Bombay Rose

Bombay Rose

di

Dopo i pluripremiati cortometraggi Printed Rainbow (2006) e TrueLoveStory (2014), la talentuosa artista indiana Gitanjali Rao realizza il suo primo lungometraggio, Bombay Rose, presentato alla Settimana Internazionale della Critica 2019. Un’opera prima che riprende e amplia le suggestioni narrative di TrueLoveStory e che conferma l’efficacia di uno stile pittorico dai cromatismi debordanti. Un realismo colorato, sognante, poetico e politico.

Rewa

Nella grande città si lotta per la sopravvivenza e una rosa rossa unisce tre storie di amori impossibili. L’amore fra una ragazza irraggiungibile e un ragazzo. L’amore fra due donne. L’amore di un’intera città per le sue star di Bollywood… [sinossi – sicvenezia.it]

È significativa l’apertura della Settimana Internazionale della Critica 2019. Non è solo un buon film Bombay Rose, è soprattutto un’opera prima in grado di smussare le carenze del budget e di arginare le genetiche difficoltà produttive del cinema d’animazione. Servono soldi, ma sono ancor più utili idee e talento. Al di là dello stratificato contenuto e della costruzione narrativa, il lungometraggio di Gitanjali Rao può contare su una composizione cromatica a tratti abbacinante. Preziosismi estetici che emergono con forza da un’animazione inevitabilmente limitata. Un piccolo film destinato a faticare per raggiungere una meritata visibilità, ma che potrà sicuramente contare sul circuito festivaliero.

Novantatré minuti densissimi. C’è un po’ di tutto in Bombay Rose, film sulla strada e per la strada, pieno di gente, di persone comuni, di piccole storie che si intrecciano. C’è anche Bollywood, il sogno, la chimera di una vita migliore. La fuga dalla realtà e anche il tentativo di una fuga vera. Il flusso narrativo-pittorico procede senza sosta, dai villain e dagli eroi di celluloide di Pyaar Ka Fasaana al fantasy sognante e coloratissimo, dai fiori rubati e regalati a un delicato amore lesbico, dai giocattoli che tornano a funzionare all’emancipazione femminile. Melodramma e realismo tratteggiati da un’animazione pittorica, distante anni luce da qualsiasi logica commerciale.

Bombay Rose e le scelte tecnico-estetiche di Gitanjali Rao sono un altro tassello di quella animazione autoriale/sperimentale che non conosce confini e che deve quotidianamente lottare per la propria sopravvivenza. Difficile non pensare ad Aleksandr Petrov, agli artisti del National Film Board of Canada, ma anche alle recenti scelte grafiche di alcuni registi transalpini, come Jean-François Laguionie (La tela animata) e Sébastien Laudenbach (La jeune fille sans mains).
La libertà grafico-narrativa di Bombay Rose è inscritta nel suo DNA, nella pittura su vetro come punto di partenza. La trasformazione delle forme e della narrazione sono la logica conseguenza di questa scelta tecnica e stilistica, come la compenetrazione tra sogno e realtà. Per raccontare i vicoli di Bombay serve anche Bollywood, servono fiumane di colori, una sovrabbondanza che non diventa mai caos e che restituisce in egual modo speranza e disperazione, fiamme e ombre.

Bombay Rose non può vantare la fluidità delle opere di Petrov, come non può avere i mezzi tecnici ed economici degli animatori del NFB. Come per i pregi, infatti, anche i limiti sono evidenti. Gitanjali Rao trova comunque una sua personale declinazione dell’animazione, una sorta di limited animation pittorica. Anche per questo, il film cresce tavola dopo tavola, sequenza dopo sequenza, come se l’accumulo cromatico riuscisse a mascherare o cancellare i passaggi più zoppicanti. In questo senso, l’animazione di Bombay Rose sembra quasi ipnotica, seduttiva.
Nel suo mescolare e intrecciare, il film di Gitanjali Rao pesca a piene mani dell’iconografia indiana, dal cinema e dalla musica, con la canzone del fiume Rewa che scandisce il crescendo emotivo e narrativo, fino all’inatteso e calzante utilizzo di Cucurrucucú paloma di Caetano Veloso. Come per i colori, tutto finisce per fondersi in un più che apprezzabile tutt’uno, un quadro pulsante, vitale: limiti e pregi, passato e presente, sogno e incubo, leggende e quotidianità. Alla fine, il Rewa scorre anche nei nostri occhi.

PS: in tema di animazione e Settimane, vale la pena ricordare l’ottimo J’ai perdu mon corps di Jérémy Clapin, presentato e premiato alla Semaine de la Critique 2019. SIC e Semaine si confermano luoghi privilegiati per la ricerca di nuovi autori, titoli, tendenze. Anche per l’animazione. Avanti così.
Info
Bombay Rose sul sito della SIC.

  • bombay-rose-2019-gitanjali-rao-recensione-03.jpg
  • bombay-rose-2019-gitanjali-rao-recensione-02.jpg
  • bombay-rose-2019-gitanjali-rao-recensione-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2019Venezia 2019

    La Mostra del Cinema di Venezia 2019, edizione numero settantasei del festival, risponde alla tonitruante edizione di Cannes con (tra gli altri) Hirokazu Kore-eda, Roman Polanski, James Gray, Pablo Larraín, Steven Soderbergh, Olivier Assayas...
  • Festival

    venezia 2019 minuto per minutoVenezia 2019 – Minuto per minuto

    Dal primo all'ultimo giorno della Mostra di Venezia 2019, tra proiezioni stampa, code, film, sale, accreditati, colpi di fulmine e delusioni: ecco il Minuto per minuto, cronaca festivaliera dal Lido con aggiornamenti quotidiani, a qualsiasi ora del giorno. Più o meno...
  • Venezia 2019

    Settimana della Critica 2019, svelato il programmaSettimana della Critica 2019 – Presentazione

    Ha inizio il secondo triennio sotto l'egida del delegato generale Giona Nazzaro, e il programma della Settimana della Critica 2019 viene presentato come d'abitudine alla Casa del Cinema. Alla scoperta degli autori di "domani" ma con uno sguardo sempre proteso sull'oggi.
  • Ca' Foscari 2018

    Intervista a Gitanjali RaoIntervista a Gitanjali Rao

    Gitanjali Rao è un'animatrice indiana che ha già collezionato una gran quantità di premi, 28 per la precisione, pur ancora con solo una manciata di film all'attivo. L'abbiamo incontrata a Venezia durante il Ca’ Foscari Short Film Festival 2018 che le ha dedicato un programma speciale.
  • Ca' Foscari 2018

    Il 'meraviglioso' mondo di Gitanjali Rao - Ca' Foscari 2018Il ‘meraviglioso’ mondo di Gitanjali Rao

    Siamo entrati nel suo mondo di Gitanjali Rao, sospeso tra il fiabesco e il realismo sociale, grazie al Ca’ Foscari Short Film Festival 2018 che le ha dedicato un focus.
  • Venezia 2019

    Parthenon recensioneParthenon

    di Opera che fa del vortice visivo il suo punto di partenza – e forse d’arrivo – Parthenon è l’esordio alla regia del lituano Mantas Kvedaravičius. Un viaggio visionario che ricerca nei luoghi bui, nel chiuso delle stanze, il dolore e la memoria, attraverso una rigorosa messa in scena del corpo.
  • Venezia 2019

    Rare Beasts recensioneRare Beasts

    di Rare Beasts è il film con cui esordisce alla regia Billie Piper, attrice britannica che da ragazzina sbancò le classifiche pop con il singolo Because We Want To. Piper si dirige verso la commedia sentimentale, salvo mandarla al macello con un utilizzo spiazzante dell’ironia. Alla Settimana della Critica.
  • Venezia 2019

    scales recensioneScales

    di Scales è il primo lungometraggio della trentenne regista saudita Shahad Ameen, che mette in scena una fiaba ricorrendo al racconto mitico. Un'opera prima che appare più come un saggio sulle potenzialità della giovane cineasta. Ma non servono anche a questo gli esordi?
  • Venezia 2019

    tony driver recensioneTony Driver

    di Con Tony Driver l'esordiente Ascanio Petrini racconta l'incredibile storia di Pasquale Donatone, emigrato negli Stati Uniti a nove anni e dagli States espulso quarant'anni più tardi per trasporto di migranti illegali attraverso il confine con il Messico. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Venezia 2019

    No. 7 Cherry Lane RecensioneNo. 7 Cherry Lane

    di Prima sortita di Yonfan nell’animazione, No.7 Cherry Lane è un film affascinante ed estenuante, programmaticamente prolisso, ricco di slanci creativi ed evidenti limiti grafici. In concorso a Venezia 2019.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento