Uscite in sala 23 gennaio 2020

Uscite in sala 23 gennaio 2020

L’attenzione dei cinefili (e non solo) è tutta concentrata su 1917, il nuovo film di Sam Mendes che ha ricevuto 10 nominatio all’Oscar. Ma è anche la settimana in cui con Figli il cinema italiano ricorda la prematura scomparsa di Mattia Torre. Per il resto ben poco da segnalare, tra l’animazione rattoppata di Tappo e un po’ di indie italiano.

1917
di Sam Mendes

Le ambizioni non mancano di certo a Sam Mendes, ma invece di perdersi dietro paragoni francamente impossibili da reggere (Milestone? Renoir? Kubrick? Non scherziamo) sarebbe il caso di ragionare sul fatto che il regista è pur sempre quello degli 007, e che la videoludica è il riferimento in parte, non certo Aleksandr Sokurov. Un grande impatto tecnico per un’operazione tonitruante, un po’ semplicistica ma di grande impatto spettacolare.

Nel 1917, all’apice della prima guerra mondiale, due giovani soldati britannici stanziati nel nord della Francia vengono incaricati di consegnare un dispaccio che avverte di un imminente attacco a sorpresa dell’esercito tedesco ritiratosi oltre la Linea Hindenburg. Per salvare le vite di oltre 1600 commilitoni, tra cui il fratello di uno di loro, i due cominciano una solitaria corsa contro il tempo attraverso il fronte occidentale, avventurandosi in territorio nemico. [sinossi]

FIGLI
di Giuseppe Bonito

L’impatto emotivo con Figli, il film che Mattia Torre non ha potuto dirigere per la sua prematura scomparsa, è senza dubbio enorme, ma non deve far passare in secondo piano il fatto che si tratti di una commedia ben scritta, intelligente e non priva di asperità e amarezze. Un film piccolo e sincero, tratto da un monologo ma in grado di trasformarsi in un racconto polifonico sull’Italia di oggi.

Nicola e Sara sono una coppia innamorata e felice. Sposati da tempo, hanno una figlia di sei anni e una vita senza intoppi, fino a quando l’arrivo del secondo figlio li farà scontrare con l’imprevedibile. [sinossi]

JUST CHARLIE – DIVENTA CHI SEI
di Rebekah Fortune

Un tema importante, quello dell’identità sessuale nell’adolescenza, un dramma giovanile sentito, uno sguardo sinceramente progressista. Basta questo a fare un buon film? La domanda è ovviamente retorica, e per quanto non manchino momenti ispirati questo Just Charlie non riesce a elevarsi dalla medietà.

Charlie è un adolescente della provincia inglese con un grande talento per il calcio. Una delle squadre più importanti, il Manchester City, gli offre un ingaggio da sogno, ma Charlie ha un segreto: è felice solo quando, di nascosto, può vestirsi da ragazza. Intrappolata nel corpo di un fanciullo, Charlie è combattuta tra il desiderio di compiacere le ambizioni che il padre ripone in lei e il bisogno di affermare la propria identità. La scelta che la attende rischia di mandare in pezzi la sua famiglia e mettere a repentaglio i suoi affetti più cari. [sinossi]

Questa settimana esce anche l’animazione Tappo – Cucciolo in un mare di guai (2019) di Kevin Johnson. Sabato 25 esce Il drago di Romagna (2020) di Gerardo Lamattina, documentario sul gioco del Mah Jong, o per meglio dire “Maggiò”, come viene chiamato da tempo immemore a Ravenna. Lunedì 27, in attesa che il 10 febbraio vada in onda Storia del nuovo cognome, secondo capitolo della saga scritta da Elena Ferrante, Nexo Digital porta nuovamente in sala i primi due episodi de L’amica geniale (2018) di Saverio Costanzo. Martedì 28 invece Mescalito Film distribuisce Hare Krishna! Il mantra, il movimento e lo swami che ha dato inizio a tutto (2017) di John Griesser, Jean Griesser, Lauren Ross. Sempre lo stesso giorno esce anche Lo scoglio del leone (2020) di Rosario Scandura. Buona visione!

Info
Il sito ufficiale di 1917.

Articoli correlati

  • Notizie

    Uscite in sala 30 gennaio 2020

    È la settimana in cui in molti andranno a vedere Renée Zelwegger che imita (in un profluvio di smorfie) Judy Garland, ma in realtà Aldo, Giovanni e Giacomo con Odio l'estate e Ivano De Matteo con Villetta con ospiti sono assai più interessanti. Poi lunedì torna in sala Stanley Kubrick...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento