I nostri anni

I nostri anni

di

Lungometraggio d’esordio di Daniele Gaglianone, I nostri anni è un film sulla Resistenza e sulla memoria della lotta partigiana, che si basa su uno snodo morale cruciale a distanza di cinquant’anni dai fatti, sui sentimenti dei reduci nei confronti degli aguzzini fascisti. Presentato al Torino Film Festival e alla Quinzaine des Réalisateurs.

Nome di battaglia: Silurino

Alberto e Natalino sono due anziani che hanno partecipato alla Resistenza come partigiani nelle valli piemontesi. Con loro c’era anche Silurino, pseudonimo di battaglia come tutti gli altri, che cadde vittima delle brigate nere, ucciso dopo orribili sevizie. Natalino vive ancora in montagna, in una baita isolata, mentre Alberto, vedovo, trascorre l’estate in una pensione, dove fa amicizia con Umberto, un anziano disabile in sedia a rotelle, che poi riconosce come quel gerarca fascista che, con i suoi miliziani, aveva ucciso Silurino. [sinossi]
Per vedere I nostri anni sul canale youtube di Quinlan.it, clicca a questo link.

Buoni o cattivi, ricchi o poveri, sono tutti uguali ora: è la celebre frase con cui Kubrick mette una pietra tombale sul Settecento. Possiamo fare lo stesso su eventi storici molto più recenti come la Resistenza al nazifascismo, la guerra partigiana e la liberazione che rappresentano un atto fondante della nostra Repubblica? Negli anni recenti sono riemerse ipotesi revisioniste, riconciliatorie mentre i testimoni e i protagonisti sopravvissuti di quei fatti sono sempre di meno con il lento dissolversi della memoria viva che rappresentano. Quale atteggiamento avere nei confronti di eventuali criminali di guerra superstiti, altrimenti definiti i vinti, ora ridotti a innocui vecchietti?

Su questo dubbio morale si fonda I nostri anni (2000), lungometraggio di esordio di Daniele Gaglianone che affronta i temi della Resistenza e della memoria, non limitandosi alla documentazione o all’agiografia dei partigiani. Si tratta di un dilemma morale che probabilmente ha perseguitato nella propria vita i reduci della Resistenza, che si saranno confrontati con un senso di pietà per le proprie vittime. Il partigiano Giulio Questi arriva a sviscerare, magistralmente, questo sentimento da ultraottantenne nel suo corto digitale Visitors. I nostri anni nasce a seguito del lavoro di Daniele Gaglianone per l’Archivio nazionale cinematografico della Resistenza, durante il quale partecipava come operatore in videointerviste a vecchi partigiani, cui rivolgeva sempre la domanda fatidica sul come si sarebbero comportati se avessero incontrato, a distanza di cinquant’anni, una delle belve fasciste, uno dei loro nemici che poteva aver ucciso barbaramente i loro compagni. Questa scena primaria è riprodotta nel film, nel momento in cui una troupe intervista Natalino (in realtà si chiama Pasquale ma nel film sono mantenuti i nomi di battaglia) che vive da eremita nella sua baita in mezzo ai boschi.

I nostri anni si fonda su questo elemento narrativo dell’incontro casuale, in un contesto pacifico e anche piacevole, di villeggiatura, di chi viene riconosciuto come un aguzzino di guerra, ora ridotto in uno stato fisico di debolezza, che fa risvegliare un passato drammatico, in realtà mai sepolto. È il nucleo per esempio di La passeggera di Andrzej Munk o di Tras el cristal di Agustí Villaronga. I nostri anni è un film dalla struttura complessa che si basa, per i primi due terzi, su tre linee narrative in parallelo, seguendo singolarmente i due reduci della Resistenza che vengono alternate alle scene della memoria, della guerriglia nei boschi di montagna, delle nefandezze compiute dai repubblichini. Le tre linee possono essere raccordate con montaggio connotativo, passando da Natalino che non ricorda, durante l’intervista, quale fosse il vero nome di Alberto, ad Alberto (svelando così il legame tra i due) che parla di calcio con l’amico non ancora riconosciuto nella sua identità, ai partigiani nel bosco che parlano di calcio. Oppure si passa dal discorso sulle diverse modalità, tra partigiani e fascisti, di uccidere i prigionieri, all’ex-partigiano e all’ex-fascista che parlano di quella località come luogo ideale per la propria sepoltura, confluendo poi nella terribile scena dell’esecuzione del partigiano. Le due narrazioni del presente confluiscono quando Alberto si accorge che quell’anziano signore in sedia rotelle che ha conosciuto, altri non è che la belva fascista Umberto Passoni, e corre dal suo vecchio compagno Natalino, rivelando così anche una vicinanza geografica tra i due, per pianificare quella vendetta covata per tutta la loro vita.

Altrettanto complesso e diversificato è il discorso fotografico, opera del direttore della fotografia Gherardo Gossi, costruito su grane diverse di pellicola in bianco e nero, a partire da quelle, più sgranate e girate con macchina a mano, a volte nevrotica, a volte impazzita, a volte con ulteriori viraggi nel bianco, dei ricordi di guerra, uno spazio ormai onirico, o fiabesco, in quel bosco di betulle bianche del Canavese. Uno spazio mentale, della memoria, che può risucchiare i protagonisti, fino al punto di ritornarvi da vecchi, di occupare quei loro incubi. Una natura, che è uno spazio di guerra, ma anche di libertà, come sottolinea Natalino, e che è protagonista del film, anche nelle parti del presente, con quei luoghi di montagna. Una natura che rappresenta un teatro indifferente alle vicende umane che nel suo palcoscenico si svolgono, che non lasceranno traccia.

Per contro c’è la grana da intervista televisiva, con la relativa fissità delle inquadrature, di tutte le scene di Natalino. A lui è affidata la parte più esplicita, o didascalica, sui sentimenti dei partigiani, sulle motivazioni che, da ventenne, lo spinsero ad abbracciare le armi, sul senso di colpa di essere sopravvissuto, per sbaglio, e sulla disillusione di quello che è diventato il paese per cui ha combattuto e rischiato la vita. Con aria energica, dignitosa, fiera quanto cinica, con il suo bicchiere di vino rosso, Natalino racconta per esempio di un processo intentatogli negli anni Cinquanta da un ex-repubblichino che lo accusava di avergli rubato delle piastrelle in casa durante la guerra. Sarà lui, in questo contesto, a dare una prima risposta al dilemma centrale nel film. I morti saranno anche tutti uguali, ma non lo sono i moribondi, e mentre i partigiani uccidevano i fascisti con una fucilata secca, i secondi ammazzavano i primi solo dopo inenarrabili sevizie e torture. Ma l’anziano uomo conclude, alla fatidica domanda, che se incontrasse ora uno dei suoi nemici non se la sentirebbe nemmeno di dargli più neanche un calcio nel culo, tanto sono solo dei vecchi. Posizione che poi ribadisce ad Alberto che invece è determinato a uccidere l’ex-repubblichino.

L’ultima parte di I nostri anni è costruita come un film di genere, o la parodia di un film di genere, con i due vecchietti, che fanno anche fatica a capire il funzionamento di un distributore automatico, che pianificano un omicidio. Ci sono qui anche risvolti da suspense hitchcockiana, come quando i due bucano e vengono aiutati dai poliziotti che aprono il loro baule, per prendere la ruota di scorta, frugando proprio dove hanno nascosto la pistola. Quasi un breve road movie in un mondo, per il quale hanno combattuto, governato dalla meschinità, come quella del giovane impaziente che aspetta al distributore apostrofandoli come vecchietti imbranati. Azione che si conclude nella loro irruzione con montaggio ritmato con la canzone “Ti ho visto in piazza” del gruppo punk-rock torinese dei Truzzi Broders, momento in cui si vede l’impronta del brillante montatore Luca Gasparini, memore del suo lavoro per Tutti giù per terra di Davide Ferrario.

Fondamentale nel film – con involontaria somiglianza con il cinema di Lav Diaz, autore che pure ha ricostruito momenti di resistenza nella foresta – il discorso sui meccanismi interni di riproduzione dell’immagine, come nelle riprese televisive, e le immagini sospese, i quadretti, le fotografie della Resistenza, che riproducono come quadri interni i momenti di flashback. I nostri anni si conclude con un nuovo epitaffio, nel momento in cui si ricongiungono, anche fotograficamente, passato e presente, vivi e morti: «I nostri anni sono passati come una storia che ci è stata raccontata e il luogo dove accaddero queste cose non ne serberà traccia».

Info
Un’intervista a Gaglianone su I nostri anni su YouTube.

  • i-nostri-anni-2000-daniele-gaglianone-03.jpg
  • i-nostri-anni-2000-daniele-gaglianone-02.jpg
  • i-nostri-anni-2000-daniele-gaglianone-01.jpg
  • i-nostri-anni-2000-daniele-gaglianone-04.jpg

Articoli correlati

  • Resistenza

    Ossessione RecensioneOssessione

    di Esordio alla regia per Luchino Visconti, opera spartiacque assurta nel tempo al ruolo di iniziatrice del neorealismo italiano, Ossessione si propone come una sfida politica e culturale, un tentativo di resistenza estetica contro le regole scritte e non scritte del cinema di regime.
  • In sala

    dove bisogna stare recensioneDove bisogna stare

    di Daniele Gaglianone, che ha lavorato alla scrittura con Stefano Collizzolli filma in Dove bisogna stare un'Italia che resiste, nonostante le avanzate delle destre e la politica penta-leghista sull'immigrazione. Un'Italia che accoglie, per dovere, per umanesimo e soprattutto per giustizia.
  • Interviste

    Intervista a Lav DiazIntervista a Lav Diaz

    In Season of the Devil, Lav Diaz torna a occuparsi dell'epoca della dittatura di Marcos, e di nuovo c'è la forma da musical che però Diaz reinterpreta con canzoni a cappella, senza musica. Abbiamo incontrato Lav Diaz durante la scorsa Berlinale, dove il film è stato presentato.
  • Torino 2015

    Tragica alba a Dongo

    di Il film di Vittorio Crucillà che venne censurato dal potere democristiano per volere di Andreotti e che narra le ultime ore di vita di Benito Mussolini è stato riscoperto al Torino Film Festival, in una copia restaurata che ne svela definitivamente il valore artistico, oltre che storico.
  • Torino 2014

    Qui

    di Uno sguardo pacato sul mondo dei No Tav e della Val di Susa: Daniele Gaglianone con Qui - presentato nella sezione TFFdoc a Torino - racconta da vicino una realtà che, oltre a mille soprusi, è stata vittima (e lo è ancora) di una gigantesca campagna di disinformazione.
  • Interviste

    Intervista a Gianluca Arcopinto

    Abbiamo incontrato il produttore indipendente Gianluca Arcopinto, per parlare del cinema italiano contemporaneo, del Sistema e della questione culturale, ma non solo...
  • Cinema Ritrovato 2014

    La passeggera

    di Al Cinema Ritrovato di Bologna ritorna sul grande schermo l'opera capitale di Andrzej Munk che morì prima di riuscire a portarla a termine. Un film imperdibile.
  • Archivio

    La mia classe RecensioneLa mia classe

    di Il nuovo film di Daniele Gaglianone, a metà tra documento della realtà e finzione scenica, appare un'occasione sprecata. Presentato alle Giornate degli Autori di Venezia 70.
  • Resistenza

    Paisà RecensionePaisà

    di Titolo cardine della storia del cinema italiano e della rinascita (o, meglio, nascita) del nostro paese: Paisà di Rossellini percorreva tutto lo Stivale da sud a nord, riunificando l'Italia e raccontando la ritrovata dignità del suo popolo.
  • Resistenza

    il sole sorge ancora recensioneIl sole sorge ancora

    di Girato tra la fine del 1945 e l'inizio del 1946, con l'Italia appena uscita dalla barbarie della guerra e dell'occupazione nazi-fascista, Il sole sorge ancora rappresenta un raro caso di film dedicato alla Resistenza di dichiarato impianto marxista. Prodotto a Milano per volere dell'A.N.P.I..
  • Resistenza

    I sette fratelli Cervi RecensioneI sette fratelli Cervi

    di Dedicato alla vicenda dei sette fratelli di Campegine, I sette fratelli Cervi di Gianni Puccini è un sincero e commovente omaggio alla lotta partigiana, narrata con sguardo originale come una rivoluzione primariamente etica.
  • Resistenza

    la ragazza di bube recensioneLa ragazza di Bube

    di Adattamento per il grande schermo del celeberrimo romanzo di Carlo Cassola, vincitore del Premio Strega nel 1960, La ragazza di Bube segna il ritorno (dopo Tutti a casa) di Luigi Comencini ai temi della guerra di Resistenza contro il nazi-fascismo.
  • Resistenza

    roma città aperta recensioneRoma città aperta

    di Se Ossessione aveva indicato una via possibile, è con Roma città aperta che il cinema italiano, oramai liberato, inizia la sua "Vita nova". Il quarto film di Roberto Rossellini è la Costituzione prima dell'assemblea costituente, il racconto quasi in fieri di un popolo che si arma contro il nazi-fascismo.
  • Resistenza

    materiale resistente recensioneMateriale resistente

    di , Documentario che parte da un concerto del 25 aprile 1995 nei campi vicino a Correggio, Materiale resistente è un'opera congiunta di Davide Ferrario e Guido Chiesa, agli inizi della propria carriera.
  • Speciale

    Speciale Resistenza | Quinlan.itResistenza

    In un momento come questo, in cui ogni tipo di festival è sospeso, ci è sembrato utile e doveroso tornare alla storia, e in particolare tornare alla nostra Storia, alle nostre radici: la Resistenza, da cui nacque non solo la Repubblica, ma anche il nostro cinema migliore.
  • Resistenza

    guardiamoli negli occhi recensioneGuardiamoli negli occhi

    di , Guardiamoli negli occhi è un documentario che Barbara Elese ed Erik Negro hanno diretto e montato per commemorare nel 2015 il settantennale della fine della vittoriosa lotta partigiana; girato nell'alessandrino, uno degli epicentri della Resistenza, è un viaggio fisico e sentimentale.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento