The Nest

The Nest

di

Prodotto per certi versi interessante, testimonianza dell’attenzione dell’esordiente Roberto De Feo a un target potenzialmente internazionale, The Nest (Il nido) si regge tuttavia su basi fragili, costruendo un “gioco” filmico di cui si intuiscono facilmente gli sviluppi.

Radici oscure sotto il nido

Samuel, 14 anni e un infortunio alle spalle che lo costringe sulla sedia a rotelle, vive con sua madre, in totale isolamento, nella lussuosa residenza di Villa dei Laghi. La donna educa il figlio con rigidità quasi militare, vietandogli qualsiasi contatto – anche indiretto – col mondo esterno; ma l’arrivo nella casa dell’adolescente Denise, figlia di un amico di famiglia, cambierà radicalmente le cose… [sinossi]

Non si può non guardare con interesse, in certa misura anche con simpatia, a un esperimento come quello di The Nest (Il nido). L’esordio nel lungometraggio di Roberto De Feo, infatti, sembra voler proporre un diverso modello di cinema di genere nazionale, in cui alla messa in evidenza della “memoria storica” (e al tributo obbligatorio ai numi tutelari di alcuni decenni fa) si sostituisca la ricerca di una via originale al filone thriller-horror, più moderna e contemporaneamente più orientata alle platee internazionali. I riferimenti dell’esordio di De Feo sono chiari, e sono indubbiamente sotto gli occhi di tutti: la magnetica residenza di Villa dei Laghi, infatti – location quanto mai adeguata per il tipo di storia narrata – rimanda al gotico letterario prima che cinematografico, con echi soprattutto della recente serie televisiva Hill House; la trama del film, per com’è presentata, mostra qualche reminiscenza di classici moderni quali The Others di Alejandro Amenabar e The Village di M. Night Shyamalan. Quello di cui De Feo, soprattutto, sembra essere ben consapevole, è che la ricerca della classicità sotto una nuova veste (e il successo della serie prodotta da Netflix ne è prova) può essere tuttora una scelta vincente.

Questa classicità rivestita da un guscio moderno, e maggiormente orientata al gusto internazionale, The Nest (Il nido) la persegue fin dalle sue prime scene, da quei lunghi piani sequenza tra le stanze e i corridoi della villa in cui il film è ambientato, e dalla sequenza del prologo in cui veniamo edotti delle ragioni della disabilità del protagonista e della morte di suo padre (un tentativo di fuga finito male). Il film, in questo senso, sembra voler giocare a carte scoperte, prendendosi anche i rischi di questa scelta: piuttosto che andare a incrinare gradualmente una quotidianità magari particolare ma comunque rassicurante, la sceneggiatura ci mostra da subito la vita del protagonista per quella che di fatto è: un’esistenza da recluso, sotto il giogo di una donna che è più carceriera che madre, aiutata dalla complicità di un medico che appare per metà il mad doctor di tanto cinema horror, per l’altra una nuova versione di Mengele. La tensione narrativa, fin da subito – e ancor più con l’arrivo nella residenza del personaggio di Denise – si incentra sul mistero celato dietro l’ossessione della donna, e sui motivi che l’hanno portata a creare questo dorato carcere per suo figlio (e per se stessa). Incentrandosi sul perché piuttosto che sul cosa, il film non ha paura a essere anche, in alcuni passaggi, piuttosto esplicito nella mostra della follia che si annida nel “nido” del titolo.

Interessante nella sua scelta di mescolare una rilettura moderna del gotico con le tematiche familiari, a tratti molto inquietante nella sua esplicita descrizione delle deviazioni e dei tratti disturbati (e disturbanti) che caratterizzano gli occupanti della casa, The Nest (Il nido) soffre tuttavia di un’intrinseca fragilità nella sua concezione e nei suoi sviluppi. Il “gioco” della sceneggiatura, che sceglie di accumulare tensione nell’attesa dello scioglimento del mistero intorno alla villa (e di quello della follia della donna) si rivela esile e pretestuoso; i suoi sviluppi sono facilmente intuibili già a metà circa della durata del film. Il pubblico del cinema di genere – sempre più contaminato con quello delle moderne serie televisive – si è fatto ormai più competente e smaliziato; in questo senso, una costruzione come quella della sceneggiatura del film di De Feo mostra, inevitabilmente, i piedi d’argilla. Proprio l’aver scelto di incentrare l’intera costruzione narrativa sul mistero che circonda Villa dei Laghi, insieme agli indizi forse disseminati in modo un po’ troppo generoso all’interno del plot, rende fiacco e deludente lo scioglimento finale del mistero. Ci si rende insomma conto, al termine della visione del film di De Feo, di aver assistito a un prodotto di genere per certi versi ben assemblato, ma dal carattere un po’ pretestuoso e inevitabilmente fragile.

Sorta di “giocattolo” thriller-horror che alla sua conclusione si rivela pienamente come tale, divertissement rivestito di stile e gusto visivo, e con qualche buona idea, The Nest (Il nido) non si può dire esattamente un esordio riuscito, proprio per l’esilità delle sue premesse e il modo un po’ ingenuo di svilupparle. Possiamo perdonare al film alcune forzature (comprensibili anche in virtù di ciò che emerge nel finale) e una gestione forse un po’ ardita delle ellissi narrative, e più in generale dell’elemento temporale; tuttavia, a non convincere è proprio la scelta di dove indirizzare la tensione narrativa, e il modo in cui infine questa viene sciolta. Resta curioso, in questo senso, che proprio la consapevolezza mostrata dal regista nel selezionare il suo target (il moderno pubblico internazionale dell’horror, e quello della serialità televisiva) non tenga poi conto della raggiunta competenza di tale target, e della necessità di un surplus di attenzione nel modo di avvincerlo. Una contraddizione – o meglio, una mancata consapevolezza – che è forse la ragione principale della non totale riuscita del film di De Feo.

Info
Il trailer di The Nest.

  • The-Nest-2019-Roberto-De-Feo-001.jpg
  • The-Nest-2019-Roberto-De-Feo-002.jpg
  • The-Nest-2019-Roberto-De-Feo-003.jpg
  • The-Nest-2019-Roberto-De-Feo-004.jpg
  • The-Nest-2019-Roberto-De-Feo-005.jpg

Articoli correlati

  • AltreVisioni

    voci notturne recensioneVoci notturne

    di Chi ha ancora memoria di Voci notturne? Trasmessa frettolosamente da Rai 1 nel 1995 questa miniserie diretta da Fabrizio Laurenti è presto finita nel dimenticatoio. Peccato, perché la sceneggiatura di Pupi Avati dimostrava coraggio e intelligenza nel cercare traiettorie inusuali al paranormale.
  • In sala

    L'ultima ora RecensioneL’ultima ora

    di Onirico, inquietante, complesso quanto suggestivo, L’ultima ora è un lavoro attraverso il quale Sébastian Marnier fa una trattazione sull’adolescenza e sul rapporto di questa col mondo adulto, sotto forma di thriller psicologico.
  • Buone feste!

    la casa recensioneLa casa

    di Evil Dead, conosciuto in Italia come La casa, non è solo uno degli horror più significativi della sua epoca, ma rappresenta anche il sogno di ogni cineasta indipendente alle prime armi, quello di creare con nulla il proprio immaginario.
  • AltreVisioni

    stellastrega recensioneStellaStrega

    di C'era una volta Alienween... StellaStrega è la versione ricucita e rivestita del gioiellino sci-fi/horror di Federico Sfascia, che si diverte a "sfasciare" (nomen omen) la sua stessa creatura per ribaltarne il senso. O forse no. Il film viene presentato in anteprima a Bologna il 5 novembre.
  • Cult

    Sotto il vestito niente RecensioneSotto il vestito niente

    di Al crocevia tra il cinema di De Palma, il giallo italiano di lunga tradizione e uno sguardo rapidamente sociologico, Sotto il vestito niente di Carlo Vanzina si riconferma oggi tra le opere migliori dell'autore romano, prematuramente scomparso pochi giorni fa.
  • DVD

    Le cinque chiavi del terroreLe cinque chiavi del terrore

    di Fantastico morale, natura e cultura, cabala e lettura dei tarocchi. Le cinque chiavi del terrore di Freddie Francis sposa un'idea di horror minimale ed elementare, che comprende in sé ironia beffarda e sberleffo ai limiti della razionalità umana. In dvd e blu-ray per Pulp Video e CG.
  • Blu-ray

    L'armata delle tenebre RecensioneL’armata delle tenebre

    di Un cofanetto con sette dischi, un libro e il Necronomicon. Fluorescente. Le versioni International, Director's Cut e Theatrical. Ore di contenuti speciali. I commenti di ieri e di oggi di Sam Raimi, Ivan Raimi, Bruce Campbell, Greg Nicotero. È l'edizione speciale 25° anniversario de L'armata delle tenebre, targata Midnight Factory.
  • Roma 2017

    The End? L'inferno fuori RecensioneThe End? L’inferno fuori

    di Esordio nel lungometraggio del regista Daniele Misischia, prima puntata della nuova avventura produttiva dei Manetti Bros., In un giorno la fine rilegge lo zombie movie da un’ottica nostrana.
  • Cult

    Dark Waters

    di L'horror cult diretto nel 1993 dal napoletano Mariano Baino è ancora pressoché sconosciuto. Riscoprirlo a oltre venti anni dalla sua realizzazione permette di coglierne l'assoluta unicità, anche nel rispetto dei canoni del genere.
  • Interviste

    Intervista a Lorenzo Bianchini

    A ridosso della proiezione di Oltre il guado all'interno del Fantafestival, prevista per il 18 luglio, abbiamo incontrato Lorenzo Bianchini per parlare dei suoi film, del cinema horror, di Friuli e di molto altro...
  • In sala

    Surrounded

    di , Surrounded, l'home invasion diretto dagli esordienti Laura Girolami e Federico Patrizi. Una buona costruzione dell'atmosfera viene svilita da una sceneggiatura povera di spunti.
  • Interviste

    I Manetti Bros: sul sentirsi liberi

    Terza parte dell’intervista con i Manetti Bros.: da due loro film poco conosciuti, Torino Boys e Cavie, alla divisione del lavoro fino alla libertà di accettare delle commissioni apparentemente lontanissime, come Rex e un documentario sull'omosessualità in Sicilia.
  • Archivio

    Paura 3D

    di , Senza mai lasciarsi assuefare dal demone della parodia e dello scherzo, i fratelli Manetti disseminano Paura 3D di un’ironia crudele, perfino ambigua in alcuni momenti, capace di deflagrare quando meno ce lo si aspetta.
  • Archivio

    L'arrivo di Wang RecensioneL’arrivo di Wang

    di , Divertente gioco cinefilo a tratti rischiosamente in bilico sul crinale che divide l'ingegno dalla sterilità, L'arrivo di Wang è un prodotto medio di quelli che in Italia nessuno sembra più interessato a portare a termine.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento