Unbroken
Angelina Jolie con Unbroken dimostra di saper gestire il poderoso sforzo produttivo richiesto da un kolossal bellico, ma tratta l’epica e la credibilità come fossero una delle sue operazioni umanitarie. Leggi tutto
The Imitation Game
Nel novero dei Film da Oscar, The Imitation Game ha il pregio e il difetto di osare la versione più complessa del ricettario, salvo poi lanciarsi in un'esecuzione piuttosto sobria e convenzionale, elevata dalla parabola dell'attore Benedict Cumberbatch. Leggi tutto
St. Vincent
St. Vincent rientra in quel tipo di cinema indipendente dalle storie molto esili messe sulle spalle di grandi attori: una commedia per famiglie le cui “buone azioni”sono tutte merito del “santo” Bill Murray. Leggi tutto
Il segreto del suo volto
Con un passo jazz e sincopato fra sfoggio e discrezione, Petzold con Il segreto del suo volto gira un racconto rispettoso e raffinato sul peso della memoria e dell’amore che tende a sussurrare più che a parlare. Leggi tutto
Words and Pictures
Nella battaglia fra parole e immagini, il film di Fred Schepisi supporta visibilmente più le prime delle seconde ma senza sufficiente forza e vitalità da onorare né la tradizione della screwball comedy né quella del romance strappalacrime. Leggi tutto
La prochaine fois je viserai le coeur
Noir lucido e rigoroso alla ricerca della verità, La prochaine fois je viserai le coeur, visto nella sezione Mondo Genere al Festival di Roma, ha tutte le carte in regola ma lambisce solamente proprio il bersaglio minacciato nel titolo: il cuore. Leggi tutto
#ScrivimiAncora
Attraverso un connubio fra rom-com britannica e americana, #ScrivimiAncora trasforma l’ennesima love story fra migliori amici in un’epopea giovanilista piena di buoni sentimenti e affiatamento. Leggi tutto
La moglie del cuoco
Ai tipici tratti del “cinema medio” francese, La moglie del cuoco aggiunge la vocazione alla varietà della cucina e la leggerezza della commedia romantica. Ma somiglia più a una degustazione che a un’abbuffata. Leggi tutto