Love After Love
Presentato fuori concorso a Venezia 77, nell'ambito del Leone d'oro alla carriera ad Ann Hui, Love After Love è un mélo di ambientazione storica, nella Hong Kong negli anni che precedono la Seconda guerra mondiale. Il film ripropone alcuni temi cara alla regista Leggi tutto
Yellow Cat
Tra citazioni cinematografiche, malavita grottesca e una storia d’amore on the road, Yellow Cat di Adilkhan Yerzhanov è un tenero e romantico idillio, un po' ruffiano, ma sinceramente devoto alla settima arte. In Orizzonti. Leggi tutto
Le sorelle Macaluso
In concorso a Venezia 77, Le sorelle Macaluso è l'adattamento di uno spettacolo di Emma Dante, da lei stessa portato sullo schermo e dove descrive un universo matriarcale, in un percorso che va dalla carnalità all'amarezza sulla caducità della vita. Leggi tutto
Nomadland
Giunta al suo terzo film, Chloé Zhao non riesce ancora a fare il salto di qualità, almeno dal punto di vista registico, visto che invece fa un bel salto a livello internazionale, vincendo con Nomadland il Leone d'Oro a Venezia 77. Leggi tutto
Nuevo orden
Michel Franco sa come dirigere un film, e la sequenza iniziale di Nuevo orden sembra indirizzare il suo sesto lungometraggio in direzione di un racconto per niente banale sulle diseguaglianze sociali. La matassa però poi si ingarbuglia, e le ambizioni non reggono la narrazione. Leggi tutto
Run Hide Fight
Fuori concorso a Venezia 2020, Run Hide Fight è uno school shooting drama che guarda esclusivamente al lato spettacolare e mainstream, sovraccarica storia e personaggi di un'inutile sovrastruttura narrativa e si affida a una retorica politico-morale circolare e reazionaria. Leggi tutto
Genus Pan
Genus Pan, diciannovesimo lungometraggio di Lav Diaz in ventidue anni di carriera, segna il ritorno del regista filippino alla Mostra di Venezia (stavolta nel concorso di Orizzonti) a quattro anni dalla vittoria del Leone d'Oro con The Woman Who Left. Leggi tutto
And Tomorrow the Entire World
And Tomorrow the Entire World di Julia von Heinz parte dalle esperienze personali della regista per raccontare lo scontro tra neonazisti e antifascisti nella Germania contemporanea. Peccato che lo stile inutilmente ansiogeno, con un abuso immotivato della macchina a mano. Leggi tutto