Doclisboa 2022

Doclisboa 2022

Doclisboa 2022 è la ventesima edizione del festival lusitano, quest’anno dedicata alla memoria di Jean-Luc Godard, scomparso nelle scorse settimane. Sotto la direzione di Miguel Ribeiro saranno presentati dal 6 al 16 ottobre quasi trecento film, dei quali ben 47 in anteprima mondiale, a conferma del ruolo sempre più centrale svolto dal festival nell’ambito del cinema documentario.

Dedicata a Jean-Luc Godard la ventesima edizione di Doclisboa, in corso in varie sale della capitale portoghese, Culturgest, Cinema São Jorge, Cinemateca Portuguesa – Museu do Cinema, Cinema Ideal e Museu do Aljube, dal 6 al 16 ottobre, sotto la direzione di Miguel Ribeiro. Saranno presentati 281 film, dei quali 47 in anteprima mondiale e 28 in anteprima internazionale, suddivisi tra le sezioni competitive, quella nazionale e quella internazionale più Verdes anos, sui talenti emergenti; le sezioni Heart Beat, su arte e artisti, From The Earth to the Moon, prospettive critiche su storia e società, New Visions, sulle nuove frontiere del documentari, Cinema de Urgência, sui dibattiti attorno agli scenari che si prefigurano nel mondo. E poi le retrospettive sul regista brasiliano Carlos Reichenbach e sulla questione coloniale. Da segnalare, in Heart Beat, un documentario sul Maestro cui il festival è dedicato, Godard Cinema di Cyril Leuthy, e poi la trilogia di Mathieu Amalric sul jazzista John Zorn, e i primi episodi di Cinekomix!!!, la serie di Edgar Pêra sui fumetti, incentrati su Neil Gaiman, José Carlos Fernandes e Tommi Musturi.

From The Earth to the Moon è dedicato all’Ucraina e prevede, tra le altre cose, la proiezione di una copia restaurata de La terra dell’ucraino Dovženko, nonché Mr Landsbergis di Sergei Loznitsa, sul personaggio cui si deve l’indipendenza lituana del 1990. Ricco di perle anche New Visions, come i quattro corti inediti, che erano considerati perduti, di Želimir Žilnik, oggetto di una storica retrospettiva di Docliboa del 2017, e un omaggio al regista finlandese Mikko Niskanen, con il documentario su di lui di Peter von Bagh, The Story of Mikko Niskanen, e la sua opera più importante, Eight Deadly Shots, considerata, anche dallo stesso Aki Kaurismäki, quale il più importante film finlandese di sempre. Nella stessa sezione anche opere dei due registi invitati, Éric Baudelaire e Ana Carolina. Tanti capolavori anche nella retrospettiva sul cinema coloniale, con film di René Vautier, Jean Rouch, Ruy Guerra, Ousmane Sembène, Abderrahnane Sissako e tanti altri autori, per riflettere sia dal punto di vista critico all’interno dei paesi colonizzatori che di quello dei colonizzati.

Info
Il sito ufficiale di Doclisboa 2022.

Articoli correlati

  • Doclisboa 2022

    a soft hiss of this world recensioneA Soft Hiss of This World

    di , Presentato nella sezione Green Years di DocLisboa 2022, A Soft Hiss of This World è l'opera seconda di Federico Cammarata e Filippo Foscarini dopo l'esordio di Tardo agosto che si è potuto vedere l'anno scorso sempre nella manifestazione della capitale portoghese.
  • Doclisboa 2022

    a date in minsk recensioneA Date in Minsk

    di Film vincitore del Doclisboa 2022, A Date in Minsk del filmmaker indipendente bielorusso Nikita Lavretski è un'opera teorica che ragiona sullo scarto tra realtà e messa in scena, con un significato che può oscillare tra l'autoanalisi personale per arrivare alla sfera politica, in una nazione desolata che non offre prospettive.
  • Doclisboa 2022

    the fire within recensioneThe Fire Within: Requiem for Katia and Maurice Krafft

    di Werner Herzog torna ancora una volta ai vulcani, capaci di sprigionare energie primordiali, con The Fire Within: A Requiem for Katia and Maurice Krafft, presentato a Doclisboa 2022, un requiem e un omaggio a due eroi romantici herzoghiani, due vulcanologi che hanno pagato con la vita la loro sfida verso la natura e l’ignoto.
  • Venezia 2022

    music for black pigeons recensioneMusic for Black Pigeons

    di , Jørgen Leth torna alla Mostra di Venezia a distanza di quasi venti anni da Le cinque variazioni con Music for Black Pigeons in coregia con Andreas Koefoed: per quattordici anni i due hanno pedinato e documentato il lavoro compositivo di Jakob Bro, musicista jazz danese.
  • Venezia 2022

    un couple recensioneUn couple

    di Una delle poche incursioni di Frederick Wiseman nel territorio convenzionalmente considerato come fiction, Un couple è la messa in scena di brani dei diari e della corrispondenza epistolare di Sofia Tolstoj con il marito, il grande romanziere russo.
  • Locarno 2022

    onde fica esta rua recensioneOnde Fica Esta Rua? ou Sem Antes Nem Depois

    di , Presentato fuori concorso al 75 Locarno Film festival, Onde Fica Esta Rua? ou Sem Antes Nem Depois è un omaggio, firmato in coppia da João Pedro Rodrigues e João Rui Guerra da Mata, al film del 1963, Os Verdes Anos, opera prima di Paulo Rocha che ha dato il via al Novo Cinema portoghese.
  • Rotterdam 2022

    kafka for kids recensioneKafka for Kids

    di Kafka for Kids rappresenta il completamento di un progetto per l'artista israeliano Roee Rosen, che mette in scena un'esilarante e ingegnosa versione della Metamorfosi di Kafka, come programma televisivo per bambini con parti d'animazione e musica.
  • Berlinale 2022

    Everything Will Be Ok recensioneEverything Will Be Ok

    di Torna alla Berlinale, in competizione, anche il grande Rithy Panh con un film, Everything Will Be OK, che purtroppo conferma una fase involutiva della sua carriera: ritroviamo tutti i difetti del precedente Irradiés, pure passato alla Berlinale.
  • Buone feste!

    la terra recensioneLa terra

    di La terra è la danza onirica e sognante di un popolo che si riappropria del senso comune, del valore della collettività e della condivisione. Nel 1930, nel pieno del primo piano quinquennale dell'Urss staliniano, Aleksandr Dovženko firma un poemetto lirico in difesa della terra.
  • Locarno 2014

    Mueda, Memória e Massacre

    di Il Festival di Locarno recupera, all'interno di Open Doors, il capolavoro di Ruy Guerra, universalmente riconosciuto come il primo film della storia del Mozambico. Un film imperdibile.
  • Venezia 2013

    Redemption

    di Miguel Gomes dimostra una volta di più la propria genialità con un cortometraggio abrasivo, divertente, crudele e doloroso. Tra i capolavori di Venezia 70.

Leave a comment