A metamorfose dos pássaros

A metamorfose dos pássaros

di

Presentato nella sezione Encounters della 70 Berlinale, nell’ambito della quale ha vinto il premio Fipresci, A metamorfose dos pássaros rappresenta l’esordio al lungometraggio per la giovane Catarina Vasconcelos, un viaggio nelle memorie familiari reso come una galleria d’arte o un wunderkammer.

Il colore del melograno

Beatriz ha sposato Henrique il giorno del suo 21° compleanno. Lui, un ufficiale di marina, passava lunghi periodi in mare lasciando che lei si prendesse cura dei loro sei figli. Un giorno, all’improvviso, Beatriz morì. Il figlio maggiore, Jacinto, padre della regista, si confronta con lei, che ha perso la madre a 17 anni. [sinossi]

Forse uno dei ricordi più forti della nostra vita è la prima volta che abbiamo avuto la consapevolezza della morte, quando da bambini abbiamo preso coscienza della caducità della vita umana, oppure quando la Nera Mietitrice ha bussato per la prima volta alla porta di qualcuno a noi vicino. Nel proprio viaggio nei ricordi familiari, segnati dalla perdita prematura della madre e della nonna Beatriz, la giovane filmmaker portoghese Catarina Vasconcelos visualizza questo ricordo con la scena del ritrovamento di un passero morto da parte dei bambini protagonisti, che provvedono a dargli sepoltura con un funerale improvvisato come un gioco di bambini, con tanto di fiorellini del prato. Tutto ciò nello straordinario A metamorfose dos pássaros, presentato nella sezione Encounters della 70 Berlinale, nell’ambito del quale ha vinto il premio Fipresci. L’esordio al lungometraggio per Catarina Vasconcelos che organizza le memorie della propria famiglia come una galleria pittorica. A quella consapevolezza di morte si aggiunge il senso di brevità della vita, ma anche il far parte di vita e morte dei cicli della natura, nella scena in cui si parla della diversa longevità di vari animali, come le farfalle la cui esistenza dura solo qualche istante. La storia familiare, raccontata nel film, parte dal matrimonio di Beatriz con Henrique, da cui sono nati sei fratelli, cresciuti dalla madre mentre il padre stava lontano, su una nave in quanto ufficiale di marina. Tra questi Jacinto, il padre della regista.

A metamorfose dos pássaros è un film sulla morte e sulla memoria, e sulla caducità di entrambe, e sul potere dell’arte di fissare la vita. Il film nasce quando Henrique, nonno della regista, decide di bruciare tutte le sue vecchie lettere con Beatriz, la testimonianza della loro storia. Sarà il cinema, della nipote, quindi, a farsi carico di preservare il ricordo della nonna e della famiglia. E il cinema, la settima arte, il medium che racchiude tutto, si manifesta e si rivela, dopo le varie forme d’arte contemplate, alla fine, quando si parla del copione del film. A metamorfose dos pássaros inizia, in 16mm e in aspect ratio 1,33, con lo sguardo del nonno, con i suoi occhi, ormai in casa di riposo che si rivolge all’amata Beatriz. Seguono gli occhi artificiali di un bassorilievo appeso al muro, muro cui si aggiunge un quadro appeso, raffigurante Beatriz a letto con uno dei suoi sei bimbi, piccolo. Un incipit che enuncia quello che sarà il film, dove spesso si vedranno immagini di occhi, un viaggio della visione attraverso le immagini sospese. Catarina Vasconcelos, che ha una formazione in un’accademia londinese di belle arti, gioca spesso con il moltiplicarsi di quadri interni, come quando si vede il mare con una lente d’ingrandimento che inscrive un’immagine dove mare e cielo si invertono nella superficie tonda ricorrente, che è quella degli oblò, oppure quelle delle figure tatuate sulle gambe o l’immagine di Beatriz su una bandiera portata dalla nipote stessa, ripresa in campo lunghissimo su un altipiano. Oppure ci sono moltiplicazioni attraverso specchi che contengono ritratti, oppure specchi che diventano quadri come quello nel bosco che ritaglia un’immagine sottilmente diversa, degli alberi, al suo interno. Ma anche a volte la regista gioca sulle sottrazioni, come nelle vecchie foto di guerra dove l’immagine del nonno è stata ritagliata lasciando solo un buco con i contorni della sua sagoma.

A metamorfose dos pássaros è un film di simulacri, di fantasmi coperti di lenzuola come nell’iconografia popolare infantile, di nature morte e dipinti, che passa dalla nave del nonno alle navi disegnate e stilizzate della classica battaglia navale del gioco di bambini, in cui sono impegnati i ragazzi. Un film di scrigni di ricordi, un film wunderkammer di collezioni naturali, erbari, conchiglie. Dove una rassegna di francobolli racconta la fine dell’era coloniale portoghese, dopo la morte di Salazar raccontata invece attraverso la copertina di una rivista d’epoca. Un film che funziona con un linguaggio che è quello delle immagini, in una conversione come quella del codice Morse con cui il nonno comunica. Un film che si può ricondurre figurativamente a una contrapposizione tra l’orizzontalità, del mare propria del nonno marinaio, e la verticalità degli alberi e delle piante, principio adottato da Beatriz per la crescita dei figli, uno dei quali, il padre della regista, si chiama proprio come un fiore, Jacinto. Beatriz, che viene essa stessa definita dal figlio quale una pianta, e la cui morte è rappresentata come un ramo rotto all’interno di una fitta foresta di alberi sempreverdi, una chiazza rossa nel verde. Siamo parte della natura che si disvela all’apertura di un sipario, come il tendaggio di casa che si apre su paesaggi naturali fuori dalla finestra. Piante in casa dalle grandi foglie lobate usate come superficie da colorare, alte, vigorose, verticali e sempreverdi come i cipressi, ma ci sono anche quelle che si tingono di colori autunnali a simboleggiare l’autunno della vita, la scomparsa della madre anche se questa è avvenuta di primavera.

Catarina Vasconcelos usa come sintesi figurativa l’immagine del cavalluccio marino, unico pesce “verticale”, chiamato anche ippocampo proprio come quella parte del cervello centrale per il formarsi della memoria. Pesce che si contrappone ai pesci “orizzontali” su un piatto, di una immagine da natura morta del film, in un’iconografia tipicamente portoghese. Alla fine del film sembra che i conflitti si ricompongano. Il tronco di un vecchio albero sembra aprirsi con un oblò sul mare, ma si tratta di uno specchio che viene tolto. Il falò, attorno al quale si riunisce tutta la famiglia, in cui bruciano e vengono incenerite per sempre le memorie di Beatriz. E un alberello viene trasportato in mare su una barca, sintesi dell’incontro e dell’amore dei progenitori.

Info
La scheda di A metamorfose dos pássaros sul sito della Berlinale

Articoli correlati

  • Doclisboa 2019

    Intervista a Tiago SiopaIntervista a Tiago Siopa

    Tiago Siopa, dopo studi di fisica si è indirizzato al cinema documentario. Il suo lungometraggio di diploma, Setil, ha ricevuto una menzione speciale della giuria al Doclisboa 2015. Lo abbiamo incontrato al Doclisboa 2019, dove veniva presentato il suo secondo lungometraggio, Fantasmas: Caminho Longo para Casa.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Claudio CarboneIntervista a Claudio Carbone

    Claudio Carbone, nato a Potenza, laureato in architettura, ha compiuto studi nel campo dei movimenti sociali presso varie università di sociologia nel mondo (Brasile, Portogallo, Costa Rica). Il suo primo lungometraggio, Hasta que muera el sol, è stato presentato a Doclisboa, dove lo abbiamo intervistato.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Luísa HomemIntervista a Luísa Homem

    Regista, montatrice, produttrice, tra i fondatori del collettivo Terratreme Filmes, la portoghese Luísa Homem ha diretto Suzanne Daveau, in cui segue la storia della geografa che dà il titolo al film. Abbiamo incontrato Luísa Homem in occasione del Doclisboa 2019.
  • Doclisboa 2019

    Fantasmas: Caminho Longo para Casa RecensioneFantasmas: Caminho Longo para Casa

    di Presentato nel concorso portoghese di Doclisboa '19, Fantasmas: Caminho Longo para Casa di Tiago Siopa è un film sulla vita rurale, sui ritmi della campagna, dove il fantastico fa parte del quotidiano e gli avi della famiglia rimangono una presenza che accompagna l'esistenza di tutti i giorni.
  • Pingyao 2019

    A Febre RecensioneA Febre

    di Vincitore del concorso Crouching Tigers del 3° Pingyao International Film Festival, già presentato in anteprima a Locarno, A Febre della filmmaker brasiliana Maya Da-Rin è una riflessione sulla coesistenza spesso conflittuale tra la cultura indigena primigenia e la civilizzazione portata dall'Occidente.
  • Festival

    Doclisboa 2019

    Doclisboa 2019 segna l'ultima edizione del festival portoghese sotto l'egida di Cíntia Gil; dal 17 al 27 ottobre a Lisbona il meglio del cinema documentario (e non solo) presso il Culturgest e altre sale cittadine.
  • Interviste

    Intervista-Joao-nicolauIntervista a João Nicolau

    Fautore di un cinema strampalato, surreale e incentrato su personaggi solitari, abbiamo incontrato João Nicolau durante il 72 Locarno Film Festival, dove è stato in concorso con Technoboss.
  • Venezia 2019

    A Herdade RecensioneA Herdade

    di In concorso a Venezia 76, A Herdade di Tiago Guedes è un affresco di storia portoghese attraverso le vicende di una famiglia di ricchi possidenti terrieri. Calligrafico, leccato, ideologicamente ambiguo, il film guarda a Novecento e alle grandi soap degli anni Ottanta, senza raggiungere il livello qualitativo di nessuna di queste opere.
  • Venezia 2019

    Francisca RecensioneFrancisca

    di Al pari di Amor de Perdição, Francisca segnava nel 1981 uno degli apici della filmografia di Manoel de Oliveira portando a maturazione il suo personalissimo discorso su Storia, Teatro e Cinema. In versione restaurata a Venezia 76.
  • Locarno 2019

    Vitalina Varela recensioneVitalina Varela

    di Ancora un nome nel titolo, ancora uno sprofondare in quel golgota che è il quartiere Fontainhas di Lisbona, di cui Pedro Costa è il grande cantore. Ora segue la vita di Vitalina Varela nell’ultimo film presentato in concorso al 72 Locarno Film Festival, dove ha vinto il Pardo d'oro.
  • Locarno 2019

    Technoboss

    di Presentato in concorso a Locarno, Technoboss è il nuovo film di João Nicolau, un’altra operetta strampalata, colorata e musicale del regista incentrata per la prima volta su una figura matura e non su un adolescente. Stavolta però non riesce a mantenere l’equilibrio.
  • FID 2019

    raposa recensioneIntervista a Leonor Noivo e Patricia Guerreiro

    Leonor Noivo è autrice di diversi documentari e cortometraggi, Patricia Guerreiro è un'attrice. Le due si sono unite per raccontare la malattia che le accomuna, l'anoressia, nel film Raposa. Le abbiamo incontrate al 30° Fid Marseille dove il film è stato presentato in concorso.
  • FID 2019

    Danses macabres, squelettes et autres fantaisies RecensioneDanses macabres, squelettes et autres fantaisies

    di , , Presentato tra gli Écrans parallèles del 30° Fid Marseille, Danses macabres, squelettes et autres fantaisies è il diario di un incontro, e di un viaggio in Portogallo, tra due cineasti, la portoghese Rita Azevedo Gomez e il francese Pierre Léon, e lo studioso d'arte e filosofo Jean-Louis Schefer.
  • FID 2019

    raposa recensioneRaposa

    di Presentato in concorso al 30° Fid Marseille, dove ha ricevuto una menzione speciale nell'ambito del Prix Georges De Beauregard National, Raposa è un mediometraggio della regista portoghese Leonor Noivo, che parla di anoressia, un disagio che la accomuna all'attrice Patricia Guerreiro.
  • Pesaro 2019

    Tragam-me a Cabeça de Carmen M. RecensioneTragam-me a Cabeça de Carmen M.

    di , Presentato in concorso alla 55a Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, dopo l'anteprima all'IFFR 2019, Tragam-me a Cabeça de Carmen M. di Felipe Bragança e Catarina Wallenstein ripercorre il percorso di vita dell'icona Carmen Miranda.
  • Festival

    Berlinale 2020

    Berlinale 2020 significa non solo che il festival taglia il prestigioso traguardo delle settanta edizioni, ma anche che l'era di Kosslick è oramai alle spalle, ed è iniziata quella di Carlo Chatrian. Un nuovo corso che non voler smonta l'anima del festival, ma apre a mondi che finora avevano solo lambito Potsdamer Platz.
  • Berlinale 2020

    Intervista a Catarina VasconcelosIntervista a Catarina Vasconcelos

    Nata a Lisbona nel 1986, con una formazione artistica, Catarina Vasconcelos ha presentato a Berlino il suo primo lungometraggio, A Metamorfose dos Pássaros. L'abbiamo incontrata in questa occasione.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento