Festival di Cannes 2019 – Bilancio

Festival di Cannes 2019 – Bilancio

Prima di archiviare definitivamente il Festival di Cannes 2019, proviamo a tracciare una sorta di piccolo bilancio. Ovviamente abbozzato e sommario, vista la dimensione spropositata della kermesse transalpina. I premi, i film che usciranno, i riflessi opachi di alcune polemiche. L’utilità e l’assurdità di un immenso ingranaggio commerciale, promozionale, (anche) culturale.

Ultimo atto del Festival di Cannes 2019: ha vinto Parasite. Ha vinto Bong Joon-ho. Ha vinto la Corea del Sud. La New Wave, finalmente. Il cinema giapponese, tornato alla Palma d’oro l’anno scorso con Un affare di famiglia di Hirokazu Kore-Eda, aveva dovuto aspettare vent’anni, dal trionfo de L’anguilla di Shōhei Imamura nell’edizione del 1997. Il cinema sudcoreano aspettava invece da sempre. Un sempre relativo, visto che la partecipazione delle cinematografie asiatiche ai grandi festival europei non è un automatismo ed è spesso di contorno – non per la qualità, ma per la considerazione mediatica, delle giurie e persino di buona parte dell’universo cinefilo.
La vittoria di Parasite, amaramente controbilanciata da esclusioni eccellenti e assai discutibili e dall’immancabile premio agli opachi fratelli Dardenne, è la cartina tornasole della presenza qualitativa e quantitativa dell’industria sudcoreana sulla Croisette, del fruttuoso rapporto tra il Festival e il Kofic, che negli ultimi anni ha promosso titoli come Burning, The Day After, The Handmaiden, The Wailing, Train to Busan, The Shameless.

La Palma d’oro è anche un premio all’inesauribile ricchezza e potenzialità del cinema di genere, alla sua declinazione più o meno autoriale: non solo Parasite, ma anche i vari C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, La Gomera di Corneliu Porumboiu e Il traditore di Marco Bellocchio hanno dimostrato per l’ennesima volta che è ampio lo spettro del cinema impegnato e che sarebbe meglio non farsi sedurre troppo dal presunto contenuto (prendiamo come esempio Les Hirondelles de Kaboul di Zabou Breitman ed Eléa Gobbé-Mévellec, ma non è il solo e nemmeno il più colpevole), gettando sempre un occhio alla forma, al linguaggio.
La Palma d’oro premia anche la lungimiranza e il buon fiuto delle piccole e medie distribuzioni, quelle che devono (e che possono) giocare d’anticipo. In Italia, ad esempio, Parasite uscirà con la Academy Two, che negli ultimi tempi ha inanellato Santiago, Italia di Nanni Moretti, Peterloo di Mike Leigh, In guerra di Stéphane Brizé, Oro verde – C’era una volta in Colombia di Ciro Guerra e Cristina Gallego, La donna dello scrittore di Christian Petzold, A Ciambra di Jonas Carpignano, Loveless di Andrey Zvyagintsev. Ecco, i festival servono anche a questo, a fare da volano a titoli altrimenti snobbati dalle grandi distribuzioni, ad aprire orizzonti, a picchiettare sulla spalla di giornalisti, critici, buyers, programmatori di festival e televisioni. Nonostante la pigrizia conservatrice di Cannes, sulla Croisette si riversa il mondo del cinema, quello bello e quello brutto, quello attaccato solo al vil denaro e quello che ha davvero in mente il cinema e la cultura: dal Palais nascono altri festival e progetti, si impreziosiscono i palinsesti, si consacrano o almeno si fanno notare autori e registi, ma anche tanti altri professionisti, giù giù giù fino agli umili accreditati gialli. Nessuna certezza, ma almeno qualche possibilità.

Il rovescio della medaglia è ampio. Cannes fagocita, soffoca, distrugge. Qui si inabissano titoli che avrebbero fatto meglio a scegliere altre strade festivaliere. Si perdono film per strada, intere sezioni. L’onda anomala degli accreditati (stampa, mercato, cinefili) non può ovviamente vedere, coprire, capire tutto. Magari ci si accorge della Semaine de la Critique solo dopo la vittoria del notevole J’ai perdu mon corps di Jérémy Clapin oppure della Quinzaine des Réalisateurs si percepiscono solo le interminabili file – può essere contento il nuovo delegato generale, Paolo Moretti, stretto in un metaforico abbraccio dal numerosissimo pubblico: ha funzionato tutto, da John Carpenter a The Halt di Lav Diaz, dall’attesissimo The Lighthouse di Robert Eggers all’apertura col singolare Le daim di Quentin Dupieux. Ai margini resta quasi sicuramente ACID, sezione sempre interessante, ma è una questione di numeri: ore, giorni, film, occhi, sonno. Tutto, troppo. Andrebbero ripensate molte cose, ma poco cambierà.

Qualcosa è cambiato. Lo spostamento degli orari per le proiezioni stampa ha generato proteste, lettere ufficiali, disguidi di vario tipo. Guardando dal basso, nulla di nuovo. Ecco, la prospettiva delle polemiche, dei pianti, degli scenari apocalittici è quasi sempre raccontata dall’alto, un po’ come gli accreditati stampa che esultavano sulle scale della DeBussy poco prima di entrare alla proiezione di C’era una volta a… Hollywood. Esultavano. Non (tanto e solo) alla faccia di tutti gli altri, ma alla faccia della professionalità e dei suddetti pianti. Discorso lungo, troppo. Ci si potrebbero perdere delle ore sulle file di Cannes, sulle priorità, sul colore degli accrediti e la logica delle assegnazioni, sulle sale lasciate volontariamente mezze vuote. Sugli occhi lucidi per la lotta di classe di Loach (ottimo Sorry We Missed You), poi occhi di squalo. Su Parasite come perfetta metafora di Cannes, del Palais, della divisione in caste.

Tempio delle contraddizioni, il Festival di Cannes è una parentesi nel tempo e nello spazio. Una dozzina di giorni piuttosto folli, stressanti, persino gioiosi. Dipende dai punti di vista, dall’alto e dal basso. Cannes 2019 ha mostrato una serie di crepe organizzative, fatica a contenere la fiumana di accreditati (che fanno numero, volume, notizia), si pavoneggia tra feste e tappeti rossi, ma ci lascia un ottimo bottino. Bong, Tarantino, Malick, Kechiche, Porumboiu, Bellocchio, Diaz, Suleiman, Hausner, Mattotti, Dupieux, Lolli, Kowalski, Mendonça Filho, Miike, Fletcher, Guzmán, Dumont, Serra, Herzog, Eggers, Benki, Ferrara, Moguillansky, Sidi-Boumédiène, Desplechin, Flatform, Forgeard…

Info
Il sito ufficiale del Festival di Cannes 2019.
Tutti i premi del Festival di Cannes 2019.
Il canale youtube del Festival di Cannes 2019.
  • festival-di-cannes-2019-Parasite.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Cera-una-volta-a-Hollywood.jpg
  • festival-di-cannes-2019-La-Gomera.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Mektoub-My-Love-Intermezzo.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Il-traditore.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Jai-perdu-mon-corps.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Le-daim.jpg
  • festival-di-cannes-2019-Sorry-We-Missed-You.jpg
  • festival-di-cannes-2019-The-Lighthouse.jpg

Articoli correlati

  • Cannes 2019

    J'ai perdu mon corps RecensioneJ’ai perdu mon corps

    di È folgorante l’esordio al lungometraggio del quarantacinquenne Jérémy Clapin, animatore parigino che si era già fatto ampiamente notare coi suoi precedenti cortometraggi. Presentato e premiato alla Semaine de la Critique.
  • Cannes 2019

    Grand PrixCannes – Grand Prix e Palma d’Oro 1939-2019

    L'Albo d'Oro 1939-2019 del Festival di Cannes, dalla vittoria di Union Pacific di Cecil B. DeMille trionfo di Bong Joon-ho con Parasite.
  • Cannes 2019

    I premi di Cannes 2019I premi di Cannes 2019

    Ultimo atto sulla Croisette, i premi di Cannes 2019. Esclusioni eccellenti, qualche riconoscimento un po' troppo generoso (l'ennesimo per i Dardenne), ma anche e soprattutto la consacrazione di Bong Joon-ho...
  • Cannes 2019

    It Must Be Heaven RecensioneIt Must Be Heaven

    di Elia Suleiman torna in concorso al Festival di Cannes con It Must Be Heaven, che guarda al cinema di Jacques Tati per mettere in scena la grottesca democrazia poliziesca occidentale e elevare un’elegia alla Palestina e al suo popolo.
  • Cannes 2019

    Mektoub, My Love: Intermezzo Abdellatif KechicheMektoub, My Love: Intermezzo

    di In concorso a Cannes 2019, Intermezzo è un passo ulteriore verso un grandioso affresco, un diario intimo e amoroso (e teorico) di un cineasta, dei suoi personaggi, di una generazione, di un luogo sospeso nel tempo e nello spazio. Mektoub è vita, cinema, è un flusso inarrestabile. Potrebbe anche non finire mai.
  • Cannes 2019

    Parasite RecensioneParasite

    di Non era mai andato via Bong Joon-ho, ma ci piace dire che è tornato. Tornato ai livelli di Memories of Murder e The Host; tornato in patria e all’industria sudcoreana dopo Snowpiercer e Okja. Parasite (Gisaengchung) è una delle vette del Festival di Cannes 2019. Travolgente.
  • Cannes 2019

    Roubaix, une lumière RecensioneRoubaix, une lumière

    di Analisi approfondita dei concetti di verità, colpa e perdono, Roubaix, une lumière di Arnaud Desplechin, sotto le sembianze di un poliziesco urbano, indaga il senso di appartenenza (dei protagonisti e del regista), al luogo in cui si è cresciuti, al relativo contesto sociale, al genere umano. In concorso a Cannes 2019.
  • Cannes 2019

    A Hidden Life RecensioneA Hidden Life

    di È tornato a forme narrative più lineari Terrence Malick, in concorso al Festival di Cannes 2019, ma non ha abbandonato le suggestioni estetiche deflagrate con The Tree of Life e nemmeno quel susseguirsi di domande, riflessioni, arrovellamenti. Un cinema inondato di luce, natura, fede; un cinema generosamente personale, filosofico.
  • Cannes 2019

    La Gomera recensioneLa Gomera

    di La Gomera è un'isola delle Canarie, ed è lì che il poliziotto Cristi si reca per imparare il linguaggio parlato a “fischi”. Lo scopo è portare a termine un complicato colpo criminale. Corneliu Porumboiu torna alla regia con un'opera avvincente e profondamente teorica.
  • Animazione

    Taiji YabushitaTaiji Yabushita e i classici della Toei Dōga

    Cannes Classics ha aperto il ricco programma col restauro de La leggenda del serpente bianco di Taiji Yabushita, primo lungometraggio animato a colori, pietra miliare e seminale per il nascente colosso Toei Dōga e per la futura industria degli anime. Una buona occasione per pubblicare un breve saggio su Yabushita e i (suoi) classici della Toei.
  • Cannes 2019

    sorry we missed you recensioneSorry We Missed You

    di Resoconto dettagliato delle condizioni di vita di un lavoratore contemporaneo, Sorry We Missed You è l’ennesimo film “necessario” di Ken Loach, forse l’unico regista per il quale l’aggettivo “didattico” ha sempre un’accezione positiva. In concorso a Cannes 2019.
  • Cannes 2019

    La leggenda del serpente bianco RecensioneLa leggenda del serpente bianco

    di Presentato in una versione restaurata a Cannes Classics, La leggenda del serpente bianco di Taiji Yabushita è il primo lungometraggio d’animazione a colori dell’allora nascente industria nipponica, tassello fondamentale per la costruzione di un impero che crescerà e muterà rapidamente tra gli anni Sessanta e Settanta.
  • Cannes 2019

    Le daim RecensioneLe daim

    di Film d'apertura della Quinzaine, Le daim di Quentin Dupieux è una spassosa riflessione sulla gratuità del cinema e sulla natura di quella perversione che chiamiamo cinefilia.
  • Festival

    Cannes 2019Cannes 2019

    Apre bene il Festival di Cannes 2019, con un titolo a suo modo perfettamente trasversale: autorialità, genere, grandi star. The Dead Don't Die, aka I morti non muoiono, è una coperta decisamente lunga, lancia il festival, dovrebbe accontentare tutti...
  • Festival

    Cannes 2019 - Minuto per minuto dalla CroisetteCannes 2019 – Minuto per minuto

    Quinlan approda sulla Croisette e arriva il momento del tradizionale appuntamento del minuto per minuto. Dalla selezione ufficiale alla Quinzaine des réalisateurs e alla Semaine de la critique, ecco a voi il Festival di Cannes 2019!
  • Festival

    Quentin Tarantino completa il concorso di CannesQuentin Tarantino completa il concorso di Cannes

    Quentin Tarantino con Once Upon a Time... in Hollywood completa il concorso di Cannes, dopo l'annuncio di alcuni giorni fa del secondo capitolo di Mektoub My Love di Abdellatif Kechiche. Una notizia che era nell'aria.
  • Notizie

    Quinzaine des réalisateurs, annunciato il programmaQuinzaine des réalisateurs, annunciato il programma

    La Quinzaine des réalisateurs, per voce del suo nuovo delegato generale Paolo Moretti, ha annunciato il programma della cinquantunesima edizione. Un parterre de roi che va da Lav Diaz a Lech Kowalski, da Takashi Miike ad Ala Eddine Slim, da Bertrand Bonello a Robert Rodriguez.
  • Festival

    Cannes svela la selezione ufficiale della 72ª edizioneCannes svela la selezione ufficiale

    Cannes, per voce del suo delegato generale Thierry Frémaux, ha annunciato i titoli che andranno a comporre la settantaduesima edizione del festival: da Jarmusch a Ken Loach, dai fratelli Dardenne a Malick e Porumboiu. Ma sarebbe sciocco e riduttivo fermarsi a soliti noti.
  • Cannes 2019

    La famosa invasione degli orsi in Sicilia RecensioneLa famosa invasione degli orsi in Sicilia

    di Presentato al Festival di Cannes, La famosa invasione degli orsi in Sicilia è un rispettoso adattamento della fiaba illustrata di Dino Buzzati, ed è anche la conferma del notevole stato di salute dell'industria animata francese.
  • In sala

    La vita invisibile di Eurídice Gusmão (2019) - Recensione | Quinlan.itLa vita invisibile di Eurídice Gusmão

    di Vincitore della sezione Un certain regard di Cannes 2019, La vita invisibile di Eurídice Gusmão di Karim Aïnouz è un melodramma carnale ed evanescente, crudo e poetico.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento