Cena con delitto – Knives Out

Cena con delitto – Knives Out

di

Titolo di chiusura del Torino Film Festival 2019, esce nelle sale Cena con delitto – Knives Out. Gioca a carte scoperte Rian Johnson, dichiarando apertamente le fonti d’ispirazione del suo scoppiettante whodunit che pesca a piene mani, omaggia e rielabora i vari Assassinio sull’Orient Express, Assassinio sul Nilo, Delitto sotto il sole, Assassinio allo specchio e via discorrendo. Alle prese con cliché e grandi star da orchestrare con millimetrica precisione, Johnson riesce a trovare il giusto equilibrio tra Signori, il delitto è servito e Gosford Park. Tutto rigorosamente senza personaggi cinesi.

Il decalogo di Knox

Harlan Thrombey, un agiato romanziere, viene trovato morto in circostanze misteriose nella sua proprietà la mattina dopo la festa per il suo 85esimo compleanno. Il celebre detective Benoît Blanc, uomo di straordinario intuito e carisma, è incaricato del caso e sospetta si tratti di un omicidio. In perfetto stile crime la famiglia del defunto è numerosa e tutti, nessuno escluso, sono potenziali sospettati: ognuno di loro, infatti, avrebbe un motivo più che valido per eliminare Harlan Thrombey, uomo che l’esperienza e l’età hanno reso tanto lungimirante quanto sagace. Quando il fatidico giorno della lettura del testamento si avvicina, l’avida e disfunzionale famiglia di Harlan si rivela essere molto più complicata e conflittuale di quanto sembrasse all’inizio… [sinossi]

Non era facile rivitalizzare il giallo classico. Tramontata da tempo l’era delle indagini di implacabili detective sui generis – dalla Miss Marple di Margaret Rutherford all’Hercule Poirot di Peter Ustinov, passando per il Mr. Moto di Peter Lorre e il parodistico Sidney Wang di Peter Sellers – e fallita malamente l’operazione Orient Express di Kenneth Branagh, non poteva che destare perplessità e preoccupazione il progetto del pur talentuoso regista e sceneggiatore Rian Johnson (Brick – Dose mortale, Looper – In fuga dal passato, Star Wars: Gli ultimi Jedi), alle prese con tutti i pericolosi cliché di un ancor più pericoloso whodunit. Alla fine, più del funzionale cast e della ineccepibile confezione, a far risplendere Cena con delitto – Knives Out è soprattutto la scrittura, la capacità di Johnson di intrecciare il meccanismo del Cluedo (in alcuni momenti sembra di essere a un passo da Signori, il delitto è servito) e le sfumature altmaniane di Gosford Park.

Resta fedele alle regole del whodunit Cena con delitto, eppure apre altri spiragli, vi si infila sommessamente e in punta di piedi sovrappone più indagini: quella poliziesca che regge dal primo all’ultimo minuto, ligia al decalogo di Knox (sì, c’è un solo passaggio segreto…); quella umana, che riesce ad andare oltre la patina ironica, restituendoci il ritratto di una famiglia modernamente disfunzionale; quella sociale e politica, con la maestosa villa dei Thrombey che diventa metafora degli Stati Uniti e delle aspettative socio-economiche della più o meno alta borghesia WASP.

Johnson scrive e dirige un film prevedibile e imprevedibile. Un giocattolo che non è un giocattolo. Cena con delitto – Knives Out chiede al pubblico di stare alle regole e agli attori di gigioneggiare. In entrambi i casi, non è difficile. Sono tutti bravi: Ana de Armas, Daniel Craig, Jamie Lee Curtis, Toni Collette, Christopher Plummer e via via fino all’ultimo, impeccabili come gli attori di Lumet, Hamilton o Guillermin. Star hollywoodiane alle prese con le carte del Cluedo. I loro ruoli, sostanzialmente bidimensionali, richiedono un volto noto per prendere corpo, per catturare immediatamente l’attenzione dello spettatore: scrittura e talento instillano poi in questi cliché parlanti un’anima, liberandoli almeno per un attimo dal loro ruolo prefissato e dal geometrico e ludico meccanismo del giallo deduttivo. In questo senso, è esemplare il personaggio affidato a Daniel Craig, l’investigatore privato Benoît Blanc, un Poirot che ha ovviamente capito tutto ma che continua a scavare, oltre la superficie, oltre la detection. Come Johnson. Chapeau.

Info
Il trailer di Cena con delitto – Knives Out.
La pagina di Cena con delitto – Knives Out sul sito del TFF2019.

  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-01.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-02.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-04.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-06.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-07.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-08.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-09.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-10.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-11.jpg
  • Cena-con-delitto-Knives-Out-2019-Rian-Johnson-12.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Torino 2019

    Torino 2019, trentasettesima edizione del festival sabaudo, continua a muoversi all'interno della tradizione, cercando il punto di connessione tra la realtà cittadina e le esigenze di "ricerca". A corredo la retrospettiva sull'horror classico.
  • In Sala

    Star Wars – Gli ultimi Jedi

    di Il canone lucasiano c'è, resta sempre lì, ma per Johnson e Gli ultimi Jedi è meno ingombrante, meno oppressivo: i nuovi personaggi hanno acquisito maggiore spessore, crescono, mutano, fanno fragorosamente deflagrare i loro dubbi...
  • Archivio

    Looper RecensioneLooper – In fuga dal passato

    di Nell'anno 2044 esiste un gruppo di killer chiamato "Loopers": questi assassini lavorano per conto della mafia, e il loro compito consiste nell'uccidere le persone che i capi della cosca inviano indietro nel tempo dal 2074...
  • AltreVisioni

    Brick

    di Brick segna l'esordio alla regia del trentaduenne Rian Johnson. Un teen-movie mascherato da noir, teso e doloroso viaggio agli inferi.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento