The Woman Who Ran

The Woman Who Ran

di

Presentato in concorso alla 70 Berlinale, The Woman Who Ran è l’ultima opera di Hong Sangsoo, interprete di un cinema sempre più rarefatto e minimalista, un cinema femminile dove il punto di vista maschile del regista fa più di un passo indietro e la donna si è lasciata l’uomo alle spalle.

Il futuro della donna senza l’uomo

Mentre suo marito è in viaggio d’affari, Gamhee incontra tre sue amiche. Visita le prime due nelle loro case e incontra la terza per caso, negli uffici di una società di produzione cinematografica, dove si reca a visionare un film in una saletta. [sinossi]

Non potrebbe cominciare un anno di festival cinematografici senza Hong Sangsoo che presenta alla 70 Berlinale, in concorso, il suo primo film del 2020, The Woman Who Ran, incentrato ancora una volta su quella che è, o è stata, la sua musa, l’attrice Kim Minhee, con una nuova pettinatura con messa in piega che la rende più giovane, come nota la prima amica del film. Gamhee, questo è il nome del suo personaggio, rappresenta il filo conduttore di storie, tutte femminili. Il cinema dell’autore sudcoreano è spesso binario, fatto di due storie in un film; qui invece le storie sono tre, con alcuni accenni di sottotrame, con elementi che, come sempre per l’autore, si ripetono due volte. Torna, dopo gli ultimi film, prepotentemente la natura a fare da sfondo, una natura di colori autunnali nel contesto di un piccolo centro urbano immerso nella campagna, con tanto verde e con le case con gli orti e il pollaio, il tutto dominato da un monte. La natura torna anche nella sensibilità animalista in alcuni discorsi, seppur con contraddizioni. Per esempio Youngji è scioccata dalla crudeltà con cui il gallo del pollaio becca le galline e dà da mangiare ai gatti che considera come dei bambini, litigando per questo con un vicino. Ciò non impedisce alla donna di amare la carne alla griglia, così come la sua amica ragiona sulla possibilità di diventare vegetariana, pensando a quanto siano simpatiche le mucche e belli i loro occhi. Immagini della natura servono anche a raccordare tra loro le tre parti del film, attraverso la visione della montagna.

Gamhee va a trovare, o incontra per caso come succede nell’ultima situazione, delle amiche con le quali, pare di capire, non si vedeva da tempo, e chiacchiera con loro, ognuna racconta degli ultimi anni della propria esistenza. È la prima volta in cinque anni che Gamhee passa del tempo lontana dal marito, con cui comunque pare le cose vadano bene, almeno lei dice così. Alle storie delle amiche si delineano accenni di ulteriori storie, come quella della figlia del vicino la cui madre se n’è andata. Più facile incrociarsi in quella cittadina di provincia che non nella metropoli di Seoul, dicono. Ma i rapporti di vicinato sono contraddittori e ambigui. La prima amica, Youngsoon, sembra intima con una vicina che ha problemi, mentre la sua coinquilina litiga con quell’altro vicino che detesta i gatti. La seconda amica trovata, Suyoung, trova molto piacevole quel clima di vicinato ma frequenta un uomo conosciuto in un bar (situazione tipica da Hong Sangsoo) scoprendo solo successivamente che è un inquilino del piano sopra il suo. Quest’ultima situazione segnala una grande separazione con il cinema precedente del regista sudcoreano, dove la narrazione si snoda tra tavolini di bar e ristoranti, mangiando e sorseggiando soju. Qui invece tutto si svolge in casa, in contesti conviviali e informali domestici. Solo il terzo incontro non è in un’abitazione privata, ma in quello che sembra un open space di una compagnia cinematografica, ma si tratta comunque di un ambiente amichevole e famigliare. Non si beve alcol nel film e lo stato di ubriachezza è solo evocato, un paio di volte. I bar e l’alcol sono lontani, appartengono ai ricordi, e agli altri film del regista, come pure il mondo degli uomini. I maschi si vedono poco, uno per ognuna delle tre parti, e perlopiù di spalle. Il vicino che odia i gatti, il giovane poeta che assilla Suyoung, l’uomo che incontra Gamhee alla fine, con il quale c’è stato un burrascoso trascorso, probabilmente è un regista, probabilmente l’alter ego di Hong Sangsoo, anche perché interpretato da Kwon Hae-hyo che già in On the Beach at Night Alone rappresenta una delle manifestazioni del regista. E forse l’ultima amica che incontra c’entra nella fine di quella storia, lei che si deve scusare con Gamhee per un imprecisato episodio del passato. L’ultima parte del film è quella dove, come spessissimo nelle opere del cineasta sudcoreano, l’ambiente è quello a lui famigliare del cinema. Ma la figura del regista potrebbe rispecchiarsi anche nello scrittore, mai visto, marito di Gamhee, di una figura pubblica che acquisisce notorietà. Non abbiamo nuovi gossip su quale sia l’attuale situazione sentimentale del regista con Kim Minhee. Quello che è certo è che The Woman Who Ran è un film su una donna che vuole riprendersi il suo tempo e i suoi spazi, che tiene lontano il mondo degli uomini, dove la visione maschile fa un passo indietro. Il mondo maschile è il pollaio con cui il film si apre, dove il gallo becca sadicamente le galline, che non hanno più le piume sul collo.

Sempre più rarefatto il cinema di Hong Sangsoo, fatto di movimenti di macchina minimi, zoom, costruito con una fittissima rete di specularità e di elementi che si ripetono due volte: una ragazza che deve fare un’intervista, la situazione spiata da un videocitofono, il riferimento all’inquilino del terzo e del secondo piano, il piatto di mele, i riferimenti a stati di ubriachezza, la cucina. E poi, come si è detto, la lunga serie di tavolini dove si pranza. Specularità e richiami sono ancora tra un film e l’altro e The Woman Who Ran appare fortemente in risonanza con On the Beach at Night Alone, il primo film peraltro della serie sulla tormentata relazione con Kim Minhee. Una storia in cui il momento catartico, di rivendicazione femminile, è rappresentato proprio in uno stato di ubriachezza che manca in quest’ultimo film, pure essendovi richiamato. E in quel film l’immagine del mare e della spiaggia rappresenta l’interfaccia verso un mondo onirico. Quello che ora cerca Gamhee, allontanandosi dagli uomini e trovandolo nel cinema. In quel film che vede in una saletta privata, dove c’è anche il critico Darcy Paquet. Non c’è più un paesaggio diviso a metà, la spiaggia e il mare, come i due generi, maschile e femminile. C’è solo il mare con un piccolo lembo di terra che emerge. È un film dove si vede quasi solo il mare, che lei trova carico di pace. Il mare che offre spiragli verso nuovi orizzonti, il futuro della donna, il futuro del cinema?

Info:
La scheda di The Woman Who Ran sul sito della Berlinale 2020.

  • the-woman-who-run-2020-hong-sansoo-1.jpg
  • the-woman-who-run-2020-hong-sansoo-2.jpg

Articoli correlati

  • Locarno 2018

    Hotel by the River RecensioneHotel by the River

    di Secondo film dell'anno di Hong Sangsoo, Hotel by the River, in concorso a Locarno dopo Grass al Forum della Berlinale. Contemplando un fiume d'inverno, in bianco e nero, il regista sudcoreano supera le sue abituali schermaglie tra i sessi per approdare alla poesia, alla natura, alla vita e alla morte.
  • Berlinale 2018

    Grass RecensioneGrass

    di L'ormai annuale appuntamento festivaliero con Hong Sangsoo avviene quest'anno alla Berlinale, al Forum, dove presenta Grass, ennesimo film sui rapporti uomo-donna che si snoda tra bevute nei tavolini di un bar, tra personaggi del mondo del cinema. Ma ora fa capolino anche la morte...
  • Cannes 2017

    The Day After

    di The Day After porta Hong Sangsoo in concorso alla settantesima edizione del Festival di Cannes, dopo aver presentato fuori dalla competizione il sublime La caméra de Claire. Tornato in Corea il regista torna anche alle sue abitudini, riproponendo schemi già strutturati in precedenza senza per questo cedere alla noia della ripetitività.
  • Cannes 2017

    La caméra de Claire

    di Dopo In Another Country, Isabelle Huppert torna a recitare per Hong Sangsoo: La caméra de Claire è una riflessione sulla chiarezza dell'immagine e del discorso meta-cinematografico del cineasta coreano.
  • Berlinale 2017

    On the Beach at Night Alone

    di Nel nuovo film di Hong Sangsoo, On the Beach at Night Alone, il doppio vita-arte è quantomai esplicito visto che ripercorre le vicende sentimentali dell'attrice Kim Minhee, premiata come miglior interprete, con il regista stesso.
  • Rotterdam 2017

    Yourself and Yours

    di Presentato al Festival di Rotterdam, Yourself and Yours di Hong Sangsoo che passa per omaggi a Buñuel e all’alcol per raccontare ancora di schermaglie tra i sessi, friabili rapporti di coppia tra sospetti e maldicenze, rotture e nuovi incontri.
  • Locarno 2015

    intervista-a-hong-sangsooIntervista a Hong Sangsoo

    "L’intenzione per me è sempre qualcosa di non interessante. Se dovessi lavorare seguendo le intenzioni non lavorerei, è noioso. Ho bisogno che qualcosa di nuovo e inaspettato mi succeda ogni giorno, per sentirmi vivo e per voler lavorare." Hong Sangsoo, vincitore del Festival di Locarno con Right Now, Wrong Then, ci spiega i segreti della sua prassi registica.
  • Locarno 2015

    Right Now, Wrong Then

    di Pardo d'Oro a Locarno, Right Now, Wrong Then è il nuovo film di Hong Sangsoo, abituato a sfornare opere almeno due volte l’anno. Ancora un protagonista che viene dal mondo del cinema, ancora tanti cliché cui l’autore sudcoreano ci ha abituato… E stavolta il minimalismo e la leggerezza di Hong sfiorano il sublime.
  • Venezia 2014

    Hill of Freedom

    di Presentato nella sezione Orizzonti di Venezia 71 il nuovo lavoro del sudcoreano Hong Sangsoo, un film di poco più di un’ora in cui il regista si riconferma massimo alfiere di un cinema leggero e delicato, in grado di restituire il tempo della vita con rinnovata grazia.
  • DVD

    In Another Country

    di In un dvd targato CGHV e Tucker Film il delizioso e inevitabile incontro tra Isabelle Huppert e il sudcoreano Hong Sangsoo, rohmeriano per scelta e per talento.
  • AltreVisioni

    Nobody’s Daughter Haewon

    di Haewon, una giovane studentessa, si sente abbandonata: la madre sta per emigrare in Canada e la storia clandestina col suo professore è destinata a finire... Presentato al Festival di Berlino 2013.
  • Archivio

    In Another Country

    di Tre donne, tutte chiamate Anne, visitano una dopo l'altra una piccola stazione balneare di Mohang e dormono nello stesso piccolo hotel sulla costa. Incontreranno, tra l'altro, sempre le stesse persone, tra le quali un bagnino che continua a camminare avanti e indietro...
  • AltreVisioni

    The-Day-He-ArrivesThe Day He Arrives

    di Chiunque abbia un minimo di dimestichezza con l’opera di Hong, ritroverà le coordinate necessarie per entrarvi in relazione già nei primi cinque minuti di The Day He Arrives: Sang-joon fa ritorno a Seoul e cammina per strada, dove incrocia un’aspirante attrice che ha lavorato con lui anni prima...
  • Venezia 2010

    Oki’s Movie

    di A pochi mesi da Ha ha ha, presentato al Festival di Cannes, il cineasta sudcoreano Hong Sangsoo arriva a Venezia con un altro mirabile film, Oki's Movie, che è allo stesso tempo un perfetto saggio meta-cinematografico.
  • AltreVisioni

    Night and Day

    di Hong Sangsoo compie finalmente il passaggio definitivo e arriva ad ambientare un suo film a Parigi, nel cuore di quella Francia alla quale ha sempre di fatto guardato come a una patria artistica ideale...
  • Festival

    Berlinale 2020

    Berlinale 2020 significa non solo che il festival taglia il prestigioso traguardo delle settanta edizioni, ma anche che l'era di Kosslick è oramai alle spalle, ed è iniziata quella di Carlo Chatrian. Un nuovo corso che non voler smonta l'anima del festival, ma apre a mondi che finora avevano solo lambito Potsdamer Platz.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento