Fantafestival 2019

Fantafestival 2019

Dal 10 al 16 giugno a Roma, il Fantafestival 2019: dall’omaggio a Pupi Avati al cinema di Jack Sholder, passando per l’horror radicale tedesco, le anteprime e i cortometraggi. Quinlan è media-partner della kermesse.

Si è aperto in realtà già il 3 giugno alla Casa del Cinema, il Fantafestival 2019. Si è aperto con la conferenza stampa, anticipata però dalla proiezione in 35mm di Zeder, stordente meraviglia partorita nel 1983 da Pupi Avati. Un assaggio di quel che proporrà la trentanovesima edizione della kermesse capitolina, visto che la produzione fantastica di Avati verrà omaggiata con le proiezioni de L’amico d’infanzia e L’arcano incantatore, ma anche con le sceneggiature e le produzioni del regista bolognese, testimoniate dai recuperi (sempre rigorosamente in pellicola: un dettaglio da non sottostimare, di questi tempi) di Macabro di Lamberto Bava e La stanza accanto di Fabrizio Laurenti – prima o poi qualcuno penserà a recuperare il fluviale Voci notturne, progetto televisivo che Laurenti diresse sempre partendo da uno script di Avati?
Riparte da Avati dunque il Fantafestival. Riparte con una nuova direzione, affidata a Michele De Angelis e Simone Starace, già a capo delle edizioni home video Shockproof, e con l’idea di tornare a ragionare sulle basi su cui poggia le fondamenta, gli anni in cui il festival partecipava in maniera attiva al dibattito culturale europeo sul genere, dialogando con realtà quali Sitges e Bruxelles. Non deve dunque sorprendere che l’edizione 2019 del festival guardi con tanta insistenza al passato, cercando di riannodare i fili con la propria storia e con lo sviluppo dell’immaginario di genere degli ultimi decenni.

Oltre ad Avati il cuore pulsante dell’edizione numero 39 è infatti l’omaggio a Jack Sholder, un nome pressoché dimenticato anche da molti addetti ai lavori, ma che oltre a dirigere Nightmare 2 – La rivincita (e potrebbe essere questa l’occasione per riscoprire un titolo spurio della saga, e per questo osteggiato dai fan ben oltre i suoi reali “demeriti”) pose la firma in calce a due piccoli e preziosi oggetti di culto quali Alone in the Dark e The Hidden, distribuiti anche in Italia come Nel buio da soli e L’alieno. [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale del Fantafestival 2019.

Articoli correlati

  • Fantafestival 2019

    L'arcano incantatore recensioneL’arcano incantatore

    di L'arcano incantatore segna il ritorno di Pupi Avati nei territori del fantastico a tredici anni di distanza da Zeder. Un'opera che mette in scena l'esoterismo ragionando una volta di più sul concetto di colpa, e di esplorazione del misterico.
  • Festival

    Fantafestival 2019Fantafestival 2019 – Presentazione

    Si svolgerà a Roma dal 10 al 16 giugno la trentanovesima edizione del Fantafestival, storico appuntamento per gli appassionati del fantastico. Un'edizione che segna anche un nuovo punto di svolta per la kermesse, da quest'anno affidata alle cure di Michele De Angelis e Simone Starace.
  • Venezia 2018

    Charlie Says RecensioneCharlie Says

    di Charlie Says è il racconto della Manson Family secondo lo sguardo, qui meno a fuoco che altrove, di Mary Harron. Un racconto un po' sbiadito e di maniera, seppur non privo di qualche passaggio interessante. In Orizzonti alla Mostra di Venezia.
  • Cannes 2018

    Un couteau dans le coeur RecensioneUn couteau dans le coeur

    di Teorico, derivativo e assai ripetitivo, Un couteau dans le coeur di Yann Gonzalez a tratti diverte con le sue brillanti trovate, ma resta evidente il suo status di operazione. In concorso a Cannes 2018.
  • Buone feste!

    Zeder

    di Il meglio della sua filmografia Pupi Avati l'ha dato nella messa in scena del deforme e dell'horror. Prova ne è Zeder, che immerge Lovecraft nella bassa padana...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento