Mantrap
Geniale commedia che già individua le tipologie classiche del genere screwball di là da venire - dal burbero misogino alla ragazza di facili costumi -, Mantrap è un film del 1926 diretto da Victor Fleming che reclama fortemente il suo diritto ad essere sonoro. Alla 34esima edizione delle Giornate del Cinema Muto. Leggi tutto
Ottobre
Nella sezione Il canone rivisitato è stata presentata alle Giornate del Cinema Muto una magnifica versione di Ottobre, film con cui Ejzenstejn provò a rivoluzionare teorie e pratiche della Settima Arte. Parlare oggi di un'opera tanto nota può servire a ricordarci quel che il cinema - e non solo il cinema - avrebbe potuto essere e non è stato. Leggi tutto
Il globo infuocato
Ce n'è per tutti i gusti in Il globo infuocato, rocambolesca pellicola di avventura e sentimento, erotismo, comicità e performance muscolari, un esempio di intrattenimento scoppiettante realizzato in un'epoca in cui il cinema non soffriva certo della mancanza del sonoro. Alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone. Leggi tutto
L’inhumaine
Film d'arte per eccellenza, L'inhumaine - diretto nel 1924 da Marcel L'Herbier - utilizza i contributi delle avanguardie storiche per mettere in scena un melodramma d'amore e morte, dove i miracoli avvengono grazie all'onnipotenza della tecnica. Alla 34esima edizione delle Giornate del Cinema Muto. Leggi tutto
The Mollycoddle
Presentato alle Giornate del Cinema Muto all'interno della personale su Victor Fleming, The Mollycoddle è una commedia brillante con grande mattatore Douglas Fairbanks, nei panni del rampollo di una famiglia dell'Arizona che gozzoviglia a Monte Carlo. Leggi tutto
Romeo e Giulietta sulla neve
Anche se considerata opera minore del regista, il famoso Lubitsch Touch non manca in Romeo e Giulietta sulla neve, adattamento sgangherato e irriverente dalla tragedia di Shakespeare nonché una delle ultime opere tedesche di Ernst Lubitsch. Film d'apertura delle Giornate del Cinema Muto. Leggi tutto
Quando le nuvole volano via
Stupefacente e fantasmagorico Quando le nuvole volano via di Victor Fleming supera di gran lunga il tasso immaginifico de Il mago di Oz, realizzato dal regista vent'anni più tardi. Alle Giornate del Cinema Muto di Pordenone. Leggi tutto
Faranno a meno di me?
Spassosa e rivoluzionaria, Faranno a meno di me? è una commedia socialista che centra l'obiettivo propagandistico senza rinunciare al grottesco. Per la seconda edizione della rassegna Risate Russe, alle Giornate del Cinema Muto. Leggi tutto
Fantozzi
Il ragioniere più famoso del cinema italiano torna a prendere vita sullo schermo nell'omaggio offerto dalla Festa del Cinema di Roma 2015 per il quarantennale della sua uscita in sala. Leggi tutto
Come, quando, perché
Per la nostra serie Un Pietrangeli al mese, in attesa della retrospettiva che gli verrà dedicata al prossimo Festival di Roma: Come, quando, perché è l'ultimo titolo della filmografia di Antonio Pietrangeli, che morì durante le riprese. Concluso da Valerio Zurlini, il film ha finito per rappresentare un punto d'innesto tra i due registi. Leggi tutto
Abuna Messias
Si muove tra orientalismo e documentarismo, thriller geopolitico e western Abuna Messias di Goffredo Alessandrini, raro e importante esempio del cinema coloniale nostrano. Ai Mille Occhi 2015. Leggi tutto
Anna und Elisabeth
Tra i percorsi più preziosi affrontati dalla 14esima edizione del festival Mille Occhi vi è senz'altro l'omaggio al dimenticato cineasta tedesco Frank Wisbar, autore nel 1933 con Anna und Elisabeth di una riflessione sulla sacralità, anticipatrice dell'Ordet dreyerano. Leggi tutto
Ritorno al paese
Un piccolo film del 1967 di Ermanno Olmi, Ritorno al paese - mostrato alla 14esima edizione dei Mille Occhi - ci ricorda come a volte in un'opera di brevissima durata possa capitare di ritrovare il senso ultimo della filmografia di un autore. Leggi tutto
Vito e gli altri
Antonio Capuano esordiva nel 1991 con Vito e gli altri: disturbante, violento, episodico e quasi sperimentale. Un film che vinceva quell'edizione della Settimana della Critica a Venezia e dava il via alla stagione della New Wave napoletana. Leggi tutto
Il mercante di Venezia: un altro restauro è possibile?
