Steven Spielberg riceverà l’Orso d’Oro alla carriera alla Berlinale 2023

Steven Spielberg riceverà l’Orso d’Oro alla carriera alla Berlinale 2023

Steven Spielberg riceverà il prossimo febbraio l’Orso d’Oro alla carriera durante la settantatreesima edizione della Berlinale, che ospiterà fuori concorso anche The Fabelmans, il suo ultimo film in uscita in Germania nel marzo 2023 (in Italia uscirà il 22 dicembre di quest’anno).

La settantatreesima edizione della Berlinale, che si svolgerà nella capitale tedesca dal 16 al 26 febbraio 2023, omaggerà Steven Spielberg, che durante la kermesse riceverà anche un Orso d’oro alla carriera. In occasione della cerimonia di premiazione all’interno del Berlinale Palast, il festival proietterà anche The Fabelmans, il più recente film diretto da Spielberg, in Italia già in sala il prossimo 22 dicembre ma atteso per la distribuzione in Germania solo per marzo 2023. Per quanto molti puristi possano storcere il naso, “accusando” la Berlinale di aver scelto per il riconoscimento un nome arcinoto, assegnare l’Orso d’Oro alla carriera a Spielberg significa anche voler fare i conti con l’industria statunitense dell’ultimo cinquantennio, con le sue non indifferenti svolte estetico-produttive, e con il senso stesso della storia del cinema. Non va poi dimenticato il rapporto di Spielberg con la Germania, legato in particolar modo alla rappresentazione del mondo nazista (oltre a Schindler’s List si pensi a ben due capitoli delle avventure di Indiana Jones – I predatori dell’arca perduta e L’ultima crociata) ma non solo, come testimoniano Il ponte delle spie, che in buona parte a Berlino è ambientato, o Munich, che parte dai fatti delle olimpiadi bavaresi del 1972). Non è dunque casuale che il regista nel 1998 sia stato insignito della Gran Croce con Stella dell’Ordine al Merito della Repubblica Federale di Germania proprio in relazione a Schindler’s List e più in generale alle iniziative svolte dalla Shoah Foundation.

Secondo Mariette Rissenbeek e Carlo Chatrian, co-direttori della Berlinale: “Con una carriera incredibile, Steven Spielberg non solo ha incantato generazioni di spettatori in tutto il mondo, ma ha anche dato un nuovo significato al ‘cinema’ come fabbrica dei sogni. Che si muovano nell’eterno magico mondo degli adolescenti o nella realtà che la storia ha scolpito per sempre, i suoi film ci portano a un livello diverso, dove il grande schermo diventa la superficie adeguata per la realizzazione delle nostre emozioni. Se la Berlinale 2023 rappresenta un nuovo inizio, non potremmo trovare un inizio migliore di quello offerto dal grande lavoro di Spielberg”. Per ora la Berlinale non ha ancora indicato né quali titoli della filmografia di Spielberg andranno a comporre l’omaggio (saranno presi in considerazione solo le sue regie o anche le sceneggiature scritte per altri e soprattutto i film prodotti? Interrogativo tutt’altro che capzioso), né il momento esatto in cui avverrà la consegna dell’Orso d’Oro al regista statunitense.

Lungometraggi

Firelight (1964)
Duel (1971)
Sugarland Express (The Sugarland Express) (1974)
Lo squalo (Jaws) (1975)
Incontri ravvicinati del terzo tipo (Close Encounters of the Third Kind) (1977)
1941 – Allarme a Hollywood (1941) (1979)
I predatori dell’arca perduta (Raiders of the Lost Ark) (1981)
E.T. l’extra-terrestre (E.T. the Extra-Terrestrial) (1982)
Indiana Jones e il tempio maledetto (Indiana Jones and the Temple of Doom) (1984)
Il colore viola (The Color Purple) (1985)
L’impero del sole (Empire of the Sun) (1987)
Indiana Jones e l’ultima crociata (Indiana Jones and the Last Crusade) (1989)
Always – Per sempre (Always) (1989)
Hook – Capitan Uncino (Hook) (1991)
Jurassic Park (1993)
Schindler’s List – La lista di Schindler (Schindler’s List) (1993)
Il mondo perduto – Jurassic Park (The Lost World: Jurassic Park) (1997)
Amistad (1997)
Salvate il soldato Ryan (Saving Private Ryan) (1998)
A.I. – Intelligenza artificiale (A.I. Artificial Intelligence) (2001)
Minority Report (2002)
Prova a prendermi (Catch Me If You Can) (2002)
The Terminal (2004)
La guerra dei mondi (War of the Worlds) (2005)
Munich (2005)
Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo (Indiana Jones and the Kingdom of the Crystal Skull) (2008)
Le avventure di Tintin: Il segreto dell’Unicorno (The Adventures of Tintin: The Secret of the Unicorn) (2011)
War Horse (2011)
Lincoln (2012)
Il ponte delle spie (Bridge of Spies) (2015)
Il GGG – Il grande gigante gentile (The BFG) (2016)
The Post (2017)
Ready Player One (2018)
West Side Story (2021)
The Fabelmans (2022)

Cortometraggi

The Last Train Wreck (1957)
The Last Gun (1959)
Fighter Squad (1961)
Escape to Nowhere (1961)
Slipstream (1967)
Amblin’ (1968)

Televisione

Robert Young, Family Doctor – serie TV (1969)
Mistero in galleria – film TV, episodio Eyes (1969)
Mistero in galleria (Night Gallery) – serie TV, episodio 1×04 (1971)
The Psychiatrist – serie TV, 2 episodi (1971)
Reporter alla ribalta (The Name of the Game) (1971) – serie TV, episodio L.A. 2017 (3×16)
Colombo – serie TV, episodio 1×01 (1971)
Il signore delle tenebre (Something Evil) – film TV (1972)
Savage – film TV (1973)

[fbcomments width="700px"" num="10" countmsg="Commenti"]

Lascia un commento