Uscite in sala 14 luglio 2022

Uscite in sala 14 luglio 2022

L’omaggio allo slasher movie di Ti West sembra perfetto per affrontare il ritorno del grande caldo, ma la settimana è arricchita anche dalla sortita in sala del film dei fratelli Russo (che distribuisce Netflix) e dall’opera seconda della russa Kira Kovalenko. Ma i titoli imperdibili arrivano entrambi dal passato: Principessa Mononoke di Hayao Miyazaki e Suzhou River di Lou Ye.

X – A SEXY HORROR STORY
di Ti West

Ti West ha studiato a menadito i classici dell’horror e soprattutto dello slasher-movie (a partire ovviamente da sua maestà Tob Hooper) e lo dimostra con questo film intelligente, in grado di angosciare e ancor più spaventare ma anche di dire qualcosa sul cinema. Perfetto per combattere la calura estiva.

Un gruppo di filmaker decide di girare un film porno nel Texas rurale. Quando gli abitanti del luogo capiscono la natura del set, gli attori e il resto del cast dovranno fare i conti con un’inaspettata violenza. [sinossi]

THE GRAY MAN
di Joe Russo, Anthony Russo

I fratelli Russo confermano di possedere una buona perizia registica, favoriti anche dalla sontuosa produzione messa in piedi da Netflix. Il film resta una spy story più che discreta, che al senso di déjà vu – e a qualche lungaggine e forzatura nell’ultima parte – supplisce con un ritmo sostenuto e un cast funzionale.

The Gray Man è l’agente della CIA Court Gentry, alias, Sierra Six. Strappato da un penitenziario federale e reclutato dal suo responsabile, Donald Fitzroy, Gentry in passato era un mercenario autorizzato dall’Agenzia altamente qualificato. Ma ora la situazione è cambiata e l’obiettivo è Six, braccato in tutto il mondo da Lloyd Hansen, un ex agente della CIA, che non si fermerà davanti a nulla per eliminarlo. L’agente Dani Miranda è al suo fianco. Ne avrà bisogno. [sinossi]

ADA
di Kira Kovalenko

Di carne al fuoco ne mette molta Kira Kovalenko, che nel titolo internazionale (Unclenching the Fists) sembra quasi guardare a Bellocchio – e non a caso il film è un aspro racconto familiare; forse ne mette anche troppa, visto che in fin dei conti si muove nei territori di Kantemir Balagov (suo compagno di studi alla Kabardino-Balkarian), ma sa comunque come trovare un proprio stile, e raccontare una rabbia sommessa, e pronta a esplodere. Molto bravi gli interpreti, a partire dalla protagonista Milana Aguzarova.

Nella città mineraria di Mizur, nell’Ossezia del Nord, Russia meridionale, vive la ventenne Ada, che lavora nello spaccio di una scuola ed è sorella di Dakko, più giovane di qualche anno, animo semplice e un po’ selvaggio. Loro padre Zaur, vedovo da molti anni, tiene entrambi i figli sotto controllo, badando soprattutto che Ada non abbia fidanzati o addirittura non scelga di fuggire dalla città. L’arrivo inaspettato di Akim, il fratello maggiore trasferitosi nella vicina Rostov, spinge Ada a fare di tutto per liberarsi dalla morsa affettiva del padre e finalmente vivere una vita indipendente. Nel suo passato c’è in realtà un trauma mai superato, che è il vero motivo dell’amore possessivo di Zaur e l’origine del dolore di tutta la famiglia. [sinossi]

THE FORGIVEN
di John Michael McDonagh

Ralph Fiennes e Jessica Chastain funzionano, il film va col pilota automatico e senza troppa inventiva, la morale e il senso della storia sono fin troppo evidenti e prevedibili. Si segue senza intoppi, se ci si sa accontentare.

Il film si svolge durante un fine settimana nelle montagne dell’Alto Atlante del Marocco ed esplora i riverberi di un incidente casuale sulla vita sia della gente del posto che dei visitatori occidentali a una festa in casa in una grande villa. [sinossi]

PRINCIPESSA MONONOKE
di Hayao Miyazaki

Per quanto riguarda il ritorno di classici di Hayao Miyazaki in sala, promosso da Lucky Red, tocca questa settimana a Mononoke-hime, uno dei massimi capolavori del grande regista giapponese: un’opera potentissima, struggente, dolorosa, emozionante, un’avventura che lascia senza fiato, assolutamente da godere sul grande schermo.

Giappone, epoca Muromachi. Il paese è travagliato da lotte intestine e mutamenti sociali che sconvolgono le vite degli uomini. In un piccolo villaggio, il giovane Ashitaka è costretto a uccidere un cinghiale divenuto Demone, ricevendone così una ferita destinata a condurlo a tragica morte. Bandito dalla sua comunità e sulle tracce dell’odio del cinghiale, Ashitaka giunge a una moderna fucina dove producendo ferro si lotta per la vita di persone reiette dei governi locali. Ma le necessarie risorse costano la consunzione della foresta, e a sua difesa insorgono le divinità della natura, che gli uomini chiamano ‘spettri’. Tra questi vi sono dei giganteschi cani selvatici, nella cui tribù milita anche una ragazza umana cresciuta tra i boschi e nota come la Principessa Spettro (Mononoke-hime in giapponese), nel cui animo si agitano le più profonde tristezza e rabbia… [sinossi]

LA DONNA DEL FIUME – SUZHOU RIVER
di Lou Ye

Esce invece per la prima volta in sala in Italia, con appena ventidue anni di ritardo, il film che lanciò a livello internazionale il nome di Lou Ye, qui alla ricerca del punto di connessione tra la riflessione hitchcockiana sul “doppio” e il romance à la Wong Kar-wai. Un’opera misterica e affascinante, altra occasione da non perdere in sala.

Mardar, un corriere in moto sulla ventina, gira per tutta la città con ogni tipo di pacco per i suoi clienti. Conosce ogni centimetro e ha successo grazie al fatto che non fa mai domande. Un giorno un losco contrabbandiere di alcol gli chiede di consegnare la figlia sedicenne Moudan a sua zia. Mardar e Moudan si affezionano l’uno all’altro. Ma la loro tenera felicità viene interrotta quando Moudan pensa che Mardar l’abbia rapita per chiedere un riscatto. [sinossi]

Questa settimana esce anche Fly – Vola verso i tuoi sogni (2021) di Katja von Garnier. Sabato 16 è invece la volta di Toilet (2022) di Gabriele Pignotta, e lunedì 18 del documentario All the Streets Are Silent (2022) di Jeremy Elkin. Buone visioni!

Articoli correlati

  • News

    Uscite in sala 07 luglio 2022

    Thor torna e ovviamente la fa da padrone come tutte le uscite Marvel, dominatrici del botteghino. In sala però anche una bizzarra commedia italiana, Io e Spotty, e un folk-horror balcanico suggestivo.
  • News

    Uscite in sala 30 giugno 2022

    Settimana ricca di uscite (ben otto fino a martedì prossimo), nessuna delle quali sembra però poter attrarre il pubblico in sala - forse il thriller desertico Gold -, al punto da dover sperare che riesca nel miracolo La città incantata di Hayao Miyazaki, che venerdì esce per la terza volta in sala in vent'anni.
  • News

    Uscite in sala 23 giugno 2022

    Nel giorno in cui Elvis arriva in sala, dopo la presentazione a Cannes, c'è spazio anche per due horror, uno spaventoso (Black Phone) e uno spassoso (Studio 666, con protagonisti i Foo Fighters). Ma sarebbe un peccato non dare spazio a La ragazza ha volato di Wilma Labate, apprezzato alla Mostra di Venezia 2021.
  • News

    Uscite in sala 16 giugno 2022

    Era dai tempi dello Zio Boonmee che un film di Apichatpong Weerasethakul non trovava distribuzione in sala: Memoria è il titolo imperdibile di una settimana che per il resto propone il nuovo lavoro della Pixar, e il film/dialogo di Charlotte Gainsbourg con la madre Jane Birkin.
  • News

    Uscite in sala 09 giugno 2022

    Nella settimana in cui raggiunge le sale la seconda parte di Esterno notte di Marco Bellocchio, è da segnalare la "prima volta" in programmazione per un film di Lorenzo Bianchini, alfiere dell'horror indipendente italiano. Il resto è di scarso interesse, a parte la versione restaurata di Lo chiamavano Trinità... .
  • News

    Uscite in sala 21 luglio 2022

    L'estate entra nel vivo, e molte sale cinematografiche vanno in ferie per un mese. Proseguono comunque le uscite, e questa settimana è la volta di un drammone sentimentale british diretto dalla francese Eva Husson, di un horror finnico parlato in inglese, e soprattutto di Nausicaä della Valle del Vento.
  • News

    Uscite in sala 28 luglio 2022

    L'estate è pur sempre l'estate, così non c'è da stupirsi né della penuria di titoli né della scarsa qualità degli stessi. Eppure tra famelici squali e amici che vogliono perdere la verginità ecco tornare in sala (l'1 agosto) Porco Rosso di Hayao Miyazaki. C'è ancora modo di volare.

COMMENTI FACEBOOK

Commenti

Lascia un commento