Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2019

Cannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2019

Tutti aspettano la Palma d’oro, ma un tempo si fremeva per il Grand Prix du Festival. Scorrendo l’albo d’oro del Festival di Cannes, dal 1939 (vinse Union Pacific di Cecil B. DeMille) al 2019 (trionfo per Bong Joon-ho con Parasite), ci si trova di fronte a un’alternanza tra Palma e Grand Prix. La Palma d’oro è stata introdotta solo nel 1955 e dal 1975 a oggi è diventata il simbolo insostituibile della kermesse francese – Palma, Leone, Orso, questi i premi festivalieri più rappresentativi e prestigiosi.

Il Grand Prix ha rappresentato il vertice della piramide negli anni tra il 1939 e il 1954 e tra il 1964 al 1974. La Palma d’Oro si ritaglia il periodo 1955-1963 e dal 1975 occupa stabilmente il gradino più altro dell’immaginario cinefilo e festivaliero. Al di là della vittoria di Parasite (Gisaengchung) e del giusto riconoscimento per il talento di Bong Joon-ho, vale la pena soffermarsi sulla prima Palma a una pellicola sudcoreana, un anno dopo il trionfo del cineasta nipponico Hirokazu Kore-Eda con Shoplifters (Manbiki kazoku). Il Giappone ha aspettato due decenni prima di riportare a casa il premio più ambito: nel 1997 aveva infatti vinto Shōhei Imamura con L’anguilla, bissando il successo del 1983 con La ballata di Narayama, mentre nel 1980 la Palma era stata assegnata al monumentale Kagemusha – L’ombra del guerriero di Akira Kurosawa e nel lontano 1954 si era registrato il primo trionfo del Sol Levante con La porta dell’inferno di Teinosuke Kinugasa. La Corea del Sud, che aveva già vissuto in passato dei periodi di fulgore produttivo, dalla fine degli anni Novanta è rinata, sospinta da una nuova onda produttiva, artistica, politica. La New Wave si muove in qualsiasi direzione: cinema commerciale e d’autore, animazione e blockbuster, cinema di genere, horror, thriller, commedie sentimentali e via discorrendo. Un livello produttivo elevatissimo, per certi versi hollywoodiano; una generazione di autori e attori qualitativamente e numericamente sorprendente; un cinema che non guarda solo al proprio pubblico ma che strizza l’occhio anche alla distribuzione internazionale. Park Chan-wook (che sfiorò l’impresa), Kim Ki-duk, Bong Joon-ho, Kim Ji-Woon, Lee Chang-dong, Na Hong-jin, Yeon Sang-ho… la lista è lunga. Insomma, meglio tardi che mai, evviva la Palma. Nella classifica per nazioni, Stati Uniti (21), Francia (13), Italia (12) e Regno Unito (10) guardano tutti dall’alto. Giocare in casa è sempre un po’ più facile.

___________________________________________________
Grand Prix (Cannes 1939-1954)
___________________________________________________

 

1939
Union Pacific
di Cecil B. DeMille
USA

__________________

1946
Spasimo
di Alf Sjöberg
Svezia

Giorni perduti
di Billy Wilder
USA

I campi scarlatti
di Bodil Ipsen e Lau Lauritzen
Danimarca

Neecha nagar
di Chetan Anand
India

Breve incontro
di David Lean
Gran Bretagna

La vergine indiana
di Emilio Fernández
Messico

La grande svolta
di Fridrikh Markovitch Ermler
Unione Sovietica

Sinfonia pastorale
di Jean Delannoy
Francia

L’ultima speranza
di Leopold Lintberg
Svizzera

Uomini senz’ali
di František Cáp
Cecoslovacchia

Roma, città aperta
di Roberto Rossellini
Italia

__________________

1947
Poliziesco-avventura
I maledetti
di René Clément
Francia

Amore e psicologia
Amore e fortuna
di Jacques Becker
Francia

Denuncia sociale
Odio implacabile
di Edward Dmytryk
USA

Animazione
Dumbo, l’elefante volante
di Ben Sharpsteen e Walt Disney
USA

Musical
Ziegfeld Follies
USA

__________________

1949
Il terzo uomo
di Carol Reed
Gran Bretagna

__________________

1951
La notte del piacere
di Alf Sjöberg
Svezia

ex aequo
Miracolo a Milano
di Vittorio De Sica
Italia

__________________

1952
Otello
di Orson Welles
Francia/Italia/Marocco/USA

ex aequo
Due soldi di speranza
di Renato Castellani
Italia

__________________

1953
Vite vendute
di Henri-Georges Clouzot
Francia

__________________

1954
La porta dell’inferno
di Teinosuke Kinugasa
Giappone

 

___________________________________________________
Palma d’Oro (Cannes 1955-1963)
___________________________________________________

 

1955
Marty – Vita di un timido
di Delbert Mann
USA

__________________

1956
Il mondo del silenzio
di Jacques-Yves Cousteau e Louis Malle
Francia

__________________

1957
La legge del signore
di William Wyler
USA

__________________

1958
Quando volano le cicogne
di Mikheil Kalatozishvili
Unione Sovietica

__________________

1959
Orfeo negro
di Marcel Camus
Francia

__________________

1960
La dolce vita
di Federico Fellini
Italia

__________________

1961
L’inverno ti farà tornare
di Henri Colpi
Francia

ex aequo
Viridiana
di Luis Buñuel
Spagna

__________________

1962
La parola data
di Anselmo Duarte
Brasile

__________________

1963
Il Gattopardo
di Luchino Visconti
Italia

 

___________________________________________________
Grand Prix (Cannes 1964-1974)
___________________________________________________

 

1964
Les parapluies de Cherbourg
di Jacques Demy
Francia

__________________

1965
Non tutti ce l’hanno
di Richard Lester
Gran Bretagna

__________________

1966
Un uomo, una donna
di Claude Lelouch
Francia

ex aequo
Signore e signori
di Pietro Germi
Italia

__________________

1967
Blow-Up
di Michelangelo Antonioni
Gran Bretagna/Italia

__________________

1969
Se…
di Lindsay Anderson
Gran Bretagna

__________________

1970
M.A.S.H.
di Robert Altman
USA

__________________

1971
Messaggero d’amore
di Joseph Losey
Gran Bretagna

__________________

1972
Il caso Mattei
di Francesco Rosi
Italia

ex aequo
La classe operaia va in paradiso
di Elio Petri
Italia

__________________

1973
Lo spaventapasseri
di Jerry Schatzberg
USA

ex aequo
Un uomo da affittare
di Alan Bridges
Gran Bretagna

__________________

1974
La conversazione
di Francis Ford Coppola
USA

 

___________________________________________________
Palma d’Oro (Cannes 1975-2016)
___________________________________________________

 

1975
Cronaca degli anni di brace
di Mohammed Lakhdar-Hamina
Algeria

__________________

1976
Taxi Driver
di Martin Scorsese
USA

__________________

1977
Padre padrone
di Paolo e Vittorio Taviani
Italia

__________________

1978
L’albero degli zoccoli
di Ermanno Olmi
Italia

__________________

1979
Il tamburo di latta
di Volker Schlöndorff
Germania

ex aequo
Apocalypse Now
di Francis Ford Coppola
USA

__________________

1980
Kagemusha – L’ombra del guerriero
di Akira Kurosawa
Giappone

ex aequo
All That Jazz – Lo spettacolo continua
di Bob Fosse
USA

__________________

1981
L’uomo di ferro
di Andrzej Wajda
Polonia

__________________

1982
Yol
di Serif Gören e Yilmaz Güney
Turchia

ex aequo
Missing – Scomparso
di Costa-Gavras
USA

__________________

1983
La ballata di Narayama
di Shohei Imamura
Giappone

__________________

1984
Paris, Texas
di Wim Wenders
Germania

__________________

1985
Papà è in viaggio d’affari
di Emir Kusturica
Jugoslavia

__________________

1986
Mission
di Roland Joffé
Gran Bretagna

__________________

1987
Sotto il sole di Satana
di Maurice Pialat
Francia

__________________

1988
Pelle alla conquista del mondo
di Bille August
Danimarca

__________________

1989
Sesso, bugie e videotape
di Steven Soderbergh
USA

__________________

1990
Cuore selvaggio
di David Lynch
USA

__________________

1991
Barton Fink – È successo a Hollywood
di Joel e Ethan Coen
USA

__________________

1992
Con le migliori intenzioni
di Bille August
Danimarca

__________________

1993
Addio mia concubina
di Kaige Chen
Cina

ex aequo
Lezioni di piano
di Jane Campion
Nuova Zelanda

__________________

1994
Pulp Fiction
di Quentin Tarantino
USA

__________________

1995
Underground
di Emir Kusturica
Bosnia-Erzegovina

__________________

1996
Segreti e bugie
di Mike Leigh
Gran Bretagna

__________________

1997
L’anguilla
di Shohei Imamura
Giappone

ex aequo
Il sapore della ciliegia
di Abbas Kiarostami
Iran

__________________

1998
L’eternità e un giorno
di Theo Angelopoulos
Grecia

__________________

1999
Rosetta
di Luc e Jean-Pierre Dardenne
Belgio

__________________

2000
Dancer in the Dark
di Lars von Trier
Danimarca

__________________

2001
La stanza del figlio
di Nanni Moretti
Italia

__________________

2002
Il pianista
di Roman Polanski
Francia/Polonia

__________________

2003
Elephant
di Gus Van Sant
USA

__________________

2004
Fahrenheit 9/11
di Michael Moore
USA

__________________

2005
L’enfant
di Luc e Jean-Pierre Dardenne
Belgio

__________________

2006
Il vento che accarezza l’erba
di Ken Loach
Gran Bretagna/Irlanda

__________________

2007
4 mesi, 3 settimane e 2 giorni
di Cristian Mungiu
Romania

__________________

2008
La classe – Entre les murs
di Laurent Cantet
Francia

__________________

2009
Il nastro bianco
di Michael Haneke
Austria, Francia, Germania

__________________

2010
Lo zio Boonme che si ricorda le vite precedenti
di Apichatpong Weerasethakul
Thailandia, Francia, UK, Germania, Spagna

__________________

2011
The Tree of Life
di Terrence Malick
USA

__________________

2012
Amour
di Michael Haneke
Francia, Austria, Germania

__________________

2013
La vita di Adele
di Abdellatif Kechiche
Francia

__________________

2014
Winter Sleep
di Nuri Bilge Ceylan
Turchia, Francia, Germania

__________________

2015
Dheepan
di Jacques Audiard
Francia

__________________

2016
I, Daniel Blake
di Ken Loach
GB, Francia

__________________

2017
The Square
di Ruben Östlund
Svezia, Danimarca, Germania, Francia

__________________

2018
Shoplifters
di Hirokazu Kore-eda.
Giappone

__________________

2019
Parasite
di Bong Joon-ho.
Corea del Sud

Info
Il sito del Festival di Cannes.
  • Parasite-2019-Bong-Joon-ho-003.jpg
  • shoplifters-2018-hirokazu-koreeda-recensione-03.jpg
  • The-Square-2017-Ruben-Östlund-01.jpg
  • I-Daniel-Blake-2016-Ken-Loach-04.jpg
  • dheepan-2015-jacques-audiard-04.jpg
  • winter-sleep-2014-nuri-bilge-ceylan-04.jpg
  • cannes-16-leternita-e-un-giorno.jpg
  • cannes-15-rosetta.jpg
  • cannes-14-dancer-in-the-dark.jpg
  • cannes-13-la-stanza-del-figlio.jpg
  • cannes-12-il-pianista.jpg
  • cannes-11-elephant.jpg
  • cannes-10-fahrenheit-9-11.jpg
  • cannes-09-lenfant.jpg
  • cannes-08-il-vento-che-accarezza-lerba.jpg
  • cannes-07-4-mesi-3-settimane-e-2-giorni.jpg
  • cannes-06-la-classe.jpg
  • cannes-05-il-nastro-bianco.jpg
  • cannes-04-lo-zio-boonme-che-si-ricorda-delle-sue-vite-precedenti.jpg
  • cannes-03-the-tree-of-life.jpg
  • cannes-02-amour.jpg
  • cannes-01-la-vita-di-adele.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2019

    I premi di Cannes 2019I premi di Cannes 2019

    Ultimo atto sulla Croisette, i premi di Cannes 2019. Esclusioni eccellenti, qualche riconoscimento un po' troppo generoso (l'ennesimo per i Dardenne), ma anche e soprattutto la consacrazione di Bong Joon-ho...
  • Festival

    Cannes 2019Cannes 2019

    Apre bene il Festival di Cannes 2019, con un titolo a suo modo perfettamente trasversale: autorialità, genere, grandi star. The Dead Don't Die, aka I morti non muoiono, è una coperta decisamente lunga, lancia il festival, dovrebbe accontentare tutti...
  • Cannes 2019

    Festival di Cannes 2019Festival di Cannes 2019 – Presentazione

    Morti che camminano. Si apre così il Festival di Cannes 2019, giunto alla settantaduesima edizione con la solita coda di polemiche, compresa la petizione contro il premio alla carriera ad Alain Delon. In fin dei conti, è la natura stessa del festival ad alimentare contrasti, la sua dimensione smisurata, il suo essere contenitore fagocitante, regno del tutto e del niente.
  • Festival

    Cannes 2019 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2019 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2019!
  • Festival

    Festival di Cannes 2019Festival di Cannes 2019 – Bilancio

    Prima di archiviare definitivamente Cannes 2019, proviamo a tracciare una sorta di piccolo bilancio. Ovviamente abbozzato e sommario, vista la dimensione spropositata della kermesse transalpina...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento