Locarno 2022

Locarno 2022

È stato presentato oggi a Berna e a Bellinzona il programma di Locarno 2022, settantacinquesima edizione del festival ticinese. La seconda volta sotto l’egida di Giona A. Nazzaro conferma la linea di continuità con il passato pur proponendo sempre uno sguardo aperto a 360 gradi sulla contemporaneità.

Aleksandr Sokurov, Hilal Baydarov, Alessandro Comodin, Helena Wittmann, Woo Ming-jin, Jean Paul Civeyrac, Michele Vannucci, Anna Eriksson, Nikolaus Geyrhalter, Sylvain George, Sylvie Verheyde, João Pedro Rodrigues. E poi le opere prime e seconde di Cineasti del Presente, i corti e medi che affollano i Pardi di domani, l’omaggio allo sfortunato Mantas Kvedaravičius ucciso lo scorso marzo a Mariupol, il tradizionale spazio Open Doors quest’anno dedicato dedicato a 22 nazioni dell’America Latina e del Caribe, i premi e i riconoscimenti a Kelly Reichardt, Jason Blum, Laurie Anderson, Costa-Gavras, e Matt Dillon, la splendida retrospettiva dedicata a Douglas Sirk, onnicomprensiva della sua opera. Locarno 2022, nella seconda edizione diretta da Giona A. Nazzaro, conferma la continuità con il passato ma anche la necessità di continuare a interrogare il presente per rintracciare le stille di “futuro” del cinema. Di seguito il programma delle sezioni principali del festival, presentato oggi a Berna e a Bellinzona. Centinaia di titoli, anteprime internazionali e mondiali, alcune riprese festivaliere, omaggi e visioni retrospettive; il Ticino come ogni anno si apre al mondo, e lo fa attraverso l’immenso schermo in piazza Grande, che illumina la cittadina svizzera e il lago Maggiore. Uno sguardo sempre attento sull’attualità, sia cinematografica che culturale e politica, senza mai perdere contatto con la Storia: su queste radici continua da settantacinque anni a costruirsi il Locarno Film Festival, edificando mattone dopo mattone un edificio solido, roccaforte cinefila alla quale affidarsi in un’epoca sempre più difficile da affrontare e decrittare. Buone visioni. [continua a leggere]

Info
Il programma sul sito del 75. Locarno Film Festival.

Articoli correlati

  • Locarno 2022

    João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata: “Lisbona è una città da trattare con cura”

    Al Festival di Locarno abbiamo avuto modo di incontrare João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata, che in Ticino presentavano la loro nuova opera Onde Fica Esta Rua? ou Sem Antes Nem Depois. Un'occasione per parlare di Paulo Rocha, e di quanto sia cambiata Lisbona.
  • Locarno 2022

    Intervista a Bernard Eisenschitz e Roberto Turigliatto

    Al Festival di Locarno abbiamo avuto l'occasione di incontrare Bernard Eisenschitz e Roberto Turigliatto, curatori della retrospettiva integrale che la kermesse svizzera ha dedicato a Hans Detlef Sierck, in arte Douglas Sirk. Un'occasione per approfondire la carriera e la vita del grande cineasta tedesco.
  • Locarno 2022

    alessandro comodin pier luigi mecchia intervistaIntervista ad Alessandro Comodin e Pier Luigi Mecchia

    Abbiamo incontrato Alessandro Comodin a Locarno, dove ha presentato in concorso il suo terzo lungometraggio Gigi la legge. Insieme al regista friulano Pier Luigi Mecchia, il vigile urbano protagonista del film nonché zio del regista.
  • Locarno 2022

    todd haynes intervistaTodd Haynes: «Il mio amore per Douglas Sirk»

    Abbiamo incontrato Todd Haynes, tra i principali cineasti americani contemporanei, durante il 75 Locarno Film Festival, dove è stato ospite nell'ambito della retrospettiva su Douglas Sirk. Con lui abbiamo parlato dell'eredità dello sguardo di Sirk, e del ruolo svolto dal regista tedesco nella sua formazione cinematografica.
  • Locarno 2022

    aleksandr sokurov intervistaIntervista ad Aleksandr Sokurov

    Durante la settantacinquesima edizione del Festival di Locarno abbiamo incontrato Aleksandr Sokurov; l'occasione, data dalla presenza in concorso del suo nuovo film Fairytale, ha permesso di dialogare col regista russo sull'arte, il potere, la Storia, e ovviamente il cinema.
  • Locarno 2022

    Intervista a Carlos Conceição

    Abbiamo incontrato il regista portoghese Carlos Conceição durante il 75 Locarno Film Festival: la sua carriera è iniziata proprio sul lago Maggiore e in terra svizzera è tornato, in concorso, con Nação Valente (Tommy Guns).
  • Locarno 2022

    regra 34 recensioneRegra 34

    di Pardo d'Oro al 75 Locarno Film Festival, Regra 34 è il terzo lungometraggio di finzione della regista brasiliana Julia Murat che, attraverso la storia di una brillante studentessa di giurisprudenza alle prese con dilemmi giuridici mentre sperimenta pratiche sessuali estreme, riflette sulle regole che governano le interazioni sociali.
  • Locarno 2022

    Tengo sueños eléctricos recensioneTengo sueños eléctricos

    di Presentato in concorso al 75 Locarno Film Festival, Tengo sueños eléctricos rappresenta l'esordio al lungometraggio della filmmaker costaricana Valentina Maurel. Una dimensione famigliare torbida, una violenza e una tensione soffuse dominano nella famiglia separata dei protagonisti, gatto compreso.
  • Locarno 2022

    sermon to the fish recensioneSermon to the Fish

    di Sospinto da potenti venti antibellici ed ecologisti, Sermon to the fish inaugura la nuova trilogia sui Racconti di Guerra dell'azero Hilal Baydarov, evolvendo il suo cinema ipnotico e filosofico in una fantasmatica riflessione sui sensi di colpa, sull'identificazione con la Natura, sull'inevitabilità di una morte già annunciata.
  • Locarno 2022

    une femme de notre temps recensioneUne femme de notre temps

    di Decimo lungometraggio per Jean Paul Civeyrac, Une femme de notre temps, presentato in Piazza Grande a Locarno, vede l'ingresso del regista francese in un cinema più commerciale e normalizzato, costruito su una grande star d'oltralpe quale Sophie Marceau.
  • Locarno 2022

    onde fica esta rua recensioneOnde Fica Esta Rua? ou Sem Antes Nem Depois

    di , Presentato fuori concorso al 75 Locarno Film festival, Onde Fica Esta Rua? ou Sem Antes Nem Depois è un omaggio, firmato in coppia da João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata, al film del 1963, Os Verdes Anos, opera prima di Paulo Rocha che ha dato il via al Novo Cinema portoghese.
  • Locarno 2022

    gigi la legge recensioneGigi la legge

    di Presentato in concorso al 75° Locarno Film Festival, Gigi la legge è il terzo lungometraggio di Alessandro Comodin che torna alle location, sul Tagliamento, de L'estate di Giacomo, il film con cui si è fatto conoscere. Torna la poetica della natura, dell'estate, della provincia veneta, e quel realismo che tende al magico.
  • Locarno 2022

    fairytale recensioneFairytale

    di Presentato in concorso al 75° Locarno Film Festival, Fairytale (Skazka) è la nuova opera del grande Aleksandr Sokurov, che torna a riflettere sul tema del potere immaginando una sua Divina Commedia, un mondo dell'oltretomba, dove si ritrovano Stalin, Hitler, Churchill e Mussolini, incrociando Gesù Cristo e Napoleone.
  • Locarno 2022

    Nação Valente recensioneNação Valente

    di Presentato in concorso al 75 Locarno Film Festival, Nação Valente è la nuova opera del filmmaker portoghese Carlos Conceição che torna all'Angola di Serpentário, fotografandone gli istanti precedenti la decolonizzazione. Tornano i temi cari al regista, come la religione, in un globale contesto di senso di colpa.
  • Festival

    75. Locarno Film Festival, presentato il programma

    È stato presentato oggi a Berna e a Bellinzona il programma del 75. Locarno Film Festival. La seconda edizione diretta da Giona A. Nazzaro conferma la linea di continuità con il passato pur proponendo sempre uno sguardo aperto a 360 gradi sulla contemporaneità.
  • Venezia 2019

    bombay rose recensioneBombay Rose

    di Dopo i pluripremiati cortometraggi Printed Rainbow (2006) e TrueLoveStory (2014), la talentuosa artista indiana Gitanjali Rao realizza il suo primo lungometraggio, Bombay Rose, presentato alla Settimana Internazionale della Critica 2019.
  • DVD

    Fiori nel fango

    di Frullato di generi popolari, Fiori nel fango di Douglas Sirk supera i limiti della produzione b-movie cercando strade personali ed espressive dentro agli schemi del cinema di largo consumo. Script (anche) di Samuel Fuller. In dvd per Sinister e CG.
  • DVD

    Non c’è posto per lo sposo

    di Arie di Guerra Fredda e maccartismo per una commedia solo apparentemente innocua. Non c'è posto per lo sposo di Douglas Sirk si rivela tagliente e sagace nello smascherare i tabù di tutta un'epoca. In dvd per Sinister e CG.
[fbcomments width="700px"" num="10" countmsg="Commenti"]

Lascia un commento