La belle époque

La belle époque

di

La storia del mondo come rappresentazione a fini capitalistici. Parte da un assunto estremamente impegnativo il secondo film di Nicolas Bedos, La belle époque, che declina però ben presto verso una – pur gradevole – commedia sentimentale e nostalgica. Alla Festa del Cinema di Roma.

I migliori set della nostra vita

Victor è un uomo all’antica che odia il presente digitale. Quando un eccentrico imprenditore, grazie all’uso di scenografie cinematografiche, comparse e un po’ di trucchi di scena, gli propone di rivivere il giorno più bello della sua vita, Victor non ha dubbi: sceglie di tornare a Lione il 16 maggio del 1974, quando ha incontrato la donna della sua vita. [sinossi]

Il secondo film da regista di Nicolas Bedos, La belle époque, presentato alla 14esima edizione della Festa del Cinema di Roma dopo essere passato lo scorso maggio sulla Croisette, conferma i limiti già evidenziati dal regista francese al suo esordio, Un amore sopra le righe, anche se qui si ravvede una maggiore vivacità di scrittura, oltre che uno spunto narrativo più curioso.
Decidendo sostanzialmente di declinare in funzione anti-fantascientifica lo spunto de Il mondo dei robot di Michael Crichton – e cioè l’idea della Storia dell’umanità attraversabile in lungo e in largo a scopo di intrattenimento – Bedos utilizza questo escamotage facendone una sorta di porta nel mondo dei sogni: un imprenditore infatti rimette in scena qualsiasi epoca storica venga richiesta dal suo cliente, utilizzando i tipici strumenti cinematografici: scenografie, set, comparse e attori, attraverso i quali si finge di trovarsi nel mondo sognato/immaginato/ricordato dalla singola persona che paga, come per una sorta di volontario Truman Show.

Il gioco è affascinante, anche se Bedos non porta alle estreme conseguenze questo spunto e finisce sostanzialmente per utilizzarlo solo a scopi sentimentali ed educativi: il protagonista, interpretato da un tenero Daniel Auteuil, si convince a riappassionarsi al mondo e alla vita solo dopo aver chiesto di riassaporare i giorni più felici della sua esistenza, trascorsi beatamente nel maggio del ’74.
Il trucco è cinema e il cinema è trucco, sogno, immaginazione che invariabilmente appare più forte e più evocativo della realtà. Certo, ma tutto questo lo sapevamo già e non è che Bedos tenti di dirci qualcosa di nuovo in proposito, nonostante alcuni accorgimenti tecnologici, come ad esempio la voce dell’automobile che continua a dire cosa fare e cosa non fare, evidente e ottuso alter-ego del regista cinematografico. Il che è come dire che, nel momento in cui il protagonista accetta di diventare un personaggio etero-diretto da qualcun altro, basta accettare il regista giusto della propria vita per riappacificarsi con se stessi. Ma, di nuovo, come già accadeva in maniera molto più schematica in Un amore sopra le righe, il gioco tra teorizzazione/intellettualismo/spregiudicatezza contrapposti a basico entertainment che volge verso il sentimentalismo finisce per far vincere quest’ultimo con tutto il conglomerato di stereotipi che ne deriva.

Se poi, in più, vi è qualche dubbio sulla disposizione nella scacchiera dei personaggi descritti (quello del figlio del protagonista e quello del regista/imprenditore sono troppo simili, senza che poi il primo abbia una sua vera funzione di burattinaio, o quantomeno proprio di figlio), si ha comunque la tentazione di non accanirsi troppo su La belle époque, sia per il trasporto recitativo messo dagli attori (al di là di Auteuil, ci sono diversi momenti in cui Doria Tillier, compagna di Bedos, e Fanny Ardant riescono a commuovere, riuscendo a dare qualcosa in più di quel che lo schematismo dei loro personaggi sembrava imporre), sia per una generale sensazione di leggerezza esistenziale che, in certo qual modo, riscatta il sottofondo perbenista e nostalgico, e che sembrerebbe alludere al fatto che, appurato banalmente che la vita non è un gioco, è assolutamente necessario far finta che sia tale per poter continuare a sopravvivere, per poter continuare a illuderci.

Info
La scheda di La belle époque sul sito della Festa del Cinema di Roma

  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-001.jpg
  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-002.jpg
  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-003.jpg
  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-004.jpg
  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-005.jpg
  • La-belle-epoque-2019-nicolas-bedos-006.jpg

Articoli correlati

  • In sala

    Il colpo del cane (2019) di Risuleo - Recensione | Quinlan.itIl colpo del cane

    di Fulvio Risuleo, già regista di Guarda in alto, segna con Il colpo del cane un netto passo avanti all'interno della sua filmografia. Una commedia amara, ben strutturata sotto il profilo narrativo, e che ragiona con intelligenza sul punto di vista, proprio e degli spettatori.
  • Venezia 2019

    Seules les bêtes

    di Seules les bêtes è il nuovo film di Dominik Moll, un noir meccanico nella costruzione narrativa ma non disprezzabile nel tentativo di raccontare il mondo contemporaneo, con il trionfo del Capitale e l'imperante guerra tra poveri. Film d'apertura alle Giornate degli Autori 2019.
  • Venezia 2019

    Le verità

    di Con Le verità Hirokazu Kore-eda, fresco di Palma d'Oro al Festival di Cannes 2018, apre la Mostra di Venezia con il suo primo film prodotto al di fuori del Giappone. La Francia accoglie il regista nipponico per una storia sul/nel cinema che diventa un omaggio al monolite Catherine Deneuve.
  • In sala

    due amici recensioneDue amici

    di Due amici, che Movies Inspired porta in sala in Italia con quattro anni di ritardo rispetto alla proiezione alla Semaine de la Critique di Cannes, è l'esordio alla regia di Louis Garrel. Una commedia brillante e dolente, che ragiona sul sempiterno triangolo amoroso da una prospettiva inusuale.
  • Cannes 2019

    Hors normes RecensioneHors normes

    di , Scelto come chiusura di Cannes 2019, Hors normes di Éric Toledano e Olivier Nakache è un film episodico che non riesce a trovare un saldo perno narrativo attorno al quale far ruotare le sue storie e finisce ripetutamente fuori strada, in una lunga serie di vicoli ciechi.
  • In sala

    l'uomo fedele recensioneL’uomo fedele

    di L'uomo fedele è Abel, che accetta tutto ciò che Marianne dimostra di avere in serbo per lui. Ma l'uomo fedele è lo stesso Louis Garrel: fedele al cinema di suo padre Philippe e fedele a un'estetica, quella della Nouvelle Vague, sempre più minoritaria nella produzione francese.
  • Ca' Foscari 2019

    Intervista a Patrice LeconteIntervista a Patrice Leconte

    Autore di alcuni tra i film più importanti del cinema francese recente, Tandem, L'uomo del treno, La ragazza sul ponte, grande direttore di attori a partire da Jean Rochefort. Stiamo parlando di Patrice Leconte, omaggiato al Ca’ Foscari Short Film Festival 2019, dove l'abbiamo incontrato.
  • Renoir

    la regola del gioco recensioneLa regola del gioco

    di Tocca a La regola del gioco, tra i massimi capolavori della storia del cinema, inaugurare la retrospettiva dedicata a Jean Renoir che La farfalla sul mirino, insieme ad Azienda Speciale Palaexpo, Cineteca Nazionale, e Institut Français Italia organizza al Palazzo delle Esposizioni di Roma.
  • In sala

    Remi RecensioneRemi

    di Il nuovo Remi si accoda alla recente ondata di trasposizioni di classici per l’infanzia, che conobbero una nuova giovinezza grazie alle relative versioni animate; ma il regista Antoine Blossier tenta anche una sua personale lettura del romanzo di Hector Malot.
  • Venezia 2018

    Il gioco delle coppie

    di Olivier Assayas firma con Il gioco delle coppie (in originale Non-Fiction o Doubles vies) una commedia satirica di raffinata intelligenza, che prende in giro la borghesia transalpina e non solo, ma non viene meno mai allo sguardo sistemico che da sempre accompagna la sua filmografia.
  • In sala

    Un amore sopra le righe RecensioneUn amore sopra le righe

    di Storia d'amore intellettuale nel corso dei decenni, Un amore sopra le righe - esordio da regista per il drammaturgo e autore televisivo francese Nicolas Bedos - è la dimostrazione paradigmatica di come la trasgressione possa essere messa al servizio di un racconto sentimentale e conservatore.
  • In sala

    In nome di mia figlia

    di Dedito ad uno stile quasi giornalistico e troppo concentrato nell'evitare ogni sentimentalismo, In nome di mia figlia finisce per riporre eccessiva fiducia nel suo protagonista, Daniel Auteuil e, soprattutto, nella sua "storia vera".
  • In sala

    Le confessioni

    di Roberto Andò con Le confessioni prova a trasferire su scala globale il paradosso di Viva la libertà, ma stavolta il gioco non riesce e il suo film finisce per somigliare più allo Youth sorrentiniano che a una utopia politica.
  • Archivio

    Il cecchino RecensioneIl cecchino

    di Placido tenta con Il cecchino l'esperimento in terra francese, lasciando da parte per una volta le ambizioni autoriali. Ne viene fuori un thriller robusto, anche se imperfetto.
  • Festival

    Roma 2019

    Si tiene dal 17 al 27 ottobre la Festa del Cinema di Roma 2019, che festeggia la quattrordicesima edizione, la quinta da quando il direttore è Antonio Monda. Il programma è ancora più scarno del solito, e sembra ruotare tutto attorno al solo Irishman, il nuovo atteso film di Martin Scorsese.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento