Doclisboa 2019 – Presentazione

Doclisboa 2019 – Presentazione

Annunciato il programma completo di Doclisboa 2019, una delle più ricche manifestazioni di documentari, e non solo, arrivata all’edizione numero 17, che si terrà, presso la sede centrale del Culturgest e in varie sale cittadine, dal 17 al 27 ottobre, sotto la direzione artistica, unica, di Cíntia Gil, nell’ultimo anno del suo mandato.

Annunciato il programma completo di Doclisboa, una delle più ricche manifestazioni di documentari, e non solo, arrivata all’edizione numero 17, che si terrà, presso la sede centrale del Culturgest e in varie sale cittadine, dal 17 al 27 ottobre, sotto la direzione artistica, unica, di Cíntia Gil, nell’ultimo anno del suo mandato. Come sempre il programma di Doclisboa si presenta ricco, potendo contare su 303 film suddivisi nelle numerose sezioni: International Competition, National Competition, New Visions, From the Earth to the Moon, Heart Beat, retrospettiva Jocelyne Saab, retrospettiva The Rise and Fall of the Wall – The Cinema of East Germany, Cinema of Urgency, Green Years e Doc Alliance. Ad aprire e chiudere l’edizione di quest’anno, due opere già in concorso a Locarno: Longa noite di Eloy Enciso, che con uno stile da straniamento straubiano evoca gli anni bui della guerra civile e del Franchismo nella campagna galiziana; e Technoboss di João Nicolau, parabola di vita di un uomo di mezza età nello stile stralunato tipico del regista.

Il concorso internazionale vede la partecipazione di 14 opere, provenienti da 11 territori diversi, in buona parte prime mondiali o internazionali. 11 opere invece fanno parte della competizione portoghese, tra prime mondiali e nazionali. Tra queste ultime alcuni film che già si sono fatti notare in altre manifestazioni, come Prazer, Camaradas! di José Filipe Costa, che rievoca in una forma originale, la rinascita del paese dopo la rivoluzione dei garofani, Raposa di Leonor Noivo, che affonda il dito nella piaga di uno dei peggiori disturbi mentali, come l’anoressia. Nella sezione New Visions, Doclisboa propone opere che affrontano e mettono in discussione la contemporaneità, con tematiche di stretta attualità come le nuove frontiere e i confini, le barriere nuove che vengono erette. In questa edizione si prevede un omaggio a Barbara Hammer, la storica filmmaker sperimentale pioniera del queer cinema, scomparsa quest’anno, e gli ultimi film di Alain Cavalier e James Benning. I filmmaker ospiti di questa sezione sono il libanese Ghassan Salhab e la canadese Sofia Bohdanowicz. Sempre in New Visions, nelle varie sottosezioni, il corto di Teresa Villaverde Six Portraits of Pain, Demons di Daniel Hui, Serpentarius di Carlos Conceição, Wang Bing, tendre cinéaste du chaos chinois di Dominique Auvray, il documentario sul regista cinese, e Danses macabres, squelettes et autres fantaisies di Pierre Léon e Rita Azevedo Gomes, e To End God’s Judgement, un corto dove sarà possibile ascoltare la voce di Antonin Artaud dal suo radiodramma del 1947.

Tra le retrospettive si segnala la personale completa di Jocelyne Saab, anche lei venuta a mancare quest’anno, singolare figura di regista, giornalista, documentarista e videoartista che ha raccontato la dura realtà del suo paese, il Libano, durante e dopo la guerra civile, e il mondo mediorientale come in Dunia, incentrato su una giovane danzatrice egiziana. La retrospettiva Rise and Fall of the Wall – The Cinema of East Germany, torna al cinema della DDR trent’anni dalla caduta del muro, in un’epoca dove nuovi muri vengono eretti. Dedicata alle commistioni artistiche la sezione Heart Beat, che vede, tra gli altri Forman vs. Forman di Helena Třeštíková e Jakub Hejna, sul grande regista cecoslovacco adottato a Hollywood, The Projectionist di Abel Ferrara, che intervista uno storico e coraggioso gestore di sale nel Queens, Oh les filles! di François Armanet, documentario sulla scena musicale rock al femminile francese. La sezione From the Earth to the Moon prevede un focus sul lavoro del filmmaker e artista Kevin Jerome Everson insieme alla storica Claudrena N. Harold; due film di Werner Herzog, Nomad: In the Footsteps of Bruce Chatwin, sul grande scrittore e viaggiatore da cui ha tratto Cobra Verde, e Family Romance, LLC da Cannes; On va tout péter di Lech Kowalski; Où en êtes-vous, Teresa Villaverde? contributo della regista portoghese alla serie “Où en êtes-vous ?”; Un film dramatique di Éric Baudelaire, che accenna ancora alla teoria del paesaggio per seguire gli scolari delle banlieu, mentre Sébastien Lifshitz presenta Adolescentes che segue la vita di due ragazze di liceo.

Tra le novità di questa edizione di Doclisboa, Nebulae è uno spazio di networking tra operatori di cinema indipendente, e Arché, un laboratorio di attività e incontri tra professionisti, registi, produttori e altre figure professionali del cinema, con lo scopo di finanziare nuovi progetti.

Info
Il sito ufficiale di Doclisboa 2019.

Articoli correlati

  • Festival

    Doclisboa 2018 - PresentazioneDoclisboa 2018 – Presentazione

    In partenza Doclisboa 2018, diretta da Cíntia Gil e Davide Oberto, che dal 18 al 28 ottobre proporrà un programma di 243 film, 68 anteprime mondiali e 22 internazionali, con la retrospettiva dedicata quest'anno al cineasta colombiano Luis Ospina.
  • Festival

    Doclisboa 2017

    Giunto alla quindicesima edizione, Doclisboa, che si tiene dal 19 al 29 ottobre nella capitale portoghese, vanta anche quest'anno un programma molto ricco e variegato.
  • Festival

    Doclisboa 2015

    Con Bella e perduta di Pietro Marcello ed El botón de nácar di Patricio Guzmán si è aperta e chiusa la tredicesima edizione di Doclisboa, il festival di cinema del reale della capitale portoghese concepito come un viaggio tra i continenti, forte del retaggio ancestrale della città che lo ospita, trait d’union tra vecchio e nuovo mondo, punto di partenza di esploratori e navigatori.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento