Tallinn Black Nights 2022

Tallinn Black Nights 2022

Inizia in Estonia il Tallinn Black Nights Film Festival 2022: l’evento, giunto alla ventiseiesima edizione, altrimenti detto PÖFF (acronimo dal nome in lingua estone Pimedate Ööde Filmifestival) si svolge dall’11 al 27 novembre oltre che nella capitale anche nella città di Tartu. 23 i titoli scelti per il concorso internazionale, tra cui l’italo-ucraino La lunga corsa di Andrea Magnani.

Inizia in Estonia l’edizione 2022, la 26a, del Tallinn Black Nights Film Festival, altrimenti detto PÖFF (acronimo dal nome in lingua estone Pimedate Ööde Filmifestival) che si svolge dall’11 al 27 novembre, oltre che nella capitale anche nella città di Tartu. Fondata nel 1997, la manifestazione si pone l’obiettivo di fornire una vetrina del cinema del mondo, scoprire e valorizzare le cinematografie meno conosciute nello spirito di una biodiversità culturale, geografica e di genere. Il simbolo del festival è il lupo, il PÖFF Wolf, a simboleggiare lo spirito ‘selvatico’, borderline della manifestazione.

Il festival è costituito da cinque sezioni competitive internazionali: il concorso ufficiale, quello per l’opera prima, quello riservato ai film delle repubbliche baltiche, le sezioni Rebels with a Cause, sul cinema sperimentale, e Critics’ Pick, curata dal critico e programmer Nikolaj Nikitin. In aggiunta un focus incentrato su un paese, quest’anno rappresentato da Israele, e un mini-focus sul Brasile, e poi PÖFF Shorts, di corti d’animazione, e ancora KinoFF rivolto alla popolazione russofona, minoranza nel paese, e Flowers Are Not Silent dedicato alla resistenza in Bielorussia. [continua a leggere]

Info
Tallinn Black Nights 2022, il sito ufficiale.

Articoli correlati

  • Black Nights 2022

    ginji the speculator recensioneGinji the Speculator

    di Ginji the Speculator è il terzo film del giapponese Ryuichi Mino, una rielaborazione o se vogliamo una dissacrazione del classico jidaigeki nipponico, laddove, in luogo dei duelli tra samurai con le katana e dei seppuku abbiamo lo sviluppo delle dinamiche del capitalismo, concorrenza, libero mercato e profitto.
  • Black Nights 2022

    the perfect number recensioneThe Perfect Number

    di Presentato come proiezione speciale al Tallinn Black Nights Film Festival 2022, The Perfect Number è l’ultima opera dello storico regista polacco Krzysztof Zanussi che può vantare una carriera cinquantennale. Il regista finisce per dimostrare la sterilità di una visione puramente scientista delle cose.
  • Black Nights 2022

    safe word recensioneSafe Word

    di Presentato nella sezione Midnight Shivers del Tallinn Black Nights Film Festival 2022, Safe Word fa parte del progetto Roman Porno Now della storica casa di produzione nipponica Nikkatsu, un revival del suo celebre filone erotico. Ne è regista Kōji Shiraishi, prolifico autore di j-horror.
  • Festival

    tallinn black nights 2022 presentazioneTallinn Black Nights 2022 – Presentazione

    Inizia in Estonia l'edizione 2022, la 26a, del Tallinn Black Nights Film Festival, altrimenti detto PÖFF (acronimo dal nome in lingua estone Pimedate Ööde Filmifestival) che si svolge dall'11 al 27 novembre, oltre che nella capitale anche nella città di Tartu.
  • In sala

    il mio vicino adolf recensioneIl mio vicino Adolf

    di Dopo essere stato presentato al Festival di Locarno lo scorso agosto raggiunge le sale italiane Il mio vicino Adolf, commedia tinteggiata di dramma con cui Leon Prudovsky si riallaccia a un interrogativo già affrontato nel corso della storia del cinema: e se Hitler non si fosse suicidato nel bunker?
  • Roma 2022

    january recensioneJanuary

    di Pochi mesi dopo la vittoria a Tribeca, January di Viesturs Kairišs trionfa anche alla 17ma Festa del Cinema di Roma, portando in Lettonia i premi come miglior film e miglior regia del concorso Progressive Cinema. Un'immersione metacinematografica nel gennaio 1991 che fece la Storia repubblicana del Paese.
  • Roma 2022

    the fabelmans recensioneThe Fabelmans

    di Attingendo alle proprie memorie infantili e adolescenziali Steven Spielberg con The Fabelmans ordisce un romanzo di formazione non basato sulla cinefilia in senso stretto, ma sul ruolo che il cinema ha avuto nel Novecento, diventando l'unico linguaggio non verbale davvero universale.
  • Roma 2022

    What’s Love Got To Do With It recensioneWhat’s Love Got To Do With It?

    di Ritorno alla regia di lungometraggio cinematografico per Shekhar Kapur a distanza di ben quindici anni dal suo ultimo film, What’s Love Got To Do With It? è una rom com multietnica che sembra voler scartare dalle convenzioni sull’onda di un generale spirito cinico e disincantato.
  • Antalya 2022

    burning days recensioneBurning Days

    di Presentato nel concorso nazionale del 59 Antalya Golden Orange Film Festival, Burning Days è la quarta opera di Emin Alper, che torna ai suoi temi prediletti: il divario tra vita metropolitana e rurale, tra civiltà e arretratezza. Ora tutto si tinge di un'angoscia surreale e lynchana che riflette la deriva autoritaria del paese.
  • Antalya 2022

    my love affair with marriage recensioneMy Love Affair With Marriage

    di Presentato nel concorso internazionale dell'Antalya Golden Orange Film Festival, My Love Affair with Marriage è un'opera d'animazione della regista lettone Signe Baumane, un lavoro molto delicato e raffinato, la messa in scena di una storia con riflessi autobiografici, la vita di una donna.
  • Venezia 2022

    autobiography recensioneAutobiography

    di Primo lungometraggio dell'indonesiano Makbul Mubarak, Autobiography, presentato a Orizzonti di Venezia 79, parte da elementi biografici del regista per costruire una storia incentrata sul classico rapporto servo-padrone, dove si riflette la realtà di un paese che non ha ancora fatto i conti con il periodo della dittatura.
  • Venezia 2022

    Gli spiriti dell'isola RecensioneGli spiriti dell’isola

    di Martin McDonagh ritrova Colin Farrell e Brendan Gleeson e, tra commedia e dramma, tratteggia una singolare e umanissima parabola su un'amicizia in frantumi, su un'isola tanto splendida quanto isolata e su un piccolo conflitto che ne riflette uno molto più grande, altrettanto follemente irrisolvibile.
  • Venezia 2022

    gli orsi non esistono recensioneGli orsi non esistono

    di Ideato e realizzato pochi mesi prima del suo ultimo arresto e imprigionamento come dissidente avvenuto lo scorso luglio, Gli orsi non esistono di Jafar Panahi è un ulteriore esempio di cinema clandestino al quale il regime iraniano ha costretto il regista ormai da anni. In concorso a Venezia 79.
  • Venezia 2022

    world war III recensioneWorld War III

    di Presentato a Orizzonti di Venezia 79, World War III (Jang-e jahani sevom) dell’iraniano Houman Seyedi mette in scena una storia di povertà e marginalità con lo sfondo della lavorazione di un film storico su nazismo e Olocausto, dove un pover'uomo viene preso per il ruolo di Hitler.
  • Venezia 2022

    the son recensioneThe Son

    di Dopo The Father il regista e drammaturgo francese prosegue nel suo scandaglio delle dinamiche famigliari con The Son, dove lo sguardo è concentrato su un adolescente in crisi e sul suo rapporto con il padre, che da qualche anno ha lasciato lui e la madre per rifarsi una vita. In concorso alla Mostra di Venezia.
  • Venezia 2022

    call of god recensioneCall of God

    di Una storia d'amore che nasce da un incontro casuale e che passerà per momenti di gelosia e tensione. Si tratta di Call of God, presentato fuori concorso a Venezia 79, il film che Kim Ki-duk stava realizzando in Kirghizistan, poi portato a termine dai suoi collaboratori dopo l'improvvisa dipartita del regista sudcoreano.
  • Venezia 2022

    Monica (2022) di Andrea Pallaoro - Recensione | Quinlan.itMonica

    di Dopo Hannah, Andrea Pallaoro realizza un altro ritratto femminile con Monica, in concorso a Venezia 79, mostrando una maggiore coerenza rispetto al passato tra la minuziosa estetizzazione e la solitudine esistenziale della protagonista, il cui corpo curatissimo è già di per sé un corpo estetizzante.
  • Venezia 2022

    The Whale RecensioneThe Whale

    di La parabola autodistruttiva di un uomo profondamente ferito, una famiglia implosa, un solo appartamento come set, con entrate e uscite di scena da pièce\sitcom. In concorso a Venezia 2022, il nuovo film di Darren Aronofsky, con Brendan Fraser tornato a un ruolo finalmente rilevante.
  • Venezia 2022

    all the beauty and the bloodshed recensioneAll the Beauty and the Bloodshed

    di All the Beauty and the Bloodshed è il lavoro che Laura Poitras dedica all'acclamata fotografa Nan Goldin, indagando sia il suo ruolo di artista che quello di attivista. Il film però appare abbastanza scolastico, compilativo e televisivo. In concorso alla Mostra di Venezia.
  • Venezia 2022

    the kingdom exodus recensioneThe Kingdom Exodus

    di Arriva al Lido di Venezia fuori concorso The Kingdom Exodus, che chiude la serie iniziata nel 1994 e proseguita nel 1997. "Tutto è rubato", sentenzia Lars von Trier dopo cinque ore durante le quali si è incoronato Re delle Tenebre. Le porte del Regno si sono riaperte. Un diavolo a cui è impossibile resistere.
  • Locarno 2022

    regra 34 recensioneRegra 34

    di Pardo d'Oro al 75 Locarno Film Festival, Regra 34 è il terzo lungometraggio di finzione della regista brasiliana Julia Murat che, attraverso la storia di una brillante studentessa di giurisprudenza alle prese con dilemmi giuridici mentre sperimenta pratiche sessuali estreme, riflette sulle regole che governano le interazioni sociali.
  • Cannes 2022

    Close RecensioneClose

    di Impeccabile nella confezione, adagiato con grazia sulle spalle del giovanissimo Eden Dambrine (performance davvero notevole), Close è un dramma piccolo piccolo, un coming of age che conferma le qualità del belga Lukas Dhont, regista del pluripremiato Girl. Tutto torna, forse persino troppo.
  • Cannes 2022

    Decision to Leave RecensioneDecision to Leave

    di Dopo un lungo vagare, Park Chan-wook sembra essere finalmente tornato a casa. In concorso a Cannes, Decision to Leave è un thriller sentimentale che pesca a piene e consapevoli mani dal cinema di Hitchcock e Kon, una dimostrazione di straordinaria perizia tecnico-artistica mai fine a se stessa.
  • Cannes 2022

    Holy Spider RecensioneHoly Spider

    di Dopo aver trionfato in Un certain regard nel 2018 con Border, il regista iraniano ma naturalizzato danese Ali Abbasi torna sulla Croisette, stavolta in concorso, con Holy Spider, che racconta la vera storia di un serial killer di prostitute che nel 2001 fece strage di donne a Mashhad.
  • Cannes 2022

    un beau matin recensioneUn beau matin

    di Un beau matin è l'orizzonte cui aspira Sandra, giovane vedova con figlioletta che si trova ad accudire il padre affetto da una grave malattia degenerativa. Mia Hansen-Løve attinge una volta di più alla propria vicenda personale per tratteggiare un racconto borghese che sappia cogliere le sfumature dell'esistenza.
  • Cannes 2022

    Armageddon TimeArmageddon Time

    di James Gray scrive e dirige un coming of age dai contorni fortemente autobiografici e dall'afflato sorprendentemente politico. Memorabile Anthony Hopkins, ma sono le esili spalle del giovanissimo Michael Banks Repeta a caricarsi il peso dell'intero film. In concorso a Cannes.
  • Cannes 2022

    Le otto montagne RecensioneLe otto montagne

    di , Tratto dal romanzo di Cognetti, il film di Felix van Groeningen e Charlotte Vandermeersch è una coproduzione franco-italo-belga scritta e diretta con piglio mainstream, a partire dalle scelte musicali, ma troppo distante dalle montagne che mette costantemente in scena.
  • Cannes 2022

    Eo RecensioneEO

    di A ottantaquattro anni Jerzy Skolimowski si confronta con EO con uno dei film che più lo hanno segnato, Au hasard Balthazar di Robert Bresson. Lo fa da una prospettiva che rifugge il nitore ascetico a favore di una messa in scena maestosa che non tema il rapporto col grottesco.
  • Berlinale 2022

    Alcarràs recensioneAlcarràs

    di Vincitore dell'Orso d'Oro 2022, Alcarràs della spagnola Carla Simón è un'elegia della vita rurale che oscilla tra Erice e Čechov, un affresco di un mondo che sta scomparendo. Ma con qualche cedimento estetico.
  • Berlinale 2022

    rimini recensioneRimini

    di Presentato in concorso alla Berlinale 2022, Rimini è l'ultima opera di Ulrich Seidl, che trasferisce il suo sguardo cinico sull'umanità in terra romagnola, tra gaudenti e attempate turiste teutoniche. I temi dell'autore austriaco tornano tutti in una sorta di minestra preriscaldata.
  • Venezia 2021

    tu me ressembles recensioneTu me ressembles

    di Tu me ressembles di Dina Amer, racconto della tragica notte del Bataclan sfumato nel ritratto di Hasna Aitboulahcen, erroneamente considerata dalla stampa per qualche giorno “la prima donna kamikaze francese”, è un'opera magari imperfetta ma affascinante, e soprattutto doverosa.
  • Archivio

    Tangerines RecensioneTangerines

    di Con un po' di ritardo arriva nelle nostre sale Tangerines di Zaza Urushadze, opera estone-georgiana nominata all'Oscar e al Golden Globe 2015 per il miglior film straniero. Apologo pacifista decisamente prevedibile che sconta un approccio didascalico al racconto.
[fbcomments width="700px"" num="10" countmsg="Commenti"]

Lascia un commento