Il programma delle Giornate degli Autori 2021

Il programma delle Giornate degli Autori 2021

Le Giornate degli Autori 2021, sezione parallela e autonoma della Mostra del Cinema di Venezia, compiono diciotto anni entrando dunque nell’età “adulta”. Per il secondo anno la direzione artistica è affidata a Gaia Furrer, che prosegue l’indagine di un’identità che è politica, cinematografica, sociale, e personale.

“Le Giornate degli Autori compiono 18 anni. Con l’età adulta arriva una nuova, embrionale consapevolezza. È un anno di trasformazioni e nuove responsabilità, di distacchi e promesse a venire, di affrancamento dai modelli esistenti e ricerca di una voce propria. È l’anno dei primi bilanci, delle prime fragili o radicali scelte di campo, dei corpi in mutazione. È l’anno in cui ci si domanda quale sia il senso di tutto. Ed è proprio questa domanda che, al termine del processo di selezione, ci è venuta da attribuire, come una chiave di lettura sottotraccia, ai registi dei film scelti”. Queste le parole scelte da Gaia Furrer, dall’anno scorso direttrice artistica della sezione, per presentare le Giornate degli Autori 2021, diciottesima edizione dello spazio autonomo e parallelo alla selezione ufficiale della Mostra del Cinema di Venezia. E proprio di spazio è opportuno parlare per affrontare questa nuova edizione delle GdA, visto che ci si è dotati di una sala autonoma, la “Laguna”, che sostituisce la Villa degli Autori come centro nevralgico della sezione e si affianca alla sala Perla, dove tradizionalmente vengono presentati i film del Concorso e del Fuori Concorso. La sala Laguna ospiterà invece la sezione “Notti Veneziane”, dedicate in modo particolare al cinema italiano. La selezione nel complesso presenta 10 titoli in concorso (tra questi un solo italiano, Californie di Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman) che verranno “esaminati” dai partecipanti al progetto 27 Times Cinema coordinati dalle presidentesse di giuria Mina Mileva e Vesela Kazakova, 6 eventi speciali, 18 titoli nelle Notti Veneziane – qui sono compresi anche corti e mediometraggi. Di seguito l’elenco completo delle opere scelte per rappresentare la sezione.

CONCORSO

Al Garib di Ameer Fakher Eldin (Siria, Germania, Palestina, Qatar, 112′)
Anatomia di Aleksandra Jankowska (Polonia, Francia, 108′)
Californie di Alessandro Cassigoli, Casey Kauffman (Italia, 78′)
Deserto particular di Aly Muritiba (Brasile, Portogallo, 120′)
Imaculat di Monica Stan, George Chiper-Lillemark (Romania, 114′)
Madeleine Collins di Antoine Barraud (Francia, 102′)
Piedra noche di Iván Fund (Argentina, Cile, Spagna, 87′)
Shen Kong di Chen Guan (Macao, 103′)
Tres di Juanjo Giménez (Spagna, Lituania, Francia, 104′)
Tu me ressembles di Dina Amer (Egitto, Francia, USA, 94′)

EVENTI SPECIALI

Lovely Boy di Francesco Lettieri (Italia, 105′)
Mizrahim, les oubliés de la terre promise di Michale Bogamin (Francia, 93′)
Il palazzo di Federica Di Giacomo (Italia, Repubblica Ceca 100′)
Senza fine di Elisa Fuksas (Italia, 80′)
Il silenzio grande di Alessandro Gassmann (Italia, Polonia, 106′)
Three Minutes a Lengthening di Bianca Stigter (Olanda, 69′)

NOTTI VENEZIANE

Caveman – Il gigante nascosto di Tommaso Landucci (Italia, Svizzera, 91′)
Coriandoli di Maddalena Stornaiuolo (Italia, 9′)
Cùntami di Giovanna Taviani (Italia, 70′)
Diteggiatura di Riccardo Giacconi (Italia, 18′)
Les enfants de Cain di Keti Stamo (Francia, Albania, Italia, 68′)
Fellini e l’ombra di Catherine McGilvray (Italia, Svizzera, 64′)
Giulia di Ciro De Caro (Italia, 109′)
Hugo in Argentina di Stefano Knuchel (Svizzera, 97′)
Isolation di Michele Placido, Julia Von Heinz, Olivier Guerpillon, Jaco Van Dormael, Michael Winterbottom (Italia, Germania, Belgio, Svezia, Regno Unito, 75′)
Il mondo a scatti di Cecilia Mangini e Paolo Pisanelli (Italia, 89′)
I nostri fantasmi di Alessandro Capitani (Italia, 90′)
Parole di Umberto Contarello (Italia, 85′)
Princesa di Stefania Muresu (Italia, 49′)
Una relazione di Stefano Sardo (Italia, 110′)
Spin Time di Sabina Guzzanti (Italia, 92′)
Tonino De Bernardi – Un tempo, un incontro di Daniele Segre (Italia, 52′)
Trastwest di Ivano De Matteo (Italia, 18′)
Welcome Venice di Andrea Segre (Italia, 100′)

Info
Giornate degli Autori 2021, il sito ufficiale.

Articoli correlati

  • Festival

    Venezia 2021 – Presentazione

    Alberto Barbera e il presidente della Biennale Roberto Cicutto hanno presentato in streaming la selezione di Venezia 2021. Un'edizione che sembra volersi prendere dei rischi, garantisce il ritorno del mainstream d'oltreoceano e apre gli spazi al cinema italiano.
  • Festival

    Venezia 2020 – Bilancio

    Il bilancio di Venezia 2020, settantasettesima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, non può che è essere positivo, anche se questo ha a che vedere solo in maniera laterale con la qualità delle opere selezionate.
  • Venezia 2021

    Lovely Boy (2021) di Francesco Lettieri - Recensione | Quinlan.itLovely Boy

    di Tra dadaismo pop in stile videoclip e realismo semi documentario Lovely Boy di Francesco Lettieri racconta la mala educazione e poi la rieducazione di un giovane trapper (che non vuole essere definito tale), incarnato da Andrea Carpenzano. Alle Giornate degli Autori 2021.
  • Festival

    Venezia 2021Venezia 2021

    Recensioni, interviste e aggiornamenti dalla Mostra del Cinema di Venezia 2021, dall'attesissimo Dune ai film della Settimana della Critica, da Orizzonti ai film in concorso, da Sorrentino a Erik Matti...
  • Festival

    Venezia 2021Venezia 2021 – Minuto per minuto

    Venezia 2021 e Covid Atto II. Tra film, file, tamponi e prenotazioni su Boxol (il vero protagonista della Mostra) si torna a pieno regime al Lido. Più o meno. Anche il nostro “Minuto per minuto” tornerà a pieno regime? Ai posteri bla bla bla…
  • Venezia 2021

    shen kong recensioneShen Kong

    di Apertura delle Giornate degli Autori 2021, Shen Kong del giovane cineasta Chen Guan, all’esordio nel lungo, si lancia coraggiosamente in una rielaborazione artistico/emotiva del dramma pandemico ancora in atto, attraverso due giovani, splendidi, protagonisti.
  • Venezia 2021

    californie recensioneCalifornie

    di , A tre anni di distanza da Butterfly Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman tornano alla regia con Californie, continuando a lavorare sul territorio di Torre Annunziata e su una ragazza che vorrebbe diventare pugile: in questo caso è Jamila. In concorso alle Giornate degli Autori.
  • Venezia 2021

    Three Minutes - A Lengthening recensioneThree Minutes – A Lengthening

    di Presentato come evento speciale fuori concorso alle Giornate degli Autori 2021, il documentario Three Minutes - A Lengthening della storica e critica culturale Bianca Stigter usa le riprese amatoriali, effettuate nel 1938 da un emigrato polacco negli States tornato brevemente in Europa e nella terra natìa.
  • Venezia 2021

    Il palazzo (2021) di Federica Di Giacomo - Recensione | Quinlan.itIl palazzo

    di Muovendosi tra presente e passato, tra riprese di oggi e materiali d'archivio, Il palazzo di Federica Di Giacomo racconta aspirazioni artistiche e disillusioni di un gruppo di amici che si ritrovano a causa della morte di uno di loro. Evento speciale delle Giornate degli Autori 2021.
  • Venezia 2021

    the stranger recensioneThe Stranger

    di Presentato alle Giornate degli Autori 2021, The Stranger (Al garib) rappresenta l'esordio al lungometraggio per Ameer Fakher Eldin, che ci porta a immergerci nella realtà delle alture del Golan, territorio occupato militarmente da Israele da oltre cinquant'anni.
  • Venezia 2021

    giulia recensioneGiulia

    di Ciro De Caro torna alla regia a cinque anni di distanza da Acqua di marzo con Giulia, brillante racconto ironico ma non privo di profonde amarezze di una giovane ragazza alla prese con la “crisi”. Alle Giornate degli Autori nella sezione Notti Veneziane.
  • Venezia 2021

    imaculat recensioneImaculat

    di , Esordio alla regia della sceneggiatrice Monica Stan, coadiuvata nella direzione del film dal direttore della fotografia George Chiper Lillemark (anche lui al suo esordio nel lungometraggio di finzione), Imaculat è ispirato alla vicenda giovanile di Stan che a 18 anni si è dovuta disintossicare dalla dipendenza.
  • Venezia 2021

    tu me ressembles recensioneTu me ressembles

    di Tu me ressembles di Dina Amer, racconto della tragica notte del Bataclan sfumato nel ritratto di Hasna Aitboulahcen, erroneamente considerata dalla stampa per qualche giorno “la prima donna kamikaze francese”, è un'opera magari imperfetta ma affascinante, e soprattutto doverosa.
  • Venezia 2021

    Venezia 2021 – Bilancio

    Venezia 2021, ritorno in sala e alla dimensione collettiva per migliaia di persone, è stato un momento di passaggio forse cruciale, e per questo è necessario che si mettano sul piatto della bilancia tutti gli elementi, siano essi degni d'elogio o portatori di criticità.
  • In sala

    una relazione recensioneUna relazione

    di Presentato alle Giornate degli Autori della Mostra di Venezia 2021, Una relazione di Stefano Sardo è un buon esordio, fragile ma promettente. Percorso da dichiarati accenti autobiografici, non aggiunge molto al cinema medio italiano dedicato ai sentimenti, ma è onesto, sincero, dominato da semitoni.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento