Seuls les pirates

Seuls les pirates

di

Presentato nel concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019, Seuls les pirates di Gaël Lépingle è una storia di nuove marginalità urbane, dei reietti delle periferie da demolire in nome di nuovi e mirabolanti progetti urbanistici.

Esclusiva zona residenziale

A seguito di un progetto di riqualificazione urbana, Géro sta per essere sfrattato dalla sua casa e dal suo piccolo teatro. Come se non bastasse, un giovane nipote che conosce a malapena, confessandogli di voler diventare un drammaturgo, si stabilisce nella sua casa per scrivere una pièce teatrale con lui. Per combattere la gentrificazione e l’ingiustizia sociale, con la voce roca e il passo un po’ incerto, a Géro non resterà che armarsi di tutto punto e diventare un vero e proprio pirata. [sinossi]

La gentrificazione 2.0, i nuovi mirabolanti progetti urbanistici, o cosiddetti di riqualificazione urbana, di cui si riempono la bocca amministratori cittadini e architetti, naturalmente ecosostenibili, zone residenziali con tanto verde, esclusivamente borghesi. Ma che lasciano fuori gli esclusi, i reietti, i derelitti, gli abitanti dei vecchi quartieri popolari da demolire e che costituiscono un fastidio per i progetti di rinnovamento urbano, e in qualche modo devono essere ricollocati.
È il soggetto di Seuls les pirates, secondo lungometraggio del regista francese Gaël Lépingle, presentato nel concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019 dopo l’anteprima allo scorso FID Marseille. Lépingle ha una carriera abbastanza eclettica, autore non solo di opere di fiction ma anche di documentari e pure regista teatrale. Tutto ciò confluisce in Seuls les pirates e trova la sua incarnazione nel protagonista, Géro, portatore di marginalità che il regista costruisce con ironia: teatrante senza lo strumento principale della sua arte, la voce, resa molto flebile a seguito di un tumore. Géro gestisce un piccolo teatro di periferia, che sarà spazzato via dal nuovo quartiere. Lui non ci sta e si oppone alla sua ricollocazione, ma è evidente che si tratta di una battaglia contro i mulini a vento, come quando prova a teatro una scena in costume, da spadaccini o moschettieri, che risulta goffa e buffa. Indossa quindi i panni del pirata che combatte contro la speculazione edilizia, ma si tratta solo di un travestimento teatrale patetico, in una recita di quart’ordine.

Gaël Lépingle ritrae un microcosmo umano che è l’elogio dell’imperfezione. Personaggi alla Guédiguian, della periferia della periferia, dei sobborghi urbani anonimi di una cittadina della Valle della Loira, dominati dai non luoghi, come i centri commerciali, in via di sostituzione con altri non luoghi più à la page. Personaggi diversamente belli, esentati da quell’obbligo al make up cinematografico che vuole tutti fotogenici. Tra questi spicca Géro, con quei suoi bernoccoli sulla fronte. Ma la dimensione verista del film, da documentario, si mescola con altri ingredienti. C’è il nipote biondo, giovane e bello, che vuole apprendere l’arte della scrittura, che rappresenta una sorta di Tadzio, e c’è il personaggio di Kostia, dal nome čechoviano che calzerebbe a pennello anche a Géro, uomo di bell’aspetto protagonista di una rocambolesca fuga sulla Loira con il nipote. C’è la scrittura interna, quella di Géro e del suo apprendista drammaturgo che diventa, insieme a un altro personaggio, l’io narrante, anche guardando in camera. C’è una narrazione divisa in tre parti come gli atti di un’opera teatrale. E c’è la musica di Musorgskij a imprimere una dimensione epica, alla Don Chisciotte, a questa storia di povera gente, che dà fastidio alle autorità che cercano un posto dove smaltirla.

Info
La scheda di Seuls les pirates sul sito del Sicilia Queer Filmfest.
  • Seuls-les-pirates-2018-Gaël-Lépingle-001.jpg
  • Seuls-les-pirates-2018-Gaël-Lépingle-002.jpg
  • Seuls-les-pirates-2018-Gaël-Lépingle-003.jpg
  • Seuls-les-pirates-2018-Gaël-Lépingle-004.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Sicilia Queer Filmfest 2019Sicilia Queer Filmfest 2019 – Presentazione

    Si tiene dal 30 maggio al 5 giugno, presso i Cantieri Culturali alla Zisa di Palermo, la nona edizione del Sicilia Queer Filmfest, di cui Quinlan è media-partner: da Climax di Gaspar Noé a Dulcinea di Luca Ferri, passando per la personale dedicata a Marie Losier e per l'omaggio a Serge Daney.
  • Cannes 2019

    zombi child recensioneZombi Child

    di Con Zombi Child Bertrand Bonello sembra portare avanti il percorso già intrapreso in Nocturama, legando la messa in scena dell’adolescenza con la morte e la fine della civiltà. Stavolta a occupare il cuore del discorso è il rituale voodoo.
  • Cannes 2019

    les miserables recensioneLes Misérables

    di Con Les Misérables Ladj Ly prende spunto ideale dal capolavoro letterario di Victor Hugo per cercare di raccontare il conflitto nella Francia di oggi. Un’ambizione non di poco conto, cui fa da contrappasso una messa in scena che non sa rinunciare alla retorica ma viene in parte scardinata da un finale aggressivo e barricadero. In concorso al Festival di Cannes.
  • Roma 2017

    Hostages

    di Il tentato dirottamento di un aereo in Georgia nel 1983, attraverso il quale sette giovani dell'élite del paese tentarono la fuga in Occidente, viene raccontato in Hostages in modo desolatamente maldestro. Alla Festa del Cinema di Roma.
  • Festival Scope

    Where Do You Stand Now, João Pedro Rodrigues?

    di Where Do You Stand Now, João Pedro Rodrigues? è un cortometraggio con elementi autobiografici del regista portoghese, e un concentrato delle sue tematiche. Disponibile online su Festival Scope fino al 30 luglio.
  • Queer 2017

    Le concours

    di Presentato al Sicilia Queer Filmfest 2017, Le concours è un documentario di Claire Simon sulle ammissioni alla più prestigiosa scuola di cinema parigina, la Fémis.
  • Interviste

    Intervista a Bertrand BonelloIntervista a Bertrand Bonello

    Rappresenta il caso dello scorso anno: Nocturama di Bertrand Bonello, film scomodo per il tema trattato, il terrorismo. Dopo il rifiuto di Cannes, è stato presentato a vari festival tra cui Rotterdam. Abbiamo incontrato Bonello in questa occasione.
  • Archivio

    Il responsabile delle risorse umane

    di L'israeliano Eran Riklis con Il responsabile delle risorse umane mette in scena un viaggio alla scoperta dell'umanità del protagonista e dei suoi surreali compagni di strada.
  • Queer 2019

    Lembro mais dos corvos RecensioneLembro mais dos corvos

    di Presentato nel concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019, Lembro mais dos corvos del filmmaker brasiliano Gustavo Vinagre è il ritratto di una transessuale, della sua vita, delle sue scelte e delle sue difficoltà, dove l'amore per il cinema gioca un ruolo fondamentale.
  • Festival

    Sicilia Queer Filmfest 2019Sicilia Queer Filmfest 2019

    Dal 30 maggio al 5 giugno a Palermo, il Sicilia Queer Filmfest 2019: da Climax di Gaspar Noé a Dulcinea di Luca Ferri, passando per la personale dedicata a Marie Losier e per l'omaggio a Serge Daney...
  • Locarno 2019

    Douze Mille RecensioneDouze Mille

    di In concorso al 72 Locarno Film Festival, Douze Mille è l’esordio al lungometraggio di finzione di Nadège Trebal, una storia d’amore e soldi di ambientazione proletaria dove il realismo sociale alla Guédiguian si abbina a un surrealismo danzato, vagamente alla Demy. Non sempre l’amalgama funziona alla perfezione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento