The Projectionist

The Projectionist

di

Con The Projectionist Abel Ferrara firma il ritratto di Nicolas Nicolaou, uno degli ultimi esercenti cinematografici indipendenti di una New York sempre più gentrificata, a uso e consumo della upper class. Ne viene fuori un lavoro accorato sulla resistenza intellettuale, sulla necessità del mescolarsi delle culture e delle etnie, sul passato (glorioso) che cerca di opporsi all’invasione di un moderno (mediocre). Al Torino Film Festival in Festa Mobile.

Welcome to New York

Nicolas Nicolaou, per gli amici Nick, è nato in un piccolo villaggio cipriota ma da bambino si è trasferito a New York insieme ai genitori. Nella Grande Mela, iniziando a lavorare nei cinema cittadini, è diventato un esercente indipendente. Oggi, nonostante i colossi produttivi costruiscano multiplex su multiplex per gestire il potenziale economico dell’industria cinematografica, Nick resiste acquistando sale in dismissione e donando loro nuova vita. [sinossi]

Sono tanti anni oramai che il “The Projectionist” non è più un proiezionista. Nicolas Nicolaou, per tutti Nick da quando si è trasferito nella Grande Mela con i genitori appena bambino (era nato e cresciuto in un microscopico villaggio cipriota non distante da Limassol), è stato svezzato nei cinema newyorchesi svolgendo praticamente ogni tipo di mansione, ma oggi è un esercente. Di più, un esercente indipendente. Ancora di più, un esercente indipendente in una città che ha abbandonato da tempo il concetto di comunità prediligendo quello – economicamente assai più remunerativo – di gentrificazione. Parla di cinema ovviamente The Projectionist, nuovo documentario firmato da un infaticabile Abel Ferrara (al sesto film diretto negli ultimi cinque anni, il secondo nel 2019 con Tommaso, come questo presentato sotto la Mole Antonelliana durante le giornate del trentasettesimo Torino Film Festival), ma a ben vedere non si limita di certo nelle quattro mura di una sala. Ne ama il buio protettivo e assoluto, ma non vi si immerge praticamente mai. Nick, oltre a essere un amico di Ferrara, è uno dei tanti eroi-anti-eroi che popolano il suo cinema, persone che osano andare oltre lo schema predefinito, che non accettano la marea montante ma vi nuotano contro. Non per ideologia – in parte, forse, ma non è quello il punto – ma per indole, per inevitabile postura morale e intellettuale. Era così anche il “suo” Pier Paolo Pasolini, è così Tommaso in quello strano progetto quasi autobiografico, ed è così Nick. Il cipriota che si è rifondato oltreoceano e ora lotta, nel silenzio più assoluto, una battaglia che è allo stesso tempo culturale, economica, politica, civile. Una battaglia per una comunità che vive attorno al cinema senza neanche rendersene particolarmente conto. Perché se Nicolas non continuasse con pervicacia ad acquisire cinema in dismissione per rimetterli a nuovo e combattere i grandi gruppi di esercenti che saturano il mercato, interi quartieri si ritroverebbero senza un luogo d’incontro, un punto di interconnessione tra vite altrimenti distanti, forse impossibile da conciliare.

Ci si può fermare al ritratto umano, durante la visione di The Projectionist: dopotutto Nick si dilunga anche sulla sua infanzia, sul rapporto con sua madre, sull’incontro con quella che sarebbe divenuta sua moglie – anch’essa cipriota. Un aspetto intimo che Ferrara non disistima di certo ma che di fatto rappresenta anche l’aspetto più canonico di questo documentario. L’aspetto biografico, che però conta solo come esperienza personale, e assume solo parzialmente un contorno universale. È però indispensabile, a ben vedere, per allargare la visuale. Nel rapporto tra questo ragazzino cipriota e la città più cosmopolita del mondo c’è l’eruzione visibile dell’uomo che Nick diventerà; è la New York liberissima e slabbrata degli anni Settanta, di cui fu cantore ovviamente Martin Scorsese (ma nel film appare anche un frammento di Driller Killer, auto-rappresentazione che è anche una forma di dichiarazione, d’amore e d’intenti, da parte di Ferrara), e in cui il cinema rappresentava qualcosa di più di una sala buia illuminata dalla luce di un proiettore. Il cinema era l’utopia di una trasformazione perenne, e rifletteva le luci di New York.

Quella città dalla quale Nick non sa staccarsi ma che di fatto non esiste più. La gentrificazione ha progressivamente eroso le giunture sociali, allargando a dismisura la forbice tra benestanti e ceti popolari ed espellendo questi ultimi da parte consistente della metropoli (a partire da Manhattan, ovviamente). È quando allarga lo sguardo, passando dal personale all’universale, o meglio ancora dal personale che influenza e modifica l’universale, che The Projectionist trova la sua dimensione ideale. È solo quando il cinema si divincola dai legacci dell’arte per l’arte per rivendicare il proprio ruolo politico, la propria resistenza contro l’incedere di un tempo ingiusto, che Ferrara esce dal cono d’ombra del biopic – forse neanche così particolarmente interessante, eccezion fatta per quella riflessione sull’emigrazione che sta diventando giocoforza tratto centrale della poetica del regista – e s’illumina.

La lotta quotidiana di Nick per la preservazione delle sale storiche newyorchesi come atto di ribellione contro la destrutturazione di un’intera città è il cuore pulsante del film, e l’aspetto più emozionante ed emotivo del racconto ferrariano. Nel Queens, alla periferia dell’impero cittadino, un immigrato cipriota ha riaperto una sala storica, costruendo un luogo per la cittadinanza – si rivendica in più occasioni che quelli applicati sono i prezzi più bassi per un cinema a New York –, per impedire l’ennesima e forse definitiva diaspora. Un luogo che è tale non per la qualità di ciò che vi viene mostrato (Nick gestisce cinema diversi occupando tutti i gradini della filiera, dai blockbuster alle produzione arthouse, fino alle sale a carattere pornografico: non esiste distinzione, in un egalitarismo quasi commovente) ma per la sua stessa essenza: un’occasione per condividere emozioni e pensieri con sconosciuti, tutti con gli occhi spalancati nel buio pesto.
Ferrara è nel film, come la sua compagna e la bimba che hanno avuto. Non si tratta di mero esibizionismo, ma della auto-proclamazione di un’appartenenza, la rivendicazione di una cittadinanza ideale. Non newyorchese o cipriota, né italiana (Roma è da anni la nuova casa del cineasta), ma cinematografica: una repubblica dei desideri che non pone paletti, non espelle, non crea indesiderati, ma si basa sulla condivisione a un livello quasi basico. C’è un amore plateale per l’atto della visione come elemento sociale in The Projectionist, e questo aspetto lo rende ancora più prezioso. Come quelle sale che diventano ristoranti alla moda o boutique preziose, ma continuano con ostinata caparbietà a proiettare: in dcp, in 35mm, perfino in 16mm. Un atto partigiano, di questi tempi.

Info
The Projectionist sul sito del Torino Film Festival.

  • the-projectionist-2019-abel-ferrara-03.jpg
  • the-projectionist-2019-abel-ferrara-02.jpg
  • the-projectionist-2019-abel-ferrara-01.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino 2019

    Torino 2019, trentasettesima edizione del festival sabaudo, continua a muoversi all'interno della tradizione, cercando il punto di connessione tra la realtà cittadina e le esigenze di "ricerca". A corredo la retrospettiva sull'horror classico.
  • Festival

    Torino 2019 – Presentazione

    Torino 2019 segna le trentasette edizioni di quello che un tempo veniva chiamato Cinema Giovani; ora che “giovane” non è più continua la sua missione culturale, lavorando su un programma ricco di titoli in cui a trovare soddisfazione possa essere sia il cinefilo che la maggioranza cittadina.
  • Cannes 2019

    Tommaso RecensioneTommaso

    di Confessione intima e racconto senza remore del suo essere artista italo-americano a Roma, Tommaso di Abel Ferrara è il percorso umano e urbano di un individuo in cerca di una possibile adesione ai propri “ruoli”: regista, padre, marito, uomo. Fuori concorso a Cannes 2019.
  • Venezia 2017

    Piazza Vittorio

    di La piazza più multiculturale di Roma viene raccontata da Abel Ferrara in Piazza Vittorio, presentato fuori concorso: un documentario a tratti troppo ingessato, a tratti ruspante e vivace.
  • Cannes 2017

    Alive in France

    di Presentato alla Quinzaine, Alive in France di Abel Ferrara è un giocoso bakstage della tournée oltralpe del regista e della sua band, che restituisce tutta la forza propulsiva della sua creatività.
  • Interviste

    Intervista ad Abel Ferrara

    Il cinema di Abel Ferrara è radicale, sovversivo, spiazzante e lo ha dimostrato ancora una volta con i suoi due film più recenti, Welcome to New York e Pasolini, entrambi del 2014. Ora è al lavoro su un progetto su Padre Pio. Lo abbiamo incontrato a Roma, dove vive stabilmente da due anni.
  • Cult

    The Driller Killer RecensioneThe Driller Killer

    di Con il suo secondo lungometraggio, The Driller Killer, Abel Ferrara realizza una giocosa e crudele allegoria sull'arte e chi la crea.
  • News

    Abel Ferrara incontra Maresco

    Per due giorni Abel Ferrara sarà a Palermo nell'ambito della rassegna I cantieri del contemporaneo. Il 27 novembre il cineasta italo-americano presenterà al pubblico Fratelli, mentre la sera successiva dialogherà con Franco Maresco.
  • Archivio

    Pasolini

    di Lontano da tentazioni biopic così come da elucubrazioni saggistiche, Abel Ferrara con Pasolini dà forma all'incompiuto e ristabilisce il predominio dell'opera sul suo autore.
  • Cannes 2014

    Welcome to New York

    di Discusso (per via del personaggio affrontato), desiderato (lunghissime erano le file a Cannes per vederlo), infine distribuito in VoD (a partire dal 22 maggio): è Welcome to New York il nuovo, geniale film di Abel Ferrara.
  • DVD

    Il cattivo tenente

    di Esce in DVD per Rarovideo Il cattivo tenente, capolavoro di Abel Ferrara che sconvolse il Festival di Cannes giusto vent'anni fa. Tra gli extra, l'ottimo documentario It all happens here.
  • AltreVisioni

    4:44 Last Day On Earth

    di La fine del mondo secondo Abel Ferrara in un apologo cinico e sarcastico presentato in Concorso a Venezia 68.
  • DVD

    Chelsea on the Rocks

    di In una commistione caotica e a tratti perfino disturbante tra realtà e ricreazione della stessa, Chelsea on the Rocks di Abel Ferrara è comunque uno degli inni d'amore più appassionati che New York abbia ricevuto negli ultimi anni. In dvd grazie alla BIM.
  • AltreVisioni

    Napoli Napoli Napoli

    di Operazione a tratti farraginosa, Napoli Napoli Napoli funziona soprattutto per quel che concerne l'aspetto meramente documentario, dove il film dimostra la forza e la capacità di portare davanti ai nostri occhi una realtà partenopea troppo spesso celata.
  • Berlinale 2020

    Siberia

    di La Siberia in cui è recluso e si reclude Clint, il protagonista del nuovo film di Abel Ferrara, è un luogo della mente, un posto dove affrontare e confrontarsi con gli spiriti del proprio passato. In concorso alla Berlinale numero settanta ha risvegliato sentimenti molto distanti tra loro.
  • Venezia 2020

    Sportin’ Life

    di Fuori concorso a Venezia 2020, Sportin’ Life di Abel Ferrara è il resoconto multiforme e ragionato di una mente brillante che pensa, esclusivamente e appassionatamente, attraverso il (suo) cinema. Fuori concorso a Venezia 2020.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento