I Mille Occhi 2020 – Presentazione

I Mille Occhi 2020 – Presentazione

È arrivato il momento de I Mille Occhi – Festival internazionale del cinema e delle arti che, come consuetudine, segue a stretto giro Venezia. La manifestazione, nata dalla passione di Sergio M. Grmek Germani e giunta alla 19a edizione, si svolgerà dal 18 al 22 settembre con una prima parte in digitale terrestre per concludersi nelle giornate di lunedì 21 e martedì 22 settembre con proiezioni e incontri a Trieste nella sede en plein air di Piazza Verdi e nelle sale del Cinema Ariston e del Teatro Miela. La formula ibrida scelta dai Mille Occhi risulta coerente con la sua impostazione integralista cinefila, che ha sempre privilegiato le proiezioni in pellicola. A sopperire a questa non l’etereo streaming di qualche portale, bensì lo spazio del programma Fuori orario – Cose (mai) viste, da sempre baluardo della magnifica ossessione per il cinema e affine nello spirito dei Mille Occhi.

Sotto lo sguardo della madrina iconica del festival di quest’anno, la leggendaria e conturbante Musidora, attrice de Les vampires di Feuillade – nuovamente simbolo di un festival dopo il Cinema Ritrovato dell’anno scorso –, I Mille Occhi 2020 avrà come titolo Il prurito, che rimanda a un omonimo film che al momento è dato per smarrito (unica regia dello scrittore Carlo Levi prodotta da Marco Ferreri), simbolo di quell’anelito alla ricerca del film perduto, con ogni mezzo possibile, che da sempre ha caratterizzato il lavoro della manifestazione triestina. I film miracolosamente ritrovati di quest’anno sono Incontro con il padre di Vittorio Cottafavi e Altre epifanie di Ellis Donda. Quest’ultimo è un’opera, come intuibile dal titolo, ispirata a Joyce e sarà proiettato non al Teatro Miela, dove avrebbe assistito lo stesso Joyce in versione scultorea, bensì in Piazza Verdi lunedì 21 settembre alla presenza del regista, dell’attrice e cosceneggiatrice Luciana Sacchetti e dei curatori Cecilia Ermini e Stefano Miraglia.

Le cose (mai) viste delle notti di Fuori Orario prevedono Triple Agent di Éric Rohmer, L’intrusa di Raffaello Matarazzo, La casa è nera, capolavoro del cinema iraniano di Forugh Farrokhzad, i corti di Leo McCarey con Stan Laurel e Oliver Hardy nei loro storici doppiaggi italiani. La notte di sabato sarà interamente dedicata a Vittorio Cottafavi. Stallio e Ollio torneranno anche nella serata conclusiva di martedì 22 al Teatro Miela. E il festival si chiuderà con Solitudine donna, il film girato a Trieste, durante la scorsa edizione, dal regista tedesco Eckhart Schmidt, che saluterà il pubblico con un videomessaggio, insieme alle sue muse, e protagoniste del film, Marilina Marino, Dalila Forcina e Lucia Bianchi.

Info
Il sito del festival I Mille Occhi 2020.

Articoli correlati

  • Festival

    I Mille Occhi 2019 - PresentazioneI Mille Occhi 2019 – Presentazione

    Sarà l'effige di Mary Nolan, diva degli anni Trenta con una carriera tra Hollywood ed Europa, a simboleggiare la XVIII edizione de I Mille Occhi, in programma dal 13 al 18 settembre al Teatro Miela a Trieste.
  • Festival

    I Mille Occhi 2018I Mille Occhi 2018

    Apre con Il regno del terrore di Anthony Mann, ambientato durante la Rivoluzione francese, e chiude con Un uomo a metà, straordinario viaggio psicanalitico di Vittorio De Seta, la 17esima edizione de I mille occhi di Trieste, festival curato da Sergio Grmek Germani. Dal 14 al 20 settembre.
  • Festival

    I Mille Occhi 2018 PresentazioneI Mille Occhi 2018 – Presentazione

    Apre con Il regno del terrore, il film di Anthony Mann ambientato durante la Rivoluzione francese, e chiude con Un uomo a metà, lo straordinario viaggio psicanalitico di Vittorio De Seta, la 17esima edizione de I mille occhi di Trieste, curato da Sergio Grmek Germani, dal 14 al 20 settembre al Teatro Miela, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner.
  • Festival

    I Mille Occhi 2017 – Presentazione

    Si tiene dal 15 al 21 settembre a Trieste la 16esima edizione de I Mille Occhi, con ospiti d'onore l'attrice Dagmar Lassander e il cineasta greco Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno.
  • Festival

    I Mille Occhi 2017

    La 16a edizione del festival triestino, dal 15 al 21 settembre. Ospiti d'onore Dagmar Lassander e Dimos Theos, cui sarà consegnato il Premio Anno Uno. Tanti i percorsi di visioni possibili, a partire dalle corrispondenze di cineasti italiani con film di Damiani, Petri, Germi, Zampa, De Santis, Genina...
  • Festival

    i-mille-occhi-2016I Mille Occhi 2016

    Dal 16 al 22 settembre, con anteprima a Roma il 13 e il 14, I Mille Occhi 2016: sette giorni d'intense visioni tra anteprime e riscoperte assolute, senza confini né limiti all'amore per le infinite forme del cinema, con tutte le proiezioni e gli incontri a ingresso libero.
  • Festival

    I Mille Occhi 2016 – Presentazione

    Si apre con Nostra Signora dei Turchi di Carmelo Bene, alla presenza della protagonista Lydia Mancinelli, la quindicesima edizione del festival I Mille Occhi, di cui anche quest'anno Quinlan è media partner e che si terrà a Trieste dal 16 al 22 settembre. Con anteprima a Roma, alla Sala Trevi, il 13 e il 14.
  • Festival

    I-Mille-Occhi-2015I Mille Occhi 2015

    La quattordicesima edizione della kermesse triestina, dal 18 al 23 settembre. Il festival prevede anche un’anteprima romana, alla Sala Trevi. In cartellone, tra gli altri, omaggi a Ermanno Olmi, Ciro Giorgini, Raffaele Andreassi e al cineasta tedesco Frank Wysbar.
  • Festival

    I Mille Occhi 2015 – Presentazione

    Si tiene a Trieste dal 18 al 23 settembre la quattordicesima edizione di I Mille Occhi - Festival internazionale del cinema e delle arti. Diretto da Sergio M. Germani, il festival prevede anche un'anteprima romana, alla Sala Trevi, in programma oggi - 15 settembre - e domani. In cartellone, tra gli altri, omaggi a Ermanno Olmi, Ciro Giorgini, Raffaele Andreassi e al cineasta tedesco Frank Wysbar.
  • Mille Occhi 2020

    Altre epifanie

    di Con il ritrovamento di una registrazione in VHS di Altre epifanie, colpevolmente perduto dalla RAI nei suoi master originali, continua il prezioso lavoro di riscoperta del cinema-saggio di Ellis Donda. Il film è stato presentato in piazza a Trieste da I Mille Occhi, in collaborazione con Fuori Orario.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento