Uscite in sala 01 agosto 2019

Uscite in sala 01 agosto 2019

Il cosiddetto “Moviement” continua a far uscire un buon numero di film in sala, nonostante l’arrivo del mese più critico, quello in cui anche i più timorati amanti della casa vedono di buon occhio la fuga in mare o montagna. Questa settimana al buio della sala gli spettatori potranno però imbattersi in due titoli molto interessanti, Nevermind di Eros Puglielli (già visto lo scorso ottobre a Roma in Alice nella Città) e Tesnota, sorprendente esordio del russo Kantemir Balagov che spiazzò prima a Cannes e poi, per l’Italia, al Torino Film Festival.

TESNOTA
di Kantemir Balagov

Movies Inspired è una delle realtà distributive che più di tutte sta sfruttando al meglio la stagione lunga, resa ininterrotta da Moviement. Ed ecco dunque che in sala può arrivare l’ottimo esordio del russo Kantemir Balagov, radicale sprofondamento in una famiglia e in una comunità ristretta che devono fronteggiare il rapimento di una giovanissima coppia di promessi sposi. Politico e amarissimo sguardo sulla Russia di fine anni Novanta Tesnota (noto a livello internazionale anche con il titolo inglese Closeness) è un’opera prima sorprendente. Peccato che il secondo film diretto da Balagov, Dylda/Beanpole – presentato sulla Croisette quest’anno – non abbia mantenuto le attese…

1998, Nalchik, Caucaso del Nord, Russia. La ventiquattrenne Ilana lavora nel garage di suo padre per aiutarlo a sbarcare il lunario. Una sera, la sua famiglia e gli amici si riuniscono per festeggiare il fidanzamento del fratello minore, David. Più tardi nella notte, la giovane coppia viene rapita e segue una richiesta di riscatto. Per questa compatta enclave ebraica coinvolgere la polizia è fuori discussione. Come farà la famiglia a procurarsi i soldi per salvare David? Ciascuno a modo suo, Ilana e i genitori non si tireranno indietro, quali che siano i rischi cui andranno incontro… [sinossi]

NEVERMIND
di Eros Puglielli

Girato prima di Copperman, che pure ha avuto in sorte di essere distribuito più celermente, Nevermind certifica il ritorno sulle scene di uno dei registi più brillanti e meno “conformi” alle regole del cinema italiano degli ultimi venticinque anni. Grottesco, crudele, divertentissimo e in grado di giocare con le aspettative dello spettatore, Nevermind è un film a episodi che in una nazione seria diventerebbe in quattro e quattr’otto oggetto di culto. La speranza è l’ultima a morire…

Nevermind è un film ad episodi. In ogni episodio vediamo personaggi comuni costretti a subire situazioni ed eventi estremamente inquietanti, sconcertanti e paradossali, spesso anche difficili da decodificare. Si tratta di situazioni che a volte sembrano incredibili ma che comunque… Possono accadere.Per quanto i fatti narrati in questo film possano sembrare a prima vista estremi, folli e improbabili, lo spettatore li troverà estremamente familiari e catartici perché in realtà esplorano i lati oscuri, scomodi e inconfessabili che si annidano nel nostro quotidiano e nelle nostre menti.Gli episodi sono collegati tra loro narrativamente attraverso una sorta di passaggio di testimone mediante il quale un personaggio secondario di un episodio diventa protagonista di quello successivo. [sinossi]

HOTEL ARTEMIS
di Drew Pearce

Gioca tanto il film di Drew Pearce. Anzi, a dirla proprio tutta, gioca troppo. Non si prende mai sul serio, e quando disgraziatamente sembra farlo si percepisce il vuoto che si agita al di sotto della superficie. Certo, c’è modo di godere dell’interpretazione di Jodie Foster e certo, si è sicuramente visto di peggio, ma con dei personaggi così privi di spessore davanti agli occhi si finisce ben presto per sbadigliare rumorosamente. Peccato.

Nel 2028, mentre Los Angeles è ormai in preda ad una violenta rivolta, un trafficante d’armi, un assassino francese, dei ladri e un poliziotto ferito si fanno strada verso l’Hotel Artemis, un ospedale privato per soli criminali. [sinossi]

ISABELLE – L’ULTIMA EVOCAZIONE
di Robert Heydon

Non c’è nulla che possa sorprendere lo spettatore anche solo vagamente avvezzo all’orrore in questo film diretto da Robert Heydon. E c’è ancora meno materiale che possa indurre allo spavento. Tutto prevedibile, tutto già visto, tutto perfettamente normale. Però per una serata armati di pop corn e senza alcuna velleità può andare bene.

Larissa e Matt Kane sono una coppia abbiente e felice, lui è un avvocato di successo e lei è prossima al parto del primo figlio. Si trasferiscono in una casa spaziosa, una villa in un quartiere residenziale, ma ignorano chi sia la loro vicina. La ragazza della porta accanto infatti li osserva inquietante dalla finestra del piano di sopra, la sua presenza mortifera e silenziosa si manifesta la prima volta quando Larissa accusa fitte di dolore alla pancia. Il figlio nascerà senza vita, inoltre la donna passerà attraverso un minuto di morte clinica. La difficilissima elaborazione del lutto e l’aver toccato l’aldilà fanno di lei la preda perfetta per la sinistra vicina, che inizia a influenzare Larissa in modo sempre più pressante. [sinossi]

Questa settimana escono anche Una famiglia al tappeto (2019) di Stephen Merchant, Dolcissime (2019) di Francesco Ghiaccio, Sangue nella bocca (2017) di Hernàn Belòn.

Info
Il sito ufficiale di Hotel Artemis.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in sala 15 agosto 2019

    A Ferragosto non si fermano le uscite in sala (ma un po' rallentano, anche perché le grandi città tendono a spopolarsi). Ecco dunque arrivare i giganteschi alligatori di Crawl, la gotica magione di The Nest, lo pseudo-CR7 di Diamantino, lo sci-fi thriller Kin. Troveranno un pubblico?

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento