Trieste Science+Fiction Festival 2020 – Presentazione

Trieste Science+Fiction Festival 2020 – Presentazione

Al via il Trieste Science+Fiction Festival 2020. Edizione numero venti e soprattutto prima, e si spera ultima, edizione in streaming. Non una scelta, ma una necessità. Il cuore pulsante del S+F resta la sala, il pubblico, il grande schermo. Dal 29 ottobre al 3 novembre, dall’invasione aliena di Skylin3s alla catastrofe ambientale di 2067 di Seth Larney, i film selezionati con la consueta cura dalla kermesse triestina saranno visibili sulla piattaforma di MyMovies. Si lascia la sala per tornare in sala, il prima possibile.

Oggi, come ogni anno, saremmo dovuti essere a Trieste, pronti alla fiumana di film di fantascienza, fantasy, horror. A occhi spalancati. Preparati ai raggi fotonici, agli incontri della mattina sulle varie declinazioni della fantascienza, alle file allegre, agli impeccabili video quotidiani, al calore di un festival che è sia Cinema sia Casa. Insomma, eravamo pronti a tornare, come da parecchio tempo erano pronti gli organizzatori del Trieste Science+Fiction Festival 2020, impazienti di riaprire le sale, accogliere gli spettatori, coccolare i film e gli ospiti. I motivi della mancata edizione in presenza sono ovvi e si riassumono con due termini entrati nel gergo comune: Covid e Dpcm. Inutile dilungarsi.

La realtà di oggi è questa, nessuna distopia. E allora andiamo avanti, prendiamo atto delle misure governative e della pronta risposta del Science+Fiction, festival che continua a crescere e che è riuscito a pensare a un’edizione mutante, in grado di adattarsi allo streaming, agli imprevisti, trovando il giusto equilibrio tra ottimismo e pessimismo. Probabilmente erano pronti anche a proiettare nello Spazio, seconda stella a destra.
Resteremo lontani dalla sala\casa, ma potremo salire sulle astronavi, fronteggiare gli alieni, visitare il cosmo, sondare il futuro, inabissarci negli incubi. La selezione streaming del Trieste Science+Fiction Festival 2020 è ampia, corposa, stimolante. Forse non sarà tutto oro quello che luccica – Skyline era pessimo, Beyond Skyline ottimo e abbondante, cosa ci riserverà Skylin3s? – ma il programma promette di essere un ampio ventaglio sulla produzione internazionale, dalla serie sudcoreana in otto episodi SF8 ai blockbuster russi Coma di Nikita Argunov e The Blackout di Egor Baranov, dall’australiano Relic all’ungherese Post Mortem e via discorrendo.

Come detto, non solo fantascienza. Nutrito il comparto orrorifico. Oltre a Relic e Post Mortem, segnaliamo Boys from County Hell di Chris Baugh, Alone di Johnny Martin, Yummy di Lars Damoiseaux, Come in cielo, così in terra di Francesco Erba e Benny loves you di Karl Holt: gore, splatter, horror-comedy, vampiri, zombie e persino pupazzi assassini.
L’accesso allo streaming ha un prezzo in linea con altri festival, decisamente conveniente se spalmato su più visioni; la piattaforma di MyMovies è ampiamente rodata e affidabile; i titoli sono visibili per un’intera giornata a partire dalla proiezione ufficiale, mentre la serie SF8 sarà visibile per tutta la durata del festival.

Il Science+Fiction è questo e molto altro. Prima di dare un’occhiata al programma, di addentrarvi nella piattaforma e di scegliere un film da cui partire, fatevi un giro sulla pagina facebook del festival e aspettate il Raggi Fotonici Tg. Ecco, il Science+Fiction è proprio così, è contagiosa follia, è coinvolgimento, partecipazione. Ed ecco perché, già da ora, già da Skylin3s, contiamo i giorni che ci separano dalla sala, dai cinema, dalla prossima edizione. In presenza, come si dice oggi. In fin dei conti, il senso del Cinema e dei festival è anche questo: esserci, condividere, confrontarsi, vedersi.

Info
La piattaforma di MyMovies dedicata al Trieste Science+Fiction Festival 2020.
Il sito del Trieste Science+Fiction Festival 2020.
La pagina facebook del Trieste Science+Fiction Festival 2020.

  • SF8-E01.jpg
  • SF8-E03.jpg
  • SF8-E05.jpg
  • SF8-E06.jpg

Articoli correlati

  • S+F 2020

    Coma recensioneComa

    di Presentato nella selezione ufficiale del Trieste Science+Fiction Festival 2020, Coma segna l'esordio alla regia di Nikita Argunov, valente creatore russo di effetti speciali. Un film che rivela la grande passione fantascientifica del suo autore, capace di creare un mondo onirico tra Escher e Dick.
  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2020Trieste Science+Fiction Festival 2020

    Dal 29 ottobre al 3 novembre [con prolungamento al 4\5], dall'invasione aliena di Skylin3s agli zombi di Peninsula, i film selezionati con la consueta cura dalla kermesse triestina saranno visibili sulla piattaforma di MyMovies. Si lascia la sala per tornare in sala, il prima possibile.
  • Berlinale 2020

    the trouble with being born recensioneThe Trouble with Being Born

    di A quattro anni dal brillante esordio The Impossible Picture torna alla regia la trentasettenne austriaca Sandra Wollner. The Trouble With Being Born è una sorta di rilettura in controluce di A.I., un anti-Pinocchio in cui a dominare è la mancanza di volontà. Nella neonata sezione Encounters alla Berlinale.
  • S+F 2020

    relic recensioneRelic

    di Tra i titoli di punta del Trieste Science+Fiction Festival 2020, Relic è un horror psicologico doloroso, emotivamente densissimo, claustrofobico e disperato. Opera prima della regista e sceneggiatrice australiana Natalie Erika James.
  • S+F 2020

    Mortal recensioneMortal

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2020, Mortal è l'ennesima riflessione sulla cosmogonia dei miti nordici, portata avanti da André Øvredal in una forma che rispecchi le sue esigenze autoriali. Il risultato è un road movie dai risvolti inaspettati.
  • S+F 2020

    Dune Drifter RecensioneDune Drifter

    di Presentato nella selezione ufficiale del Trieste Science+Fiction Festival 2020, Dune Drifter è l'ultimo lavoro del regista di genere Marc Price, che porta avanti la sua poetica low budget coerentemente, con un film di fantascienza che ricalca l'estetica vintage di tanti classici B-movie.
  • S+F 2020

    Peninsula RecensionePeninsula

    di Oramai lontanissimo dalla crudeltà a basso budget di The King of Pigs, Yeon Sang-ho prova a pescare a piene mani da Carpenter e Miller ma si ritrova in una movimentata puntata di The Walking Dead. Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2020.
  • S+F 2020

    Post Mortem RecensionePost Mortem

    di Presentato all'interno della ventesima edizione del Trieste Science+Fiction Festival, Post Mortem di Péter Bergendy è un horror che vive di espedienti noti ma che si innesta perfettamente nel contesto sociale e storico dell'Ungheria.
  • S+F 2020

    2067 Recensione2067

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival, 2067 di Seth Larney è parabola ecologista che affronta con coraggio gli stereotipi del genere fantascientifico (il viaggio nel tempo, il futuro apocalittico), uscendo dal confronto a testa alta.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento