Venezia 2021

Venezia 2021

Alberto Barbera e il presidente della Biennale Roberto Cicutto hanno presentato in streaming la selezione di Venezia 2021, settantottesima edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. Un’edizione che sembra volersi prendere dei rischi, garantisce il ritorno in laguna del mainstream d’oltreoceano – ma fuori concorso – e apre gli spazi al cinema italiano, presente con una ventina di titoli sparsi nelle varie sezioni.

Dodici mesi fa, nell’articolo di presentazione della settantasettesima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, si notava l’inevitabile assenza di titoli statunitensi e francesi – i film erano bloccati dalla pandemia, e anche dal famigerato “bollino” assegnato dal Festival di Cannes –, solo 4 su un totale di 18 opere presentate in concorso. Si trattava ovviamente di una coincidenza dettata dal momento storico, ma l’auspicio era che da una calamità si cogliesse l’occasione per allargare lo sguardo verso territori inattesi, solitamente sottostimati o in ogni caso solo di rado presi in considerazione: è probabile che solo così si potesse pensare di far partecipare alla corsa per il Leone d’Oro produzioni provenienti dall’India (l’ottimo The Disciple di Chaitanya Tamhane) e dall’Azerbaigian (In Between Dying di Hilal Baydarov). Dodici mesi dopo le speranze non sono state disattese, per quanto il cinema statunitense e quello francese vengono “premiati” con tre film a testa in competizione: potrà forse passare inosservato, ed è probabile che durante i dieci giorni della Mostra in molti ironizzeranno su determinate scelte, ma è da accogliere con notevole soddisfazione la presenza in concorso del nuovo film dell’ucraino Valentyn Vasyanovych (Vidblysk, vale a dire Reflection) e ancor più del filippino Erik Matti, vero e proprio idolo per il popolo del Far East che porta a Venezia il fluviale On the Job: The Missing 8, il cui titolo sembra ricollegarsi a una precedente opera del cineasta, quell’On the Job con cui Matti arrivò nientemeno che alla Quinzaine des Réalisateurs… [continua a leggere]

Info
Il sito ufficiale di Venezia 2021.

Articoli correlati

  • Venezia 2021

    erik matti intervistaIntervista a Erik Matti

    Fautore di un cinema artigianale, il filippino Erik Matti ha esplorato tanti generi cinematografici. Con On the Job: The Missing 8 confeziona un'opera che si inserisce nel solco classico del cinema sul giornalismo. Lo abbiamo incontrato a Venezia 78, dove il film è stato presentato in concorso.
  • Venezia 2021

    El hoyo en la cerca RecensioneEl hoyo en la cerca

    di Il trentacinquenne messicano Joaquín del Paso torna alla regia a cinque anni di distanza da Maquinaria Panamericana con El hoyo en la cerca, ragionando una volta di più sul conflitto di classe ma alzando il tiro contro l'élite politica e religiosa della nazione.
  • In sala

    Il cieco che non voleva vedere Titanic

    di Presentato in Orizzonti Extra, e ora in sala nonché sulla piattaforma Iwonderfull, Il cieco che non voleva vedere Titanic del finlandese Teemu Nikki è un film sulla condizione di cecità, nonché sull'amore per un cinema che ormai non c'è più.
  • Venezia 2021

    Il bambino nascosto

    di Scelto come film di chiusura fuori concorso dalla Mostra di Venezia, Il bambino nascosto è il settimo lungometraggio da regista per Roberto Andò, che trae ispirazione da un suo stesso romanzo pubblicato da La nave di Teseo nel 2020.
  • Venezia 2021

    Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song recensioneHallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song

    di , Hallelujah: Leonard Cohen, A Journey, A Song, diretto a quattro mani da Daniel Geller e Dayna Goldfine, è un documentario che assomma tre linee narrative, tripartizione espressa fin dal titolo, perdendo in coerenza e compattezza d’insieme ma guadagnando in varietà e fruibilità.
  • Venezia 2021

    leave no traces recensioneLeave No Traces

    di Un tragico caso di cronaca nella Polonia comunista del 1983, la brutalità poliziesca che non lascia scampo al giovane Grzegorz Przemyk, massacrato di botte per motivi nebulosi quanto futili. E un intero apparato statale che, pur di non ammettere un errore, mette in atto una complessa trama di ricatti.
  • Venezia 2021

    django & django recensioneDjango & Django

    di Partendo dall'omaggio a un regista italiano del passato, vale a dire Sergio Corbucci, Luca Rea con Django & Django arriva a omaggiare un regista statunitense del presente, Quentin Tarantino, che conferma qui tutto il suo acume e la sua capacità di lettura del cinema.
  • Venezia 2021

    white building recensioneWhite Building

    di Il cambogiano Kavich Neang esordisce alla regia di un lungometraggio con White Building, che parte come racconto generazionale sulla gioventù di Phnom Penh e si trasforma in un resoconto della gentrificazione, minimo comun denominatore dell'economia mondiale di oggi.
  • Venezia 2021

    Venezia 2021 – Bilancio

    Venezia 2021, ritorno in sala e alla dimensione collettiva per migliaia di persone, è stato un momento di passaggio forse cruciale, e per questo è necessario che si mettano sul piatto della bilancia tutti gli elementi, siano essi degni d'elogio o portatori di criticità.
  • Venezia 2021

    Un autre monde

    di Capitolo finale di un’ideale trilogia dedicata al mondo del lavoro contemporaneo, dopo La Legge del Mercato e In guerra, in Un autre monde Stéphane Brizé si concentra sull’altra faccia della medaglia, sulla classe dirigente. A dare corpo e anima al colletto bianco Philippe Lemesle, ancora una volta, Vincent Lindon.
  • Venezia 2021

    On the Job: The Missing 8

    di L'eclettico Erik Matti, idolo storico dei frequentatori del Far East, approda a Venezia 78, in concorso, con On the Job: The Missing 8, un film nel solco classico del grande cinema sul giornalismo, che il regista filippino contrappunta con commenti musicali stravaganti, e con il ricordo delle vittime di Marcos.
  • Venezia 2021

    tu me ressembles recensioneTu me ressembles

    di Tu me ressembles di Dina Amer, racconto della tragica notte del Bataclan sfumato nel ritratto di Hasna Aitboulahcen, erroneamente considerata dalla stampa per qualche giorno “la prima donna kamikaze francese”, è un'opera magari imperfetta ma affascinante, e soprattutto doverosa.
  • Venezia 2021

    Zalava vince la Settimana Internazionale della Critica 2021

    È Zalava dell'iraniano Arsalan Amiri il vincitore della trentaseiesima edizione della Settimana Internazionale della Critica. Per il film arriva anche il riconoscimento della giuria FIPRESCI. Il miglior cortometraggio è Inchei di Federico Demattè.
  • Venezia 2021

    Lovely Boy (2021) di Francesco Lettieri - Recensione | Quinlan.itLovely Boy

    di Tra dadaismo pop in stile videoclip e realismo semi documentario Lovely Boy di Francesco Lettieri racconta la mala educazione e poi la rieducazione di un giovane trapper (che non vuole essere definito tale), incarnato da Andrea Carpenzano. Alle Giornate degli Autori 2021.
  • Venezia 2021

    zalava recensioneZalava

    di Demoni, superstizione, l’autorità costituita che cerca di scardinare vetuste credenze e la scienza in mezzo, a tentare una (impossibile) mediazione. Zalava dell’esordiente Arsalan Amiri, in concorso alla SIC 2021, è cinema con un animo da B-movie e una cura dei dettagli di primo livello.
  • Venezia 2021

    Old Henry RecensioneOld Henry

    di Presentato fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2021, Old Henry di Potsy Ponciroli è un solido western crepuscolare che mescola un po' le carte della mitologia del selvaggio West. Una pellicola indipendente con un pregevole cast, in primis Tim Blake Nelson.
  • Venezia 2021

    Eles transportan a morte recensioneEles transportan a morte

    di , Eles transportan a morte segna l'esordio al lungometraggio per Helena Girón e Samuel M. Delgado, galiziana lei e di Tenerife lui; un viaggio a ritroso nel passato fino all'anno della scoperta dell'America, in concorso alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia.
  • Venezia 2021

    Mona Lisa and the Blood Moon

    di Piacevole miscuglio di generi e suggestioni provenienti dal cinema degli anni ’80 e ’90, Mona Lisa and the Blood Moon di Ana Lily Amirpour inanella situazioni e personaggi bizzarri, senza il supporto di una coesione narrativa. In concorso a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    america latina recensioneAmerica Latina

    di , America Latina, l'atteso terzo lungometraggio per i gemelli D'Innocenzo, è anche sulla carta la loro opera più ambiziosa, tentativo di incunearsi nella mente di un uomo che teme di vivere delle allucinazioni. Sospeso tra ricerca autoriale e thriller psicologico anni '90 il tutto però si rivela fatalmente caotico.
  • Venezia 2021

    imaculat recensioneImaculat

    di , Esordio alla regia della sceneggiatrice Monica Stan, coadiuvata nella direzione del film dal direttore della fotografia George Chiper Lillemark (anche lui al suo esordio nel lungometraggio di finzione), Imaculat è ispirato alla vicenda giovanile di Stan che a 18 anni si è dovuta disintossicare dalla dipendenza.
  • Venezia 2021

    Reflection

    di Valentyn Vasyanovych torna alla Mostra di Venezia dopo aver trionfato nella sezione Orizzonti due anni fa con Atlantis. In Reflection, che partecipa alla competizione principale, il regista ucraino estremizza il suo concetto di rigore.
  • Venezia 2021

    Illusions perdues RecensioneIllusions perdues

    di Cinema dall’impianto classico che vola alto in ogni comparto produttivo, Illusions perdues è la sontuosa riduzione da Honoré de Balzac di Xavier Giannoli, in Concorso a Venezia 78, e dispiega due ore abbondanti di riflessioni filosofiche, giochi di potere e d’amore.
  • Venezia 2021

    giulia recensioneGiulia

    di Ciro De Caro torna alla regia a cinque anni di distanza da Acqua di marzo con Giulia, brillante racconto ironico ma non privo di profonde amarezze di una giovane ragazza alla prese con la “crisi”. Alle Giornate degli Autori nella sezione Notti Veneziane.
  • Venezia 2021

    Freaks Out RecensioneFreaks Out

    di In concorso a Venezia 78, Freaks Out fa impressione per l'investimento produttivo messo in piedi - un vero e proprio kolossal all'italiana - ma allo stesso tempo finisce per deludere nella scrittura e nell'orchestrazione del racconto che procede affannosamente per strappi, maldestri colpi di scena, eccessivi indugi e qualche trovata derivativa.
  • Venezia 2021

    L'événement RecensioneL’événement

    di Trasposizione dell'omonimo romanzo autobiografico di Annie Ernaux, L'événement mette lo spettatore di fronte alla palpabile drammaticità, non solo psicologica ma anche fisica, dell'aborto clandestino. In concorso alla Mostra del Cinema di Venezia.
  • Venezia 2021

    Captain Volkonogov Escaped

    di , Con Captain Volkonogov Escaped la coppia di registi russi composta da Natasha Merkulova e Aleksey Chupov arriva a prendere parte al concorso della Mostra di Venezia, a tre anni di distanza da The Man Who Surprised Everyone, presentato e premiato (per l'interpretazione femminile) in Orizzonti.
  • Venezia 2021

    La caja RecensioneLa caja

    di Presentato in concorso a Venezia 78, La caja è il secondo lungometraggio per il regista venezuelano Lorenzo Vigas, di cui ci si ricorda per l'immeritato Leone d'oro nel 2015...
  • Venezia 2021

    Qui rido io RecensioneQui rido io

    di In Qui rido io - in concorso a Venezia 78 - Martone ritrova il filo del suo ragionamento tra cinema, teatro e film storico, dove il nostro passato deve sempre parlare al presente, altrimenti non ha senso. E, nel fare ciò, lancia un monito contro il pensiero unico e contro il fascismo sempre ritornante.
  • Venezia 2021

    the stranger recensioneThe Stranger

    di Presentato alle Giornate degli Autori 2021, The Stranger (Al garib) rappresenta l'esordio al lungometraggio per Ameer Fakher Eldin, che ci porta a immergerci nella realtà delle alture del Golan, territorio occupato militarmente da Israele da oltre cinquant'anni.
  • Venezia 2021

    Ultima notte a Soho RecensioneUltima notte a Soho

    di Presentato fuori concorso a Venezia 2021, Last Night in Soho (Ultima notte a Soho) è un oggetto imperfetto e travolgente, pieno di sconquassati detour, di cliché non sempre rivitalizzati, di energia creativa e scrittura sommaria e autoindulgente.
  • Venezia 2021

    mother lode recensioneMother Lode

    di Un regista italiano, una coproduzione europea, un viaggio dall’altra parte del mondo sulle orme del lavoro, della sussistenza, dello sradicamento dai propri affetti. In concorso alla Settimana Internazionale della Critica 2021, Mother Lode di Matteo Tortone colpisce al cuore e lascia il segno.
  • Venezia 2021

    la scuola cattolica recensioneLa scuola cattolica

    di L'impresa di trasformare in opera cinematografica il romanzo di Edoardo Albinati La scuola cattolica (premio Strega nel 2016) era di per sé titanica, e naufraga tanto per le brutali semplificazioni del discorso quanto per lo scarso spessore della messa in scena. Fuori Concorso alla Mostra di Venezia.
  • Venezia 2021

    Il palazzo (2021) di Federica Di Giacomo - Recensione | Quinlan.itIl palazzo

    di Muovendosi tra presente e passato, tra riprese di oggi e materiali d'archivio, Il palazzo di Federica Di Giacomo racconta aspirazioni artistiche e disillusioni di un gruppo di amici che si ritrovano a causa della morte di uno di loro. Evento speciale delle Giornate degli Autori 2021.
  • Venezia 2021

    sundown recensioneSundown

    di Sundown conferma Michel Franco come un cineasta in grado di ottime idee iniziali ma spesso confuso nel prosieguo della narrazione. In questo caso l'epicentro dello sguardo è Neil Bennett, britannico che decide di fingere di aver perso il proprio passaporto per abbandonare il resto della famiglia e restare a bivaccare ad Acapulco.
  • Venezia 2021

    A Salamandra

    di In concorso alla Settimana Internazionale della Critica 2021, A Salamandra di Alex Carvalho rifugge dallo sguardo “colonialista” sempre in agguato quando l’Europa incontra il Sudamerica, e regala personaggi di spessore.
  • Venezia 2021

    ariaferma recensioneAriaferma

    di Ariaferma è il terzo lungometraggio di finzione per Leonardo Di Costanzo, con cui il regista ischitano torna alla Mostra del Cinema di Venezia a nove anni di distanza da L'intervallo. Opera politica e poetica a un tempo, rappresenta l'apice - per ora - del percorso del cineasta.
  • Venezia 2021

    Amira RecensioneAmira

    di Presentato a Orizzonti di Venezia 78, Amira è il terzo lungometraggio da regista dell'egiziano Mohamed Diab, un film di donne nel difficile contesto palestinese, che passa dall'opera sociale al dramma pirandelliano sulla verità.
  • Venezia 2021

    Becoming Led Zeppelin

    di Completamente affidato alle voci narranti di Robert Plant, James Baldwin, James Patrick Page e a un’intervista d’epoca del compianto John Henry Bonham, Becoming Led Zeppelin è un documentario che si concentra sul mito prima del mito, sulla personale scalata al Paradiso di quattro ragazzi britannici.
  • Venezia 2021

    atlantide recensioneAtlantide

    di Primo film di finzione per Yuri Ancarani, Atlantide è una sinfonia d'immagini in cui il regista ravennate dipinge l'agonia dell'umano, appoggiandosi a una linea narrativa esilissima che si muove attorno alle gare fra barchini nella laguna veneziana.
  • Venezia 2021

    Dune recensioneDune

    di Titolo tra i più attesi degli ultimi anni, Dune trova in Villeneuve uno dei pochi registi in grado di compiere l'impresa, di scalare la montagna sacra. Il lavoro di scrittura e messa in scena è chiaro, potente, a suo modo profondamente rispettoso del testo originale.
  • Venezia 2021

    Il paradiso del pavone (2021) di Laura Bispuri - Recensione | Quinlan.itIl paradiso del pavone

    di Se c'è un genere italiano per eccellenza, questo probabilmente è il dramma corale con pranzo di famiglia, lo affronta ora Laura Bispuri con Il paradiso del pavone armata di uno script ben congegnato, ottimi attori, ma poche sorprese. In Orizzonti a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    Three Minutes - A Lengthening recensioneThree Minutes – A Lengthening

    di Presentato come evento speciale fuori concorso alle Giornate degli Autori 2021, il documentario Three Minutes - A Lengthening della storica e critica culturale Bianca Stigter usa le riprese amatoriali, effettuate nel 1938 da un emigrato polacco negli States tornato brevemente in Europa e nella terra natìa.
  • Venezia 2021

    Competencia oficial

    di , Esilarante e surreale, Competencia oficial dei registi argentini Gastón Duprat e Mariano Cohn è una satira sfrenata e irriverente sul fare cinema, con Penélope Cruz, Antonio Banderas, Olivier Martinéz. In concorso a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    il buco recensioneIl buco

    di Presentato in concorso a Venezia 78, Il buco segna il ritorno del cinema contemplativo di Michelangelo Frammartino che torna alla Calabria ancestrale e metafisica dei suoi primi due film. Una terra dimenticata dal tempo, un continente perduto, un Sud che rimaneva rurale mentre l'Italia entrava nel fermento del boom economico.
  • Venezia 2021

    the lost daughter recensioneeThe Lost Daughter

    di L'attrice Maggie Gyllenhaal esordisce alla regia con The Lost Daughter, adattamento del romanzo La figlia oscura di Elena Ferrante. Dalla costa ionica la storia si sposta in Grecia, e le famiglie protagoniste sono inevitabilmente statunitensi; lo sguardo di Gyllenhaal non sceglie la via più facile, né banale.
  • Venezia 2021

    la ragazza ha volato recensioneLa ragazza ha volato

    di Partendo da una sceneggiatura dei fratelli D'Innocenzo Wilma Labate trasforma La ragazza ha volato in un oggetto cinematografico totalmente proprio, riflettendo una volta di più su un personaggio femminile solo, distante dal mondo che lo circonda. In Orizzonti Extra alla Mostra di Venezia.
  • Venezia 2021

    Madres paralelas RecensioneMadres paralelas

    di In concorso a Venezia 2021, Madres paralelas è un mosaico composto da tasselli (melo)drammatici apparentemente distanti tra loro, quasi caotici, a prima vista inconciliabili. Un film tanto denso quanto rischioso, ricomposto mirabilmente dalla scrittura e messa in scena di Almodóvar, supportato dalle performance di Penélope Cruz e Milena Smit.
  • Venezia 2021

    The Power of the Dog (2021) Jane Campion - Recensione | Quinlan.itThe Power of the Dog

    di Erotismo e prove varie di virilità troneggiano sullo schermo nel nuovo film di Jane Campion The Power of the Dog, elaborato melodramma western con rozzi cowboy preda di un cameratismo esacerbato. In concorso a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    californie recensioneCalifornie

    di , A tre anni di distanza da Butterfly Alessandro Cassigoli e Casey Kauffman tornano alla regia con Californie, continuando a lavorare sul territorio di Torre Annunziata e su una ragazza che vorrebbe diventare pugile: in questo caso è Jamila. In concorso alle Giornate degli Autori.
  • Venezia 2021

    spencer recensioneSpencer

    di Dopo Jackie Kennedy Pablo Larraín "emigra" nuovamente dal Cile per cimentarsi con la figura di Diana Spencer, ritratta in quella che lo stesso regista definisce 'una favola che parte da una tragedia vera'. Larraín semplifica ogni conflitto possibile trasformando tutto in una maldestra agiografia.
  • Venezia 2021

    Mondocane (2021) di Alessandro Celli - Recensione | Quinlan.itMondocane

    di Apprezzabile tentativo di parabola post-apocalittica all'italiana, Mondocane di Alessandro Celli racconta un'umanità randagia scaturita dalla chiusura dell'acciaieria di Taranto. Ma tra gang di ragazzini, sbirri di pattuglia e un luciferino boss incarnato da Alessandro Borghi, il disordine regna sovrano.
  • Venezia 2021

    shen kong recensioneShen Kong

    di Apertura delle Giornate degli Autori 2021, Shen Kong del giovane cineasta Chen Guan, all’esordio nel lungo, si lancia coraggiosamente in una rielaborazione artistico/emotiva del dramma pandemico ancora in atto, attraverso due giovani, splendidi, protagonisti.
  • Venezia 2021

    Il collezionista di carte

    di Filosofico, complesso e disturbante, Il collezionista di carte di Paul Schrader esorcizza un trauma personale e collettivo attraverso un percorso di redenzione che non può evitare la violenza. In concorso a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    È stata la mano di Dio RecensioneÈ stata la mano di Dio

    di Non riesce Paolo Sorrentino a sfuggire dalla sua glaciale freddezza, dalla sua elegantissima anaffettività. E non ci riesce neppure quando parla di se stesso, come in questo suo film dichiaratamente autobiografico, È stata la mano di Dio, primo titolo italiano presentato in concorso a Venezia 78.
  • Venezia 2021

    karmalink recensioneKarmalink

    di Karmalink è l'opera prima di Jake Wachtel, statunitense di nascita ma apolide per vocazione, che firma una vera anomalia: un film di fantascienza in Cambogia. Film d'apertura fuori concorso alla Settimana Internazionale della Critica.
  • Festival

    Venezia 2021Venezia 2021 – Minuto per minuto

    Venezia 2021 e Covid Atto II. Tra film, file, tamponi e prenotazioni su Boxol (il vero protagonista della Mostra) si torna a pieno regime al Lido. Più o meno. Anche il nostro “Minuto per minuto” tornerà a pieno regime? Ai posteri bla bla bla…
  • Festival

    Il programma delle Giornate degli Autori 2021

    Le Giornate degli Autori, sezione parallela e autonoma della Mostra del Cinema di Venezia, compiono diciotto anni entrando dunque nell'età "adulta". Per il secondo anno la direzione artistica è affidata a Gaia Furrer, che prosegue l'indagine di un'identità che è politica, cinematografica, sociale, e personale.
  • Festival

    Venezia 2021 – Presentazione

    Alberto Barbera e il presidente della Biennale Roberto Cicutto hanno presentato in streaming la selezione di Venezia 2021. Un'edizione che sembra volersi prendere dei rischi, garantisce il ritorno del mainstream d'oltreoceano e apre gli spazi al cinema italiano.
  • Venezia 2021

    Settimana della Critica 2021 – Presentazione

    Il programma della Settimana della Critica 2021 è stato presentato a Roma dalla delegata generale Beatrice Fiorentino, al primo anno alla guida del comitato di selezione. L'obiettivo resta invariato: mappare il mondo alla ricerca degli esordi più interessanti.
  • DVD

    Per grazia ricevuta (1971) di Nino Manfredi - Recensione | Quinlan.itPer grazia ricevuta

    di Primo lungometraggio diretto da Nino Manfredi, Per grazia ricevuta è una dolente riflessione sul rapporto tra individuo e condizionamenti socio-culturali. Intelligente, profondo, sorprendentemente ricco sul piano visivo, decisamente lontano dagli schemi della commedia. Assolutamente da recuperare. In dvd per Mustang e CG.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento