Torino 2020

Torino 2020

Torino 2020, trentottesima edizione del festival, segna un punto di svolta: dopo tredici anni in cui, nonostante l’avvicendamento di direttori/registi fino al 2014, la guida era stata nelle mani di Emanuela Martini, al vertice della kermesse sabauda arriva Stefano Francia di Celle.

Eccezion fatta per la funzione centrale acquisita dal digitale (inevitabile, purtroppo, in epoca pandemica), la supposta rivoluzione di Torino 2020 sarà da valutare tra dodici mesi, e per ora sembra semmai una semplificazione del programma, con tutti i rischi che questo comporta. Dell’esperienza passata, al di là del concorso internazionale riservato ancora alle opere prime e seconde, rimane come testimonianza solo TFFdoc, lo spazio dedicato al documentario a cura di Davide Oberto.

Il biennio 2020/2021 per quel che concerne i festival europei avrebbe dovuto (il condizionale è inevitabilmente d’obbligo) segnare una piccola ma significativa rivoluzione all’interno dei gruppi direttivi: Carlo Chatrian per la prima volta alla guida della Berlinale dopo la lunghissima reggenza Kosslick, Vanja Kaludjercic a sostituire Bero Beyer a Rotterdam, Giona A. Nazzaro che prende il posto di Lili Hinstin dopo solo due anni a Locarno. Anche in Italia sono cambiati i vertici delle veneziane Giornate degli Autori, del Festival dei Popoli a Firenze, e del Torino Film Festival. Torino 2020, la trentottesima edizione della kermesse sabauda, sarà infatti il primo banco di prova da direttore per Stefano Francia di Celle, già responsabile per il Museo del Cinema tra il 2003 e il 2010 dei volumi monografici relativi alle retrospettive ospitate dal festival. A tredici anni di distanza dalla scelta – che tante polemiche sollevò, anche a mezzo stampa – di Nanni Moretti al posto del duetto D’Agnolo Vallan/Turigliatto, si avverte una nuova scossa tellurica sotto la Mole Antonelliana, e forse uno strappo ben più deciso nei confronti dell’origine del festival, e della sua storia… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale di Torino 2020.

Articoli correlati

  • Trento 2021

    dear werner recensioneDear Werner (Walking on Cinema)

    di Presentato in concorso al 69° Trento Film Festival, Dear Werner (Walking on Cinema) è opera del regista spagnolo Pablo Maqueda, che ripercorre l'epico viaggio a piedi da Monaco a Parigi del 1974 di Werner Herzog. Un atto d'amore per il grande cineasta.
  • In sala

    in the mood for love recensioneIn the Mood for Love

    di A distanza di 21 anni dalla sua realizzazione In the Mood for Love torna in tutto il suo splendore sul grande schermo in una versione restaurata in 4K. In piena fase manierista Wong Kar-wai radicalizza la sua riflessione sulla memoria sbiadita e perduta. Magniloquente eppure minimale.
  • TFF 2020

    Al largo RecensioneAl largo

    di Dopo aver presentato Al di là dell'uno in concorso nella sezione Italiana.doc al Torino Film Festival 2017, Anna Marziano raccoglie con Al largo il Premio Speciale della Giuria nella medesima sezione della kermesse torinese 2020. Il nuovo film si propone come un'ulteriore riflessione audiovisiva sui temi evocati nell'opera precedente, stavolta centrata intorno al tema del corpo umano come strumento di lettura del reale.
  • TFF 2020

    The Evening Hour (2020) di Braden King - Recensione | Quinlan.itThe Evening Hour

    di Dramma rurale ambientato in un'ex cittadina mineraria del West Virginia, The Evening Hour di Braden King riflette su radici e sradicamenti avvolgendo la relazione tra i personaggi e il loro ambiente in un velo di tragica tenerezza. In concorso al TFF 2020.
  • TFF 2020

    Botox RecensioneBotox

    di Film trionfatore del concorso di Torino 38, Botox rappresenta l'esordio al lungometraggio di finzione per l'iraniano Kaveh Mazaheri che racconta il proprio paese in una fase particolarmente caotica e conflittuale, sospeso tra obblighi religiosi e modernità.
  • TFF 2020

    Moving On RecensioneMoving On

    di Presentato nel concorso Torino 38, Moving On è il primo lungometraggio della regista sudcoreana Yoon Dan-bi. La filmmaker fotografa un ritratto famigliare in disfacimento, con la disgregazione dei valori della tradizione patriarcale e del culto degli antenati. Echi da Ozu, Hou Hsiao-hsien, Kore-eda e Ann Hui.
  • TFF 2020

    il buco in testa recensioneIl buco in testa

    di Con Il buco in testa torna il cinema prezioso - e sempre sottostimato - di Antonio Capuano, qui intento a riflettere sul dolore della memoria, anche politica, e sulla necessità del confronto con se stessi, prima ancora che con gli altri. Splendida Teresa Saponangelo. Fuori concorso al Torino Film Festival.
  • TFF 2020

    calibro 9 recensioneCalibro 9

    di Certo, la lesa maestà è la prima impressione che invade l'occhio durante la visione di Calibro 9, sequel ovviamente apocrifo del capolavoro di Fernando Di Leo. Ma questa semmai è solo un'aggravante: il vero problema è lo sguardo di Toni D'Angelo, tarato sul piccolo schermo.
  • TFF 2020

    ouvertures recensioneOuvertures

    di , , Ouvertures è il viaggio compiuto dal The Living and the Dead Ensemble, collettivo artistico francese, nelle opere, nel pensiero e nell'esempio di Touissaint Louverture, il leader della rivoluzione haitiana di fine Settecento. Al Torino Film Festival in Internazionale.doc.
  • TFF 2020

    Nuovo cinema paralitico RecensioneNuovo cinema paralitico

    di Presentato nella sezione Fuori concorso/Film Commission Torino Piemonte del 38° Torino Film Festival, Nuovo cinema paralitico è un viaggio nell'Italia contemporanea, da nord a sud, da est a ovest, di Davide Ferrario con il poeta Franco Arminio, che consegna un ritratto poetico dei territori marginali del Belpaese.
  • TFF 2020

    The Dark and the Wicked

    di Horror rurale plumbeo e scarno The Dark and the Wicked di Bryan Bertino è soprattutto una riflessione sulla morte e sulla perdita, poco corroborata da idee di regia. Al TFF 2020.
  • TFF 2020

    mickey on the road recensioneMickey on the Road

    di Presentato in concorso al 38° Torino Film Festival, Mickey on the Road della giovane regista taiwanese Lu Mian-mian è un'opera che riflette sulla sostanziale omologazione tra le due cine, attraverso un viaggio esistenziale di due ragazze dalla Repubblica di Cina alla Cina Popolare.
  • TFF 2020

    Sin señas particulares recensioneSin señas particulares

    di La messicana Fernanda Valadez esordisce alla regia con Sin señas particulares, resoconto infernale della vita al confine tra Messico e Stati Uniti, e lo fa ricorrendo a una messa in scena dal forte impianto visionario, con grande attenzione tanto alla maestosità degli spazi quanto al dettaglio.
  • TFF 2020

    i tuffatori recensioneI tuffatori

    di Daniele Babbo, apprezzato regista di video musicali, esordisce alla regia cinematografica con I tuffatori, viaggio nel piccolo mondo antico dei tuffatori che si lanciano in Bosnia-Erzegovina dallo 'stari most' di Mostar. In Italiana.doc al Torino Film Festival.
  • TFF 2020

    gunda recensioneGunda

    di Victor Kossakovsky firma un lavoro ad altezza di scrofa, la Gunda del titolo. Sono lei, i suoi cuccioli e altri animali della fattoria i protagonisti di un film espressionista e impressionista a un tempo, riflessione sui preconcetti dell'umanità. In TFFdoc a Torino dopo la presentazione a febbraio alla Berlinale.
  • Festival

    Torino 2020 – Presentazione

    Torino 2020, trentottesima edizione del festival, segna un punto di svolta: dopo tredici anni in cui, nonostante l'avvicendamento di direttori/registi fino al 2014, la guida era stata nelle mani di Emanuela Martini, al vertice della kermesse sabauda arriva Stefano Francia di Celle.
  • Rome 2013

    Dal profondo RecensioneDal profondo

    di In concorso nella sezione Prospettive Doc Italia, il film di Valentina Pedicini è un viaggio al centro della terra che regala visioni metafisiche e immagini spettacolari. Un perfetto esempio di come l’estetica possa fagocitare il racconto, depotenziandolo.
  • Cult

    Avere vent’anni

    di Opera autenticamente personale, Avere vent’anni è anche un film ibrido, incompiuto, per non dire incompleto. Forse l’operazione più ambiziosa per il suo autore, Fernando Di Leo.

Leave a comment