Trieste Film Festival 2021 – Presentazione

Trieste Film Festival 2021 – Presentazione

Apre i battenti il Trieste Film Festival, la manifestazione dedicata al cinema dell’Europa centro-orientale, arrivata alla 32a edizione, che si terrà quest’anno in forma virtuale dal 21 al 30 gennaio, con la direzione artistica di Fabrizio Grosoli e Nicoletta Romeo.

Ad aprire e chiudere la 32a edizione del Trieste Film Festival, che si tiene online dal 21 al 30 gennaio, sono due film che hanno rappresentato le più alte riflessioni cinematografiche sulle guerre balcaniche: Underground, coronamento del cinema visionario di Emir Kusturica, e Lo sguardo di Ulisse di Theo Angelopoulos. Due opere dello stesso anno, il 1995 nel pieno dei conflitti, che si affrontarono nel festival di Cannes con molte polemiche. La Palma d’oro andò al primo mentre il secondo ricevette il Grand Prix. Due film che avrebbero voluto rappresentare una retrospettiva dedicata alla dissoluzione della Jugoslavia, nel trentennale dello scoppio delle guerre di indipendenza di Slovenia e Croazia, nella tradizione del festival di rievocare le pagine importanti della storia, come è stato fatto per il ’68 e per la caduta del Muro di Berlino. La retrospettiva, che il festival stava preparando da tempo, è però rimandata: molti film selezionati, infatti, non sono mai stati digitalizzati, sono disponibili solo in pellicola e non sono quindi fruibili online. L’intento degli organizzatori è quello di rinviare a una rassegna in presenza quando sarà possibile. La proiezione di Underground sarà l’occasione per conferire l’Eastern Star Award, il riconoscimento a una carriera che ha rappresentato un raccordo tra cinema dell’Est e cinema dell’Ovest. Quest’anno premiato Miki Manojlović, che abbiamo conosciuto proprio per i film di Kusturica, il più noto attore balcanico, prima e dopo la fine della Jugoslavia, impostosi anche in produzioni internazionali (Il macellaio, Amanti criminali, I demoni di San Pietroburgo, Irina Palm).

Il concorso lungometraggi vede la partecipazione di 13 opere. Nutrita la rappresentanza di film della ex-Jugoslavia, il serbo Father di Srdan Golubović, il kosovaro Andromeda Galaxy di More Raça, entrambi sul tema della paternità. Dalla Serbia My Morning Laughter di Marko Đorđević, e dalla Bosnia Erzegovina So She Doesn’t Live di Faruk Lončarević su un caso reale di omicidio. Kosovaro anche Exil di Visar Morina sul tema dell’immigrazione, cui vertono anche il polacco I Never Cry di Piotr Domalewski, il bulgaro Fear di Ivaylo Hristov e anche il greco Pari di Siamak Etemadi, storia di una donna iraniana che cerca il proprio figlio ad Atene. Il cinema rumeno è presente con Berliner, commedia di satira politica di Marian Crișan, la Russia partecipa con Francuz di Andrej Smirnov, ambientato nell’Unione Sovietica del disgelo. E sui fatti storici sovietici è anche il lituano In the Dusk del grande Šarūnas Bartas, con lo sfondo della Resistenza lituana contro l’occupazione sovietica dopo la fine della Seconda guerra mondiale. E poi ci sono il polacco Sweat di Magnus von Horn, storia di una “fitness-influencer” vittima di uno stalker, e il georgiano Beginning di Dea Kulumbegashvili, storia di una Testimone di Geova. Evento speciale fuori concorso, dall’Azerbaigian, In Between Dying di Hilal Baydarov. Nella giuria del concorso siedono la regista Adina Pintilie, la produttrice Ewa Puszczyńska, il programmer Paolo Bertolin.

Il concorso documentari vede in lizza dieci opere (in giuria la regista Eszter Hajdú, la direttrice del Biografilm Festival Leena Pasanen e la direttrice della scuola ZeLIG di Bolzano Heidi Gronauer). Si tratta di tematiche ambientali nel rumeno Acasă, My Home di Radu Ciorniciuc e nel croato Landscape Zero di Bruno Pavić, dell’annoso conflitto del Nagorno-Karabakh in Blockade di Hakob Melkonyan, delle tensioni nei paesi baltici di una nuova invasione russa in Gentle Warriors di Marija Stonytė. Dalla Russia Town of Glory di Dmitrij Bogolyubov sulla città simbolo nazionalista di El’nja. Sedici i titoli del Concorso cortometraggi che verranno giudicati dalla direttrice artistica della Cinéfondation del Festival di Cannes Dimitra Karya, dalla produttrice Andrijana Sofranić Šućur e dalla giornalista Alessandra De Luca. L’Italia è rappresentata da Illusione di Lorenzo Quagliozzi e da La tecnica di Clemente De Muro e Davide Mardegan (CRIC).

Quest’anno due nuove sezioni arricchiscono l’offerta del Trieste Film Festival: Fuori dagli sche(r)mi e Wild Roses: Registe in Europa. Nella prima, spazio al cinema di ricerca, tanto nella narrazione come nel linguaggio. Sarà possibile vedere uno dei capolavori del cinema dello scorso anno, Malmkrog, opera fluviale di respiro filosofico di Cristi Puiu (che presiederà anche una masterclass virtuale), già presentato alla Berlinale, come anche Uppercase Print di Radu Jude. Sul tema dei recupero di materiale dei servizi segreti dell’epoca socialista anche il polacco An Ordinary Country di Tomasz Wolski. L’ucraino Oleh Sencov con Numbers è un film di fantascienza distopica girata in condizioni estreme a loro volta distopiche: realizzato da una troupe con le indicazioni mandate dal regista recluso in un carcere di massima sicurezza in Siberia dove era detenuto per accuse di terrorismo. La regista serba Jelena Maksimović in Homelands, poi, è alla ricerca delle proprie origini familiari nel villaggio da cui la nonna fuggì durante la guerra civile greca. La sezione Wild Roses: Registe in Europa è costituita da un focus monografico sul cinema al femminile di un paese, diverso in ogni edizione. Quest’anno è di scena la Polonia con cinque registe che parteciperanno a un panel coordinato da Marina Fabbri: Hanna Polak con Something Better To Come, ritratto di una ragazza che vive in una grande discarica alle porte di Mosca; Agnieszka Smoczyńska con The Lure, film surreale sul ménage à trois tra due sirene e un bassista nella Varsavia degli anni Ottanta; Anna Zamecka con Communion, storia di bambini con l’obbligo di crescere in assenza delle figure dei genitori; Anna Jadowska con Wild Roses, la vita di una città nella Slesia meridionale, tra la chiesa e le coltivazioni di rose; Jagoda Szelc con Tower. A Bright Day, una prima comunione con sullo sfondo notizie inquietanti mandate in onda dalla televisione.

Art&Sound propone quest’anno cinque titoli che esplorano varie discipline artistiche. Antigone – How Dare We! di Jani Sever, dove la figlia di Edipo viene reinterpretata da Slavoj Žižek; Homecoming – Marina Abramović and Her Children di Boris Miljković, sul ritorno nella sua Belgrado di una delle più influenti protagoniste dell’arte contemporanea; Paris Calligrammes di Ulrike Ottinger, viaggio autobiografico nella Parigi letteraria e artistica degli anni Sessanta; Le Regard de Charles di Marc Di Domenico e Charles Aznavour, quarant’anni di storia del mitico chansonnier con i filmati originali fatti con la cinepresa che gli regalò Edith Piaf; Accidental Luxuriance of the Translucent Watery Rebus di Dalibor Barić, film di animazione dalle influenze surrealiste.

Anche in questa edizione verrà assegnato il Premio Corso Salani dalla giuria formata dalla produttrice Donatella Palermo, dalla critica cinematografica Grazia Paganelli e dal filmmaker Carlo Michele Schirinzi. In lizza cinque film italiani al momento senza distribuzione: Divinazioni di Leandro Picarella, Libro di Giona di Zlatolin Donchev, Samp di Flavia Mastrella e Antonio Rezza, I tuffatori di Daniele Babbo, Ultimina di Jacopo Quadri e Vera de verdad di Beniamino Catena.

Anche in edizione virtuale non mancherà l’appuntamento parallelo con When East Meets West, punto di incontro di produttori, broadcaster, distributori, rappresentanti di fondi e mercati di diversi paesi per avviare collaborazioni e sviluppare progetti. Connessi a When East Meets West anche Last Stop Trieste, una sezione work in progress che seleziona progetti final cut di documentari, precedentemente sviluppati/presentati in una delle piattaforme partner del progetto, e This is IT, dedicata a lungometraggi di finzione e opere ibride prodotti o co-prodotti da produttori italiani con i progetti selezionati che verranno presentati in panel virtuali, a sales agent, programmatori di festival e buyer internazionali.

Info
Il sito del Trieste Film Festival 2021

Articoli correlati

  • TFF 2020

    i tuffatori recensioneI tuffatori

    di Daniele Babbo, apprezzato regista di video musicali, esordisce alla regia cinematografica con I tuffatori, viaggio nel piccolo mondo antico dei tuffatori che si lanciano in Bosnia-Erzegovina dallo 'stari most' di Mostar. In Italiana.doc al Torino Film Festival.
  • Venezia 2020

    in between dying recensioneIn Between Dying

    di In Between Dying, che segna la seconda incursione nel lungometraggio di finzione per l'ottimo documentarista Hilal Baydarov, sembra vivere solo ed esclusivamente dello strapotere della costruzione delle immagini di cui è composto. In concorso alla Mostra di Venezia 2020.
  • Venezia 2020

    Samp

    di , Presentato come evento speciale alle Giornate degli Autori, Samp è un film di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, che irrompono con la loro geniale follia in terra di Puglia, tra borghi dai muri bianchi e trulli. Nel delirio surreale, in un cinema dell'irriverenza e della crudeltà emerge un discorso sull'arte.
  • Berlinale 2020

    Intervista a Radu Jude e Adrian Cioflâncã

    Abbiamo incontrato Radu Jude durante la Berlinale, dove ha presentato in Forum due film, Uppercase Print e The Exit of the Trains. All'incontro era presente anche Adrian Cioflâncã, storico, archivista della Securitate, collaboratore degli ultimi film di Radu Jude.
  • Berlinale 2020

    cristi puiu intervista«Quando il dialogo diventa azione». Intervista a Cristi Puiu

    Uno dei film più importanti passati alla 70 Berlinale, presentato nella sezione Encounters, è Malmkrog. Ne è autore Cristi Puiu, uno dei protagonisti della new wave del cinema rumeno, che abbiamo incontrato durante la Berlinale.
  • Berlinale 2020

    uppercase print recensioneUppercase Print

    di Il cinema di Radu Jude continua a muoversi, con prolificità sorprendente, tra la riflessione teorica e la necessità di affrontare la Storia rumena, e di metterla in scena. Uppercase Print, presentato nel programma di Forum alla Berlinale, è un esempio perfetto di questa attitudine.
  • Berlinale 2020

    Malmkrog

    di Presentato nella sezione Encounters della 70 Berlinale, Malmkrog è l'ultima opera di Cristi Puiu, uno dei protagonisti del nuovo cinema rumeno, che riesce nell'impresa di adattare per il cinema I tre dialoghi del filosofo russo ottocentesco Vladimir Sergeevič Solov'ëv.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2020 - PresentazioneTrieste Film Festival 2020 – Presentazione

    Giunto alla 31esima edizione, il Trieste Film Festival 2020 si terrà dal 17 al 23 gennaio, con l'apertura affidata al Malick di A Hidden Life e la chiusura riservata al Porumboiu di La Gomera. In programma, oltre ai concorsi lungometraggi, documentari e corti, anche un focus dedicato alla Germania della riunificazione post-89.
  • Rassegne

    CiakPolska

    Torna a Roma per il quinto anno il CiakPolska Film Festival, che dal 21 al 26 novembre propone una selezione del cinema polacco di oggi e di ieri. Previsto anche un omaggio a Joseph Conrad.
  • Trieste 2017

    Communion

    di Film d'esordio della regista polacca Anna Zamecka, Communion mette in scena, con una naturalezza sbalorditiva, l'intrusione della macchina-cinema all'interno della vita disastrata di una famiglia di provincia.
  • AltreVisioni

    The Exit of the Trains RecensioneThe Exit of the Trains

    di , Presentato nel quarto momento di Doclisboa, dopo l'anteprima alla Berlinale 2020 nella sezione Forum, The Exit of the Trains è il nuovo film di Radu Jude, co-firmato con l'archivista Adrian Cioflâncã, che ancora una volta affonda il dito nella piaga di una tragedia della storia rumena, il pogrom di Iași del 1941, in cui vennero barbaramente trucidati oltre 13.000 ebrei. L'evento è ricostruito con il puro utilizzo di materiale fotografico di repertorio.
  • Trieste 2021

    The Campaign RecensioneThe Campaign

    di Presentato nel concorso lungometraggi del 32° Trieste Film Festival, The Campaign (Berliner) è il nuovo film del rumeno Marian Crișan, lo spaccato di una Romania rurale che vive nella totale calma piatta, lontanissima dalla capitale come dall'Europa.
  • Trieste 2021

    Father RecensioneFather

    di Solido e potente dramma sociale in tre atti, Otac (Father) cuce sullo stato di grazia attoriale di un ottimo Goran Bogdan un atipico road movie di amore genitoriale. Già vincitore di Panorama all'ultima Berlinale, si aggiudica ora il Premio del Pubblico nel concorso lungometraggi della 32ma edizione del Trieste Film Festival.
  • Trieste 2021

    Numbers RecensioneNumbers

    di , Presentato nella sezione Fuori dagli sche(r)mi del 32° Trieste Film Festival, Numbers è un film diretto a distanza dal regista ucraino Oleg Sentsov, mentre si trovava in un carcere in Siberia. Il film è una distopia, messa in scena in forma teatrale, dove si incontrano THX 1138, Dogville e Beckett.
  • Trieste 2021

    fear recensioneFear

    di Fear (Strah) è il nuovo lungometraggio del bulgaro Ivaylo Hristov, che con un occhio al surrealismo gentile di Aki Kaurismäki affronta la tragedia della migrazione e il razzismo sempre più palese nella popolazione europea. In concorso al Trieste Film Festival.
  • Trieste 2021

    once upon a youth recensioneOnce Upon a Youth

    di O jednoj mladosti, letteralmente "su di un giovane", diventa nel titolo scelto per la vendita internazionale Once Upon a Youth. Una scelta condivisibile, perché pur partendo dal doloroso ricordo dell'amico Marko, morto nel 2007, Ivan Ramljak traccia in realtà il ritratto di un'intera generazione croata.
  • Trieste 2021

    acasa my home recensioneAcasă, My Home

    di Radu Ciorniciuc esordisce alla regia con Acasă, My Home, che fotografa la vita quotidiana della famiglia Enache, che per quasi venti anni ha vissuto in un'area incolta nel Delta di Bucarest, e si trova costretta a spostarsi in città quando la zona viene trasformata in un parco naturale.
  • Trieste 2021

    The Lure RecensioneThe Lure

    di Presentato nella retrospettiva Wild Roses: registe in Europa – Focus Polonia, The Lure è l'esordio al lungometraggio della polacca Agnieszka Smoczynska. Una versione dark della Sirenetta di Andersen in un pastiche di generi, musical, horror, fantasy, resa come un coming of age, una scoperta del corpo.
  • Trieste 2021

    nails in my brain recensioneNails In My Brain

    di Nails in My Brain segna il ritorno di Hilal Baydarov nel Concorso Documentari del Trieste Film Festival con un altro prezioso tassello del suo «cinema come linguaggio di una condizione esistenziale», realizzato nel passato e solo di recente ritirato fuori dal cassetto dopo essere rimasto inedito per oltre sei anni.
  • Festival

    Trieste Film Festival 2021 - seconda parteTrieste Film Festival 2021 – seconda parte

    La trentaduesima edizione del Trieste Film Festival torna, dopo gennaio, con una seconda parte, stavolta in presenza, in programma in due weekend, il 4 e il 5 e il 12 e il 13 giugno. Previste anche proiezioni in pellicola.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento