Promises Written in Water
Sarà monomaniaco, sarà arrogante, sarà accentratore, ma Vincent Gallo è tra i pochissimi autori del cinema contemporaneo che prova a fare cose che altri nemmeno si sognano: Promises Written in Water è qui a dimostrarlo. Leggi tutto
Norwegian Wood
Norwegian Wood, adattamento del romanzo di Haruki Murakami firmato da Anh Hung Tran, è un'opera diseguale. Affascina ma non riesce a evitare cadute nella banalità. In concorso a Venezia nel 2010. Leggi tutto
Drei
Al Festival di Venezia 2010, Tom Tykwer presenta Drei, rilettura berlinese del triangolo amoroso, ma la sua sperimentazione si ferma allo splitscreen e i personaggi sono appena abbozzati. Leggi tutto
I Wish I Knew
I Wish I Knew di Jia Zhangke, in cui il regista cinese rielabora e perfeziona il discorso estetico-narrativo del precedente 24 City. In Un certain regard a Cannes 2010. Leggi tutto
My Joy
Opera prima del documentarista ucraino Sergei Loznitsa, in concorso al Festival di Cannes 2010, My Joy mette in scena un caos controllatissimo, ponderato riflesso di una società brulicante, di un inafferrabile ordine che regge quel vivere (e morire) collettivo. Leggi tutto
Chantrapas
Il ritorno di Otar Iosseliani dietro la macchina da presa dopo un lungo periodo d'assenza. Un ragazzo con il sogno di fare il regista, tra la Georgia e la Francia, secondo una sottile e auto-ironica linea autobiografica. Leggi tutto
Carlos
Presentato a Cannes il film per la TV di Olivier Assayas, Carlos, un'opera fluviale sembra trovare lungo la strada la propria - sublime - dimensione. Leggi tutto
Film Socialisme
Una sinfonia in tre atti a partire dal Mediterraneo e da una nave di crociera, dove si incrociano conversazioni, citazioni, lingue e formati video differenti: Film Socialisme di Jean-Luc Godard, presentato in Un certain regard alla 63esima edizione del Festival di Cannes. Leggi tutto
La princesse de Montpensier
Inizia come un western e prosegue come un melodramma di guerra il film di Tavernier, La princesse de Montpensier, che non cede alle tentazioni dell'usurato dramma in costume e legge nel segno della modernità la novella di Madame de La Fayette cui s'ispira. Leggi tutto
Kaboom
Smith, gay diciottenne appena arrivato al college e innamorato invano del compagno di stanza (un certo Thor, di nome e di fatto), ha un sogno ricorrente... Leggi tutto
Un poison violent
Presentato alla Quinzaine, Un poison violent è l'esordio al lungometraggio di Katell Quillévéré: il ritratto di una adolescente, osservata con raffinatezza e descritta quasi con spirito documentario, in cui le cose appaiono e si rivelano come se tutto fosse imprevisto e inaspettato. Leggi tutto
Castaway on the Moon
Un uomo, perse tutte le speranze, si butta nel fiume Han: trascinato dalla corrente su un isolotto, diventerà una sorta di novello Robinson Crusoe, nel centro di Seoul... Leggi tutto
Who Are You?
Who Are You? di Pakphum Wongjinda si inserisce sulla scia del thai-horror in maniera stanca, perdendosi dietro psicologismi appena accennati e una costruzione visionaria del tutto carente sotto il profilo dell'inventiva. Al Far East di Udine nel 2010. Leggi tutto
Zero Focus
Inudō attraversa generi diversi e distanti fra loro, passando dal dramma intimista alla denuncia sociale, dal melò al thriller: Zero Focus si trasforma in un affascinante melting pot stilistico nel quale si fondono estetiche spesso in antitesi... Leggi tutto
Haeundae
Un esperto di tsunami, Kim Hwi, scopre preoccupanti segni di attività del fondo oceanico tra la Corea e il Giappone, che hanno una certa somiglianza con quel che è accaduto nell'oceano Indiano durante lo tsunami del 2004. Cerca di dare l'allarme... Leggi tutto
October Sonata
October Sonata di Somkiat Withuranij è una love story inespressa, in cui il pensiero prende nettamente il sopravvento sul tatto, e la mancanza si sostituisce alla presenza. Nel 2010 al Far East Film Festival di Udine. Leggi tutto
Slice
Con Slice torna all'opera il genio visionario di Kongkiat Khomsiri, già tra gli autori del folgorante Art of the Devil 2 (all'interno del 'Ronin Team') e qui alle prese con un film che omaggia il giallo all'italiana, tra luci impossibili e devianze della mente... Leggi tutto
Wig
Wig di Renpei Tsukamoto è un adorabile scherzo cinematografico, un passatempo ludico oliato e dal quale non bisogna pretendere troppo, ma che funziona alla perfezione. Leggi tutto
Bandhobi
Presentato al Far East Film 12, Bandhobi conferma lo spirito umanista e politico di Shin Dong-il e mette in mostra, soprattutto nella prima ora, una messa in scena davvero ispirata e una scrittura senza sbavature. Leggi tutto
One Night in Supermarket
Nonostante il credito dell'opera prima e della produzione low budget, One Night in Supermarket manifesta limiti evidenti nella sceneggiatura e nella messa in scena... Leggi tutto
Monga
Ambientato nel 1980, Monga ruota attorno a cinque ragazzi che formano la Banda dei Principi. Quando la loro banda diventa più potente, entrano in conflitto con le altre bande... Leggi tutto
Hot Summer Days
Presentata alla dodicesima edizione del Far East Film Festival di Udine, Hot Summer Days è una commedia sentimentale che accumula personaggi unidimensionali e cliché stilistici. Leggi tutto
Golden Slumber
Yoshihiro Nakamura traccia le linee di un thriller d'azione che si trasforma ben presto in riflessione sull'amicizia e sulla stolidità del potere. Al Far East 2010. Leggi tutto
Sophie’s Revenge
Asiatico per investimenti e scelta del cast, Sophie's Revenge non ha nazionalità, non ha personalità e, malauguratamente per una commedia sentimentale, non ha cuore. Leggi tutto
Outrage
Takeshi Kitano torna con Outrage allo yakuza e lo fa per celebrare la morte del genere e il suo auto-smembramento. Un film che va letto e giustificato per come tesse fili, visibili e invisibili, con tutta la filmografia del cineasta giapponese. Leggi tutto