Doclisboa 2020 – Presentazione

Doclisboa 2020 – Presentazione

Con il film Nheengatu – A Língua da Amazónia di José Barahona si è aperta la 18a edizione di Doclisboa nel suo nuovo format che prevede sei sessioni diverse tra l’ottobre 2020 e il marzo 2021, e con una nuova direzione artistica, di Joana Gusmão, Miguel Ribeiro e Joana de Sousa. Le proiezioni avverranno in presenza nelle tradizionali sale della capitale portoghese, Cinema São Jorge, Culturgest, Cinemateca Portuguesa e Cinema Ideal.

Ad aprire la 18esima edizione di Doclisboa è stato Nheengatu – A Língua da Amazónia di José Barahona, un viaggio lungo il Rio Negro dove è ancora forte l’impronta linguistica coloniale nelle popolazioni indigene. Doclisboa 2020 si presenta quest’anno sia con una nuova direzione artistica, affidata a Joana Gusmão, Miguel Ribeiro e Joana de Sousa che hanno preso il posto di Cintia Gil e di Davide Oberto, sia a un nuovo format che prevede sei sessioni diverse tra l’ottobre 2020 e il marzo 2021. I sei momenti in cui si snoderà il festival sono designati come “Signals” (22 ottobre – 1 novembre), “Movements” (5 – 11 novembre), “Spaces of Intimacy” (3 – 9 dicembre), “So Many Stories Left Untold” (14 – 20 gennaio), “Archives of the Time Being” (4 – 10 febbraio) e “Where I’m Coming From, Where I’m Going To” (4 – 10 marzo).

Signals prevede una selezione di opere in rappresentanza di ciascuno dei cinque programmi successivi, la retrospettiva Permanent Travel – The Restless Cinema of Georgia, il programma Body of Work, e due sessioni speciali di cinema d’urgenza curate dai collettivi Mentuwajê Guardians of Culture e SOS Racismo. Il programma Body of Work è incentrato sul tema del lavoro, con opere quali Work or to Whom Does the World Belong di Elisa Cepedal, sulla progressiva deindustrializzazione delle città minerarie nelle Asturie, Merry Christmas, Yiwu di Mladen Kovacevic, già visto a Rotterdam, sulla produzione manifatturiera cinese di addobbi natalizi, La Mami di Laira Herrero Garvin, sul gruppo di ballerine di un locale notturno di Mexico City, The Disrupted di Sarah Colt, sulla resistenza ai terremoti finanziari di tre lavoratori in stati diversi degli USA.

La retrospettiva sul cinema georgiano, curata da Marcelo Felix, realizzata in collaborazione con la Cinemateca Portuguesa – Museu do Cinema con il supporto del Georgian National Film Center, prevede un excursus in quella straordinaria cinematografia, per buona parte della sua storia inglobata nel sistema sovietico, partendo dal muto fino al cinema contemporaneo. Saranno presentate opere fondamentali, spesso di recente restauro, di autori quali Nikolai Shengelaya, Sergei Parajanov, Otar Iosseliani, Mikheil Kobakhidze, Lana Gogoberidze. Il paese si appresta a celebrare il trentennale della sua indipendenza dall’Unione Sovietica, e ciò combacia con un accordo con la Russia per cui è stato trasferito a Tbilisi un fondo di pellicole georgiane di epoca sovietica, del cui restauro si è occupato il Georgian National Film Center. Grazie a Doclisboa si potranno scoprire anche opere poco note, come My Grandmother (1929) di Kote Mikaberidze, sorprendente e surreale satira della burocrazia nel neonato sistema sovietico, o Alaverdoba (1962) di Guiorgui Chenguelaia, un dissacrante pamphlet contro la religione.

La sezione industry del Doclisboa, Nebulae, battezzata l’anno scorso, sarà invece completamente online permettendo incontri tra operatori, partecipazione a forum e attività varie attraverso una piattaforma digitale.

Info
Il sito di Doclisboa 2020.

Articoli correlati

  • Berlinale 2020

    Intervista a Catarina VasconcelosIntervista a Catarina Vasconcelos

    Nata a Lisbona nel 1986, con una formazione artistica, Catarina Vasconcelos ha presentato a Berlino il suo primo lungometraggio, A Metamorfose dos Pássaros. L'abbiamo incontrata in questa occasione.
  • Rotterdam 2020

    Merry Christmas, Yiwu RecensioneMerry Christmas, Yiwu

    di Presentato nel Bright Future Main Programme del 49 International Film Festival Rotterdam, Merry Christmas, Yiwu, del regista serbo Mladen Kovacevic, è un documentario a carattere osservazionale sugli operai in Cina che producono addobbi natalizi per tutto il mondo dove si celebra il Natale.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Tiago SiopaIntervista a Tiago Siopa

    Tiago Siopa, dopo studi di fisica si è indirizzato al cinema documentario. Il suo lungometraggio di diploma, Setil, ha ricevuto una menzione speciale della giuria al Doclisboa 2015. Lo abbiamo incontrato al Doclisboa 2019, dove veniva presentato il suo secondo lungometraggio, Fantasmas: Caminho Longo para Casa.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Claudio CarboneIntervista a Claudio Carbone

    Claudio Carbone, nato a Potenza, laureato in architettura, ha compiuto studi nel campo dei movimenti sociali presso varie università di sociologia nel mondo (Brasile, Portogallo, Costa Rica). Il suo primo lungometraggio, Hasta que muera el sol, è stato presentato a Doclisboa, dove lo abbiamo intervistato.
  • Doclisboa 2019

    Intervista a Luísa HomemIntervista a Luísa Homem

    Regista, montatrice, produttrice, tra i fondatori del collettivo Terratreme Filmes, la portoghese Luísa Homem ha diretto Suzanne Daveau, in cui segue la storia della geografa che dà il titolo al film. Abbiamo incontrato Luísa Homem in occasione del Doclisboa 2019.
  • Doclisboa 2019

    Hasta que muera el sol RecensioneHasta que muera el sol

    di Presentato al Doclisboa '19, Hasta que muera el sol è un documentario, di produzione portoghese, del filmmaker Claudio Carbone, il racconto della vita quotidiana nella comunità etnico-linguistica Terraba in Costa Rica, tra riti ancestrali e vita in armonia con la natura, nella lotta contro i rinnovati colonialismi.
  • Festival

    Doclisboa 2019

    Doclisboa 2019 segna l'ultima edizione del festival portoghese sotto l'egida di Cíntia Gil; dal 17 al 27 ottobre a Lisbona il meglio del cinema documentario (e non solo) presso il Culturgest e altre sale cittadine.
  • Locarno 2015

    Intervista-a-Otar-IosselianiIntervista a Otar Iosseliani

    Otar Iosseliani, il “chantrapas”, secondo un termine mutuato da una sua precedente opera, ma anche l’escluso, ovvero l’artista che ha subito l’ostracismo in patria ed è stato costretto a migrare per altri lidi. A Locarno ha presentato il suo nuovo film, Chant d'hiver. L'abbiamo incontrato per parlare del suo cinema e della sua visione del mondo.
  • Locarno 2015

    Chant d’hiver

    di L’ultima fatica del grande cineasta georgiano naturalizzato francese Otar Iosseliani, presentata in concorso al 68° Festival di Locarno. Chant d'hiver è un’opera di grande lievità e dal gusto spiccatamente grottesco cui il regista ci ha abituati.
  • Doclisboa 2020

    nheengatu recensioneNheengatu – A Língua da Amazónia

    di Film d'apertura della 18a edizione di Doclisboa, Nheengatu - A Língua da Amazónia di José Barahona è un viaggio antropologico e linguistico tra le popolazioni di nativi amazzonici che vivono lungo il corso del Rio Negro.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento