Avengers: Endgame

Avengers: Endgame

di ,

È imponente Avengers: Endgame. Lo è per varie ragioni. Deve concludere una saga che ha cannibalizzato l’immaginario collettivo e il box office; deve riempire di mirabilie ogni centimetro degli enormi schermi IMAX; deve dare un senso epico e monumentale alla Fine, ma anche a un nuovo inizio, a nuovi protagonisti. Imponente, ma a tratti anche impotente, costretto a scendere a patti coi film che lo hanno preceduto e lo seguiranno, con regole contrattuali e paletti disneyani, col bilancino del dramma e della commedia, con l’implacabile tempo che passa e che nemmeno la magia del cinema può fermare.

Io sono…

Avengers: Endgame è ambientato dopo la schiacciante sconfitta da parte di Thanos, che dopo aver collezionato le sei Gemme dell’Infinito aveva imposto la sua contorta volontà su tutto il genere umano, sterminando metà della popolazione del mondo, tra cui diversi Avengers. In seguito a questa distruzione, i supereroi rimasti si trovano ad affrontare la sfida più grande della loro vita: risollevarsi e trovare un modo per sconfiggere Thanos una volta per tutte. [sinossi]

Due personaggi, due entrate in scena. Non servono presentazioni per Occhio di Falco, rimasto fuori dai giochi durante Avengers: Infinity War. Lo ritroviamo esattamente dove dovrebbe stare, in un incipit emotivamente densissimo che ci suggerisce una delle direttrici principali di Avengers: Endgame: l’umanizzazione dei supereroi, la centralità dei legami interpersonali, in una sorta di fantasmagorico e fantascientifico melodramma familiare hollywoodiano – dal fertile incontro tra gli accesi cromatismi degli albi marveliani e le infinite possibilità della computer grafica scaturiscono inaspettatamente riflessi a loro modo sirkiani e minnelliani, complicati e struggenti rapporti padre-figlio, un apprezzabile superamento dell’ingessata amicizia virile superomistica, persino parentesi apertamente omosessuali (un primo piccolo passo, per tastare il terreno).
Entrerà in scena anche l’immancabile Bucky Barnes, aka Soldato d’Inverno, in perenne bilico tra straniante comparsa e scialbo personaggio, chiamato come sempre a incarnare un ruolo che proprio non gli si addice: se Occhio di Falco può essere un ottimo esempio di cosa abbia funzionato nella costruzione narrativa e iconografica del Marvel Cinematic Universe, Barnes è la cartina tornasole dei limiti produttivi/creativi di una saga che si è rimodellata pellicola dopo pellicola, costretta a caricarsi sulle spalle non poche scorie, errori, detour. In fin dei conti, ci sarà un motivo se uno sguardo fugace tra Doctor Strange e Iron Man vale più di mille pacche sulle spalle ed enfatici abbracci tra Cap e Barnes…

La serialità è il punto di forza e al contempo il tallone d’Achille di Avengers: Endgame. Sì, certo, lo era anche, con esiti quasi opposti, per Avengers: Age of Ultron e Avengers: Infinity War. Il capitolo conclusivo della saga sembra però accentuare la sua natura seriale, quella fertile e al contempo castrante derivazione dalle avventure cartacee che aveva già attecchito tra piccolo e grande schermo nei primi anni Quaranta con Adventures of Captain Marvel della Republic Pictures e Superman dei Fleischer e poi via via, sotto varie forme, dal minutaggio fulmineo degli episodi e delle animazioni limitatissime di The Marvel Super Heroes (1966) fino alle numerose e ambiziose proposte televisive legate al Marvel Cinematic Universe (Agents of S.H.I.E.L.D., Daredevil e via discorrendo). La base di partenza è l’impero di carta costruito da Stan Lee e soci, con l’aggiunta non secondaria dello strapotere disneyano, ma è anche l’eterno ritorno, il limite, lo schema che si ripete con esiti altalenanti.
Funziona, ad esempio, Captain Marvel. Funziona meno Carol Danvers/Captain Marvel all’interno di Avengers: Endgame, personaggio calato un po’ troppo dall’alto e tenuto volutamente sullo sfondo (se non addirittura fuori campo, lontano, lontanissimo). Volendo allargare lo sguardo alla saga e alle prossime fasi, potremmo considerare Avengers: Endgame come un trampolino di (ri)lancio per alcuni personaggi, con tanto di storici passaggi di consegne, e come una sorta di sontuoso promemoria per Captain Marvel, proiettata soprattutto verso altre galassie. Allo stesso modo, ma in senso rovesciato, convinceva meno il pur frizzante Spider-Man: Homecoming, rivelandosi però un tassello fondamentale per cementificare il rapporto tra il giovane Uomo Ragno e il paterno Tony Stark/Iron Man nel dittico Avengers: Infinity War & Avengers: Endgame. Anche in questo caso, la costruzione narrativa di alcuni personaggi (Peter Parker/Tony Stark/Strange) trova nell’ultimo atto una perfetta sublimazione in pochi significativi gesti: un’esitazione, un abbraccio, un dito alzato per un solo infinito istante.

La difficoltà di racchiudere in tre ore una struttura così complessa e stratificata, resa ancor più ingarbugliata dalle possibilità offerte dalla dimensione quantica, non sembra legata al nucleo centrale della vicenda (Thanos da una parte, gli Avengers storici dall’altra, in mezzo le sei gemme) ma ai lacci e lacciuoli dei personaggi secondari, della fatale indecisione sul destino di alcuni supereroi (l’Hulk post Thor: Ragnarok & Avengers: Infinity War), a quella smania di soppesare lacrime e risate, di riesumare sempre tutti – in questo senso, è emblematico il lungo superfluo ridondante movimento di macchina che passa da un volto all’altro durante il/un funerale. Le tre ore di Avengers: Endgame sono il risultato di scelte, necessità e obblighi diversi rispetto a Infinity War: paradossalmente, con un’altra chiave di lettura e scrittura, si sarebbero potuti tagliare quaranta minuti, aggiungendone altri quaranta più funzionali alla calzante circolarità, al respiro epico, ai temi trascinanti della rinuncia, del sacrificio, della scelta tra la vita e la morte – ancora, in senso più che positivo, Occhio di Falco.
La circolarità e la dimensione quantica, grimaldelli che ci riportano al concetto di narrazione (potenzialmente) infinità del genere supereroistico prima cartaceo e poi audiovisivo, offrono al film e agli spettatori un doppio viaggio nel tempo. Il primo è puramente narrativo, facilmente intuibile, probabilmente l’unica strada percorribile tra tutte quelle – e non sono poche – percorse da Strange. Il secondo è puramente spettatoriale, (già) nostalgico, un omaggio divertente, ammiccante, coinvolgente. Si gioca, si teorizza, si aprono varchi per future avventure (e ritorni), ci si commuove. Ecco, quello che funziona davvero, a parte l’impianto spettacolare quando è finalmente lanciato a briglie sciolte (evitabili i siparietti girl power & black power, dazi oramai da pagare, ma si balla tra calibratissime entrate in scena, acrobatiche coreografie e un pugnace gioco di squadra), è l’afflato drammatico, il coinvolgimento emotivo. Sappiamo già come finirà ancor prima di sederci in sala e le parabole che contano sono sostanzialmente impeccabili – Stark doppiamente padre e figlio, un Cap tra divino e umano e uno smitizzato e amabilissimo Thor, tre strade diverse: alla fine del viaggio, tra bicchieri mezzi pieni e bicchieri mezzi vuoti, quello che conta è il viaggio e il suo ricordo. Come detto, nemmeno la magia del cinema può fermare il tempo. Nemmeno la Disney. Almeno per ora.

Info
Il trailer di Avengers: Endgame.
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-01.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-02.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-03.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-04.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-05.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-06.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-07.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-08.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-09.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-10.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-11.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-12.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-13.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-14.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-15.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-16.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-17.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-18.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-19.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-20.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-21.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-22.jpg
  • Avengers-Endgame-2019-Anthony-Russo-Joe-Russo-23.jpg

Articoli correlati

  • Archivio

    Captain Marvel RecensioneCaptain Marvel

    di , Prendendo le distanze dai facili schematismi di una "storia delle origini" e concentrandosi sulle caratteristiche umane della sua protagonista, Captain Marvel di Anna Boden e Ryan Fleck conferma il talento narrativo e autorigenerativo del Marvel Cinematic Universe.
  • Archivio

    Ant-Man and the Wasp RecensioneAnt-Man and the Wasp

    di Come il suo protagonista maschile, Ant-Man and the Wasp funziona bene nella dimensione micro della spensieratezza, meno quando le sue dimensioni si fanno titaniche per misurarsi con i veri giganti della squadra Marvel.
  • Archivio

    Avengers: Infinity War RecensioneAvengers: Infinity War

    di , Miracolosamente in equilibrio tra le mille star che mette in scena, Avengers: Infinity War è l'attesa e riuscita resa dei conti all'interno del Marvel Cinematic Universe, dove tutto si tiene e nulla sfugge.
  • Archivio

    Black Panther RecensioneBlack Panther

    di Accolto trionfalmente in patria, Black Panther non si discosta dai consueti valori produttivi, narrativi ed estetici del Marvel Cinematic Universe, nonostante le utopie del Regno di Wakanda, il Black Power e la colata di buoni sentimenti e propositi. Asgard e la Galassia sono distanti.
  • Archivio

    Thor: Ragnarok RecensioneThor: Ragnarok

    di Proseguono a rotta di collo le avventure dei supereroi marveliani, sempre più vicini all'apoteosi di Infinity War. In questo percorso non privo di incidenti di percorso e brusche marce indietro, Thor: Ragnarok si rivela una tappa a suo modo significativa...
  • Archivio

    Spider-Man: Homecoming

    di Divertente, leggiadro, impreziosito da un cast selezionato con chirurgica precisione, Spider-Man: Homecoming non riesce a replicare i fasti dei primi anni Duemila, mostrando tutti i limiti della medietas marveliana...
  • Archivio

    Guardiani della Galassia Vol. 2 RecensioneGuardiani della Galassia Vol. 2

    di Gunn affronta di petto la questione sequel e trova ancora una volta il giusto equilibrio tra le necessità hollywoodiane e la libertà creativa, tra comicità guascona e dramma eroico, tra fantasy/fantascienza e i nostalgici e citazionisti riferimenti agli anni Ottanta.
  • Archivio

    Doctor Strange RecensioneDoctor Strange

    di Secondo tassello della Fase Tre del Marvel Cinematic Universe, Doctor Strange conferma pregi e difetti di un franchise che sta colonizzando, se non cannibalizzando, l'immaginario spettatoriale e tutti i media possibili.
  • Archivio

    Captain America: Civil War RecensioneCaptain America: Civil War

    di , È un’opera collettiva, Captain America: Civil War, film che inaugura la fase tre dell’universo Marvel: un nuovo tassello che conferma tanto il gigantismo quanto i limiti narrativi dei più recenti prodotti dello studio americano.
  • Archivio

    Ant-Man

    di Ant-Man si configura come parentesi più lieve e giocosa all'interno del Marvel Cinematic Universe: malgrado alcuni evidenti limiti narrativi, il film di Peyton Reed porta a casa il risultato senza grossi affanni.
  • Archivio

    Avengers: Age of Ultron RecensioneAvengers: Age of Ultron

    di Faraonico nel budget e nel dispiegamento di attori da box office, Age of Ultron si pone perfettamente nel mezzo del Marvel Cinematic Universe: una pellicola di passaggio, produttivamente e visivamente ambiziosa, ma costretta a forzare snodi narrativi e a sacrificare personaggi.
  • Archivio

    Guardiani della Galassia RecensioneGuardiani della Galassia

    di L’anteprima al Festival di Roma, l’uscita in seicento copie, l’imponente battage pubblicitario: arriva anche nel Bel Paese Guardiani della Galassia, blockbuster targato Marvel, impreziosito dalla scrittura e dalla regia di James Gunn.
  • Archivio

    Captain America - The Winter Soldier RecensioneCaptain America – The Winter Soldier

    di , Torna il super-milite a stelle e strisce geneticamente modificato con Captain America - The Winter Soldier di Anthony e Joe Russo. E questa volta è decisamente più convincente.
  • Archivio

    Thor: The Dark World RecensioneThor: The Dark World

    di Più combattimenti, più romance, più humour. Queste sono le linee guida di Thor: The Dark World. Tutto corverge verso un nuovo obiettivo: un target più infantile.
  • Archivio

    Iron Man 3 RecensioneIron Man 3

    di In Iron Man 3 di Shane Black torna il personaggio di punta dell’universo Marvel e va in scena l’inevitabile crisi esistenziale del supereroe.
  • Archivio

    The Avengers

    di Non riescono a diventare una vera squadra, ma nei duetti tra di loro i Vendicatori fanno faville. In ogni caso Joss Whedon firma il migliore, ad oggi, dei cinecomics Marvel.
  • Archivio

    Captain America: il primo vendicatore RecensioneCaptain America: il primo vendicatore

    di Il soldato perfetto e mutante, il difensore degli oppressi contro la barbarie nazista lancia il suo scudo in direzione dello spettatore, ma mantiene intatta tutta la sua ingenua retorica militarista.
  • Archivio

    Thor

    di Il selvaggio guerriero Thor viene inviato sulla Terra sotto mentite spoglie a causa del suo carattere ribelle. Qui apprenderà il significato del vero eroismo quando dovrà proteggere il pianeta dal feroce nemico Loki...
  • Archivio

    Iron Man RecensioneIron Man

    di Regia anodina ma un protagonista di tutto rispetto caratterizzano la prima sortita sul grande schermo dell'eroe Marvel dall'armatura cromata, e dalle implicazioni etiche non da poco.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento