Peninsula

Peninsula

di

Presentato nella giornata di chisura del Trieste Science+Fiction Festival 2020, Peninsula resta imbrigliato tra le spire della corsa al box office, perde per strada le zone d’ombra di Seoul Station ma anche il ritmo serrato e le intuizioni visive di Train to Busan. Oramai lontanissimo dalla crudeltà a basso budget di The King of Pigs, Yeon Sang-ho prova a pescare a piene mani da Carpenter e Miller ma si ritrova in una movimentata puntata di The Walking Dead.

Era meglio morire da piccoli

A quattro anni dall’inizio dell’apocalisse zombie raccontata da Train to Busan, la penisola coreana è completamente devastata e isolata dal resto del mondo. È una terra dimenticata da Dio e dagli uomini. Jung-seok, un ex militare che era miracolosamente riuscito a fuggire a Hong Kong, si imbatte in un delinquente americano che gli affida un allettante quanto pericolosissimo incarico. Dovrà recuperare un camion abbandonato nel centro di Seoul entro un limite di tempo stabilito e poi fuggire silenziosamente dal paese. Durante la missione, inaspettatamente, Jung-seok scoprirà un gruppo di sopravvissuti… [sinossi]

A distanza di quattro anni – quelli reali, non della trilogia zombesca – è necessario fare qualche passo indietro. Non tanto a Seoul Station, che nelle sale è uscito poco dopo Train to Busan, slittando così da primo capitolo a insolito prequel, ma all’oramai lontanissimo 2011, a The King of Pigs, a quell’animazione sporca e cattiva e dal budget evidentemente risicato. Cinema più di idee che di mezzi. Una poetica chiara, dura; un’estetica che indicava una delle possibili strade da percorrere per la crescente industria animata sudcoreana. Anni luce dal preconfezionato blockbuster Peninsula.
Bollinato senza un reale motivo da Cannes, passato alla Festa del Cinema di Roma e poi proposto nella giornata di chiusura di un ottimo e battagliero Trieste Science+Fiction Festival 2020, il nuovo film scritto e diretto da Yeon Sang-ho è una macchina da box office, ma è anche una resa incondizionata. Una resa alla logica spesso logora e logorante dei blockbuster, a un cinema che rinuncia in partenza alla caratterizzazione dei personaggi e che preferisce accatastare inseguimenti fracassoni e infiniti ralenti melodrammatici. Qualche cattivo e tanti buoni sentimenti, con sacrifici e riscatti già cristallizzati nei titoli di testa – viene a mancare persino l’imprevedibilità narrativa di Train to Busan, che dalla sua struttura lineare cercava di evadere a ogni snodo ferroviario.

Cercando di pescare a piene mani da 1997: Fuga da New York e Mad Max: Fury Road, nel tentativo di bissare e poi superare la spettacolarità di Train to Busan, Yeon Sang-ho finisce per impantanarsi negli stereotipi, inanellando villain tanto caricaturali quanto inutili. La stessa parabola del protagonista, un po’ fiacco rispetto a Gong Yoo e privo di una spalla come il roccioso e versatile Ma Dong-seok, è piuttosto debole: Peninsula si accontenta delle basilari premesse, di un comodo scenario post-apocalittico, per abbandonarsi a virtuosismi a quattro ruote e scatenare orde di zombi in computer grafica – la CGI non brilla, ma in fin dei conti è un dettaglio secondario.
Memori della lucidità carpenteriana di Seoul Station, del lento inabissarsi di The Fake e della cupa disperazione di The King of Pigs, non possiamo che rimpiangere il primo Yeon Sang-ho, ribadendo un concetto già espresso ai tempi del successo travolgente di Train to Busan: l’animazione ci sembra un veicolo assai più congeniale per lasciar deflagrare le numerose suggestioni orrorifiche del cineasta coreano. L’animazione e, ovviamente, un contesto produttivo più libero, indipendente e creativo.

Tra macerie e inseguimenti, zombi scattanti e vittime sacrificali, Peninsula si trascina stancamente verso l’epilogo o forse verso un quarto capitolo. Come in una puntata di The Walking Dead, i morti che camminano diventano mero sfondo, la brutalità dei vivi appare ripetitiva e alcune immagini – su tutte, la vetrata sfondata dall’orda – hanno il retrogusto di un macabro fanservice.
Il prossimo passo creativo\produttivo di Yeon Sang-ho è una serie targata Netflix, Hellbound, tratta da un suo webtoon e attesa per il 2021. Incrociamo per dita, per Yeon e per il 2021.

Info
La scheda di Peninsula sul sito del Trieste S+F Festival.
Il trailer originale di Peninsula.

  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-01.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-02.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-03.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-04.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-05.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-06.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-07.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-08.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-09.jpg
  • Peninsula-2020-Yeon-Sang-ho-10.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2020Trieste Science+Fiction Festival 2020 – Presentazione

    Dal 29 ottobre al 3 novembre, dall'invasione aliena di Skylin3s alla catastrofe ambientale di 2067 di Seth Larney, i film selezionati con la consueta cura dalla kermesse triestina saranno visibili sulla piattaforma di MyMovies. Si lascia la sala per tornare in sala, il prima possibile.
  • Festival

    Trieste Science+Fiction Festival 2020Trieste Science+Fiction Festival 2020

    Dal 29 ottobre al 3 novembre [con prolungamento al 4\5], dall'invasione aliena di Skylin3s agli zombi di Peninsula, i film selezionati con la consueta cura dalla kermesse triestina saranno visibili sulla piattaforma di MyMovies. Si lascia la sala per tornare in sala, il prima possibile.
  • Trieste S+F 2018

    La nuit a dévoré le monde RecensioneLa nuit a dévoré le monde

    di Presentato in anteprima al Trieste Science+Fiction Festival 2018, La nuit a dévoré le monde (The Night Eats the World) di Dominique Rocher è uno zombie movie dai contorni minimalisti, esistenziali, puntuale nel descrivere tutte le problematiche del "giorno dopo"...
  • Far East 2018

    zombie contro zombie recensioneZombie contro zombie – One Cut of the Dead

    di Zombie contro zombie - One Cut of the Dead, primo lungometraggio diretto da Shinichiro Ueda, parte da un'idea di per sé brillante per dare il via un'operazione affascinante e demenziale solo a uno sguardo superficiale.
  • Blu-ray

    Train to Busan + Seoul Station

    di La Limited Edition targata Midnight Factory/Koch Media & Tucker Film del dittico zombesco realizzato da Yeon Sang-ho: l'adrenalinico live action Train to Busan e il prequel animato dai riflessi romeriani Seoul Station. Tra gli extra making of, B-roll e un booklet.
  • Torino 2017

    Les affamés

    di Les affamés è uno zombie movie rarefatto, dalle ambizioni autoriali, e al contempo abile nel rielaborare le dinamiche spettacolari del genere. Un film sulla rabbia, sulla perdita di controllo, sulla violenza contagiosa e dilagante. Sulle derive ormonali della società contemporanea.
  • Roma 2017

    The End? L'inferno fuori RecensioneThe End? L’inferno fuori

    di Esordio nel lungometraggio del regista Daniele Misischia, prima puntata della nuova avventura produttiva dei Manetti Bros., In un giorno la fine rilegge lo zombie movie da un’ottica nostrana.
  • Cult

    Zombi

    di Rimesso a lucido in 4K dalla Koch Media, Zombi si conferma uno dei punti fermi della storia del cinema. Gli assedi hawksiani-carpenteriani orchestrati da Romero non smettono di sgorgare sangue e idee, cinema e politica...
  • Trieste S+F 2016

    seoul-stationSeoul Station

    di Presentato al Trieste Science+Fiction Festival 2016, Seoul Station riporta Yeon Sang-ho al cinema d'animazione e a quel cosmico e spietato pessimismo che aveva già caratterizzato i precedenti The King of Pigs e The Fake.
  • Cannes 2016

    Train to Busan RecensioneTrain to Busan

    di Presentato al Festival di Cannes 2016 nella sezione Séance de minuit, Train To Busan di Yeon Sang-ho è uno zombie movie su rotaia, dal ritmo abbastanza sostenuto, come il passo spedito dei suoi morti viventi.
  • Animazione

    The Fake

    di L'opera seconda del regista e sceneggiatore coreano Yeon Sang-ho. Un thriller teso e disperato, presentato in concorso al Future Film Festival 2014 di Bologna.
  • Animazione

    The King of Pigs

    di Compagni ai tempi della scuola, Kyung-min, trentenne uomo d'affari, e Jong-suk, scrittore senza lavoro, si ritrovano dopo quindici anni e ricordano i crudeli compagni di classe...

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento