Trieste Science+Fiction Festival 2019

Trieste Science+Fiction Festival 2019

Dal 29 ottobre al 3 novembre si svolge il Trieste Science+Fiction Festival 2019, che festeggia la diciannovesima edizione. Un’occasione per immergersi nella fantascienza e nel sovrannaturale, tra i film del concorso e gli eventi speciali, i grandi recuperi del passato e gli ospiti che come sempre arricchiranno il palinsesto festivaliero. Uno sguardo sull’oggi per scrutare il futuro e, chissà, forse divinarlo.

Festeggiata la “maggiore età” dodici mesi fa il Trieste Science+Fiction Festival 2019 è pronto ad affrontare l’età adulta, con tutto ciò che comporta. La kermesse giuliana, che ha saputo ritrovare una sua netta centralità nello scacchiere festivaliero italiano ed europeo, unico evento italiano a prendere parte all’EFFFF, acronimo a dir poco surreale che sta lì a semplificare European Fantastic Film Festivals Federation (in passato vi aderirono anche il capitolino Fantafestival e il Ravenna Nightmare), continua sulla propria strada confermando il lavoro svolto nel corso degli anni. Uno spazio aperto al confronto, in cui sia possibile far interagire nelle sale a disposizione il cinema del passato con quello contemporaneo, facendo incontrare il pubblico con veri e propri mostri sacri del settore, e permettendo un confronto continuo, proficuo, ricco di suggestioni e sempre fertile. Non è da meno questa diciannovesima edizione, che si apre oggi 29 ottobre per terminare domenica 3 novembre. Suddiviso su più sale (Politeama Rossetti, Teatro Miela e Cinema Ariston), il S+F – per continuare nel gioco degli acronimi – si apre con la proiezione di Alien, il capolavoro di Ridley Scott che nel 2019 compie quarant’anni. Per completare il festeggiamento ci sarà anche la proiezione (il 30 ottobre) del documentario Memory: The Origins of Alien, firmato da Alexandre O. Philippe. La cerimonia d’apertura vedrà invece come protagonista Jessica Hausner e il suo Little Joe, già visto lo scorso maggio a Cannes in concorso. [continua a leggere]

Info
Il sito del Trieste Science+Fiction Festival 2019.

Articoli correlati

  • Trieste S+F 2019

    Intervista a Phil TippettIntervista a Phil Tippett

    Industrial Light&Magic, Dreamworks, poi il Tippett Studio in proprio: Phil Tippett ha attraversato, da protagonista assoluto, l’intera storia dell’effettistica cinematografica contemporanea. Abbiamo incontrato il due volte Premio Oscar al Trieste Science+Fiction Festival.
  • Trieste S+F 2019

    extra ordinary recensioneExtra Ordinary

    di , Un apologo femminista “mascherato” da commedia soprannaturale, che centra l’obiettivo (e il cuore del pubblico) grazie soprattutto a un copione calibrato e ricco di sfumature. Extra Ordinary torna in Irlanda, dal Trieste Science+Fiction Festival 2019, carico di allori.
  • Trieste S+F 2019

    aniara recensioneAniara

    di , Alla penuria di mezzi e risorse economiche, si sopperisce con la forza delle idee. Una tipologia di fantascienza affascinante, che si poggia sulle spalle dei maestri per poi tentare il salto nel vuoto. Aniara porta in Svezia il Premio Asteroide del Trieste Science+Fiction Festival 2019.
  • Trieste S+F 2019

    star trek recensioneStar Trek

    di Dopo le odissee kubrickiane e le guerre di George Lucas, il veterano Robert Wise viene chiamato al timone del rilancio cinematografico della saga di Star Trek, a dieci anni dalla chiusura della serie originale, per tentare di battere quelle strade. Al Trieste Science+Fiction Festival 2019.
  • Trieste S+F 2019

    L’angle mort

    di , Un superpotere può essere un dono, una dannazione o, più semplicemente, qualcosa con cui dover fare i conti nel proprio quotidiano. Dopo l’Acid a Cannes 2019, L'angle mort approda, in competizione, anche al Trieste Science+Fiction Festival 2019.
  • Trieste S+F 2019

    bliss recensioneBliss

    di Bliss conferma il talento di Joe Begos, punto di riferimento per gli amanti dell’horror hardcore d’oltreoceano, e mette in scena il tema (ormai abusato) dell’artista alle prese con il rovello creativo, da prospettive originali e inquietanti. Al Trieste Science+Fiction Festival 2019.
  • Trieste S+F 2019

    Society - The Horror recensioneSociety – The Horror

    di È il trentesimo anniversario di Society - The Horror, l'esordio alla regia di Brian Yuzna che modificò in profondità l'immaginario del "disgusto". Un horror politico in grado di muoversi non nel campo della metafora ma della messa in scena esibita del corpo e delle sue mutazioni.
  • In sala

    Terminator - Destino oscuro recensioneTerminator – Destino oscuro

    di Il futuro (e il presente) è donna, e la saga di Terminator riparte consegnando il franchise nelle mani di Sarah Connor e delle sue “nipotine” con Terminator - Destino oscuro. Un sequel/reboot dove la morte non esiste (più), e che fa piazza pulita dei tre seguiti successivi ai film di James Cameron.
  • Trieste S+F 2019

    depraved recensioneDepraved

    di Girato nel 2018, l’anno del 200mo anniversario della pubblicazione del seminale romanzo di Mary Shelley con protagonisti il dottor Frankenstein e la sua Creatura, il film di Larry Fessenden prova ad attualizzare il gotico ottocentesco per immergerlo nella New York dei giorni nostri.
  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2019 – Presentazione

    Il Trieste Science+Fiction Festival 2019 festeggia i diciannove anni della kermesse giuliana. Lo fa confermando la propria struttura, tornando con la mente al passato, ragionando sul presente e sul futuro, con ospiti eccellenti come Brian Yuzna, Aldo Lado o Phil Tippett.
  • Cannes 2019

    Little Joe RecensioneLittle Joe

    di Volutamente trattenuto e anticlimatico, Little Joe di Jessica Hausner è sci-fi del presente, impreziosita da un certosino rigore geometrico e cromatico, pervasa da sonorità sottilmente disturbanti. Presentato in concorso al Festival di Cannes 2019.
  • Berlinale 2019

    Répertoire des villes disparues RecensioneRépertoire des villes disparues

    di In concorso alla Berlinale 2019, il film di Denis Côté è un dramma estremamente rarefatto, sospeso, sgranato come la pellicola 16mm con cui è stato girato. L'elaborazione di un lutto inaccettabile si sovrappone allo sguardo su una cittadina destinata a diventare fantasma.
  • Buone feste!

    Starship Troopers RecensioneStarship Troopers

    di Starship Troopers, rilettura rovesciata del romanzo di Robert A. Heinlein, è la dimostrazione forse più palese del ruolo svolto a Hollywood da Paul Verhoeven; quello del dissacratore, del ribaltatore di schemi, dell'annullatore di qualsiasi cliché.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento