Uscite in sala 11 aprile 2019

Uscite in sala 11 aprile 2019

La “nascita” della criminalità in Colombia, Louis Garrel che si confronta col mito paterno e della Nouvelle Vague, la nuova versione di Hellboy, Nadine Labaki e il suo Cafarnao; questi i principali titoli in uscita nelle sale questa settimana.

 

ORO VERDE – C’ERA UNA VOLTA IN COLOMBIA
di Cristina Gallego, Ciro Guerra

Ciro Guerra è uno dei cineasti più interessanti, stordenti e visionari che il cinema contemporaneo possa annoverare. Qui, a quattro mani con Cristina Gallego, firma una folgorante nascita “criminale” di una nazione. Un’opera libera, potentissima, girata in stato di grazia, in grado di unire lo sguardo antropologico a una perfetta narrazione popolare. Splendido.

Colombia del Nord, 1968. In una comunità di etnia wayùu il giovane Rapayet vorrebbe sposarsi con una giovane appena entrata nella vita sociale. Tuttavia l’uomo deve procurarsi una dote cospicua e per questo si avvia in cerca di animali con un amico fraterno. Lungo il viaggio i due scoprono la commerciabilità della marijuana locale, oggetto d’interesse di alcuni americani di passaggio nella zona. Di lì si snoda sull’arco di 12 anni il racconto di una progressiva escalation di violenza intorno all’inaspettata “scoperta dell’oro”… [sinossi]

 

L’UOMO FEDELE
di Louis Garrel

C’è lo spettro della Nouvelle Vague e lo sguardo di papà Philippe in ogni singola inquadratura di cui si compone il nuovo film da regista di Louis Garrel: una fedeltà alla linea encomiabile, e che si riverbera in un racconto breve quanto stratificato, riflessione sulla vacuità borghese, sul terrore di diventare adulti, sulle regole da seguire o alle quali disubbidire – per poi seguirle meglio. Un film piccolo ma prezioso.

Marianne e Abel si amano e vivono insieme, almeno fino a quando Marianne non lascia Abel perché aspetta un figlio da Paul, il miglior amico di Abel. Marianne lo sposerà presto e lui deve andarsene, in fretta. Abel non oppone resistenza e se ne va come fosse niente ma non è niente. Nove anni dopo, il cuore di Paul si ferma. Abel e Marianne si rivedono al funerale. Gli ex amanti si riavvicinano ma Eve, sorella di Paul, uscita dall’adolescenza e innamorata da sempre dell’amico del fratello, vuole Abel e dichiara guerra a Marianne. A complicare tutto poi c’è Joseph, figlio di Marianne e Paul, appassionato di enigmi polizieschi e convinto che la madre abbia avvelenato il padre. [sinossi]

 

HELLBOY
di Neil Marshall

Voler trovare reali motivi d’interesse in una storia come quella del demone Hellboy significa forse cercare di tirar fuori il sangue da una rapa – dopotutto anche i due film diretti da Guillermo del Toro sull’argomento sono rapidamente sfuggiti via dalla mente – ma va dato atto a Neil Marshall di aver tentato di inserire un proprio tocco personale a questo fantasy fracassone e tutto action. Grand guignol à go-go, efferatezze di ogni tipo e uno splatter esibito quanto purtroppo solo digitale. Se qualcuno si fosse anche degnato di scrivere una sceneggiatura…

Hellboy è un semi-demone che protegge la Terra dalle creature soprannaturali che la minacciano. Evocato sul nostro pianeta nel 1944 dal malvagio stregone russo Grigorij Efimovic Rasputin per conto dei nazisti, Hellboy viene salvato dagli Alleati e affidato al Professor Trevor Bruttenholm, che lo cresce come un figlio. Una volta adulto, Hellboy inizia a dare la caccia a lupi mannari, vampiri e creature mitologiche di ogni tipo, diventando uno dei migliori detective del BPRD (Bureau of Paranormal Research and Defense). In questa nuova avventura, l’eroe demoniaco sarà impegnato in una missione a Londra per fronteggiare l’antico spirito di una strega malvagia tornato sulla Terra dal mondo dei morti. [sinossi]

 

CAFARNAO
di Nadine Labaki

L’orrore, come diceva il buon vecchio Kurtz nella giungla traversata dal Mekong… Il film di Nadine Labaki è un concentrato di tutto ciò che non andrebbe mai fatto al cinema, soprattutto se si decide di trattare temi così delicati come quelli che affronta Cafarnao. Un bignami di ipocrisia, spettacolarizzazione della sofferenza. Cinema asettico, pulitissimo nello sporco. Sarebbe da boicottare un’idea di cinema simile, invece va in giro per il mondo a raggranellare premi. Purtroppo.

