Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici?

Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici?

di ,

Presentato in anteprima al Festival di Cannes 2022, Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici? è un sagace omaggio all’arte e alla creatività di Goscinny e Sempé, all’immortalità del loro piccolo e vivace personaggio, ai tempi oramai lontanissimi di una produzione cartacea (ma anche animata) più semplice, genuina, ancorata alla vita. Senza dimenticare gli spettatori più giovani, Amandine Fredon e Benjamin Massoubre confezionano un triplo biopic e un congegno metalinguistico accessibile ma non banale.

Come eravamo

Appoggiati a un grande foglio bianco da qualche parte tra Montmartre e Saint-Germain-des-Prés, Jean-Jacques Sempé e René Goscinny danno vita a un ragazzino birichino e affettuoso, il piccolo Nicolas. Tra cameratismo dei campi estivi, discussioni, litigi, giochi, sciocchezze e punizioni in abbondanza, Nicolas vive un’infanzia piena di gioie e insegnamenti. Con l’avanzare della storia, il ragazzo si intrufola nel laboratorio dei suoi creatori e li interroga a cuor leggero. Sempé e Goscinny gli racconteranno il loro incontro, la loro amicizia, ma anche i loro viaggi, i loro segreti e la loro infanzia… [sinossi]
Je suis l’enfant de vos enfances
Ou bien l’enfance de vos mémoires
Poussière de craie et carte de France
Boules de papier sur tableau noir…
Le Petit Nicolas – Julien Van Parys

Dopo una serie di live action dedicati al personaggio scritto e disegnato da René Goscinny e Jean-Jacques Sempé, ecco (finalmente) un lungometraggio d’animazione che ci racconta la genesi del piccolo Nicolas. È infatti un triplo biopic Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici? (in originale Le Petit Nicolas: Qu’est-ce qu’on attend pour être heureux?), diretto da Amandine Fredon e Benjamin Massoubre, presentato come séance spéciale sulla Croisette. La genesi del personaggio si intreccia con le vite di Goscinny e Sempé in un arco narrativo che, a parte qualche flashback, parte dal 1955 e si conclude inevitabilmente e tristemente con la prematura e dolorosissima scomparsa di Goscinny – quanto sarebbe cambiata la storia dell’animazione francese senza questa incolmabile perdita?

Filologicamente ad altezza bambino, il film gioca con le tavole, con gli spazi bianchi, coi tratti semplici dei disegni originali: Nicolas, René e Jean-Jacques interagiscono, iniziano a conoscersi, crescono insieme, toccano con mano la felicità del titolo. Un decennio d’oro il 1955/65, traboccante creatività. E non sarà diverso il periodo successivo, anche se le strade dei due autori si divideranno: sarà soprattutto Goscinny, in coppia con Albert Uderzo, a segnare gli anni dal 1967 al 1976 con le trasposizioni animate di Asterix: dopo Asterix il gallico (1967) e Asterix e Cleopatra (1968), Le 12 fatiche di Asterix (1976) rappresenterà lo zenith produttivo del duo, della loro casa di produzione Studios Idéfix, nonché un’abnorme prospettiva per l’animazione transalpina – purtroppo non andò poi così, ma questa è già un’altra storia, lontana dal film, anche se idealmente racchiusa nella statuetta di Asterix e Obelix che un paio di volte vediamo fare amabilmente capolino.

L’addio a Goscinny è addolcito da una semplice constatazione: nel 2022, una vita dopo, Nicolas è ancora tra noi, come idealmente saranno sempre i suoi due papà, artisti immortali. Anche a questo serve Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici?, congegno metalinguistico celebrativo ma anche, e soprattutto, in grado di dialogare con ampie fette di pubblico: gli adulti più âgée apprezzeranno probabilmente gli incastri narrativi, storici e linguistici, mentre i più piccini potranno riconoscersi in Nicolas, eterno bambino – non a caso, da qualche settimana, in Francia viene trasmessa la nuova serie Le Petit Nicolas: tous en vacances!, prodotta dalla Media Valley del nuovo Oum le dauphin blanc in puntate da una dozzina di minuti, animate con garbo ma senza il tratto filologico e più raffinato della pellicola.

Info
La scheda de Il piccolo Nicolas – Cosa stiamo aspettando per essere felici? sul sito di Cannes.

  • le-petit-nicolas-2022-01.jpg
  • le-petit-nicolas-2022-02.jpg
  • le-petit-nicolas-2022-03.jpg
  • le-petit-nicolas-2022-04.jpg

Articoli correlati

  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022 – Minuto per minuto

    Cannes 2022, edizione numero settantacinque del festival, torna alla normalità dopo aver saltato lo svolgimento del 2020 e lo spostamento a luglio dello scorso anno. La struttura del festival è sempre la stessa, il tappeto rosso domina ancora il proscenio.Chi si aggiundicherà la Palma d’Oro?
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022

    Settantacinquesima edizione per la kermesse transalpina, festival magmatico e abnorme, persino troppo. Dal concorso alle sezioni parallele, le recensioni dei film che (mai come in questa edizione) riusciremo a vedere...
  • Festival

    Festival di Cannes 2022Festival di Cannes 2022 – Presentazione

    Al via il Festival di Cannes 2022, edizione numero settantaquattro, con il solito programma sovrabbondante ma anche una più che zoppicante (per così dire...) gestione dei biglietti.
  • Animazione

    Le 12 fatiche di Asterix RecensioneLe 12 fatiche di Asterix

    di , , , La terza avventura di Asterix e Obelix è un tour de force comico, a tratti visionario, in grado di attraversare con tono ironico vari registri, dal velato erotismo delle sinuose sacerdotesse dell’Isola del Piacere alle visioni orrorifiche dell’antro della bestia.
  • #TUTTIACASA

    Asterix e Cleopatra RecensioneAsterix e Cleopatra

    di , Seconda avventura sul grande schermo per i galli di Goscinny e Uderzo. Le musiche di Calvi e le performance dei doppiatori trovano un maggior sostegno tecnico-artistico, le linee si fanno più precise, i fondali più ambiziosi. Imperfetto, ma innegabilmente spassoso.
  • #TUTTIACASA

    Asterix il gallico RecensioneAsterix il gallico

    di Primo capitolo delle avventure dei celeberrimi personaggi creati da Goscinny e Uderzo, Asterix il gallico è produttivamente ed esteticamente in bilico tra piccolo e grande schermo. Realizzato in economia dallo studio belga Belvision.
  • DVD

    Peanuts RecensionePeanuts

    di Portate sul piccolo schermo da Alexis Lavillat, le strisce animate dei Peanuts sono riunite dalla Koch Media in un cofanetto da otto dvd. Colori pastello e una rispettosa e più che apprezzabile adesione alle tavole originali.
  • DVD

    Il flauto a sei puffi RecensioneIl flauto a sei puffi

    di , John, un giovane cavaliere, e Solfamì, il suo ingenuo scudiero, si imbattono in uno strano flauto a sei fori, dotato di magici poteri: il suono del flauto infatti costringe la gente a ballare fino a cadere addormentata. Il flauto purtroppo finisce nelle grinfie di Matteo Manolesta...

Leave a comment