Uscite in sala 04 aprile 2024

Uscite in sala 04 aprile 2024

Settimana di recuperi festivalieri del passato più o meno recente: Tatami arriva da Venezia 2023, Autobiography da quella del 2022, e Il mio amico robot da Cannes 2023. Con loro in sala il prequel di Omen e l’esordio alla regia di Neri Marcorè. Poi lunedì 8 torna Tony Montana e spazza via tutto.

TATAMI
di Guy Nattiv, Zar Amir Ebrahimi

Arriva in sala un film che fin dalla sua anteprima mondiale a Venezia lo scorso settembre ha trovato un ottimo riscontro di critica. Non c’è dubbio che ci sia materiale interessante, per quanto la retorica di fondo sia fin troppo presente e anche la costruzione arthouse appaia a tratti un po’ forzata. Un lavoro comunque da non sottostimare, anche se con ogni probabilità meno “coraggioso” di quanto voglia sembrare.

A metà dei campionati mondiali di Judo, la judoista iraniana Leila e la sua allenatrice Maryam ricevono un ultimatum da parte della Repubblica Islamica, che ordina a Leila di fingere un infortunio e perdere, per evitare di essere bollata come traditrice dello Stato. [sinossi]

IL MIO AMICO ROBOT
di Pablo Berger

Temi rilevanti all’interno di un’animazione trasversale, che sa guardare ai più piccoli ma non dimentica le necessità spettatoriali degli adulti, anche attraverso una narrazione giovale solo a tratti, e densa di una malinconia che sa attanagliare le viscere. Molto affascinante.

Dog vive a Manhattan ed è stanco di stare da solo. Un giorno decide di costruirsi un robot, un compagno. La loro amicizia sboccia, fino a diventare inseparabili, al ritmo della New York anni Ottanta. Una notte d’estate, Dog, con grande tristezza, è costretto ad abbandonare Robot in spiaggia. Riusciranno a incontrarsi di nuovo? [sinossi]

AUTOBIOGRAPHY – IL RAGAZZO E IL GENERALE
di Makbul Mubarak

Con coraggio e perseveranza Cineclub Internazionale porta in sala l’esordio sulla lunga distanza dell’indonesiano Makbul Mubarak, già visto al Lido nel settembre 2022: un’opera che si incentra sul classico rapporto servo-padrone, in chiave sia intimista sia allegorica, riflesso di un Paese che non sa fare i conti con il proprio tragico passato dittatoriale. Non è detto sia facile trovarlo nelle sale, ma vale la pensa sforzarsi in tal senso.

Un giovane lavora come governante in un palazzo vuoto. Quando il suo proprietario torna per iniziare la sua campagna elettorale per il sindaco, il giovane si lega a lui e lo difende quando la sua campagna viene vandalizzata, innescando una catena di violenze. [sinossi]

OMEN – L’ORIGINE DEL PRESAGIO
di Arkasha Stevenson

C’era bisogno di un prequel di Omen? OVVIAMENTE no. È un film particolarmente spaventoso? No, decisamente no, ma se si è appassionati di suore suicidarie, macchinazioni demoniache vaticane, ed evocazioni/esorcismi/dannazioni, può far passare due ore in scioltezza.

Quando una giovane donna americana viene inviata a Roma per iniziare una vita al servizio di Dio e della Chiesa, incontra un’oscurità che la porta a mettere in discussione la sua stessa fede e a scoprire una terrificante cospirazione che mira a far nascere il male incarnato. [sinossi]

ZAMORA
di Neri Marcorè

All’elenco degli attori che hanno deciso di esordire mancava Neri Marcorè, ed ecco dunque che arriva questa storia ambientata nel boom economico milanese. Divertente, piacevole, edificante, sostanzialmente inutile.

Walter Vismara, ragioniere d’animo e di professione, si trova trasferito nella vitale Milano. Lo schivo trentenne dovrà fare i conti con un capo che lo costringe a uno sport che lui odia, con dei colleghi irriverenti e soprattutto con l’imprevedibilità dell’amore. [sinossi]

SCARFACE
di Brian De Palma

Lunedì 8 piomba sugli schermi un film dinamitardo, che fa scomparire con il suo immaginario grondante liquami di vario tipo praticamente tutti i titoli per educande ed educandi che dominano il proscenio contemporaneo. Imperdibile revisione.

Tony Montana beneficia di un’amnistia da parte del governo cubano per giungere in Florida. Ambizioso e senza scrupoli, escogita un piano per eliminare un boss della mafia locale e prendere il suo posto nel traffico di droga. [sinossi]

Questa settimana escono anche La seconda vita (2024) di Vito Palmieri, Monkey Man (2024) di Dev Patel, Amor (2023) di Virginia Eleuteri Serpieri. Martedì 9 con Nexo arriva in sala Hopper – Una storia d’amore americana (2024) di Phil Grabsky. Buone visioni!

Articoli correlati

Array
  • News

    Uscite in sala 28 marzo 2024

    Nella settimana in cui il gorillone Kong e il sauro atomico Godzilla se le danno di santa ragione, spicca il ritorno dietro la macchina da presa per Sofia Coppola con il suo ritratto di Priscilla Beaulieu. C'è poi spazio per la nuova commedia di Riccardo Milani.
  • News

    Uscite in sala 21 marzo 2024

    Da oggi arriva in sala il bellissimo - e assai incompreso, almeno a Cannes - nuovo film di Todd Haynes, e con lui l'opera seconda di Piero Messina. Un colpo al cuore lo regalano i recuperi del passato, perché tornano sul grande schermo Wim Wenders e soprattutto Orson Welles.
  • News

    Uscite in sala 14 marzo 2024

    Nessuno sembra volersi mettere questa settimana contro i giganti che si stanno scontrando ai vertici del box office (Dune - Parte 2 su tutti, ovviamente) e questo fatto concede un'opportunità a titoli che altrimenti rischierebbero di rimanere nell'ombra.
  • News

    Uscite in sala 07 marzo 2024

    Nella settimana in cui i Molino e i Mazzalupi tornano a Ventotene trovano spazio in sala anche i nuovi lavori di Catherine Breillat e Michel Franco, l'esordio "in solitaria" di Ethan Coen e quello assoluto di Felipe Gálvez Haberle: lunedì 11 è la volta dell'Orso d'Oro alla Berlinale 2023.
  • News

    Uscite in sala 29 febbraio 2024

    In questo giorno bisestile a dominare il proscenio è la seconda avventura su Arrakis di Paul Atreides, e con lui però c'è il bel dramma scolaresco con protagonista Leonie Benesch, e anche il mélo-fantasy d'antan di Andrew Haigh.
  • News

    Uscite in sala 22 febbraio 2024

    È la settimana di Jonathan Glazer che immortala la famiglia Höss, del biopic sul dio del reggae, dell'esordio alla regia di Margherita Buy e di quello di Bryce McGuire, nonché dei lavori documentari di Edoardo Morabito e Giovanni Piperno.