All’interno di un tribunale, in Libano. Zain, un ragazzino di 12 anni, viene presentato il giudice. «Perché stai facendo causa ai tuoi genitori?», gli chiede il il giudice. «Per avermi fatto nascere», risponde Zain. Da qui nasce la narrazione degli eventi… [sinossi]

 

GO HOME – A CASA LORO
di Luana Galano

C’è l’idea, nel film di Luana Galano (in sala come evento, e quindi solo per tre giorni a partire da lunedì 15), e basta. Come se non servisse altro. Manca tutto il resto, l’intreccio, la motivazione estetica, la costruzione di un immaginario. Nessuno se ne è preoccupato. Un problema enorme, e che va a sprecare una storia dal potenziale quantomeno interessante. Peccato.

Roma, durante una manifestazione contro l’apertura di un centro d’accoglienza, si scatena un’apocalisse zombie. Enrico, un ragazzo di estrema destra, si mette al riparo all’interno del centro, mentendo sulla sua identità. L’unico luogo sicuro è quel centro d’accoglienza che lui non voleva, mentre fuori i morti camminano sulla terra. [sinossi]

 

AFTER
di Jenny Gage

Nulla però raggiunge la totale vacuità e l’inconsistenza di questo film che si inserisce nel filone sentimental-teen in cui hanno spopolato dapprima i vampiri di Twilight e quindi il blando BDSM della serie delle 50 sfumature. Nulla di nuovo sotto al sole, ma di male in peggio. Un film di pochezza narrativa ed estetica deprimente. Il nadir della settimana, ma forse dell’anno. Intollerabile.

Al suo primo giorno di college, la diciottenne Tessa Young conosce Harding Scott, studente ombroso e affascinante, popolarissimo tra le ragazze del college. Tra i due scocca un amore problematico, fatto di contrasti e riavvicinamenti, che fa avvicinare Tessa a un mondo e a un modo di vivere sconosciuti… [sinossi]

 

Escono anche Wonder Park (2019) di David Feiss, Dagli occhi dell’amore (2019) di Adelmo Togliani. Domenica 14 I wonder Pictures porta nelle sale Quello che i social non dicono – The Cleaners (2018) di Hans Block, Moritz Riesewick. Lunedì 15 è invece la volta de Il museo del Prado – La corte delle meraviglie (2019) di Valeria Parisi, e Diec – Il miracolo di Illegio (2019) di Thomas Turolo. Martedì 16 infine tocca a Kaiser! Il più grande truffatore della storia del calcio (2018) di Louis Myles. Buona visione!

Info
Il sito uffciale di Hellboy.

Articoli correlati

  • Notizie

    Nelle sale: Noi, Shazam!, Dolceroma, Enamorada...Uscite in sala 04 aprile 2019

    È la settimana di Jordan Peele e della sua inquietante opera seconda, Noi, ma al botteghino arriva un cinecomic DC al di sopra della media, un'interessante e slabbratissimo (s)cult firmato da Fabio Resinaro e la tenera e divertita commedia Book Club.
  • Notizie

    Nelle sale: Dumbo, Border, Captive State...Uscite in sala 28 marzo 2019

    Elefantini volanti, extraterrestri, troll mascherati da esseri umani, noir di periferia, politici improvvisati, vacanze in barca a vela e bambini posseduti da entità maligne. Una settimana in cui il genere la fa da padrone, con la speranza che gli incassi inizino a migliorare.
  • Notizie

    Nelle sale: Peterloo, Il venerabile W., Dafne, Ricordi?Uscite in sala 21 marzo 2019

    L'aria di primavera risveglia desideri sopiti nella distribuzione italiana e così arrivano in sala tutti insieme in un'unica settimana addirittura 20 nuovi film. Tra questi va segnalata la presenza soprattutto di Peterloo di Mike Leigh, Il venerabile W. di Barbet Schroeder e Dafne di Federico Bondi.
  • Notizie

    Nelle sale: Sofia, Momenti di trascurabile felicità...Uscite in sala 14 marzo 2019

    Il 2019 delle uscite in sala continua a certificare una certa crisi dell'immaginario. Per fortuna ogni tanto le sorprese non mancano, come dimostra l'ottimo esordio della cineasta marocchina Meryem Benm'Barek, Sofia. Tra le ennesime commedie italiane meglio il film corale di Lazotti a quello di Luchetti con Pif.
  • Notizie

    Nelle sale: Le invisibili, Il campione, Torna a casa, Jimi...Uscite in sala 18 aprile 2019

    La settimana di Pasqua porta con sé un buon numero di titoli, da Le invisibili a Il campione, passando per Il ragazzo che diventerà re e Torna a casa, Jimi. Ampia scelta, dunque, ma nulla di imperdibile.
  • Notizie

    Uscite in sala 25 aprile 2019

    Il giorno in cui si festeggia la liberazione dal nazi-fascismo lo scenario delle uscite settimanali è dominato dall'ultimo capitolo delle avventure degli Avengers. La palma di miglior titolo spetta però a Dilili a Parigi, animazione di Michel Ocelot.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento