Vokaldy Paralelder
L'immaginifica opera-concerto di Rustam Khamdamov, in cui si mescolano avanguardia e documentario, finzione e ripresa del reale. A Venezia 2005 nella sezione Orizzonti. Leggi tutto
Brick
Brick segna l'esordio alla regia del trentaduenne Rian Johnson. Un teen-movie mascherato da noir, teso e doloroso viaggio agli inferi. Leggi tutto
Haze
Shinya Tsukamoto fa sprofondare lo spettatore in un incubo claustrofobico, nel quale la sola speranza è quella di riuscire prima o poi a "riveder le stelle"... Leggi tutto
Hypnotized
Il lungometraggio diretto da Kim In-sik cerca di abbracciare un po' tutti i generi, regalando momenti erotici gratuiti e impreviste impennate splatter piuttosto risibili. Non è un caso di felice contaminazione di generi. Tutt'altro. Leggi tutto
Undertow
Presentato in concorso al Torino Film Festival 2004, Undertow conferma il talento da metteur en scene di David Gordon Green, qui alle prese con una tragedia agreste violenta, sporca e umida. Leggi tutto
Vital
L'ottavo lungometraggio di Shinya Tsukamoto, prosegue l'evoluzione del percorso autoriale del regista nipponico, pur lasciando alcuni dubbi. Leggi tutto
Singles
Ispirato al romanzo Christmas at Twenty-Nine del giapponese Toshio Kamata, Singles osserva con occhio benevolo e un po' superficiale la generazione dei quasi trentenni benestanti delle odierne metropoli sudcoreane. Leggi tutto
…ing
La liceale Min-ah ha trascorso gran parte della vita in ospedale e la sua malattia è potenzialmente letale. La madre, Mi-sook, cerca in tutti i modi di farle vivere il presente, di farle avere tutto ciò che potrebbe perdere all'improvviso... Leggi tutto
Wild Card
Un poliziotto navigato e il suo collega, giovane e vigoroso. Una bellissima ragazza da conquistare. Dei capi mafia un po’ ridicoli. Andrebbe tutto bene se non ci fossero in giro degli spietati assassini che nessuno riesce a trovare... Leggi tutto
The Uninvited
Presentato al Far East Film 2004, e opera d'esordio della regista sudcoreana Lee Su-yeon, The Uninvited non fa sobbalzare sulla poltrona e non regala scosse di adrenalina ma lascia un retrogusto di inquietudine duro da scacciare. Leggi tutto
La Face cachée de la lune
La Face cachée de la lune apre agli spettatori il palcoscenico surreale e tragico di Robert Lepage, qui alle prese con memorie dello Sputnik, delle divisioni tra est e ovest, di un Canada moderno ma ancora lontano dal 'riveder le stelle'... Leggi tutto
Xiao Wu
L'esordio al lungometraggio di Jia Zhangke, Xiao Wu, è una folgorazione che apre il campo a prospettive fino ad allora sostanzialmente sconosciute nella pratica cinematografica della Cina continentale. Leggi tutto