Forse non si poteva fare di meglio, ma sicuramente si poteva fare di meno: il restauro del Mercante di Venezia presentato al Lido non lo si può definire un perfetto esempio di operazione filologica, pieno com'è di elementi aggiuntivi ed estranei al film stesso. Lo si potrà vedere in futuro senza alcun orpello? Leggi tutto
La lupa
Melodramma fiammeggiante ed eccessivo, La lupa di Alberto Lattuada è in realtà una profonda riflessione su dinamiche socio-antropologiche universali. Abissi della psiche tra erotismo e legge morale. Restaurato in 2k. Per Venezia Classici. Leggi tutto
Vogliamo i colonnelli
Restaurato in 4k dalla Cineteca Nazionale, Vogliamo i colonnelli di Mario Monicelli è un esempio di farsa sanamente sguaiata, aggressiva e disperata. Con uno strepitoso Ugo Tognazzi, mai così sublimemente volgare. Per Venezia Classici. Leggi tutto
Aleksandr Nevskij
Tra i restauri digitali di Venezia Classici c'è anche il capolavoro di Sergej Ejzenstejn, che ritorna a vivere sul grande schermo grazie alla Mosfil'm; l'occasione per godere di una delle visioni indispensabili della storia del cinema. Leggi tutto
Nata di marzo
Un altro ritratto di solitudine nella lunga galleria femminile (ma non solo) che Antonio Pietrangeli ha dedicato al vuoto esistenziale di tutta un'epoca. Nata di marzo ha le sembianze di una commedia sentimentale aerea e "glamour", ma conserva al fondo un nucleo tragico e amarissimo. Leggi tutto
La notte del demonio
Nel 1957 Jacques Tourneur torna al cinema dell'orrore, a quattordici anni di distanza dalla trilogia girata per la RKO di Val Lewton, e firma uno dei suoi capolavori più agghiaccianti. Leggi tutto
Adua e le compagne
Per la rubrica Un Pietrangeli al mese riscopriamo stavolta Adua e le compagne. Unica occasione pietrangeliana di diretta denuncia civile, sia pure tramite un linguaggio traslato e personale. Cast ricco e internazionale, con tra gli altri Simone Signoret ed Emmanuelle Riva. Leggi tutto
Love Affair
Caposaldo del romanticismo punitivo della Hollywood anni Trenta, Love Affair è la dimostrazione del brillante eclettismo di un regista spesso trascurato, Leo McCarey, cui la 29esima edizione del Cinema Ritrovato ha dedicato un corposo omaggio. Leggi tutto
Rebecca, la prima moglie
Il primo film statunitense di Alfred Hitchcock, per quanto a uno sguardo disattento possa apparire a se stante all'interno della filmografia del maestro del thriller contiene al proprio interno tutti i punti fermi della sua poetica, trasposti in un melò malsano, romantico e crudele. Un capolavoro da riscoprire. Leggi tutto
Night of the Hunchback
Presentato nella sezione A Simple Event a Il Cinema Ritrovato il film che segna la nascita della nouvelle vague iraniana e che si distingue dalla concezione neorealista del cinema d’autore dell’epoca, per la sua freschezza narrativa e il ritmo scanzonato. Leggi tutto
A Night in June
Per il centenario della nascita di Ingrid Bergman, il Cinema Ritrovato omaggia l'interprete di Europa '51 con una selezione dei film dei suoi esordi. A Night in June, realizzato da Per Lindberg nel 1940, è l'ultimo film svedese dell'attrice prima della partenza per Hollywood: un dramma sociale tutto incentrato sulla sua figura divistica. Leggi tutto
Carnival Night
Presentato nella retrospettiva Tarda primavera – un nuovo sguardo sul cinema del Disgelo del Cinema Ritrovato, Carnival Night è una commedia scintillante che colpisce per la sua vena anarchica e libertaria e per i suoi sberleffi al potere sovietico. Leggi tutto
Baciami Kate
Brillante esempio di stereoscopia anni Cinquanta, Baciami Kate è un musical shakespeariano con canzoni di Cole Porter. Più pop del pop, quasi metafisico. Presentato in versione restaurata alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato. Leggi tutto
Il brigante
Melodramma storico che Renato Castellani diresse tra il '60 e il '61, Il brigante è un film dalla disarmante e commovente lucidità politica e di messa in scena, in cui si raccontano i millenari soprusi subiti dal popolo calabrese. Presentato alla 29esima edizione del Cinema Ritrovato. Leggi tutto
Sultan Mahmud Mangkat Dijulang
Presentato in una retrospettiva della Cinémathèque un’opera del cinema classico di Singapore, basata sulla figura storica dell’ultimo Sultano di Malacca. Grande sfarzo ed eleganza formale che lasciano tra le pieghe scene estremamente disturbanti. Leggi tutto