Marcel!

Marcel!

di

Fiacco esordio alla regia per Jasmine Trinca, Marcel! – tra le séances spéciales a Cannes 75 – si veste di tonalità felliniane e sognanti, ma non sembra avere veramente voglia di raccontare una storia, quanto piuttosto un ambiente, una sensazione, un quartiere (Garbatella a Roma) e soprattutto una solitudine esistenziale, che però non si fa mai dramma, ma solo bozzetto.

Io ero un cane

Una bambina ama sua madre, ma sua madre ama Marcel, il suo cane. Un evento imprevedibile le porterà in viaggio. [sinossi]

Ci sono, certo, delle cose belle in Marcel!, esordio alla regia di Jasmine Trinca, presentato a Cannes 75 tra le séances spéciales. Una di queste è senz’altro il modo in cui viene ritratto il quartiere di Garbatella a Roma – dove vivono la protagonista (una ragazzina adolescente), la madre eccentrica (Alba Rohrwacher) e la nonna (una splendida Giovanna Ralli) -, una Garbatella sognante probabilmente dei primi anni Ottanta che è deserta e assolata, senza macchine, come un paesone sito chissà dove. L’altra cosa bella è il ruolo affidato dalla Trinca a Giovanna Ralli, nei panni di una donna che rimpiange continuamente suo figlio, il padre della protagonista, morto chissà come; tanto che in ogni scena in cui appare trova sempre il modo di parlare del figlio, elogiandolo sperticatamente e continuando a costruirne il mito.

Ma questi sono dettagli e contorni, sono sfondo per la storia principale che, in fin dei conti, non c’è; o, meglio, non è abbastanza tratteggiata. Il cuore mancante di Marcel! dovrebbe essere il rapporto difficile e quasi conflittuale tra la ragazzina protagonista e sua madre, una madre dedita all’arte del teatro di strada, dal sapore stereotipatamente felliniano. Questo rapporto è fatto soprattutto di assenza, di non-rapporto, per tutta la prima parte del film, e si sviluppa solamente dalla seconda metà in poi, quando le due partono per un viaggio, ed è in questa fase – quando Marcel! si fa leggermente più narrativo – che si scopre però, purtroppo in maniera chiara, quanto sia esile la caratterizzazione dei personaggi.

Resta di Marcel! una sensazione di abbozzo, di timidezza verso il racconto, di incertezza nei toni tra l’onirico e il drammatico. Si ha questa sospensione che regala anche dei bei momenti, dovuti anche ad esempio a un attore eccezionale quale è Dario Cantarelli nei panni di un grottesco e tenero spasimante della madre della protagonista, sospensione che però poi spesso si risolve in un nulla di fatto.

E perciò, come accade in tanto piccolo autoriale e festivaliero cinema italiano, anche in Marcel! si legge la non volontà di osare, si legge il desiderio – e verrebbe anzi da dire, il dovere – di non disturbare, di risultare carino e gradevole, di tratteggiare un grottesco moderato e ammorbidito, addolcito e dunque totalmente innocuo. Ma così non si va da nessuna parte.

Info
Marcel! sul sito di Cannes.

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022 – Minuto per minuto

    Cannes 2022, edizione numero settantacinque del festival, torna alla normalità dopo aver saltato lo svolgimento del 2020 e lo spostamento a luglio dello scorso anno. La struttura del festival è sempre la stessa, il tappeto rosso domina ancora il proscenio.Chi si aggiundicherà la Palma d’Oro?
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022

    Settantacinquesima edizione per la kermesse transalpina, festival magmatico e abnorme, persino troppo. Dal concorso alle sezioni parallele, le recensioni dei film che (mai come in questa edizione) riusciremo a vedere...
  • Festival

    Festival di Cannes 2022Festival di Cannes 2022 – Presentazione

    Al via il Festival di Cannes 2022, edizione numero settantaquattro, con il solito programma sovrabbondante ma anche una più che zoppicante (per così dire...) gestione dei biglietti.
  • Festival

    Cannes 2022 annuncia i titoli che completano il programma

    Come previsto Cannes 2022, settantacinquesima edizione del festival transalpino, annuncia i titoli che andranno a completare il programma già svelato giovedì scorso. Tra questi anche il nuovo film di Albert Serra.
  • Festival

    Il programma di Cannes 2022Annunciato il programma di Cannes 2022

    Nella tradizionale conferenza stampa parigina Thierry Frémaux, accompagnato da Pierre Lescure, ha annunciato parte consistente del programma di Cannes 2022, settantacinquesima edizione del festival transalpino. L'Italia è in concorso con Mario Martone, non viene nominato David Lynch.
  • Cannes 2017

    Fortunata

    di Presentato a Cannes, Fortunata cerca di essere un romanzo popolare, di immergersi nella sofferta quotidianità di una giovane madre, una parrucchiera che lotta in un quartiere periferico, multietnico. Cinema colorato, urlato, con sprazzi di vita, ma artificioso e dallo sguardo pigro...
  • Archivio

    Miele RecensioneMiele

    di L'esordio alla regia di Valeria Golino, ellittico, mai pedante o didascalico, essenziale nei dialoghi e calibratissimo nella scelta delle inquadrature.
  • Archivio

    Un giorno devi andare

    di Giunto al suo terzo film di finzione, Giorgio Diritti incappa con Un giorno devi andare nel primo passo falso della sua filmografia, abbandonandosi a banali speculazioni filosofico-antropologiche.
  • Cannes 2022

    Les amandiers RecensioneLes Amandiers

    di In concorso a Cannes 75, Les Amandiers è il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi, una rievocazione del periodo in cui l'attrice-regista frequentava la scuola di teatro Amandiers. Un saggio di recitazione pieno di gioia e vitalità, ma che pian piano va a chiudersi in un dramma i cui toni appaiono eccessivi e forzosi.
  • Festival

    Cannes 2022Festival di Cannes 2022 – Bilancio

    Volendo riassumere la disordinata magniloquenza del Festival di Cannes 2022, potremmo limitarci a due nomi: Volodymyr Zelens’kyj e Sergei Loznitsa.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento