Rendez-vous festival del nuovo cinema francese – IX edizione

Rendez-vous festival del nuovo cinema francese – IX edizione

Al via, dal 3 all’8 aprile 2019, la IX edizione di Rendez-vous, il Festival del Nuovo Cinema Francese che parte da Roma per poi toccare, con focus e artisti, le città di Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Palermo, Torino.

Iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, la manifestazione è realizzata dall’Institut français Italia, co-organizzata con UniFrance, e con la collaborazione dell’Institut français – Centre Saint-Louis.
A Roma due sono le sedi che ospiteranno la manifestazione: il Cinema Nuovo Sacher e l’Institut français – Centre Saint-Louis.

Rendez-vous presenta quest’anno 24 titoli, ma anche altri 6 titoli nella sala virtuale e prevede più di 12 ospiti, tra questi il pluripremiato compositore Alexandre Desplat che sarà protagonista a Roma di una Masterclass moderata dal giornalista e critico musicale Gino Castaldo.
Ospite d’onore sarà poi Jacques Audiard, protagonista di un focus speciale a lui dedicato e di una masterclass moderata dal critico cinematografico Federico Pontiggia.
Audiard presenterà inoltre il suo nuovo film, già in concorso al Festival Venezia e nelle sale dal 2 maggio: The Sisters Brothers – I fratelli Sisters.

Tra i film in selezione: L’Homme fidèle – L’uomo fedele di Louis Garrel, Amanda di Mikhaël Hers, già selezionato nella sezione Orizzonti a Venezia 75, Les Confins du monde di Guillaume Nicloux, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs di Cannes 2018.

Info
Il sito del festival Rendez-vous.
Il sito dell’Institut français – Centre Saint-Louis.
Il sito dell’Ambasciata di Francia.
Il sito del Cinema Nuovo Sacher.

Articoli correlati

  • In sala

    l'uomo fedele recensioneL’uomo fedele

    di L'uomo fedele è Abel, che accetta tutto ciò che Marianne dimostra di avere in serbo per lui. Ma l'uomo fedele è lo stesso Louis Garrel: fedele al cinema di suo padre Philippe e fedele a un'estetica, quella della Nouvelle Vague, sempre più minoritaria nella produzione francese.
  • Marrakech 2018

    C'est ça l'amour RecensioneC’est ça l’amour

    di Presentato fuori concorso al Marrakech International Film Festival 2018, C'est ça l'amour segna l'esordio alla regia in solitaria di Claire Burger, che racconta una storia di vita, di innamoramenti e separazioni a tutte le età.
  • TFF 2018

    marche ou crève recensioneMarche ou crève

    di Margaux Bonhomme esordisce con Marche ou crève, racconto di un percorso di crescita ma anche del rapporto con la disabilità, e le sue problematiche. Intenso ma incapace di uscire da schemi oramai usurati. In concorso al Torino Film Festival.
  • Venezia 2018

    I fratelli Sisters RecensioneI fratelli Sisters

    di Il western non muore mai. Dopo l'esperimento dei Coen con l'antologico La ballata di Buster Scruggs, destinato a Netflix, ci pensa un ispirato Jacques Audiard a riportarci tra saloon malfrequentati e lande desolate e selvagge. In concorso a Venezia 2018.
  • Cannes 2018

    Les confins du monde RecensioneLes confins du monde

    di Racconto bellico avvolto nel romanticismo decadente, Les confins du monde di Guillaume Nicloux sceglie una rilettura del genere alla luce di alti modelli. Ambizioso e spesso efficace. Alla Quinzaine des Réalisateurs.
  • Venezia 2016

    Planetarium

    di Fuori concorso a Venezia 73, Planetarium di Rebecca Zlotowski è una sfilacciata e artificiale digressione estetizzante che non dice nulla ma tenta di farlo nella maniera più leziosa e irritante possibile, riflettendo, si fa per dire, sul cinema e sull’ipnosi come due facce di una stessa medaglia.
  • Locarno 2015

    La belle saison RecensioneLa belle saison

    di Presentato in Piazza Grande a Locarno, La belle saison è l’ultimo lavoro di Catherine Corsini. Un racconto d’estate, un racconto di omosessualità femminile tra la Parigi del post-maggio e la campagna francese, un racconto femminile e femminista.
  • Archivio

    Dheepan – Una nuova vita

    di Anche se a tratti può sembrare un po' troppo edulcorato, Dheepan oltre a confermare il talento visivo e narrativo di Audiard è un interessante e inedito sguardo sul tema dell'immigrazione, del tutto scevro dai soliti cliché. Palma d'oro a Cannes.
  • Altre Visioni

    Une vie meilleure RecensioneUne vie meilleure

    di Une vie meilleure di Cédric Kahn non è un dramma che si crogiola nella rappresentazione della tragedia ma un obiettivo senza filtri che sbatte sullo schermo una quotidianità di stenti.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento