Don’t Worry Darling

Don’t Worry Darling

di

Un cast lussuoso, a partire dalla splendida protagonista Florence Pugh; un budget corposo; una messa in scena alquanto vivace e accurata. Non mancherebbe quasi niente a Don’t Worry Darling, opera seconda di (e con) Olivia Wilde, fuori concorso alla Mostra del Cinema di Venezia 2022, se il tutto non fosse una sorta di facile ma non troppo sagace aggiornamento del classico sci-fi La fabbrica delle mogli, senza contare tutto quello che è venuto dopo. Godibile, ma nulla più.

Stepford wife

Alice e Jack vivono nella comunità idealizzata di Victory, la città aziendale sperimentale che ospita gli uomini che lavorano al progetto top-secret Victory e le loro famiglie. L’ottimismo della società degli anni Cinquanta, propugnato dall’amministratore delegato Frank – in egual misura visionario aziendale e life coach motivazionale – caratterizza ogni aspetto della vita quotidiana nell’affiatata utopia del deserto. Mentre i mariti trascorrono ogni giorno all’interno del quartier generale del Victory Project, lavorando allo “sviluppo di materiali avanzati”, le loro mogli – tra cui l’elegante compagna di Frank, Shelley – possono trascorrere il loro tempo godendosi la bellezza, il lusso e la dissolutezza della loro comunità. La vita è perfetta, con tutti i bisogni dei residenti soddisfatti dall’azienda. Tutto ciò che chiedono in cambio è discrezione e impegno indiscusso per la causa di Victory… [sinossi – labiennale.org]
Stepford wife | informal, derogatory | A married woman who submits to her husband’s will
and is preoccupied by domestic concerns and her own domestic appearance.
– Collins English Dictionary.

Ci interessa poco delle varie polemiche innescate durante la lavorazione, il lancio e persino la presentazione veneziana di Don’t Worry Darling. Giusto? Sì, ma solo in parte. In fin dei conti, sotto la patina lucente di questa opera seconda di Olivia Wilde, forse si possono rintracciare i germi che hanno generato tutta questa tensione e lacerato rapporti professionali e umani. Paladina di una delle possibili declinazioni del femminismo contemporaneo, la Wilde sembra quasi dimenticare, o forse distorcere volontariamente, una componente fondamentale: la questione di classe, i rapporti di potere. Qualcosa resta dei rapporti di potere, ma solo nell’ottica femminile, relegando i personaggi maschili in una precisa e alquanto misera cerchia socio-culturale.
Ed è qui, in estrema sintesi, la vera grande differenza con La fabbrica delle mogli (The Stepford Wives, 1975) di Bryan Forbes, film che si inseriva perfettamente nel cupo filone distopico & socio-politico degli anni Settanta, menando fendenti verso l’alto e non, come Don’t Worry Darling, verso il basso.

Poi, certo, il film di Olivia Wilde, caricato sulle spalle della sempre apprezzabilissima Florence Pugh, ha ritmo, confezione, giostra con i colori e l’immaginario degli anni Cinquanta, con le prigioni dorate minuziosamente descritte dai melodrammi di Sirk, Robson e via discorrendo, attualizza il comparto tecnologico e usa le coreografie da musical come in un arthouse horror. A livello estetico, compresa l’alchimia amorosa ed erotica della coppia Pugh\Styles, funziona sostanzialmente tutto. È quello che brulica sotto la superficie, tra l’altro evidente nel giro di una manciata di minuti, a non reggere la sovrastruttura estetico-spettacolare, il cast lussuoso, il budget corposo.
L’innesto di suggestioni à la Pleasantville, le aggiunte in salsa Matrix sul caposaldo di Bryan Forbes e l’ambizione produttiva finiscono per partorire il classico topolino, nonostante la corsa sfrenata della seconda parte e l’accumulo di tensione, rivelazioni e rese dei conti. Anche in questo caso, tocca tornare a Forbes, agli anni Settanta, a uno spessore politico che oggi sembra lontanissimo. A Don’t Worry Darling non manca l’afflato spettacolare, mancano le idee. Ma la mancanza di idee, a braccetto con l’appropriazione e\o rilettura un po’ troppo disinvolta di opere altrui, è una delle piaghe dell’attuale industria dei sogni e delle sue propaggini – si veda, ad esempio, il caso di The Wonder Years (1988-93) e del recente The Wonder Years (2021) targato Lee Daniels & Saladin K. Patterson. La coperta è evidentemente troppo corta…

Info
La scheda di Don’t Worry Darling sul sito della Biennale.
Il trailer italiano di Don’t Worry Darling.

  • Dont-Worry-Darling-2022-Olivia-Wilde-01.jpg
  • Dont-Worry-Darling-2022-Olivia-Wilde-02.jpg
  • Dont-Worry-Darling-2022-Olivia-Wilde-03.jpg
  • Dont-Worry-Darling-2022-Olivia-Wilde-04.jpg

Articoli correlati

  • Venezia 2022

    Venezia 2022 – Minuto per minuto

    Venezia 2022 riapre le sale al 100% della capienza, ma dopo due anni di pandemia deve fare i conti con una guerra a poco più di mille chilometri di distanza, tutto questo mentre l'Italia è nel pieno della campagna elettorale. Riuscirà il cinema a catalizzare l'attenzione anche di chi non è addetto ai lavori? Lo scopriremo presto...
  • Festival

    Venezia 2022

    Venezia 2022, settantanovesima edizione della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, riapre le sale al 100% della capienza; un ritorno alla normalità, offuscato però almeno in parte dalla guerra che infuria a poco più di mille chilometri dal Lido, dalla crisi energetica, e anche dall'approssimarsi delle elezioni politiche.
  • In sala

    piccole donne recensionePiccole donne

    di Va riconosciuto il coraggio a Greta Gerwig per aver deciso di affrontare una volta di più Piccole donne, il capolavoro letterario di Louisa May Alcott. Giocando sui tempi narrativi Gerwig cerca di far sua una materia che resta in ogni caso troppo grande per le sue effettive capacità di messa in scena.
  • Archivio

    midsommar recensioneMidsommar – Il villaggio dei dannati

    di Midsommar, che in Italia ha per sottotitolo Il villaggio dei dannati, è l'ambiziosa opera seconda di Ari Aster. Un delirante viaggio nell'incubo, horror emotivo privo di vie di fuga "logiche", immerso nella luce nordica del sole di mezzanotte.
  • Trieste S+F 2018

    Il mondo dei robot RecensioneIl mondo dei robot

    di Riproposto dal Trieste Science+Fiction Festival, Il mondo dei robot è uno dei classici della fantascienza distopica degli anni Settanta, invecchiato un po' a fatica, non privo di qualche ingenuità, ma ancora terribilmente affascinante.
  • In Sala

    Lady Macbeth

    di Elegante e compassato, Lady Macbeth di William Oldroyd inizia come una parabola ascendente di liberazione femminile, ma annega presto in un eccesso di sangue. In concorso al TFF.
  • TFF 2015

    Cose che verrannoCose che verranno. Utopie e distopie sul grande schermo

    Le strade di New York sono cimiteri di macchine, un vuoto spettrale avvolge la Grande Mela. Londra è in fiamme. A Roma, all'Eur, si aggira l'ultimo sopravvissuto, bramato e assediato dai vampiri. Nell'802.701 gli apatici Eloi si fanno sgranocchiare dai mostruosi Morlock...
[fbcomments width="700px"" num="10" countmsg="Commenti"]

Lascia un commento