Festival di Cannes 2022 – Bilancio

Festival di Cannes 2022 – Bilancio

Come ogni edizione, è zeppo di contraddizioni il Festival di Cannes, un contenitore smisurato che rastrella a destra e a manca, ridistribuendo ad accreditati e pubblico delle visioni (e delle sezioni) altalenanti, un po’ schizofreniche, anche sacrificate. Volendo riassumere la disordinata magniloquenza di Cannes 2022, potremmo limitarci a due nomi: Volodymyr Zelens’kyj e Sergei Loznitsa.

Un attore e un regista. Come tutti oramai sanno, Zelens’kyj è a grandi linee il Ronald Reagan ucraino: dopo una carriera nel mondo dello spettacolo, tra l’altro calandosi nei panni del presidente dell’Ucraina per una serie televisiva, Zelens’kyj si è effettivamente lanciato in politica e adesso è lì, a guidare la sua nazione nel conflitto che sta facendo venire i brividi all’Europa – potremmo aprire una parentesi sulla percezione occidentale dei conflitti nel mondo, ma non è questa la sede adatta.
Inevitabilmente gonfio di retorica, con una serie di prevedibili rimandi alla settima arte, il presidente ucraino è apparso sul grande schermo durante la cerimonia d’apertura di Cannes 2022. Una visibilità insolita, da molti anche criticata, ma che già abbiamo visto più volte in questi mesi in altri luoghi ed eventi. Discutibile o meno, la presenza e la retorica di Zelens’kyj ha un piccolo ma validissimo contraltare nelle proiezioni di The Natural History of Destruction di Loznitsa, documentario d’archivio che attraverso l’orrore del passato ci mette di fronte agli errori e orrori del presente. Tra le vette di Cannes 2022. Chissà se Zelens’kyj avrà modo di vedere e apprezzare il film…

Attraversata soprattutto da un cinema più o meno autoriale, Cannes 2022 ha regalato qualche parentesi di genere – l’abbacinante Elvis di Baz Luhrmann, il roboante Top Gun: Maverick di Joseph Kosinski ma anche l’arguto biopic metalinguistico Le Petit Nicolas – Qu’est-ce qu’on attend pour être heureux di Amandine Fredon e Benjamin Massoubre – ma sono soprattutto le pellicole di natura politica ad aver lasciato il segno. In ordine sparso, e con declinazioni varie del concetto di cinema politico, ne citiamo alcune: il vincitore della Palma d’oro Triangle of Sadness di Ruben Östlund, con la sua straripante comicità grottesca; la lucidissima rappresentazione della Romania di oggi in R.M.N. di Cristian Mungiu; il coming of age Armageddon Time di James Gray, che attraverso gli occhi di un ragazzino tratteggia uno spartiacque storico-morale-politico degli Stati Uniti; il ritratto di una famiglia e di una società in Leila’s Brothers di Saeed Roustaee, tra le sorprese del festival; il monumentale Esterno notte di Marco Bellocchio…
Al di là dei premi, discutibili o meno, al pari dei giudizi del singolo critico o della critica in generale, andrebbe forse rivista la logica della composizione delle giurie, troppo legate all’effetto glamour. Se ogni grande festival cerca di portare acqua al proprio mulino, distribuendo a volte premi fin troppo generosi alle produzioni della propria nazione, restano comunque poco comprensibili alcune scelte, alcune esclusioni. Gray, Roustaee, ma anche Serra, Cronenberg e Reichardt, hanno un respiro più ampio rispetto ai vari Le otto montagne, Stars at Noon e al pur apprezzabile Close.

Di questa settantacinquesima edizione ricorderemo il caldo crescente, l’aïoli, il caos dei primi giorni di prenotazione dei biglietti, tutti i vari piani del Palais (da -2 a 4), le vertigini di Decision to Leave di Park Chan-wook e la bellezza inarrivabile di Tang Wei, l’imprevedibile e irripetibile cena del capitano di Triangle of Sadness, il meraviglioso film su Monaco 1972 Visions of Eight (soprattutto i corti di Miloš Forman e Arthur Penn), l’affettuoso ricordo di René Goscinny, l’assemblea di R.M.N., il Cossiga di Esterno notte, la sequenza di EO nel bosco, il piccione di Showing Up di Kelly Reichardt, l’eccesso perfettamente calibrato di Elvis, l’importanza di Tom Cruise, l’inscalfibile determinazione politica\poetica di Patricio Guzmán (Mi país imaginario), l’importanza capitale del cinema d’antan, da La Maman et la Putain a Il dio nero e il diavolo biondo, passando per Cantando sotto la pioggia. E poi un sacco di altre immagini, sequenze, pellicole ed esperienze, che in un modo o nell’altro riequilibrano una kermesse gargantuesca, da tempo disumana nelle dimensioni, poco utile per molti film, accumulati, accatastati, infilati in un angolino del programma. I grandi festival andrebbero ripensati, ma anche molti dei piccoli e dei medi. Non sarà così.

Info
Il sito del festival di Cannes 2022.

Articoli correlati

  • Cannes 2022

    l'innocent recensioneL’innocent

    di Louis Garrel, e L'innocent non fa che confermarlo, non cerca in nessun modo di apparentarsi alle regie paterne: in questo film presentato fuori concorso a Cannes costruisce una commedia romantica efficace, divertentissima, che gioca con l'heist movie.
  • Cannes 2022

    Close RecensioneClose

    di Impeccabile nella confezione, adagiato con grazia sulle spalle del giovanissimo Eden Dambrine (performance davvero notevole), Close è un dramma piccolo piccolo, un coming of age che conferma le qualità del belga Lukas Dhont, regista del pluripremiato Girl. Tutto torna, forse persino troppo.
  • Cannes 2022

    as bestas recensioneAs bestas

    di Con As bestas Rodrigo Sorogoyen indaga ancora l'animo umano, la sua progressiva discesa verso la follia più inarrestabile, con i barbarici istinti primordiali che affiorano dal subconscio. Thriller tesissimo, sempre sul punto di esplodere, As bestas è la conferma del grande talento del regista spagnolo.
  • Cannes 2022

    un petit frère recensioneUn petit frère

    di Un petit frère, secondo film per la regista francese Léonor Serraille, è l'accorato racconto nel corso dei decenni di due bambini e poi ragazzi ivoriani trapiantati in Francia con la madre a fine anni Ottanta. Un'opera solo all'apparenza semplice, in concorso a Cannes.
  • Cannes 2022

    Showing Up RecensioneShowing Up

    di In attesa del meritatissimo Pardo d'onore a Locarno, Kelly Reichardt si presenta in concorso a Cannes con Showing Up, un film ancora una volta di piccole dimensioni, minimalista, privo di cliché, distante dalle traiettorie fin troppo battute del cinema indipendente a stelle e strisce.
  • Cannes 2022

    pacifiction recensionePacifiction

    di Albert Serra approda nel concorso di Cannes con Pacifiction: l'ottavo lungometraggio girato nel corso di diciannove anni dal regista spagnolo è un divagare senza fine, che vede sfumare nello splendore della Polinesia Francese i residui di una narrazione spionistica.
  • Cannes 2022

    Broker recensioneBroker

    di Perfettamente in scia con tutto il suo cinema da Father and Son in poi, Kore-eda si confronta con l'industria sudcoreana, con attori di grande richiamo come Song Kang-ho e Bae Doona, con una vicenda che riecheggia e adatta alla contemporaneità il classico The Three Godfathers di Peter B. Kyne.
  • Cannes 2022

    Stars at Noon RecensioneStars at Noon

    di Presentato in concorso al Festival di Cannes 2022, il film di Claire Denis ondeggia in maniera superficiale tra erotismo e spy story, in un susseguirsi di slittamenti narrativi stranianti e amplessi deprivati della carica ormonale.
  • Cannes 2022

    Leila's Brothers RecensioneLeila’s Brothers

    di L'autentica sorpresa del Concorso 2022 si intitola Leila's Brothers, quarto lungometraggio del regista iraniano Saeed Roustaee (classe 1989) che orchestra un'opera di 2 ore e 45 minuti con mano da maestro consumato, realizzando un lavoro che ha il respiro dei grandi romanzi e dei grandi film.
  • Cannes 2022

    The Natural History of DestructionThe Natural History of Destruction

    di Come inchiodare il presente alle evidenti e tragiche responsabilità attraverso una lucidissima lettura del passato: Loznitsa aggiunge con il suo nuovo lavoro d'archivio un altro preziosissimo tassello a una filmografia già gigantesca, a un corpus cinematografico che è memoria, analisi, scandaglio della Storia
  • Cannes 2022

    joyland recensioneJoyland

    di Esordio al lungometraggio del regista pachistano Saim Sadiq, Joyland è un lavoro ben scritto e girato con mano sicura, capace di mostrare uno spiccato talento sia narrativo che visivo. Un lavoro che sa depistare le attese dello spettatore. In Un certain regard a Cannes.
  • Cannes 2022

    tori e lokita recensioneTori e Lokita

    di , I fratelli Dardenne tornano per la nona volta in concorso al Festival di Cannes con Tori e Lokita, che condensa al proprio interno alcuni dei temi ricorrenti della loro cinematografia, dall'immigrazione al lavoro, fino alla marginalità.
  • Cannes 2022

    restos do vento recensioneRestos do vento

    di Restos do vento è il nuovo film del regista portoghese Tiago Guedes, che mostra tutti i limiti già avvertibili nel precedente A herdade: una tensione mélo artificiosa, spinta verso il parossismo, e una messa in scena anche elegante ma priva di una reale forza visiva.
  • Cannes 2022

    Decision to Leave RecensioneDecision to Leave

    di Dopo un lungo vagare, Park Chan-wook sembra essere finalmente tornato a casa. In concorso a Cannes, Decision to Leave è un thriller sentimentale che pesca a piene e consapevoli mani dal cinema di Hitchcock e Kon, una dimostrazione di straordinaria perizia tecnico-artistica mai fine a se stessa.
  • Cannes 2022

    il barbiere complottista recensioneIl barbiere complottista

    di Il barbiere complottista è il saggio di diploma al Centro Sperimentale di Cinematografia per Valerio Ferrara, che solo pochi mesi fa aveva portato alla Settimana Internazionale della Critica di Venezia il corto Notte romana; una commedia sarcastica, che prende spunto dalla paranoia complottista dilagante per cercare anche di raccontare la dipendenza dalla “rete sociale”.
  • Cannes 2022

    Nostalgia RecensioneNostalgia

    di Per il suo decimo lungometraggio Martone prende spunto da Nostalgia, romanzo postumo di Ermanno Rea. Eccellente protagonista Pierfrancesco Favino, ma non sono da meno Francesco Di Leva e Tommaso Ragno.
  • In sala

    top gun: maverick recensioneTop Gun: Maverick

    di Nessuna nostalgia, nessun rimpianto (almeno per lo spettatore), Top Gun: Maverick è la roboante glorificazione dell'ultimo grande divo del nostro tempo: Tom Cruise. Le nuove reclute sono avvertite: per loro, solo ruoli di secondo piano.
  • Cannes 2022

    Crimes of the FutureCrimes of the Future

    di La “nuova carne” è nata. In Crimes of the Future David Cronenberg torna a ragionare su alcuni dei temi ricorrenti della sua poetica espressiva, sia per quel che concerne l'organicità e la sua evoluzione sia nel discorso sull'arte, sulla necessità dell'umano di agire rispetto al contesto in cui si muove.
  • Cannes 2022

    Men Alex GarlandMen

    di Presentato alla Quinzaine, il film di Alex Garland è alquanto efficace nella costruzione della tensione e nel raffinato apparato estetico, ma un po' appesantito dall'assunto schematico fin troppo rimarcato e privo di una chiusura pienamente convincente.
  • Cannes 2022

    Le Petit Nicolas RecensioneLe Petit Nicolas: Qu’est-ce qu’on attend pour être heureux?

    di , Un sagace omaggio all'arte e alla creatività di Goscinny e Sempé, all'immortalità del loro piccolo e vivace personaggio, ai tempi oramai lontanissimi di una produzione cartacea (ma anche animata) più semplice, genuina, ancorata alla vita. Presentato a Cannes 2022.
  • Cannes 2022

    Metronom

    di Il documentarista Alexandru Belc esordisce nel lungometraggio di finzione con Metronom, raccontando la gioventù borghese rumena nell'autunno del 1972, tra vagheggiamenti d'occidente e l'ombra lunga della Securitate. In concorso a Un certain regard.
  • Cannes 2022

    fumer fait tousser recensioneFumer fait tousser

    di Fumer fait tousser è l'ennesima follia partorita dalla mente di Quentin Dupieux, che stavolta si diverte a giocare con l'immaginario superomistico e con lo splatter. Si avverte come sempre la ludica superficialità del regista parigino, stavolta però aiutato da una struttura narrativa episodica.
  • Cannes 2022

    Holy Spider RecensioneHoly Spider

    di Dopo aver trionfato in Un certain regard nel 2018 con Border, il regista iraniano ma naturalizzato danese Ali Abbasi torna sulla Croisette, stavolta in concorso, con Holy Spider, che racconta la vera storia di un serial killer di prostitute che nel 2001 fece strage di donne a Mashhad.
  • Cannes 2022

    Les PiresLes Pires

    di , Esordio alla regia di due ex direttrici di casting, Les Pires di Lise Akoka e Romane Gueret fa confluire continuamente cinema e vita per un racconto metacinematografico tutt'altro che cervellotico e, anzi, pieno di umanità. In concorso a Cannes nella sezione Un certain regard.
  • Cannes 2022

    Les amandiers RecensioneLes Amandiers

    di In concorso a Cannes 75, Les Amandiers è il nuovo film di Valeria Bruni Tedeschi, una rievocazione del periodo in cui l'attrice-regista frequentava la scuola di teatro Amandiers. Un saggio di recitazione pieno di gioia e vitalità, ma che pian piano va a chiudersi in un dramma i cui toni appaiono eccessivi e forzosi.
  • Cannes 2022

    hunt recensioneHunt

    di In una sarabanda di sparatorie, inseguimenti, esplosioni, omicidi, tradimenti, torture, il blockbuster sudcoreano Hunt riesce a sfiorare una lunga serie di temi storico-politici alquanto delicati, dalla sanguinaria dittatura del Sud nei primi anni Ottanta alla tensione crescente con il Nord.
  • Cannes 2022

    Triangle of Sadness

    di Triangle of Sadness è il nuovo film di Ruben Östlund, quello attraverso il quale il regista svedese dichiara apertamente il suo punto di vista politico sul mondo, e in qualche misura anche sul cinema. Un'opera divertente e dissacrante, che mette in scena una delle sequenze più “estreme” viste a Cannes negli ultimi anni.
  • Cannes 2022

    R.M.N. RecensioneR.M.N

    di R.M.N., quinto lungometraggio diretto da Cristian Mungiu, conferma la statura autoriale del regista rumeno, che si focalizza sul concetto di identità, di appartenenza a un luogo, di intercultura, e lo fa dalla prospettiva di un piccolo villaggio della Transilvania, tra allegoria e ripresa della realtà.
  • Cannes 2022

    Marcel! RecensioneMarcel!

    di Fiacco esordio alla regia per Jasmine Trinca, Marcel! si veste di tonalità felliniane e sognanti, ma non sembra avere veramente voglia di raccontare una storia, quanto piuttosto un ambiente, un quartiere (Garbatella a Roma) e soprattutto una solitudine esistenziale, che però non si fa mai dramma, ma solo bozzetto.
  • Cannes 2022

    un beau matin recensioneUn beau matin

    di Un beau matin è l'orizzonte cui aspira Sandra, giovane vedova con figlioletta che si trova ad accudire il padre affetto da una grave malattia degenerativa. Mia Hansen-Løve attinge una volta di più alla propria vicenda personale per tratteggiare un racconto borghese che sappia cogliere le sfumature dell'esistenza.
  • Cannes 2022

    Armageddon TimeArmageddon Time

    di James Gray scrive e dirige un coming of age dai contorni fortemente autobiografici e dall'afflato sorprendentemente politico. Memorabile Anthony Hopkins, ma sono le esili spalle del giovanissimo Michael Banks Repeta a caricarsi il peso dell'intero film. In concorso a Cannes.
  • Cannes 2022

    Mi país imaginario RecensioneMi país imaginario

    di Tra le séances spéciales a Cannes 75, Mi país imaginario è il resoconto di Patricio Guzmán delle proteste di piazza che hanno infuocato il Cile a partire dall'ottobre del 2019, riportando finalmente una speranza di cambiamento. E nel raccontare ciò, Guzmán si fa quasi da parte come autore, lasciando la parola ai giovani e combattivi militanti.
  • Cannes 2022

    Frère et Sœur RecensioneFrère et Sœur

    di Frère et Sœur è il settimo film di Arnaud Desplechin a prendere parte al concorso di Cannes. Il tema, non raro nel cinema del regista francese, è quello del rapporto familiare, delle sue ambiguità, dell'impossibilità di superare in modo catartico il senso di colpa. Peccato che qui il tutto si risolva in un'ottica squisitamente bo-bo.
  • Cannes 2022

    boy from heaven recensioneBoy from Heaven

    di Il regista egiziano d'origine ma svedese di nascita Tarik Saleh esordisce nel concorso di Cannes con Boy from Heaven, che sfrutta le dinamiche del thriller e della spy-story per ragionare da vicino sulla dittatura di al-Sisi, e sulle ingerenze religiose nel Paese.
  • Cannes 2022

    il dio nero e il diavolo biondo recensioneIl dio nero e il diavolo biondo

    di A cinquantotto anni dalla sua prima proiezione pubblica torna a Cannes Il dio nero e il diavolo biondo, capolavoro della "estetica della fame" rivendicata da Glauber Rocha, e opera fondamentale per comprendere il Cinema Novo. Una wilderness desertica, attraversata da esseri umani in fuga da tutto, in primis da loro stessi e dalla loro condizione.
  • Cannes 2022

    Esterno notte RecensioneEsterno notte

    di A quasi vent'anni da Buongiorno, notte, Bellocchio torna a mettere in scena il rapimento di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse, concentrandosi stavolta su alcune figure, come la moglie di Moro o come Cossiga, che si sono trovate ad assistere impotenti al fatale decorso della Storia. Esterno notte, presentato a Cannes 75 e in sala.
  • Cannes 2022

    plan 75 recensionePlan 75

    di Plan 75, primo lungometraggio da regista per la giapponese Chie Hayakawa presentato in concorso in Un certain regard, prende il la da un cortometraggio della cineasta e affronta il tema dell'eutanasia come rimedio a una società sempre più vecchia.
  • Cannes 2022

    Le otto montagne RecensioneLe otto montagne

    di , Tratto dal romanzo di Cognetti, il film di Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch è una coproduzione franco-italo-belga scritta e diretta con piglio mainstream, a partire dalle scelte musicali, ma troppo distante dalle montagne che mette costantemente in scena.
  • Cannes 2022

    Eo RecensioneEO

    di A ottantaquattro anni Jerzy Skolimowski si confronta con EO con uno dei film che più lo hanno segnato, Au hasard Balthazar di Robert Bresson. Lo fa da una prospettiva che rifugge il nitore ascetico a favore di una messa in scena maestosa che non tema il rapporto col grottesco.
  • Cannes 2022

    tirailleurs recensioneTirailleurs

    di L'intenzione di Tirailleurs, il film di Mathieu Vadepied che ha inaugurato Un certain regard, è quella di omaggiare i giovani delle colonie che vennero reclutati dalla Francia per combattere durante la Prima Guerra Mondiale. Un'ambizione nobile, che però preferisce lasciare sullo sfondo le colpe della Francia.
  • Cannes 2022

    rodéo recensioneRodéo

    di Rodéo, esordio alla regia per la francese Lola Quivoron, è il racconto animalesco, notturno e imbastardito di una ragazza che ha un'unica passione viscerale, quella per la motocicletta. Quivoron dimostra di saper costruire immagini potenti, ma non trova altrettanta destrezza nella narrazione.
  • Cannes 2022

    Coupez! RecensioneCoupez!

    di Più inutile che deludente, Coupez! apre Cannes rifacendo senza nulla aggiungere One Cut of the Dead, strepitoso successo del cinema ultra-indipendente giapponese. Hazanavicius giostra il suo cast di stelle con poca verve, si accontenta di una copia carbone, segnando l'ennesimo punto a sfavore dei remake.
  • Cannes 2022

    Tchaikovsky's Wife recensioneTchaikovsky’s Wife

    di Tchaikovsky's Wife segna il ritorno a Cannes di Kirill Serebrennikov a un anno di distanza da Petrov's Flu: il regista russo, per la terza volta in concorso sulla Croisette, indaga la vita di Antonina Miljukova, moglie del grande compositore Pëtr Il'ič Čajkovskij, apertamente omosessuale.
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022 – Minuto per minuto

    Cannes 2022, edizione numero settantacinque del festival, torna alla normalità dopo aver saltato lo svolgimento del 2020 e lo spostamento a luglio dello scorso anno. La struttura del festival è sempre la stessa, il tappeto rosso domina ancora il proscenio.Chi si aggiundicherà la Palma d’Oro?
  • Festival

    Cannes 2022Cannes 2022

    Settantacinquesima edizione per la kermesse transalpina, festival magmatico e abnorme, persino troppo. Dal concorso alle sezioni parallele, le recensioni dei film che (mai come in questa edizione) riusciremo a vedere...
  • Festival

    Festival di Cannes 2022Festival di Cannes 2022 – Presentazione

    Al via il Festival di Cannes 2022, edizione numero settantaquattro, con il solito programma sovrabbondante ma anche una più che zoppicante (per così dire...) gestione dei biglietti.
  • Cannes 2022

    Elvis RecensioneElvis

    di Fuori concorso a Cannes, Luhrmann riesce in più di un'impresa: issarsi fino alle vette inarrivabili di Presley; rinnovare la propria poetica; trovare l'interprete giusto, Austin Butler, forse l'unico possibile.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento