Pesaro 2019

Pesaro 2019

Dal 15 al 22 giugno Pesaro 2019, cinquantacinquesima edizione del festival marchigiano: dall’omaggio a Lee Anne Schmitt al cinema di genere italiano, passando per Alberto Grifi, Satellite e ovviamente il concorso internazionale. Quinlan è media-partner della kermesse.

Arrivata alla 55a edizione, la Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro si svolgerà nella città marchigiana dal 15 al 22 giugno, sotto la direzione artistica di Pedro Armocida. Saranno sette le opere presentate in concorso, prese in esame da due giurie, una di studenti e l’altra composta da personalità quali Olimpia Carlisi, Amir Naderi, Andrea Sartoretti. Dal Giappone Kamagasaki Cauldron War (2018) di Leo Sato, film ambientato in uno slum, girato in 16mm con una lavorazione durata cinque anni; dal Cile Nona. Si me mojan, yo los quemo (2019) di Camila José Donoso, ritratto di un’anziana donna alle prese con gli incendi boschivi; dall’India That Cloud Never Left (2019) di Yashaswini Raghunandan, racconto fiabesco della vita di un villaggio sconvolta dalla luna che vira al rosso; da Singapore Demons (2018) di Daniel Hui, già passato alla Berlinale; dal Brasile Bring Me The Head Of Carmen M. (2019) di Felipe Bragança e Catarina Wallenstein, incentrato su un’attrice portoghese che deve interpretare la leggendaria Carmen Miranda; dalla Spagna Inland/Meseta (2019) di Juan Palacios, documentario contemplativo sul mondo rurale; e infine Square (2018) dell’artista polacca Karolina Bregula che indaga i segreti della comunità di una piccola cittadina taiwanese. Come ogni anno la sezione Satellite propone una selezione di cinema d’avanguardia italiano. Quest’anno i titoli proposti sono tra gli altri Watna di Lorenzo Casali e Micol Roubini, Giacomo Laser e il demone di Giacomo Laser, Non c’è nessuna dark side di Erik Negro, Variazioni luminose nei cieli della città di Giuseppe Spina. Al cinema di genere italiano, dai suoi autori più di culto come Leone, Argento, Di Leo, Fulci fino ai nuovi come Mainetti o i Manetti, è dedicata una retrospettiva, con proiezioni in 35mm, per i film girati in pellicola, nel Cinema in spiaggia. Una personale completa, curata da Rinaldo Censi, è invece dedicata a Lee Anne Schmitt, la filmmaker che lavora con i suoi ‘essay film’ nei territori di intersezione tra fiction e documentario, tra paesaggi e storia americana, come in Purge This Land (2017) sull’eredità del leader abolizionista John Brown, The Last Buffalo Hunt (2011) sugli ultimi cowboy e la caccia al bisonte, California Company Town (2008) sul declino industriale, The Farnsworth Score (2017), composizione meditativa di immagini e musica, natura e architettura, con la collaborazione del compositore Rob Mazurek. [continua a leggere]

Info
Il sito di Pesaro 2019.

Articoli correlati

  • Pesaro 2019

    That Cloud Never Left RecensioneThat Cloud Never Left

    di Presentato in concorso alla 55a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, That Cloud Never Left di Yashaswini Raghunandan è un film teorico, ambientato in un remoto villaggio del Bengala Occidentale, che diventa il ricettacolo ultimo del cinema e luogo della sua scomposizione in materia e luce.
  • Pesaro 2019

    The Kamagasaki Cauldron War

    di Presentato in concorso alla 55a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, The Kamagasaki Cauldron War di Leo Sato è il tentativo, riuscito, di riportare in luce quello spirito di contestazione e quel crudo realismo sociale proprio dei registi della Nuberu bagu come Oshima e Imamura.
  • Pesaro 2019

    Tragam-me a Cabeça de Carmen M. RecensioneTragam-me a Cabeça de Carmen M.

    di , Presentato in concorso alla 55a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, dopo l'anteprima all'IFFR 2019, Tragam-me a Cabeça de Carmen M. di Felipe Bragança e Catarina Wallenstein ripercorre il percorso di vita dell'icona Carmen Miranda.
  • Notizie

    pesaro 2019 presentazionePesaro 2019 – Presentazione

    Pesaro 2019 segna la cinquantacinquesima edizione del festival marchigiano. Tra passato e presente, tra la difesa della pellicola e le opere selezionate in concorso, con uno sguardo retrospettivo al genere e un omaggio ad Alberto Grifi.
  • Berlinale 2019

    Demons RecensioneDemons

    di Presentato al Forum della Berlinale 2019, Demons del filmmaker di Singapore Daniel Hui rappresenta un cinema sperimentale che si tinge di B-movie horror per dare espressione alle inquietudini politiche e sociali della città-Stato.
  • Venezia 2016

    Indivisibili

    di Tra nani, ballerine, variopinte meretrici e due gemelle siamesi, Indivisibili di Edoardo De Angelis ha facile presa sulla curiosità dello spettatore, ma non sviluppa la storia né i personaggi e resta il contenitore, seppur seducente, di una serie di attrazioni da freak show.
  • Archivio

    Lo chiamavano Jeeg Robot RecensioneLo chiamavano Jeeg Robot

    di L'esordio di Gabriele Mainetti ha rappresentato l'unica autentica sorpresa della decima edizione della Festa del Cinema di Roma: un film supereroistico che, con (auto)ironia, mostra una possibile via nostrana al genere.
  • Locarno 2015

    Chant d’hiver

    di L’ultima fatica del grande cineasta georgiano naturalizzato francese Otar Iosseliani, presentata in concorso al 68° Festival di Locarno. Chant d'hiver è un’opera di grande lievità e dal gusto spiccatamente grottesco cui il regista ci ha abituati.
  • DVD

    Sette note in nero RecensioneSette note in nero

    di Sinister Film e CG Home Video ripropongono in dvd il famoso e apprezzato thriller di Lucio Fulci. Uno dei suoi film migliori, raffinatissimo, teso e avvincente, sorretto da un'enorme consapevolezza teorica sul mezzo-cinema e da non banali riflessioni metafilmiche.
  • Archivio

    Song'e Napule RecensioneSong’e Napule

    di , Il divertente e riuscito omaggio al poliziottesco firmato dai Manetti Bros., dopo essere stato presentato al Festival di Roma, approda in sala...
  • Pesaro 2019

    Inland / Meseta recensioneInland / Meseta

    di Film vincitore a Pesaro, Inland / Meseta del regista basco Juan Palacios racconta di un mondo in via d'estinzione, la vita rurale nell'altopiano iberico, rifuggendo qualsiasi tono elegiaco per arrivare a una riflessione sulle immagini e il loro potere evocativo.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento