggio a Bertolucci per il secondo appuntamento della rassegna Ritorno in pellicola

    Mercoledì 13 febbraio al Teatro Palladium di Roma è in programma alle ore 20.30 Prima della rivoluzione (1964) di Bernardo Bertolucci, per il secondo appuntamento della rassegna Ritorno in pellicola, a ingresso gratuito e proiezioni in 35mm. Roberto Perpignani, montatore del film, sarà l'ospite della serata.
  • Trieste 2019

    Gli indocili RecensioneGli indocili

    di Il percorso di Jacopo Quadri sui protagonisti della scena teatrale si arricchisce di un nuovo documentario. Stavolta l'oggetto è il Teatro Valdoca di Cesare Ronconi e Mariangela Gualtieri, protagonista assoluto del teatro di ricerca italiano. Gli indocili ha partecipato al Premio Corso Salani nell'ambito del Trieste Film Festival.
  • Saggi

    In attesa della rivoluzione. Per Bernardo BertolucciIn attesa della rivoluzione. Per Bernardo Bertolucci

    La notizia della morte di Bernardo Bertolucci non coglie di sorpresa, ma palesa la nostra impreparazione a un lutto simile. Perdere il pensiero di un cineasta sempre proteso in avanti, in un percorso che non prevede le secche del pensiero dominante, ci lascia soli e sperduti.
  • Cannes 2018

    Mirai RecensioneMirai

    di Presentato alla Quinzaine, Mirai è una declinazione in piccolo della poetica di Hosoda, ad altezza bimbetto. Come sempre in bilico tra realismo e derive fantasy, Hosoda coglie con puntualità le difficoltà di un bimbo alle prese con l’arrivo di una sorellina...
  • Interviste

    Bernardo Bertolucci e il restauro di Ultimo tango a ParigiIntervista a Bernardo Bertolucci

    Il ritorno in sala di Ultimo tango a Parigi nella versione restaurata in digitale grazie alla Cineteca Nazionale permette di tornare a ragionare su un film che colpì in profondità l’immaginario cinematografico italiano e internazionale. Ne abbiamo parlato con Bernardo Bertolucci nella sua casa romana.
  • Festival

    L’immagine e la parola 2017

    Arrivato alla sua quinta edizione, L’immagine e la parola, lo “spin-off” primaverile del Festival del Film Locarno, che si tiene dal 10 al 12 marzo, prevede anche quest’anno una serie di incontri tra letteratura e cinema.
  • Bellaria 2016

    Intervista a Jacopo Quadri

    Intervistare Jacopo Quadri a proposito del suo lavoro come montatore significa fare un viaggio in quasi un trentennio di cinema italiano. Lo abbiamo incontrato all'ultima edizione del Bellaria Film Festival, dove è stato presidente di giuria e ha ricevuto il Premio Casa Rossa alla carriera.
  • Archivio

    Io e te

    di Io e te segna il ritorno alla regia di Bernardo Bertolucci a quasi dieci anni di distanza da The Dreamers; una storia di rapporti familiari, fratelli e sorelle che imparano gradualmente a conoscersi, e forse ad amarsi. Fuori concorso a Cannes 2012.
  • AltreVisioni

    Il cavallo di Torino

    di , Da qualche parte, sperduti nella campagna: un contadino, sua figlia, un carro e il vecchio cavallo. Fuori dall'abitazione, imperversa una tempesta...
  • Interviste

    Intervista a Béla TarrIntervista a Béla Tarr

    Abbiamo incontrato Béla Tarr durante L'immagine e la parola 2019, la manifestazione del Locarno Festival che ha invitato il Maestro a tenere una masterclass e un workshop con giovani filmmaker che realizzeranno un film sulle montagne svizzere.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento