Doclisboa 2019

Doclisboa 2019

Doclisboa 2019 segna l’ultima edizione del festival portoghese sotto l’egida di Cíntia Gil; dal 17 al 27 ottobre a Lisbona il meglio del cinema documentario (e non solo) presso il Culturgest e altre sale cittadine.

Annunciato il programma completo di Doclisboa, una delle più ricche manifestazioni di documentari, e non solo, arrivata all’edizione numero 17, che si terrà, presso la sede centrale del Culturgest e in varie sale cittadine, dal 17 al 27 ottobre, sotto la direzione artistica, unica, di Cíntia Gil, nell’ultimo anno del suo mandato. Come sempre il programma di Doclisboa si presenta ricco, potendo contare su 303 film suddivisi nelle numerose sezioni: International Competition, National Competition, New Visions, From the Earth to the Moon, Heart Beat, retrospettiva Jocelyne Saab, retrospettiva The Rise and Fall of the Wall – The Cinema of East Germany, Cinema of Urgency, Green Years e Doc Alliance. Ad aprire e chiudere l’edizione di quest’anno, due opere già in concorso a Locarno: Longa noite di Eloy Enciso, che con uno stile da straniamento straubiano evoca gli anni bui della guerra civile e del Franchismo nella campagna galiziana; e Technoboss di João Nicolau, parabola di vita di un uomo di mezza età nello stile stralunato tipico del regista.

Il concorso internazionale vede la partecipazione di 14 opere, provenienti da 11 territori diversi, in buona parte prime mondiali o internazionali. 11 opere invece fanno parte della competizione portoghese, tra prime mondiali e nazionali. Tra queste ultime alcuni film che già si sono fatti notare in altre manifestazioni, come Prazer, Camaradas! di José Filipe Costa, che rievoca in una forma originale, la rinascita del paese dopo la rivoluzione dei garofani, Raposa di Leonor Noivo, che affonda il dito nella piaga di uno dei peggiori disturbi mentali, come l’anoressia. Nella sezione New Visions, Doclisboa propone opere che affrontano e mettono in discussione la contemporaneità, con tematiche di stretta attualità come le nuove frontiere e i confini, le barriere nuove che vengono erette. In questa edizione si prevede un omaggio a Barbara Hammer, la storica filmmaker sperimentale pioniera del queer cinema, scomparsa quest’anno, e gli ultimi film di Alain Cavalier e James Benning. I filmmaker ospiti di questa sezione sono il libanese Ghassan Salhab e la canadese Sofia Bohdanowicz. Sempre in New Visions, nelle varie sottosezioni, il corto di Teresa Villaverde Six Portraits of Pain, Demons di Daniel Hui, Serpentarius di Carlos Conceição, Wang Bing, tendre cinéaste du chaos chinois di Dominique Auvray, il documentario sul regista cinese, e Danses macabres, squelettes et autres fantaisies di Pierre Léon e Rita Azevedo Gomes, e To End God’s Judgement, un corto dove sarà possibile ascoltare la voce di Antonin Artaud dal suo radiodramma del 1947. [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale di Doclisboa 2019.

Articoli correlati

  • Doclisboa 2019

    Intervista a Tiago SiopaIntervista a Tiago Siopa

    Tiago Siopa, dopo studi di fisica si è indirizzato al cinema documentario. Il suo lungometraggio di diploma, Setil, ha ricevuto una menzione speciale della giuria al Doclisboa 2015. Lo abbiamo incontrato al Doclisboa 2019, dove veniva presentato il suo secondo lungometraggio, Fantasmas: Caminho Longo para Casa.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Claudio CarboneIntervista a Claudio Carbone

    Claudio Carbone, nato a Potenza, laureato in architettura, ha compiuto studi nel campo dei movimenti sociali presso varie università di sociologia nel mondo (Brasile, Portogallo, Costa Rica). Il suo primo lungometraggio, Hasta que muera el sol, è stato presentato a Doclisboa, dove lo abbiamo intervistato.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Luísa HomemIntervista a Luísa Homem

    Regista, montatrice, produttrice, tra i fondatori del collettivo Terratreme Filmes, la portoghese Luísa Homem ha diretto Suzanne Daveau, in cui segue la storia della geografa che dà il titolo al film. Abbiamo incontrato Luísa Homem in occasione del Doclisboa 2019.
  • Doclisboa 2019

    Hasta que muera el sol RecensioneHasta que muera el sol

    di Presentato al Doclisboa '19, Hasta que muera el sol è un documentario, di produzione portoghese, del filmmaker Claudio Carbone, il racconto della vita quotidiana nella comunità etnico-linguistica Terraba in Costa Rica, tra riti ancestrali e vita in armonia con la natura, nella lotta contro i rinnovati colonialismi.
  • Doclisboa 2019

    Suzanne Daveau RecensioneSuzanne Daveau

    di Presentato a Doclisboa '19, nella sezione Da terra à luna, dopo l'anteprima all'IFFR 2019, Suzanne Daveau di Luisa Homem è un documentario che, avvalendosi di sole immagini d'archivio, segue la vita di una grande donna, pioniera dell'esplorazione geografica.
  • Doclisboa 2019

    Fantasmas: Caminho Longo para Casa RecensioneFantasmas: Caminho Longo para Casa

    di Presentato nel concorso portoghese di Doclisboa '19, Fantasmas: Caminho Longo para Casa di Tiago Siopa è un film sulla vita rurale, sui ritmi della campagna, dove il fantastico fa parte del quotidiano e gli avi della famiglia rimangono una presenza che accompagna l'esistenza di tutti i giorni.
  • Roma 2019

    Nomad: In the Footsteps of Bruce Chatwin

    di Con Nomad: In the Footsteps of Bruce Chatwin, Werner Herzog ripercorre le tracce degli incontri, “reali” e fatti di affinità elettive, avuti con l’amico, il viaggiatore, il narratore Bruce Chatwin. Alla Festa del Cinema di Roma 2019.
  • DocLisboa 2019

    Longa noite RecensioneLonga noite

    di Film d'apertura di Doclisboa '19, Longa noite di Eloy Enciso, già in concorso a Locarno, rievoca gli anni bui, la lunga notte della Spagna, della guerra civile e della dittatura franchista, con uno stile di straniamento straubiano, e con la presenza della natura aspra di un territorio estremo come quello della Galizia.
  • Festival

    doclisboa 2019 presentazioneDoclisboa 2019 – Presentazione

    Annunciato il programma completo di Doclisboa 2019, una delle più ricche manifestazioni di documentari, e non solo, arrivata all'edizione numero 17, che si terrà dal 17 al 27 ottobre sotto la direzione artistica, unica, di Cíntia Gil, nell'ultimo anno del suo mandato.
  • Locarno 2019

    Adolescentes RecensioneAdolescentes

    di Presentato alla Semaine de la critique di Locarno, Adolescentes è un lavoro estremo di Sébastien Lifshitz, che ha seguito e filmato per cinque anni la vita di due ragazze adolescenti, il loro coming of age e, attraverso di questo, la storia francese recente e la sua perdita dell'innocenza con gli attacchi terroristici.
  • Locarno 2019

    Prazer, Camaradas!

    di Presentato fuori concorso a Locarno, Prazer, Camaradas! di José Filipe Costa è un ricordo nostalgico del clima di euforia che si è vissuto in Portogallo dopo la rivoluzione dei garofani. Il collettivismo, la vita di comunità, la voglia di rimboccarsi le maniche per la rinascita del paese, e la rivoluzione dei costumi sessuali.
  • Locarno 2019

    Technoboss

    di Presentato in concorso a Locarno, Technoboss è il nuovo film di João Nicolau, un’altra operetta strampalata, colorata e musicale del regista incentrata per la prima volta su una figura matura e non su un adolescente. Stavolta però non riesce a mantenere l’equilibrio.
  • FID 2019

    Danses macabres, squelettes et autres fantaisies RecensioneDanses macabres, squelettes et autres fantaisies

    di , , Presentato tra gli Écrans parallèles del 30° Fid Marseille, Danses macabres, squelettes et autres fantaisies è il diario di un incontro, e di un viaggio in Portogallo, tra due cineasti, la portoghese Rita Azevedo Gomez e il francese Pierre Léon, e lo studioso d'arte e filosofo Jean-Louis Schefer.
  • FID 2019

    raposa recensioneRaposa

    di Presentato in concorso al 30° Fid Marseille, dove ha ricevuto una menzione speciale nell'ambito del Prix Georges De Beauregard National, Raposa è un mediometraggio della regista portoghese Leonor Noivo, che parla di anoressia, un disagio che la accomuna all'attrice Patricia Guerreiro.
  • Queer 2019

    Serpentário RecensioneSerpentário

    di Vincitore del concorso Nuove visioni del Sicilia Queer Filmfest 2019, Serpentário è un viaggio in Angola, il paese africano che per il regista Carlos Conceição rappresenta la terra natia, la memoria materna in quel rapporto, non privo di rimorsi storici, che si instaura tra i paesi ex-coloniali e le loro ex-colonie.
  • Cannes 2019

    Family Romance, LLC. RecensioneFamily Romance, LLC.

    di Film di finzione e, soprattutto, sulla finzione girato da Werner Herzog in Giappone, Family Romance, LLC. è una brillante riflessione sulla messinscena, magari priva di appagamento estetico, ma di certo intrisa di un corroborante humour nerissimo. Fuori concorso a Cannes 2019.
  • Cannes 2019

    On va tout péter recensioneOn va tout péter

    di On va tout péter segna il ritorno alla regia di Lech Kowalski, grande eretico del cinema “apolide”. Un’opera che sfiora l’apologesi operaista ponendosi però domande tutt’altro che semplici o banali sul senso della lotta e sul concetto di rivoluzione.
  • In sala

    The Brink RecensioneThe Brink – Sull’orlo dell’abisso

    di Costruito come un documentario d'osservazione, The Brink - Sull'orlo dell'abisso ha per protagonista il gran burattinaio del sovranismo mondiale, quello Steve Bannon artefice della vittoria di Trump.
  • Berlinale 2019

    Demons RecensioneDemons

    di Presentato al Forum della Berlinale 2019, Demons del filmmaker di Singapore Daniel Hui rappresenta un cinema sperimentale che si tinge di B-movie horror per dare espressione alle inquietudini politiche e sociali della città-Stato.
  • Cairo 2019

    Beirut Terminus RecensioneBeirut Terminus

    di Presentato nella sezione Horizons of Arab Cinema del 41 Cairo International Film Festival, Beirut Terminus è un documentario in forma di esperienza visiva del regista libanese Elie Kamal.
  • Berlinale 2020

    A metamorfose dos pássaros RecensioneA metamorfose dos pássaros

    di Presentato nella sezione Encounters della 70 Berlinale, nell'ambito della quale ha vinto il premio Fipresci, A metamorfose dos pássaros rappresenta l'esordio al lungometraggio per la giovane Catarina Vasconcelos, un viaggio nelle memorie familiari reso come una galleria d'arte o un wunderkammer.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento