Annunciato il programma di Cannes 2022

Annunciato il programma di Cannes 2022

Nella tradizionale conferenza stampa parigina Thierry Frémaux, accompagnato da Pierre Lescure, ha annunciato parte consistente del programma di Cannes 2022, settantacinquesima edizione del festival transalpino. L’Italia è in concorso con Mario Martone, non viene nominato David Lynch.

Nessuna sorpresa particolare, nessun colpo di scena. Ci si aspettava forse che venisse nominato David Lynch (anche senza che avesse diretto un film), ma così non è stato. Nella tradizionale conferenza stampa parigina Thierry Frémaux, dopo aver spiegato le linee guida dell’edizione, ovviamente non diverse dalle solite ma meno pantagrueliche dell’anno scorso, quando il festival si svolse in estate, ha sciorinato i film che prenderanno parte alle varie sezioni, componendo il programma di Cannes 2022, settantacinquesima edizione del festival transalpino. Viene confermata la sezione Cannes Première, già sperimentata a luglio. Di seguito l’elenco dei film annunciati oggi – altri verranno confermati in seguito:

CONCORSO

Holy Spider di Ali Abbasi
Les Amandiers di Valeria Bruni Tedeschi
Crimes of the Future di David Cronenberg
Tori and Lokita di Jean-Pierre e Luc Dardenne
Stars at Noon di Claire Denis
Frère et soeur di Arnaud Desplechin
Close di Lukas Dhont
Armageddon Time di James Gray
Broker di Hirokazu Kore-eda
Nostalgia di Mario Martone
RMN di Cristian Mungiu
Triangle of Sadness di Ruben Östlund
Decision to Leave di Park Chan-wook
Showing Up di Kelly Reichardt
Leila’s Brothers di Saeed Roustaee
Boy from Heaven di Tarik Saleh
Tchaikovski’s Wife di Kirill Serebrennikov
EO di Jerzy Skolimowski

UN CERTAIN REGARD

Les Pires di Lise Akoka, Romane Gueret
Burning Days di Emin Alper
Metronom di Alexandru Belc
Sick of Myself di Kristoffer Borgli
All the People I’ll Never Be di Davy Chou
Domingo and the Midst di Ariel Escalante Meza
Plan 75 di Chie Hayakawa
Untitled Pine Ridge Project di Riley Keough, Gina Gammell
Corsage di Marie Kreutzer
Butterfly Vision di Maksim Nakonechnyi
Godland di Hlynur Pálmason
Rodeo di Lola Quivoron
Joyland di Saim Sadiq
The Silent Twins di Agneszka Smocynska
The Stranger di Thomas M. Wright

FUORI CONCORSO

Z (comme Zed) di Michel Hazanavicius [Film d’apertura]
Top Gun: Maverick di Joseph Kosinski
Elvis di Baz Luhrmann
Masquerade di Nicolas Bedos
Novembre di Cédric Jimenez
Three Thousand Years of Longing di George Miller

SEANCE DE MINUIT

Hunt di Lee Jun-jae
Fumer fair tousser di Quentin Dupieux
Moonage Daydream di Brett Morgen

CANNES PREMIERE

Dodo di Panos H. Koutras
Esterno notte di Marco Bellocchio
Irma Vep di Olivier Assayas
Nos frangins di Rachid Bouchareb

SEANCES SPECIALES

Jerry Lee Lewis: Trouble in Mind di Ethan Coen
The Natural History of Destruction di Sergei Loznitsa
All That Breathes di Shaunak Sen

Info
Il programma di Cannes 2022 sul sito ufficiale.

Articoli correlati

  • Cannes 2021

    Festival di Cannes 2021 – Presentazione

    Si è aperta la 74a edizione, un nuovo inizio dopo la non-edizione del 2020. La serata di inaugurazione ci ha regalato la presenza di Bong Joon-ho, Almodóvar, Spike Lee e Jodie Foster. Quattro nomi fondamentali, quattro lingue, quattro angoli del mondo per sottolineare la portata internazionale di Cannes 2021, la riapertura, la ripartenza.
  • Festival

    Cannes 2021: la selezione ufficiale

    Cannes 2021 svela le carte. Thierry Frémaux ha annunciato alla stampa i film che comporranno la selezione ufficiale dell'edizione di luglio, ed è una lista di titoli ampiamente previsti nel chiacchiericcio degli addetti ai lavori negli ultimi mesi. Grande invasione di titoli francesi, ben 19.
  • Festival

    Cannes 2022 annuncia i titoli che completano il programma

    Come previsto Cannes 2022, settantacinquesima edizione del festival transalpino, annuncia i titoli che andranno a completare il programma già svelato giovedì scorso. Tra questi anche il nuovo film di Albert Serra.
  • Cannes 2022

    boy from heaven recensioneBoy from Heaven

    di Il regista egiziano d'origine ma svedese di nascita Tarik Saleh esordisce nel concorso di Cannes con Boy from Heaven, che sfrutta le dinamiche del thriller e della spy-story per ragionare da vicino sulla dittatura di al-Sisi, e sulle ingerenze religiose nel Paese.
  • Cannes 2022

    Frère et Sœur RecensioneFrère et Sœur

    di Frère et Sœur è il settimo film di Arnaud Desplechin a prendere parte al concorso di Cannes. Il tema, non raro nel cinema del regista francese, è quello del rapporto familiare, delle sue ambiguità, dell'impossibilità di superare in modo catartico il senso di colpa. Peccato che qui il tutto si risolva in un'ottica squisitamente bo-bo.
  • Cannes 2022

    Crimes of the FutureCrimes of the Future

    di La “nuova carne” è nata. In Crimes of the Future David Cronenberg torna a ragionare su alcuni dei temi ricorrenti della sua poetica espressiva, sia per quel che concerne l'organicità e la sua evoluzione sia nel discorso sull'arte, sulla necessità dell'umano di agire rispetto al contesto in cui si muove.
  • Cannes 2022

    Eo RecensioneEO

    di A ottantaquattro anni Jerzy Skolimowski si confronta con EO con uno dei film che più lo hanno segnato, Au hasard Balthazar di Robert Bresson. Lo fa da una prospettiva che rifugge il nitore ascetico a favore di una messa in scena maestosa che non tema il rapporto col grottesco.
  • Cannes 2022

    Holy Spider RecensioneHoly Spider

    di Dopo aver trionfato in Un certain regard nel 2018 con Border, il regista iraniano ma naturalizzato danese Ali Abbasi torna sulla Croisette, stavolta in concorso, con Holy Spider, che racconta la vera storia di un serial killer di prostitute che nel 2001 fece strage di donne a Mashhad.
  • Cannes 2022

    Leila's Brothers RecensioneLeila’s Brothers

    di L'autentica sorpresa del Concorso 2022 si intitola Leila's Brothers, quarto lungometraggio del regista iraniano Saeed Roustaee (classe 1989) che orchestra un'opera di 2 ore e 45 minuti con mano da maestro consumato, realizzando un lavoro che ha il respiro dei grandi romanzi e dei grandi film.
  • Cannes 2022

    un petit frère recensioneUn petit frère

    di Un petit frère, secondo film per la regista francese Léonor Serraille, è l'accorato racconto nel corso dei decenni di due bambini e poi ragazzi ivoriani trapiantati in Francia con la madre a fine anni Ottanta. Un'opera solo all'apparenza semplice, in concorso a Cannes.
  • Cannes 2022

    Nostalgia RecensioneNostalgia

    di Per il suo decimo lungometraggio Martone prende spunto da Nostalgia, romanzo postumo di Ermanno Rea. Eccellente protagonista Pierfrancesco Favino, ma non sono da meno Francesco Di Leva e Tommaso Ragno.
  • Cannes 2022

    R.M.N. RecensioneR.M.N

    di R.M.N., quinto lungometraggio diretto da Cristian Mungiu, conferma la statura autoriale del regista rumeno, che si focalizza sul concetto di identità, di appartenenza a un luogo, di intercultura, e lo fa dalla prospettiva di un piccolo villaggio della Transilvania, tra allegoria e ripresa della realtà.
  • Cannes 2022

    Tchaikovsky's Wife recensioneTchaikovsky’s Wife

    di Tchaikovsky's Wife segna il ritorno a Cannes di Kirill Serebrennikov a un anno di distanza da Petrov's Flu: il regista russo, per la terza volta in concorso sulla Croisette, indaga la vita di Antonina Miljukova, moglie del grande compositore Pëtr Il'ič Čajkovskij, apertamente omosessuale.
  • Cannes 2022

    tori e lokita recensioneTori e Lokita

    di , I fratelli Dardenne tornano per la nona volta in concorso al Festival di Cannes con Tori e Lokita, che condensa al proprio interno alcuni dei temi ricorrenti della loro cinematografia, dall'immigrazione al lavoro, fino alla marginalità.
  • Cannes 2022

    tirailleurs recensioneTirailleurs

    di L'intenzione di Tirailleurs, il film di Mathieu Vadepied che ha inaugurato Un certain regard, è quella di omaggiare i giovani delle colonie che vennero reclutati dalla Francia per combattere durante la Prima Guerra Mondiale. Un'ambizione nobile, che però preferisce lasciare sullo sfondo le colpe della Francia.
  • Cannes 2022

    joyland recensioneJoyland

    di Esordio al lungometraggio del regista pachistano Saim Sadiq, Joyland è un lavoro ben scritto e girato con mano sicura, capace di mostrare uno spiccato talento sia narrativo che visivo. Un lavoro che sa depistare le attese dello spettatore. In Un certain regard a Cannes.
  • Cannes 2022

    Metronom

    di Il documentarista Alexandru Belc esordisce nel lungometraggio di finzione con Metronom, raccontando la gioventù borghese rumena nell'autunno del 1972, tra vagheggiamenti d'occidente e l'ombra lunga della Securitate. In concorso a Un certain regard.
  • Cannes 2022

    plan 75 recensionePlan 75

    di Plan 75, primo lungometraggio da regista per la giapponese Chie Hayakawa presentato in concorso in Un certain regard, prende il la da un cortometraggio della cineasta e affronta il tema dell'eutanasia come rimedio a una società sempre più vecchia.
  • Cannes 2022

    Elvis RecensioneElvis

    di Fuori concorso a Cannes, Luhrmann riesce in più di un'impresa: issarsi fino alle vette inarrivabili di Presley; rinnovare la propria poetica; trovare l'interprete giusto, Austin Butler, forse l'unico possibile.
  • Cannes 2022

    Marcel! RecensioneMarcel!

    di Fiacco esordio alla regia per Jasmine Trinca, Marcel! si veste di tonalità felliniane e sognanti, ma non sembra avere veramente voglia di raccontare una storia, quanto piuttosto un ambiente, un quartiere (Garbatella a Roma) e soprattutto una solitudine esistenziale, che però non si fa mai dramma, ma solo bozzetto.
  • Cannes 2022

    fumer fait tousser recensioneFumer fait tousser

    di Fumer fait tousser è l'ennesima follia partorita dalla mente di Quentin Dupieux, che stavolta si diverte a giocare con l'immaginario superomistico e con lo splatter. Si avverte come sempre la ludica superficialità del regista parigino, stavolta però aiutato da una struttura narrativa episodica.
  • Cannes 2022

    as bestas recensioneAs bestas

    di Con As bestas Rodrigo Sorogoyen indaga ancora l'animo umano, la sua progressiva discesa verso la follia più inarrestabile, con i barbarici istinti primordiali che affiorano dal subconscio. Thriller tesissimo, sempre sul punto di esplodere, As bestas è la conferma del grande talento del regista spagnolo.
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022 – Minuto per minuto

    Cannes 2022, edizione numero settantacinque del festival, torna alla normalità dopo aver saltato lo svolgimento del 2020 e lo spostamento a luglio dello scorso anno. La struttura del festival è sempre la stessa, il tappeto rosso domina ancora il proscenio.Chi si aggiundicherà la Palma d’Oro?
  • Festival

    Festival di Cannes 2022Festival di Cannes 2022 – Presentazione

    Al via il Festival di Cannes 2022, edizione numero settantaquattro, con il solito programma sovrabbondante ma anche una più che zoppicante (per così dire...) gestione dei biglietti.
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022

    Settantacinquesima edizione per la kermesse transalpina, festival magmatico e abnorme, persino troppo. Dal concorso alle sezioni parallele, le recensioni dei film che (mai come in questa edizione) riusciremo a vedere...
  • Cannes 2022

    war pony recensioneWar Pony

    di , War Pony segna l'esordio alla regia per la produttrice Gina Gammell e l'attrice Riley Keough, che sviluppano il soggetto scritto da Franklin Sioux Bob e Bill Reddy sulla vita all'interno delle riserve indiane. Un lavoro senza dubbio onesto e sincero, ma che non riesce a uscire da una tonalità fin troppo uniforme.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento